12 ottobre 2009

IL SILENZIO DELLE AMICHE

Posted in affari miei, amicizia, amore, auguri tagged , , , , , a 10:00 pm di marisamoles


“Gli amici si vedono nel momento del bisogno.”. Così vuole la saggezza popolare. Io, però, ho un detto tutto mio che recita: “Le amiche si sentono nel giorno del compleanno”. Se non le sento, vuol dire che tanto amiche non sono.

Io non vado pazza per gli auguri, intendiamoci. Posso fare a meno di quelli “tradizionali”, Natale e Pasqua, perché si sa che in quelle occasioni te li fanno tutti. Ciò che si fa per “dovere” non è detto sia anche un piacere. Ma gli auguri del compleanno sono speciali: se te li fanno, significa che stanno pensando a te, che hanno ricordato il tuo “natale”, che anche se qualcuno non si fa vivo per gli altri 364 giorni dell’anno, quel giorno si è ricordato di te. Tu esisti per lui/lei. Questa è la cosa più importante.
L’amicizia, è vero, ha bisogno di essere coltivata, necessita anche della frequentazione, non dico quotidiana ma almeno sporadica, si esprime pure attraverso quattro parole dette in fretta al telefono, si nutre anche dei moderni mezzi tecnologici come gli sms e le e-mail. Ma la vita frenetica, i mille impegni, la lontananza talvolta fanno sì che i rapporti si inaridiscano, che quello che sembrava un bellissimo fiore diventi uno sterpo rinsecchito. Ma quel ramo secco, poi, riprende vita quando il giorno del compleanno l’amico/a si ricorda di te. Così l’amicizia non morirà mai, avrà solo bisogno, forse, di una cura ricostituente.

Ieri era il mio compleanno. Un po’ sottotono, per la verità; nessuna voglia di festeggiare. Diciamo che in questo periodo fisicamente non sono al top. Ad ogni modo, tradizione vuole che il compleanno si festeggi in qualche modo, anche solo entro le quattro mura domestiche, nel “nido” che ciascuno ha più caro, con le persone che si amano di più. Gli altri, però, anche se non ci sono, si fanno sentire. Ho ricevuto, infatti, molte telefonate, degli sms e delle e-mail. Non avrei potuto chiedere altro, nemmeno i regali che, tuttavia, ho ricevuto. Anche quelli, però, li considero un po’ un “dovere”: meglio ricevere un dono, anche piccolo e insignificante, in qualsiasi momento dell’anno. Quello sarà di certo un gesto spontaneo e provocherà un piacere immenso proprio perché inaspettato. Oddio, sono strafelice dei regali ricevuti, ma sarei stata ugualmente contenta anche senza di essi.

Alla fine della giornata è inevitabile che si facciano due conti: allora, si sono ricordati di me Tizio, Caio … insomma, nella mente scorrono tutti i nomi di quelli, amici e parenti, che hanno ricordato la data. Conclusa l’operazione, ci si accorge anche di chi non ha dato alcun segnale. Magari durante la giornata si pensa a qualcuno che non ha chiamato ancora, sperando che i suoi siano auguri tardivi, ma che prima o poi arrivino. Succede, infatti, che squilli il telefono anche alle undici di sera … tanto fino a mezzanotte la data rimane quella, no? Capita anche che arrivi una telefonata il giorno dopo: qualcuno, mortificato, ti dice che non si è dimenticato, che se l’è pure scritto di farti gli auguri, ma che poi con tutto il caos della domenica, è arrivata mezzanotte e non ti poteva mica chiamare a quell’ora. Certo, succede anche a me, qualche volta. Nulla di male. Tardi, ma quel qualcuno ha pensato a te e così puoi star sicuro che al prossimo compleanno i suoi auguri arriveranno, forse in tempo, forse no. Non importa.

Ieri sera, quando ripercorrevo mentalmente la famosa lista, ho sentito una grande amarezza nel rendermi conto che le mie due “vecchie” amiche non si sono ricordate di me.
Quando incontri delle persone speciali a vent’anni, ai tempi dell’università, credi che quelle amicizie non potranno mai finire. Al liceo ho perso per strada molte “amiche”: vuoi per rivalità in amore o per incompatibilità di carattere, perché crescendo si cambia e l’altra non cambia mai come vorresti tu e tu stessa sei troppo diversa da come l’amica ti vorrebbe. Percorri insieme una strada che, passo dopo passo, sembra andare verso la vita futura, pur comprendendo che i progetti di ognuno causeranno inevitabilmente dei cambiamenti, ma poi arrivi ad un bivio, la strada non è più una e ciascuno prende quella che preferisce e in cui incontrerà altre persone, farà nuove amicizie.

Io sono sempre stata legata all’amicizia come valore unico nel percorso formativo. Tuttavia, sono cosciente che le amicizie finiscono, come se fosse un processo naturale di fronte al quale si è spettatori inerti. Io, però, sono spesso stata sfortunata con le amiche, nel senso che la maggior parte delle volte è stato il silenzio a decretare la fine dell’amicizia. Avrei preferito una litigata, con tanto di insulti e capelli strappati reciprocamente. Almeno avrei capito il perché della fine. E invece niente, solo silenzio e per quanto quel silenzio mi ferisse più di un pugno in piena faccia, non l’ho mai rotto. La mia tattica è sempre stata l’attesa: prima o poi si farà sentire, mi dicevo. Ma probabilmente l’amica aveva adottato la stessa strategia e attendeva da me il primo passo. In questi casi l’orgoglio è l’arma che uccide un’amicizia. Per orgoglio non si fa la prima mossa, né dall’una né dall’altra parte. E così passa il tempo e, come un colpo di spugna, cancella quello che è stato.

Io non so se questa volta l’orgoglio c’entri o meno. Per quanto riguarda una delle due amiche credo di no. Forse si è semplicemente dimenticata del mio compleanno anche se ciò inevitabilmente implica che non sono così importante per lei. Con lei c’eravamo perse già una volta di vista per un paio d’anni, finché il giorno del mio compleanno è arrivata la sua telefonata ormai inattesa e tutto è ricominciato. Abbiamo parlato al telefono per un’ora come se ci fossimo sentite il giorno prima; mai una parola sul lungo silenzio, mai una richiesta di chiarimento, perché se l’amicizia è vera non importa sapere. Quel che conta è realizzare che non siamo scomparsi nel nulla, che un minuscolo spazio nella vita dell’amica l’abbiamo comunque sempre occupato, anche nel silenzio.
L’altra amica, invece, è sicuramente offesa e immagino anche il perché. Ma io, ahimè, mi ritengo più offesa di lei. Alla fine si cade nell’inestricabile rete dell’incomunicabilità. Il silenzio non porta a nulla, è solo silenzio, è ciò che si contrappone all’essere. Impedisce che qualcosa che non ci piace diventi altro, che possa avvenire una trasformazione. L’orgoglio, anche in questo caso, gioca un ruolo fondamentale: non può essere, di per se stesso, un presupposto perché l’amicizia continui. Allora si accetta la realtà dei fatti: io non esisto più per la mia amica, anche se lei continua ad esistere per me nei miei pensieri. Quando ricordo, ad esempio, la nostra vita di giovani donne, di mogli e di madri, quando ripenso ai nostri figli cresciuti assieme, alle vacanze condivise, ai compleanni, capodanni, anniversari e battesimi festeggiati assieme, senza il sospetto che poi tutto questo sarebbe finito, terminato. Ho assistito, è vero, all’inaridirsi della nostra amicizia: quel fiore non era più così splendido perché la vita e i suoi casi l’aveva segnato per sempre. Ma, come ho già detto, le cose possono anche trasformarsi, non devono necessariamente terminare. Quante volte, voltandoci indietro, ci rendiamo conto di com’eravamo e di come siamo cambiati! Però, rimane l’effetto consolatorio che quel qualcosa sopravviva e speriamo sia per sempre. Come un amore che non vorremmo abbandonare mai e ci aggrappiamo ad esso sperando che continui ad esistere, forse non sempre con lo stesso grado di passione, forse il fuoco non sarò sempre così acceso, sentiremo solo un tepore ma continueremo a percepirlo ugualmente.

La fine di un amore è dolorosa quanto la fine di un’amicizia. Non può essere diversamente perché quando si fanno i conti con i sentimenti è così, indipendentemente dalla volontà di voltare pagina. Io so che potrò e saprò continuare a percorrere la mia strada popolata di tanti altri affetti, anche se è una strada che mi separa per sempre, forse, dalle mie “vecchie” amiche. Il silenzio di ieri, però, si porterà sempre appresso quelle parole non dette, quell’orgoglio che ha impedito di ammettere la propria responsabilità nella fine di quelle amicizie. Ricordo il motto del celebre libro di Erich Segal “Love story”: amare significa non dover mai dire mi dispiace. Ecco, questo stesso motto per me può essere riferito all’amicizia. Quando sopraggiunge qualsiasi motivo che impone di chiedere scusa, significa che l’amicizia è morta, per sempre.

[nell’immagine: “Due amiche sul muretto”, olio 40×60 – 2004, di Luigi Rossetto, dal sito dell’autore]

Annunci

10 commenti »

  1. frz40 said,

    E’ un articolo che mi rattrista, Marisa.

    Non credo molto nell’amicizia. E’ una chimera, in fondo, pronta a sciogliersi come neve al sole, al primo contrasto d’interessi e al primo conflitto d’amore.

    Poi ce la mettiamo anche tutta a rovinare i rapporti con bronci, prese di posizione e, come dici tu, conseguente incomunicabilità.

    Ma così è la vita. Tout casse, tout passe, tout lasse. Et tout se remplace

    Mi piace

  2. marisamoles said,

    @ frz

    Mi tengo stretta i miei “nuovi” amici. E va bene così. 🙂

    Mi piace

  3. salve… il titolo dell’opera. “due amiche sul muretto”
    olio 40×60 – 2004

    Mi piace

  4. marisamoles said,

    @ Luigi Rossetto

    Grazie per la segnalazione. Ho apportato la correzione e mi scuso se non sono stata precisa.

    Complimenti: un bel quadro.

    Mi piace

  5. “due amiche sul muretto”
    olio 40×60 – 2004

    Mi piace

  6. marisamoles said,

    @ Luigi Rossetto

    Ho provveduto all’ulteriore modifica. Spero vada bene.

    Mi piace

  7. […] nella mia vita, ho perso delle amicizie che per me contavano davvero, scoprendo amaramente che le mie amiche non avevano attribuito la stessa importanza al rapporto amicale che si era creato fra […]

    Mi piace

  8. Diemme said,

    Sono tornata su questo post perché mi ha davvero colpito molto. Ti ho già parzialmente risposto sul mio blog, ma voglio tornare su altri argomenti, su cui abbiamo posizioni un po’ diverse.

    Tu dici, per esempio: “Forse si è semplicemente dimenticata del mio compleanno anche se ciò inevitabilmente implica che non sono così importante per lei“. Ecco, il fatto che la tua amica abbia dimenticato il tuo compleanno a mio avviso non significa che tu non sia importante per lei: magari non lo sei, ma non è questo il segnale o la prova.

    Per me, il compleanno delle mie amiche non è importante, sono importanti loro. Del compleanno francamente me ne infischio, di loro no. Non nominiamo poi l’onomastico… che roba è?

    Secondo me ha ragione Franz che ce la mettiamo tutta per rovinare i rapporti con bronci, prese di posizione e conseguente – distruttiva e autolesionistica – incomunicabilità.

    Se posso torno.

    Mi piace

  9. marisamoles said,

    @ Diemme

    Forse la divergenza di opinioni a questo riguardo deriva dalla nostra Fede. Io festeggio il Natale e questa festa cos’altro è se non il compleanno di Gesù?

    Grazie per l’apprezzamento del post.

    Mi piace

  10. Diemme said,

    E infatti, che senso è festeggiare il Natale e poi servire mammona tutto il resto dell’anno? La stessa cosa è per chi si ricorda di te solo il giorno del compleanno, tanto varrebbe la pena che non facesse neanche quello. La Fede va testimoniata ogni giorno dell’anno, e l’amicizia pure: io a Natale mi offro sempre di coprire il turno al lavoro, perché il sacro fuoco un giorno l’anno non mi dice niente, (ma dell’amore per il prossimo penso sia il senso vero della vita).

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

parole, pensieri e pietre di Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: