28 agosto 2012

IL PRIMO AMORE NON SI SCORDA MAI MA È MEGLIO NON CERCARLO

Posted in amore, Uomini e donne, web tagged , , , , , , , a 10:47 am di marisamoles

Il primo amore non si scorda mai, così dicono. La memoria mantiene impresse le immagini del primo bacio, della prima volta, anche della prima delusione d’amore, forse non solo della prima. Ma siamo proprio sicuri che sia così? E poi, ciò vale più per le donne o più per gli uomini?

Verrebbe da dire: più per le donne. Siamo delle eterne romantiche, non è forse così? Noi ci pensiamo alla prima cotta e a tutto ciò che abbiamo sperimentato, in amore, per la prima volta. E loro, gli uomini, ci pensano? E che dire di quell’insano proposito di incontrare nuovamente quel lui o quella lei che mai abbiamo dimenticato?

Secondo uno studio inglese, il romanticismo non è prerogativa delle donne. Il 24% degli uomini intervistati ha ammesso di pensare al primo amore e il 19% dei londinesi avrebbe addirittura riallacciato i rapporti con la ex all’insaputa dell’attuale compagna. Non scappatelle innocenti ma vere e proprie storie che rischiano di diventare ben più durature della precedente relazione. Mentre le donne tendono a chiudere definitivamente con il partner e se ci ripensano, è solo per questioni di sesso. Almeno così ammettono le intervistate.

Secondo gli esperti questi ritorni di fiamma sarebbero deleteri. «Il primo amore tende a lasciare una grande impronta emotiva in ognuno di noi –spiega lo psicologo Cary Cooper della Lancaster University al “Daily Mail” – e ci spinge a dimenticare le cose che allora non funzionavano per farci vedere tutto foderato di rosa. Ma è un errore pensare che possa essere lo stesso di 10 o 20 anni fa, perché le circostanze sono cambiate, noi stessi siamo cambiati».

Ma cosa spinge a ripensare ai vecchi tempi? Sicuramente l’insoddisfazione per il rapporto attuale, anche a costo di ricadere nella trappola di una storia sbagliata. E come si fa a riprendere i contatti con le ex o gli ex? Oggi galeotto non è un libro, come accadde molto tempo fa a Paolo e Francesca, ma Facebook. Il social network più famoso al mondo, nato per ritrovare vecchi compagni di scuola, ha ormai travalicato gli angusti confini del “ehi tu, ma non eri in classe con me al liceo?” per approdare al più diretto “ehi, tu, ma non venivi a letto con me tanto tempo fa?”. E sono le donne a preferire FB mentre gli uomini si fidano più degli sms o delle e-mail … sempre che abbiano scoperto il numero di cellulare e l’indirizzo di posta elettronica delle ex. Ma i rischi sono molti, nel caso di persone che si incontrano nuovamente ma che hanno in piedi delle relazioni sentimentali con altri.

“Niente sesso siamo inglesi”, celebre titolo della commedia teatrale scritta da Anthony Marriot & Alistair Foot nel 1971, pare ormai superata come battuta.
E noi italiani come ce la caviamo con gli/le ex? Per quanto mi riguarda, non faccio ricerche su Internet. Anche perché penso che sia molto più semplice per i miei ex trovare me (Google dà circa 522,000 risultati in 0.33 secondi) piuttosto che per me trovare loro. 🙂

Battute a parte, non saprei come scegliere l’approccio. Come potrei mentire spudoratamente dicendo “sai per caso ti ho trovato …”? Il caso vuole che non si trovi mai ciò che si cerca. E poi, anche ammesso che si riesca a superare l’imbarazzo iniziale, si rischia di portare la conversazione su argomenti banali come famiglia, lavoro, città in cui si vive … ma è possibile riassumere venti o trent’anni della propria vita in poche parole senza la certezza di suscitare l’interesse dell’interlocutore?
Da evitare assolutamente, secondo me, il rivangare i vecchi tempi. Se si è degli ex è più che evidente il fatto che un tempo si era stati una coppia e poi uno dei due aveva mandato a monte quell’idillio. Sì, perché è estremamente difficile che, specie parlando di primo amore e quindi di un evento avvenuto in un’età in cui con tutta probabilità non si era pienamente coscienti, si sia giunti alla rottura di comune accordo. Allora che fare? Rimproverare l’abbandono all’altro, dirgli/le che è stato/a proprio uno/una str°°°o/a? Oppure spostare l’attenzione sul terzo incomodo, su quella persona che aveva causato la rottura? Perché c’è quasi sempre il terzo o la terza. Inutile prendersi in giro. Magari il nuovo incontro potrebbe svelarne l’esistenza, nel caso si fosse ignari del tutto. In questo caso credo ci voglia un buon autocontrollo per non serbare rancore e sfogare la propria rabbia.

Ricapitolando, due sono le eventualità: quella di voler rivedere chi abbiamo amato e ci ha lasciati facendoci soffrire da cani oppure quella di voler ricontattare chi avevamo lasciato e, dopo venti o trent’anni, ci siamo resi conto di aver commesso l’errore più madornale della nostra vita.
Ma in entrambi i casi mi chiedo: come possiamo immaginare la reazione dell’altro/a? Diamo per scontato che una rimpatriata sia comunque gradita, anche solo per fare una chiacchierata tra vecchi amici? Ma non eravamo stati davvero degli amici … E poi, perché mai dovrebbe interessarci una persona, di cui ignoriamo la vita che ha condotto per qualche decennio?

[fonte per la notizia: Il Corriere]

Annunci

111 commenti »

  1. Raffaele said,

    Due anni fa con sorpresa ricevetti su FB una richiesta d’amicizia dalla mia ex-moglie, che non vedevo e non sentivo dal giorno del divorzio (20 anni) e con la quale i rapporti già allora non erano propriamente idilliaci (per intenderci la ns. separazione fu del tipo La guerra dei Roses…). Preso dal panico, anziché rifiutare semplicemente l’amicizia, cancellai addirittura l’account FB :). Ora ogni tanto, sempre su FB mi accorgo della presenza di alcune ex, ma sinceramente non mi viene da contattarle o richiedere loro l’amicizia, proprio per i motivi che hai ben espresso nel post. Però ad alcune ex fidanzate con le quali da giovane non mi comportai proprio da galantuomo, se potessi vorrei chiedere loro scusa per averle fatte soffrire, se ne avessi l’occasione lo farei, ma non tramite un social network, ma anche questo, da in punto di vista pratico, penso sia difficile da fare.
    Ciao, un abbraccio

    Mi piace

  2. marisamoles said,

    Caro Raffaele,

    l’esempio che fai della tua ex moglie è abbastanza eclatante e dimostra quanto siano fittizie le amicizie su FB (a meno che non si tratti di amici reali, quelli con cui sei sempre in contatto, t’incontri …).

    TU hai fatto soffrire delle ex fidanzate? TU non ti sei comportato da gentiluomo? Stento a crederci … non ti conosco personalmente, è vero, ma ho sempre avuto di te l’impressione contraria. E’ vero anche che il tempo passa … insomma, ho qualche speranza per mio figlio, il maggiore, che è uno sciupafemmine. E’ dall’età di 16 anni che fa soffrire le fanciulle … però pare che l’ultima, almeno ultima di cui io sia a conoscenza ( 😉 ) gli abbia tirato un bidone colossale. Se è vero che c’è giustizia a questo mondo … 🙂

    Mi piace

  3. Raffaele said,

    Cara Marisa, nella vita si cambia ed io sono cambiato molto rispetto a quando ero ragazzo, oltre al fatto che da molto tempo mi impegno per essere una persona migliore, soprattutto nei rapporti con le altre persone. Ho ancora parecchi difetti e cose sulle quali lavorare, ma non dispero… 🙂
    Vedrai che al tuo “cucciolo” il bidone ricevuto, farà molto bene, soffrire in amore aiuta a pensare, riflettere e guardarsi dentro. Spesso se ne esce arricchiti e più maturi.
    Un abbraccio, ciao

    Mi piace

  4. Valentino said,

    Concordo pienamente. Il primo amore (di solito, e nel proporzione del 99,99%) capita nella cruda adolescenza. E quel periodo, si sa, viviamo con la testa tra le nuvole. Ne noi, e ne il “primo amore” non abbiamo ancora il carattere definito. Per ciò, ritrovarsi dopo 20 anni e scoprire che la persona al quale abbiamo sognato per la prima volta abbia un modo di essere diversamente di quello che lo avevamo conosciuto….lascia con gusto amaro in bocca.
    Molto amaro.
    E devo dire che sono d’accordo anche con la tesi al quale una donna (a differenza del uomo) quando finisce un rapporto lo fa quasi sempre DEFINITIVAMENTE. Io uno, tra tutte le conoscenze che ho (e che si sono separate) ho visto dei uomini che si pentivano, che avevano una sorte di dispiacere nel viso o nella voce quando parlavano del motivo della separazione.
    Ma una donna MAI.
    Poi tu dici che potrebbe farlo ma soltanto per il sesso. 😯
    Mah. Una donna che li manca il sesso del ex? Con tutti sostituti che si potrebbero offrire? Difficilmente credere.

    P.S. Mi piace tuo figlio. E lascialo “sciupare” diamine. Avresti voluto che ti pianga ogni sera sulla spalla parlandoti sui suoi “fallimenti”? Che poi, ogni tanto” prende qualche bidonata….. nel mio paese c’è un detto.
    “Ogni padrino ha il suo padrino”.

    Mi piace

  5. marisamoles said,

    @ Raffaele

    Lodevole lo sforzo che hai fatto e fai per migliorarti. certamente nella vita si cambia, ma non sempre in meglio. Mio marito, ad esempio, è decisamente peggiorato negli ultimi due anni … in questo non ti assomiglia. 😉

    Il mio cucciolo attualmente è molto incazzato. Credevo fosse per uno dei tanti “scazzi” con la morosa (per la verità non so se ce l’ha in questo momento) e invece è così perché gli hanno annullato la prova spettacolo del rally delle Alpi Orientali di venerdì. Peccato: almeno quella l’avrei vista perché è in città.

    Un abbraccio anche a te.

    @ Valentino

    Non lo dico IO che una donna se torna indietro lo fa per il sesso, lo dice l’inchiesta inglese di cui parlo nel post.

    Mio figlio ha solo 24 anni, imparerà a vivere una buona volta. Quello che non sopporto (e glielo rimprovero sempre anche se lui dice che non ha bisogno dei miei rimproveri!) è che calpesta i sentimenti degli altri. Questo non lo tollero.

    Però, pensandoci, io alla sua età mi stavo quasi per sposare … 😯

    Mi piace

  6. Valentina said,

    Secondo me la curiosità resta.
    Io non posso parlare di amore, perchè il primo amore lo sto vivendo adesso da alcuni anni (anche se tempo fa pensavo – e non ho mai capito se fosse così – di essere innamorata di una persona quando stavamo insieme). Ad esempio sarei curiosa di vedere che fine hanno fatto dei ragazzi con cui sono uscita anni fa. Siccome in queste cose io sono curiosissima, ammetto di aver cercato su Facebook e ne ho trovati un paio. Non che in 7/8 anni sia cambiato molto, ma sono curiosa!
    Invece quello di cui parlavo prima nella parentesi non ho bisogno di cercarlo, è rimasto il mio migliore amico, alla luce del sole, senza nasconderlo al mio fidanzato. Certe volte l’amore (o quello che è) finisce ma non vale la pena di buttare all’aria una bella amicizia.

    Mi piace

  7. Ifigenia said,

    Beh, io mi sono sposata a 22 anni, dopo aver schivato un matrimonio a diciotto… Il primo amore? Quello della fantasia o quello reale? Quello reale è stato rimosso. Il primo bacio? Rimosso. La prima notte? Rimossa.

    Ricercarli? Quando depenalizzeranno l’uxoricidio (o in questo caso si dovrebbe dire “exicidio”? 😆 )

    Mi piace

  8. Ifigenia said,

    Dimenticavo: E lunedì esco con lui di Ifigenia

    Mi piace

  9. marisamoles said,

    @ Valentina

    Credo sia una cosa molto diversa rivedersi dopo qualche manciata d’anni o ritrovarsi dopo 20-30 anni.
    Io sono rimasta in amicizia con due miei ex, due persone molto importanti per me. Ma non è stato facile.

    A causa del primo avevo lasciato il ragazzo con cui stavo da due anni. Mia mamma ancora adesso dice che è stato l’errore più madornale che io abbia mai fatto. Dice che lui è rimasto così scioccato da sposarsi solo a quarant’anni perché, dice mamma, evidentemente pensava solo a me e voleva solo me. La fantasia delle mamme galoppa che neanche i cavalli arrivano a tanto. 🙂
    Questo ex (quello per cui ho lasciato l’altro) si era messo con la mia migliore amica. Non subito, qualche mese dopo. Io l’ho saputo solo mesi più tardi e non riuscivo a capire perché la mia amica non mi rivolgesse più la parola. In realtà non me la rivolgeva, come seppi poi, perché lei si era messa con lui durante il veglione di capodanno e io, ignara di tutto, al telefono, facendole gli auguri per il nuovo anno le chiesi chi ci fosse alla festa, perché io ero altrove. Sentito l’elenco, feci un sobbalzo quando udii il suo nome, del mio ex, intendo, e chiesi: “Quale putt°°a si è fatto ‘stavolta?”. Lei rispose seccamente: “Una”, trascurando di dirmi che quella era proprio lei. 😯
    Tre o quattro anni dopo riallacciammo i rapporti, tutti e tre. Siamo rimasti amici per molto tempo, poi lei è scomparsa a soli 33 anni e fu davvero uno choc.

    L’altro ex con cui sono rimasta in amicizia mi ha piantata senza tanti complimenti per una specie di Claudia Schiffer con misure mozzafiato, capelli biondo platino, occhi azzurri … insomma, a parte le misure e i capelli – i miei sono biondo cenere – non capisco cosa avesse lei più di me. 😉 Qualche anno dopo abbiamo riallacciato i rapporti e addirittura mio marito è stato testimone di nozze di lui. 😯 Però poi abbiamo troncato l’amicizia perché in realtà erano degli opportunisti e non ci è mai piaciuto che gli altri si servano di noi solo perché siamo sempre disponibili con tutti.

    Scusa la prolissità, ma volevo solo farti capire che è più facile rivedersi nell’arco di pochi anni. Diverso è il caso di una rimpatriata dopo decenni.

    @ Ifigenia

    Io non rimuovo nulla, per principio. Non covo, però, desiderio di vendetta perché ho imparato che i torti che si fanno agli altri hanno l’effetto boomerang. 😦

    Ho letto il post ma non ho capito com’è andata a finire poi. L’hai visto?
    Diverso è il caso, e noi due lo sappiamo bene, di una rimpatriata fra amici. Be’, io quello ritrovato l’ho solo sentito per e-mail e al telefono. Però evidentemente non gli interessa più di tanto che io l’abbia ritrovato visto che sono otto mesi che non lo sento. Per questo dico che è meglio lasciar perdere. Meglio tenersi i ricordi.

    Mi piace

  10. espress451 said,

    Solo i salmoni sanno fare bene il loro compito, nuotando à rebours…
    A presto, Es.

    Mi piace

  11. marisamoles said,

    Ecchecaspita, siamo forse salmoni noi? Certo che no!

    Brava Ester.
    Un abbraccio

    Mi piace

  12. frz40 said,

    Ma “ex” non dice già tutto? Dice il saggio:

    Basta ca ce sta ‘o sole,
    ca c’è rimasto ‘o mare,
    na nénna a core a core,
    na canzone pe’ cantá…

    Chi ha avuto, ha avuto, ha avuto…
    chi ha dato, ha dato, ha dato…
    scurdámmoce ‘o ppassato,
    simmo ‘e Napule paisá!…

    Viva la tarantella !!!

    Mi piace

  13. Valentino said,

    E tu ti fidi delle inchieste inglesi Marisa? 🙄
    Hai forse dimenticato l’articolo che hai esposto sulle loro inchieste sul “perché portano i jeans le donne? 😉

    Mi piace

  14. laGattaGennara said,

    il primo tenero amore dei 18 anni, ci siamo ricercati subito, ancor prima dei tempi di FB. per lettera, per cartolina anzi. si è sposato da poco e alle mie congratulazioni ha risposto ringraziandomi per il nostro amore che fu, prima tappa vera della sua educazione sentimentale. E’ ridicolo forse ma mi ha intenerito. Questo il primo. Il mio problema è l’ultimo, sempre. Lo cercherei sì, ma a bordo di un grosso Suv dai freni boicottati (si fa per dire)

    Mi piace

  15. Ifigenia said,

    E’ andata a finire che l’ho visto, è stata una serata simpatica, ma niente di più. Lui è stato sposato, pare con una tizia bellissima che non aveva altra dote, oltre alla bellezza, che quella di farlo tanto ridere.

    Un giorno ha fatto ridere qualcun altro, e lui è rimasto solo. Anche per il resto non mi sembra che nella vita abbia concluso molto, e neanche che sia particolarmente maturato.

    Si è offeso perché non gli ho voluto dare le mie coordinate su fb e neanche del blog, mi ha chiesto: “Ma insomma, se il tuo livello di confidenza con me è questo, che ci stiamo a fare qui?”.

    Appunto.

    Non ci siamo mai più né visti né sentiti, ma almeno la pizza l’ha pagata lui :mrgreen:

    Mi piace

  16. marisamoles said,

    @ frz

    Massì, facciamoci un giro, dai. 🙂

    @ Valentino

    Non ho detto che mi fido, ho solo riportato i dati dell’inchiesta. Infatti, anche sui jeans non concordavo.

    @ LaGattaGennara

    Rischieresti la galera per lui? Ma noooooooooooo !!!!

    @ Ifigenia

    Vabbè, la pizza è sempre un’ottima scusa per incontrare qualcuno, se poi la paga lui, tanto meglio. 🙂

    Mi piace

  17. Alberto said,

    Bé, visto che tutti colgono l’occasione per “confessarsi” con Marisa… io ammetto che ho fatto qualche tentativo, su FB… finalmente ne ho trovata una delle mie ex: Jane C. from San Francisco, Cal. U.S.
    C’è la sua foto, e mi è bastata: mi ha fatto tornare in mente una massima che ripeteva spesso mio papa’, buonanima: “Molto meglio un dolce ricordo che una triste realtà” …

    Mi piace

  18. marisamoles said,

    @ Alberto

    Hai visto? Nel mio “salotto virtuale” chiacchieriamo e ci confessiamo. Non è stupendo?

    Mi ha fatto ridere la massima del papà. Confesso -per rimanere in tema- che è successa la stessa cosa con la foto di un mio ex trovata su fb. I casi sono due: o invecchiando si peggiora o forse, più probabile, sono gli occhi dell’amore che fanno apparire tutti più belli. 🙂

    Liked by 1 persona

  19. Diemme said,

    @Alberto: crudele! 😆

    Mi piace

  20. Diemme said,

    @Marisa: no Marisa, è che certe persone invecchiano proprio male! Ho mantenuto buoni rapporti con molti ex, e devo dire che sono rimasti quasi tutti tali e quali, meno uno, quello che sarebbe dovuto essere il più figo e che da giovane se la tirava tanto, imbolsito e squallidamente imborghesito da fare paura: d’altra parte, il nostro corpo racconta anni di dialogo interiore, e lui bolso e squallidamente incasellato lo era anche da giovane, è bastato che la mente avesse il tempo necessario per lavorare sul corpo…

    Mi piace

  21. marisamoles said,

    @ Diemme

    Dici? Potrebbe essere.

    Però, secondo me, si tende a dire che le persone non cambiano quando le continui a vedere negli anni. La vera sorpresa è quando le rivedi dopo venti o trent’anni.

    Mi piace

  22. Mr. Ps said,

    Ciao Marisa.
    Ho scoperto il tuo blog per caso cercando una soluzione al mio dilemma.
    Sai sempre dare il giusto equilibrio alle risposte e ho deciso di scriverti. Scusa mi per il “tu”.
    Sono un 45enne, sposato, 1 figlio.
    Non sono un granchè felice della mia attuale situazione sentimentale, ma desideravo una famiglia mia.
    Da poco ho scoperto, tramite conoscenze comuni, che una mia ex si sarebbe separata dal marito e non ha avuto figli.
    Io e la mia ex siamo stati assieme più o meno 8 mesi in 1 anno (questo circa 20 e rotti anni fa) in un’alternarsi di lasciate e riprese da parte mia senza addurre nessuna motivazione seria nè spiegaziioni. Mi andava sempre bene (…)
    Io stesso non capivo bene cosa volevo da lei.
    Le facevo passare momenti belli e momenti brutti, questi ultimi la facevano soffrire molto.
    Non è stata la mia prima ragazza (mai avuto problemi grossi a conoscerne), all’epoca ero stato appena congedato da fare il militare e non mi aspettavo certamente di imbattere in una storia importante.
    Con questa ragazza sentivo di dover prendere un impegno serio e temevo, allo stesso tempo, di perderla.
    La ricordo molto dolce, quasi materna e bellissima tanto da suscitare le invidie degli amici maschi della compagnìa.
    Lei, alla fine, conobbe ad una festa il suo futuro marito.
    Saputa la notizia e dopo un periodo di confusione mentale ho realizzato che dovevo tentare di riconquistarla.
    Quasi 3 anni fingendomi un semplice amico, dandole mille attenzioni, cercando di apparirle più maturo,diverso, invitandola a concerti rock (il fidanzato risiedeva lontano).
    Ogni uscita, comunque,era collettiva.Mai da soli.
    Le facevo persino arrivare delle rose rosse per il suo compleanno con biglietto anonimo (“un ammiratore”).
    Non ho mai ricevuto un qualunque segnale da lei per farmi capire che potevo “uscire allo scoperto” e rivelare le mie vere intenzioni.
    Non la vidi più, il suo allontanamento coincise con suo matrimonio.
    Arreso dalla notizia, cominciai a tirarmi storie e fidanzamenti in cui cercavo comunque quello stato emotivo, quella complicità che mi ricordasse lei.
    Recentemente l’ho cercata su internet trovando diversi suoi interventi in forum o gruppi su Facebook ma mai il suo profilo personale, facendo la ricerca per nome/cognome non dava nessun risultato.
    Finchè una sera, accedendo a Facebook con il login di mia moglie e curiosando in gruppi di ex scolaresche di scuole medie ed elementari, la trovo.
    Il punto è questo e concludo: io non sono iscritto e mai mi sarei sognato di farlo.
    Ma la tentazione è insopportabile al pensiero di poterla contattare.
    Vorrei tanto che sapesse quanto l’ho cercata,quanto mi sia mancata e quanto sia dispiaciuto per non essere stato maturo quando stavamo insieme.
    Dici che faccio bene a contattarla?
    Secondo te vale la pena tentare di farmi vivo dopo molti anni per ottenere un nulla di fatto o malapena una amicizia tirata per i capelli?
    Senza contare il mio stato attuale di marito e padre.
    Mi farebbe piacere una tua opinione anche,anche cruda.
    Sono 2 mesi che mi arrovello pensandoci.
    Grazie infinite.

    Mr.PS

    Mi piace

  23. marisamoles said,

    @ Mr. PS

    Innanzitutto, grazie per aver scelto il mio blog per raccontare una storia così personale e confidare i tuoi dubbi.
    Che dire? In parte ciò che ho già detto. Quando si cerca una persona che è stata importante per noi tanti anni fa, il rischio maggiore è quello della delusione. E non sto parlando di quella che potrebbe derivare dall’aspetto fisico, su cui ho scherzato più sopra. Negli anni si cambia e le persone che non vediamo da molto tempo saranno sicuramente cambiate mentre nella nostra mente sono rimaste quelle che erano, con tutte le caratteristiche che ce le facevano apparire amate, desiderate, insostituibili. Nel tuo caso, è vero che in parte ti attribuisci la responsabilità della fine di questa storia, ma è anche vero che quando si è tanto giovani molte cose ci sfuggono, non le capiamo. Spesso non sappiamo misurare i nostri sentimenti, li vediamo o troppo intensi (molto più di quanto lo siano davvero) oppure troppo deboli.
    Secondo me, nel momento in cui lei ti è sfuggita, hai provato il desiderio di riconquistarla non perché lo volessi davvero, piuttosto per quel senso di rivalsa che ci assale quando comprendiamo di essere stati sciocchi a lasciare qualcuno cui tenevamo molto, pur senza essere in grado di confessarlo. Ma il dubbio che fosse solo un pretesto rimane. Infatti tu stesso ammetti che nei tre anni di riavvicinamento non ti sei sbilanciato né lei ha fatto un passo verso di te. Forse ti riteneva inaffidabile e ha fatto la scelta che considerava migliore sposando un altro.

    Ora mi chiedi se faresti bene a contattarla, grazie alla moderna tecnologia che accorcia le distanze e annulla, quasi d’incanto, il tempo che passa. Ma fai attenzione, il tempo passa inesorabilmente e nulla sarà mai come vent’anni fa. Quindi, il rischio è, come dicevo, di trovarsi di fronte una sconosciuta, che magari all’inizio ci sia da parte sua una calorosa accoglienza, l’abbraccio, seppur virtuale, di un amico ritrovato. Ma può darsi che tutto finisca lì e che vi perdiate di nuovo. E non credo che ciò sia esattamente quello che vuoi.

    Buona fortuna!

    Mi piace

  24. Mr. Ps said,

    @ marisamoles
    Grazie Marisa.
    Sei stata preziosissima.
    Volevo condividere il mio pensiero con
    @ Raffaele
    che nel suo intervento del 28/08/12 esprimeva ciò che penso anche io.
    Raffaele, ti capisco.
    Nonostante l’attenuante della giovane età (come dice Marisa) non sento di assolvermi completamente.
    Un abbraccio
    Mr. PS

    Mi piace

  25. marisamoles said,

    @ Mr. Ps

    Il post è vecchio e Raffaele è da un po’ che non si fa vedere da queste parti. Non so se darà qualche segnale. 🙂

    Contraccambio l’abbraccio e … fammi sapere. 😉

    Mi piace

  26. Lina said,

    Caro MrPS,
    sono in una situazione simile alla tua.
    Amore bello, pulito, intenso, durato tutti gli anni dell’Università, circa 5.
    Lui brillante, splendido e splendente, da ogni punto di vista.
    Io viziata, bizzosa, isterica, ingestibile.
    L’ho mollato senza un perché, sicura dentro di me che lo avrei ripreso come e quando avrei voluto.
    Non è andata così.
    Lui partì immediatamente, non molto convinto, per gli USA, dove avrebbe avuto inizio la sfolgorante carriera che meritava.
    Sono passati 14 anni.
    Non l’ho mai dimenticato, e il suo pensiero, il suo ricordo accompagna ogni mio istante soprattutto negli ultimi 6 anni circa.
    Lo sogno quasi tutte le notti, so TUTTO di lui, del suo entourage, della sua famiglia di origine e di quella attuale.
    Ci siamo ricontattati circa 6 anni fa, fu lui a chiamarmi telefonicamente per salutarmi, dopo anni che non ci sentivamo, e da allora ci sono stati fra noi scarni contatti di auguri (per il suo matrimonio, per la nascita delle rispettive bimbe) o poco più.
    La sua situazione è quello che si suol dire una favola, l’esistenza ideale: vita agiata, lavoro di grande prestigio, anche internazionale, matrimonio di Amore, due bimbe meravigliose, è circondato da amici vecchi (quelli che frequentavamo insieme) e nuovi (incontrati nel suo brillante percorso)….
    I miei avevano ragione a darmi della pazza, quando lo allontanai.
    Non riesco a passare davanti a quella che era casa sua senza rivedermelo lì, dietro i vetri della sua finestra, che mi saluta con la mano, in lacrime, mentre io mi allontano durante quell’ultimo addio di tanto tempo fa….
    L’ultima volta che l’ho visto, incontrandolo per caso, è stato 10 anni fa.
    Improbabile che lo incontri nuovamente (lui non vive più nella mia città)…
    Eppure non faccio che pensarci, a cosa dire, cosa fare quando lo rivedessi….
    Vorrei solo fargli capire che quella ragazzina isterica non esiste più, che se ci fossimo incontrati qualche tempo dopo le cose, sono certa, fra noi sarebbero andate diversamente.
    Sento di essere davvero la sua donna ideale, non scherzo, ed anche se l’ineluttabile destino (si, chiamiamolo così, anche se so che la colpa è solo mia ed è il rimpianto della mia vita…) ci ha fatto prendere strade diverse, la donna matura, coerente, positiva, aperta con gioia al mondo, responsabile che sono adesso sono certa che sarebbe una compagna ad hoc per lui …
    Il fatto che lui conservi un ricordo acido, immaturo, infantile, attaccabrighe di me o, peggio, che quasi non si ricordi per nulla della mia persona (e può essere: da certe risposte che qualche volta ha dato alle mie mail, mi pare proprio che abbia un ricordo vago e nebuloso di noi due insieme…) è qualcosa di intollerabile per me, mi fa star male fino alle lacrime.
    Questa ossessione va avanti da troppo tempo, tanto che ultimamente medito di scrivergli, all’improvviso, senza il pretesto di nessuna ricorrenza, solo per chiedergli, di brutto: “ma non pensi mai a me? Non ti capita di imbatterti nel ricordo di noi, ogni tanto?”
    Ma poi penso che sarebbe solo folle, perché lui ha i suoi mille impegni che lo tengono occupato in giro per il mondo, la sua vita familiare tutta sorrisi, feste, viaggi e serenità, nel suo mondo non c’è spazio per un vago ricordo di una vita lontana anni luce, nebulosa e dai contorni presumibilmente sfumati, ed io apparirei una povera pazza incoerente, esattamente come lui forse mi ricorda…
    Ho una bimba anche io, non farei una bella figura a scrivergli dicendogli una cosa simile, e poi: a che pro?
    Ogni volta che lo contatto (ormai sono 10 mesi che non lo faccio) lui risponde pacatamente, educatamente, gentilmente, come è nella sua indole…ma quasi mai mi cerca per primo (a dirla tutta l’ultima volta che ha preso l’iniziativa è stato per il mio parto) ed è sempre lui quello che pone fine al “botta e risposta”.
    Dovrei smetterla di avere certi propositi nei suoi confronti, lo so bene, ma è più forte di me.
    Anche questo articolo di blog l’ho trovato “googlando” la mia situazione.
    Fra qualche giorno è il suo onomastico, in genere sono solita fargli gli auguri, e di solito sembra apprezzare molto (dice che da quando non c’è più sua nonna, io sono l’unica che si ricorda la ricorrenza)…ma quest’anno non so….da un lato non vorrei farglieli, nella folle speranza che lui noti questa mancanza e pensi a me anche solo per un minuto, dall’altro vorrei mantenere questo labile filo fra noi, ricordare una festa che lo riguarda e che nemmeno la sua meravigliosa e perfetta moglie rammenta mai….e con l’occasione fargli anche la domanda che dico sopra.

    Mi piace

  27. marisamoles said,

    @ LIna

    Non so se MrPS ti risponderà ma, in veste di padrona di casa, ti ringrazio per la tua testimonianza.
    Questo post è nato per fare un po’ d’ironia sul tema. Pian piano, però, questa è diventata una specie di “pagina del cuore” e ciò mi fa piacere. Non ho nulla da suggerirti ma, leggendo le tue parole, ho fatto una riflessione che riguarda anche il mio vissuto.
    Nelle repliche ad altri commenti l’ho già detto: spesso tendiamo a idealizzare situazioni e persone che appartengono al nostro passato, specie se dentro di noi è rimasto un sentimento che a poco a poco si è trasformato in rimpianto. Nel tuo caso, avendo deciso di interrompere quella relazione, è evidente che in quel momento la cosa ti sembrava la più giusta da fare. Succede, in questi casi, che poi ci si penta. Ecco, secondo me o si ritorna sui propri passi subito o è meglio voltare pagina. Ripensarci dopo anni, quando magari la nostra vita non ci appaga completamente, è sempre un errore. Perché non è lui che rimpiangi, non lui come è adesso, ma quello di una volta. E poi accade di sentire rinascere un sentimento sulla scia di varie emozioni (non tutte positive, tra l’altro) che portano a rimpiangere ciò che non si ha più perché si è scontenti del nostro presente, non sempre a livello conscio. Ma se l’oggetto del desiderio fosse a tua disposizione, se avessi riconquistato il tuo lui, probabilmente le cose sarebbero molto diverse. Spesso si ama chi non possediamo e il fatto stesso di non averlo ce lo fa amare molto di più. Ma è solo un’illusione.

    Grazie ancora per questo bel commento.

    Marisa

    Mi piace

  28. Diemme said,

    @ Lina

    Ma non ho capito, dici di non essere più la ragazzina di un tempo, e poi vuoi turbare la sua esistenza idilliaca con conseguenze imprevedibili, ma che non promettono nulla di buono? Dimostra di essere veramente cambiata rispettando la sua vita, e quella di chi lo ama e gli sta accanto.

    Mi piace

  29. Lina said,

    @ Marisa: grazie della tua risposta carina e gentile.
    D’accordo su tutto.
    A livello razionale so perfettamente che scherzi possa giocare l’idealizzazione, il tempo che passa, il rimpianto non tanto di quella persona, quanto di quel momento storico, in cui tutto era in divenire, tutto poteva succedere, in cui la gioventù, la spensieratezza, il pensare al futuro in modo sognatore e grintoso e “onnipotente” la facevano da padroni….
    Nel mio caso ciò è vero in particolare: sono maturata molto tardi, per merito/colpa dei miei genitori, e effettivamente il ripensare ad una vita senza incombenze, responsabilità, doveri, in cui tutto era divertimento, sfizio, gioco, in cui bellezza e vigore erano beni profusi in abbondanza….beh, un piccolo rimpianto lo porta giocoforza….
    Non mi lamento della mia attuale vita, anche se forse da certi punti di vista non è “all’altezza” aspettative che mi ero fatta, ma ugualmente l’età matura porta a certe riflessioni che la pazza gioventù ignora….
    Tutto questo, ripeto, a livello razionale.
    A livello emotivo, ahimè, le cose cambiano.
    Il fatto di esser stata causa di quella rottura è un piccolo tarlo che mi porto dietro, a livello personale, intendo.
    Io così perfezionista ed esigente e implacabile nei miei confronti, forse non mi perdono una débacle così ottusa (meglio forse sarebbe stato se mi avesse lasciata lui, o se la storia si fosse esaurita naturalmente, come è abbastanza logico che accada per le relazioni nate a poco più di 20 anni).
    So bene che il ragazzo che amavo e che mi amava non esiste più, esattamente come (vivaddio) non esiste più la viziata immatura che ero, ma ciò che rimpiango/rimugino/mi fa star male è l’idea di non avere un posto nella sua memoria, o di averlo in negativo.
    Se sapessi che lui passando ad esempio davanti ad un molo dove abbiamo passato un fine settimana insieme tanti anni fa pensasse anche solo per due minuti che lì c’è già stato con me, credo che sarei già appagata….
    Invece so quasi per certo che non è così.
    Tanto per dirne una: a giugno scorso è stato con altre due famiglie a fare un giro nella nostra regione, perché aveva ospite un amico dagli USA. In particolare ha visitato una località dove andammo noi due a fare un week end romantico.
    Come didascalia alle foto che ha pubblicato ha messo “gita a ****, una splendida scoperta!!!”
    (SCOPERTA????) E’ in occasioni come questa che mi verrebbe voglia di contattarlo per chiedergli: “ma davvero non ti ricordi che lì ci sei già stato?”
    Esempi così potrei farne molti….
    Comunque poi gli auguri di onomastico glieli ho poi fatti.
    E’ all’estero per lavoro, con tutta la famiglia (“SIAMO in ****”: lui parla sempre al plurale: con la moglie sono una unica entità….).
    Mi ha risposto gentile e carino, come sempre, chiedendo anche della mia piccola.
    L’anno prossimo, evito.
    Lo prendo come un punto di impegno con me stessa.
    Se mai ci sarà un altro contatto, deve partire da lui.
    Mi sento una stalker, altrimenti,e non è il caso.
    Lo so che quest’anno ci siamo scritti solo due volte in tutto, ma ugualmente è una sensazione che non mi fa onore, che non combacia con la persona che sono…

    @Diemme.
    Dalla tua risposta evinco di non essermi spiegata per nulla, e questo mi dispiace.
    Voglio turbare l’esistenza di altri?
    Assolutamente no!!!!!
    Esattamente come non mi permetterei mai di cambiare una virgola della pace familiare che mi sono faticosamente conquistata lavorando a lungo su me stessa (come dico sopra, sono stata una scheggia impazzita fino a tarda età…sono maturata molto tardi).
    Il fatto di temere che una persona con cui sei cresciuta insieme non si ricordi più di te o abbia un brutto ricordo di anni vissuti in simbiosi (e che anni!!! Spensierata e bellissima gioventù che non ritorna…) significa non rispettare chi gli sta vicino adesso?
    Mica mi son piazzata sotto casa sua (e guarda che lo so, dove abita), gli ho fatto agguati di qualche genere, ho messo in mezzo amici comuni per indagare sulla sua vita di coppia, ho fatto in modo di incontrarlo quando la moglie non c’è (ad esempio so per certo che due domeniche fa era a veder la partita nella mia città, ma manco mi è passato per l’anticamera del cervello di fare alcunché di concreto per vederlo…) o cose simili…
    Me ne guarderei bene….
    Anzi, ti dirò: il fatto di non essere più (….gli anni passano per tutti….) quel turgido fiore di bellezza che lui aveva affianco, mi fa quasi sperare razionalmente di non incontrarlo, almeno non senza preavviso.
    Poi fantastico su cosa potrei dirgli se e quando voltando l’angolo ci sbattessi casualmente il viso contro…ma questa è un’altra storia, fa parte del livello “onirico” di una persona…non certo di progetti di sfasciare famiglie o simili!!!
    Maddai….
    Però questo mio aspetto sognatore, proprio perché irrazionale, non fa parte di me, così concreta, fiera, pratica….e la cosa mi fa star male….con me stessa, per prima cosa….

    Mi piace

  30. gianluca said,

    buongiorno a tutti capito qui per caso cercando risposte ad un fatto accaduto ieri , dopo tanti anni rivedo l’ex moglie (sono passati 8 anni ) premetto che separazione l’aveva chiesta lei ora veniamo al fatto ci ritroviamo casualmente in un bar quindi offro un caffè ma dopo due chiacchere in generale lei torna a rispolverare vecchi rancori e episodi accaduti ..rispondendo io dico la frase ma siamo rimasti al 2005 ? lei risponde ho la mia vita la cosa mi ha lasciato perplesso riguardo affermazioni e rancori visto che sono passati tanti anni …forse ancora non ha smaltito la separazione ? è ancora innamorata? mah a volte e difficile capire certi comportamenti visto che da parte mia l’intenzione era di offrire un caffè e basta grazie a chi risponde

    Mi piace

  31. Mary said,

    be per me non si scorda mia perche estata la tua prima emozione io h 22 anni ora e ho avuto il primo amore vero dai 16 hai 18 anni e ancora oggi ne porto un ricordo bello adesso sono fidanzata da tre anni con un altro e be meglio cosi anche perche non ho intezione mai di rimettemi con il primo amore basta e finita punto sei anni fa e basta

    Mi piace

  32. marisamoles said,

    @ Mary

    Sono felice per te. Sei ancora molto giovane per pensare al primo amore, magari crescendo lo rimpiangerai, chissà … solo che i conti non tornano: se sei stata assieme al primo amore fino ai 18 anni e ora ne hai 22, sono passati quattro anni non sei.

    Mi piace

  33. antonella said,

    Secondo te, Marisa, chi vive una vita appagata non pensa al primo amore…non lo deve cercare dopo anni ed anni…ne avrebbe una delusione perché si cambia, ecc.. ecc…
    Secondo me e la mia esperienza diretta ed indiretta, chi cerca un amore perduto e mai dimenticato non ha altro scopo se non quello di confermare e confermarsi che è stato il dono della vita allora non riconosciuto o contrastato.
    E’ un segno di rispetto verso se stessi, un atto di riconciliazione con i propri sentimenti più veri, accompagnato dalla certezza che una combinazione di quel tipo così intensa da superare tutte le altre gioie e successi della vita è impossibile che si ripeta.
    Chi ha avuto la certezza d’avere incontrato il vero amore non riesce più ad innamorarsi perché è un’esperienza così travolgente, persistente, unica da colmare la sua stessa mancanza e mettere a paragone perdente gli altri amori.
    Può avvenire, sì, un altro amore, ma è altro, appunto, il secondo, il terzo…Il fatto è che il “primo” coincide spesso con “il Grande”.
    Perché si ricorda, si rimpiange insieme con la giovinezza perduta?
    Può accadere, certo, ma che non vengano esclusi i casi in cui quell’amore mai dimenticato è stato il più completo, condiviso ed intenso possibile. Quello che supera tutti i difetti umani compatibili con l’amore sia fisici sia comportamentali sia umorali.
    Quella persona non è altro da te, nemmeno parte di te, non è un ricordo o un pensiero assillante, ma è proprio ciò che sei stato e che sei ora.
    E chi non ti dice che per l’altro/l’altra non sia la stessa cosa?
    Cercarsi è un dovere, un tributo alla vita che li ha fatti incontrare.
    Buttereste mai le perle ai porci?
    Le circostanze possono impedire che ci si riunisca, gli impegni con la nuova famiglia ad esempio, la paura…
    Paura, sì, perché l’Amore di quella portata è sconvolgente per la sua totalità, gratuità e potenza.
    Ma vuoi mettere quale sollievo e pienezza può dare il sapere che è lo stesso per entrambi?
    Sapete quante storie d’amore interrotte si realizzano dopo anni ed anni?
    Oppure finalmente si chiariscono con grande sollievo reciproco?
    Vi rimando a Cinema Paradiso ed a tante storie vere rintracciabili su biografie storiche e contemporanee.
    In ultimo, pensare al primo amore non è mai doloroso, anzi, è fonte di gioia, di pienezza, di completezza appagante.
    Amate, amate prima di giudicare quello che non sapete o parzialmente non sapete.
    Gli stalker sono altra cosa non confondete.
    Chi cerca per amore innanzitutto rispetta, comprende e sa tirarsi indietro.
    Grazie per la lettura. Saluti

    Mi piace

  34. marisamoles said,

    Cara Antonella,

    tu parti dal presupposto che il primo sia anche il Grande Amore. Non è così quasi mai. In primo luogo perché normalmente si è molto giovani quindi inesperti e l’euforia della prima esperienza porta a ingigantire ciò che probabilmente non è stato altro che una infatuazione. In secondo luogo perché, ammettendo pure che il primo amore sia davvero Grande, difficilmente lo è allo stesso tempo per entrambi. Ma anche ammettendo che tu abbia ragione, mi chiedo: e allora perché poi ognuno ha preso un’altra strada? E se l’ha fatto, perché mai vivere di rimpianti? Ci sono storie che s’interrompono e poi riprendono, più salde di prima. Ma quando si scrive la parola fine, a meno che non sia una decisione unanime (caso alquanto raro, per la mia esperienza), c’è sempre uno che soffre e l’altro che volta pagina se non proprio sollevato, con una certa convinzione che sia meglio così. E se io rimpiango quell’Amore, pur sapendo che la fine l’ha voluta lui e che non c’è stata alcuna possibilità d’appello, perché mai dovrei immaginare altro da ciò che è stato, ovvero che ritrovandolo potremmo ricominciare felici, senza pensare al passato ma guardando avanti con fiducia? C’è un modo di dire che in questo caso mi pare azzeccato: meglio evitare la minestra riscaldata. Poi è anche vero che ogni esperienza è a sé stante, che tutto può avvenire, ma mi sembra che l’idillio che tu descrivi sia l’eccezione e non la regola.
    Per quanto mi riguarda, penso al mio primo amore solo come a un bel ricordo di gioventù. Nulla di più e anche se ci siamo incontrati molte volte negli anni, non ho mai pensato ad una possibile vita felice assieme. Per me il primo non è stato il più grande, su questo non ho dubbi.

    Grazie per il bel commento.
    Un caro saluto.

    Mi piace

  35. Faber said,

    Mi sono imbattutto in questo articolo durante una ricerca web,per cercare di smaltire l’ansia di questo periodo e credo che sia perfettamente in linea con quanto detto su.
    Ho conosciuto piu di venti anni fa la mia prima diciamo platonica fiamma, con una reciproca simpatia e soprattutto complicita, a tal punto che entrambi cosi giovani eravamo , attratti mutualmente senza pero’ aver il coraggio di potercelo dichiarare.
    In tutta questa assurdita ci siamo ritrovati dopo tutti questi anni ed ognuno con le proprie vite, semi distrutte da coniugi insensibili e distanti, da anni di matrimonio oramai logori e senza attenzioni, ed e;’ stato facile usando il social network riavvicinarci tramite amici in comune.
    Ovviamente e’;stato un lento scalare di sentimenti sensazioni fino a sfociare in vero e proprio rapporto a distanza , che per telefono e rete e diventato sempre piu profondo.
    Capisco come nell’articolo e’ stato detto quanto deleteria in questa circostanza possa essere la crisi matrimoniale della realta, e quanto probabile il rifugiarsi in queste storie vedendo nell altro almeno virtualmetne la perfezione.
    Fatto sta che ahime questa relazione, e’ stata scoperta dal suo coniuge e di fatto mi e’ stato interrotto l accesso a tutte le sue fonti, ed ora imamginate il senso struggente e di ansia che mi alberga dentro quando penso ed impazzisco a come fare per poterla contattare.
    Non e’ semplice terminare una relazione , quando si viene troncati cosi senza sapere cosa ne pensa l ‘altro o senza sentire una opinione perche controllati e subordinati dal proprio coniuge , ma credo di capire coem invece amori non confessati del passato, possano rinascere con la maturita’; e con le esperienze vissute soprattutto quando non son stati in gradio di esser confessati, per colpa della giovane eta’ oppure della propria emotivita’
    Vivere ogni giorno cn il pensiero di poterla contattare e non riuscirlo a fare perche oramai scoperti, e’ tremendo,,,,e porta realmente a viversi la vita con ansie e disperazione.
    Spero quacuno possa avere una testimonianza simile anche per aiutarmi un po psicologicamente. Grazie.

    Liked by 1 persona

  36. mia said,

    Stanotte l’ho sognato di nuovo! Sono passati 16 anni, mi sono sposata, sono diventata madre e ancora penso a lui! Ciò mi sconvolge…

    Mi piace

  37. marisamoles said,

    @ mia

    Sono cose che succedono, non sconvolgerti. Anche se si tratta solo di un sogno, è bello vivere questo tipo di esperienze.

    Mi piace

  38. Petro Sasha said,

    Ciao Marisa. Ho scoperto oggi il tuo blog per caso,leggendo le storie d’amore di altre persone,ho deciso di farmi avanti.
    Purtroppo la mia storia è finita da pochi giorni,dopo che siamo stati insieme 1 anno e 7 mesi.Ciò che ci ha fatto lasciare è stato per una parola interpretata male e sentita dalla madre,che ha deciso di non vedermi più.Lei per me è stata la prima ragazza che ho sperimentato tutto,con lei mi sono spogliato di tutti i miei segreti e di tutte le mie paure,ero e sono ancora innamorato di lei. Così come anche io ero il primo in tutto per lei.Anche dopo esserci lasciati lei mi chiama ancora,perchè i sentimenti sono rimasti ancora.Sabato mi vedrò con lei per portarle delle cose,in cuor mio vorrei che ritornasse. Nei anni passati ho avuto relazioni ma di breve durata niente di più, lei era l’unica mi ha accettato così come sono,con tutti i miei pregi e difetti,è stato un amore sincero.Ma la mia paura e che dopo sabato,andando avanti nel tempo lei si dimentichi di me,ho paura che le persone importanti e che ho amato si scordino.Io ho 21 anni e sono ancora giovane,forse il futuro mi riserverà altre sorprese,però per ora sto male solo a pensarci. Non riesco a capacitarmi di come 4 giorni fa ci dicevamo amore,e dopo 2 giorni è finita con un non voglio più continuare questa storia,pur sapendo che lei mi ama ancora e che gli manco..

    Liked by 1 persona

  39. marisamoles said,

    @ Pietro Sasha

    Bella testimonianza! Sei tanto giovane, le cose forse si sistemeranno, nel caso contrario ti rimarrà un bel ricordo.
    In bocca al lupo! 🙂

    Mi piace

  40. Diemme said,

    E comunque, se una storia finisce per una parola mal capita… beh, io non vorrei passare la vita sul filo del rasoio, pensando che tutto quello che ho costruito possa svanire così, per un nonnulla, senza possibilità d’appello!

    Mi piace

  41. ABI said,

    Salve a tutti
    vi ho scoperto cazzeggiando in rete alla ricerca di parole che mi dessero sollievo da quella grande nostalgia che, oggi, mi pervade. Stanotte l’ho sognato il grande amore, un amore che non vedo da 24 anni. Più di 10 anni fa decisi, con mia moglie, di portare nostro figlio, adolescente, in visita in una grande e bella città del nord; c’ero già stato 10 anni prima in quella città, per lavoro, con dei colleghi. L’albergo in cui eravamo ospiti aveva qualcosa di familiare e, finalmente, ricordai……era lo stesso albergo in cui tutto era iniziato, lo stesso albergo in cui, per uno stupido scherzo, scoprii, scoprimmo,qualcosa di grande, meraviglioso e impossibile…….scoprimmo di non essere solo colleghi.
    Tornato dalla gita le scrissi; ho sempre saputo dove lavorava e fu bellissimo per entrambi ritrovarsi, anche solo nelle parole di una mail. Per lungo tempo, ogni giorno, ci scrivemmo delle lettere tenerissime ma anche colme delle nostre paure per quello che stava di nuovo accadendo. Ci promettemmo che non ci saremmo mai rivisti (anche se abitiamo a 20 minuti di macchina di distanza), ci dicemmo che non potevamo rischiare di costruirci una vita che non ci apparteneva e che non saremmo mai stati in grado di gestire. Per anni abbiamo continuato a dimostrarci, nelle cose che ci dicevamo, un amore che non era mai finito ma che era condannato a non essere vissuto. Un giorno trovammo il coraggio di sentirci per telefono, mi disse che avevo un voce bellissima ed io ricordo ancora l’emozione di risentire la sua dopo tanti anni. Dopo quell’unica telefonata le sue lettere divennero sempre più rare; io ho continuato a scriverle per molto tempo ancora, a mandarle gli auguri per il suo compleanno, per le feste, ma le sue risposte divennero sempre più rare ed essenziali. Lamentava sempre impegni e poco tempo. Alla fine non scrisse più, ed io, a malincuore, ho fatto lo stesso.
    Col tempo mi sono convinto che, ancora una volta, non ero riuscito a capire……. ancora una volta avevo perso l’attimo…… ancora una volta l’avevo perduta a causa di quella folle paura di farle e di farmi del male. Nessuno dei due ebbe coraggio allora (entrambi strafidanzati), nessuno dei due ha avuto coraggio dopo. Oggi a volte mi torna in sogno, e quando capita cerco in rete le sue foto, e credo che lei faccia altrettanto (svolgiamo lavori istituzionali e abbiamo delle pagine personali); siamo cambiati, abbiamo avuto dei figli, abbiamo condiviso tutti questi anni con altre persone, siamo diventati, forse, qualcosa di completamente diverso eppure……eppure il fantasma di quell’amore, breve, intenso, appassionato e doloroso continua ad abitare le stanza dei nostri ricordi…e sono ricordi fortissimi….io ricordo ancora il sapore della sua bocca e quella di un acino d’uva che lei stringeva tra i denti la notte che facemmo l’amore. Sembra follia, e sicuramente lo è, ma è una follia di cui non riesco a liberarmi, nonostante l’amore di mia moglie, l’orgoglio di un figlio meraviglioso e una vita che è stata clemente. Non avrei avuto nulla di tutto questo ma non riesco a non pensare a quello che avrei potuto avere, a quello che avrei potuto essere accanto al mio grande amore. E stanotte l’ho sognata….ed è stato bellissimo…ma lei non lo saprà mai.
    Un caro saluto a tutti

    Liked by 1 persona

  42. Per me è solo dolce, dopo tanto tempo, ricordare i tempi passati. Ora, per me che ho cinquant’anni, l’amore è una cosa così diversa da quello che era ai tempi del primo bacio che ne ho quasi tenerezza.
    Non mi interessa rivedere la persona, anzi forse mi imbarazza.

    Mi piace

  43. marisamoles said,

    @ rosenuovomondo

    Credo che sarei imbarazzata anch’io, dopo tanti anni. Ma dato che il mio primo amore è diventato, dopo un paio d’anni, un caro amico, forse mi sembrerebbe soltanto di avere incontrato di nuovo l’amico, più che l’ex.

    Mi piace

  44. maria elena said,

    Dirò la mia…ci siamo conosciti15anni fa in una manifestazione studentesca…mi ha lasciata xk era tutto scemo, dopo un anno ci siamo ripresi e mi ha lasciata di nuovo xk doveva trasferirsi in liguria con sua mamma! Ho sofferto parecchio…ogni volta in tutti questi anni ke passavo a genova o giù di lì mi chiedevo ke fine avesse fatto…ho fatto la mia vita in questi anni, ma un bel giorno l’ho rivisto…l’ho odiato per le3ore del primo appuntamento e ora conviviamo è un ottimo padre con il mio bimbo nato da un’altra relazione e a gennaio diventerà papà del mio secondo figlio

    Mi piace

  45. marisamoles said,

    @ Maria Elena

    Che bella storia! Grazie per aver lasciato la tua testimonianza che fa ben sperare per storie a lieto fine.
    Auguri per il futuro, che possa essere sempre pieno di gioia.

    Mi piace

  46. Io e il mio ex ci siamo lasciati, ma conserviamo ancora un amico in comune (un altro l’ho mandato a quel paese come l’ex!).. a volte capita di parlare di lui.. ma sinceramente è l’argomento che meno trattiamo. Non ha lasciato una grande impronta dentro di me.. mi ha solo insegnato cosa non cercare nella persona che voglio mi stia accanto.

    Mi piace

  47. marisamoles said,

    Cara Laura,

    innanzitutto bentornata!
    Tu sei ancora molto giovane, penso che la nostalgia del primo amore sia provata perlopiù dalle persone di mezza età, periodo in cui, forse con la complicità di menopausa e climaterio 😦 , si è facilmente preda di questo tipo di sentimenti. Certamente dipende, come ben dici, dall’impronta che il lui o la lei hanno lasciato. Se l’esperienza non è stata positiva, meglio lasciar perdere, voltare pagina e non pensarci più. Anche se, può sempre succedere qualcosa che poi modifichi questa presa di posizione … non dico nulla perché avevo in mente di scriver un post proprio su questo argomento, rifacendomi alla mia esperienza. 😉

    Mi piace

  48. Lina said,

    Aggiornamenti.
    Come propostomi ad ottobre dell’anno scorso, quest’anno non gli ho fatto gli auguri di buon onomastico (manco quelli di compleanno, Natale, ecc…ma quelli contano meno: glieli fanno in mille…l’onomastico era una prerogativa solo mia da decenni…).
    Nessuna reazione da parte sua, credo non se ne sia neppure accorto.
    Di più: proprio per “autocensurarmi” ed evitarmi di contattarlo o di fantasticare su notizie che lo riguardano, ho cancellato la nostra amicizia Facebook, (e tutti i suoi riferimenti nelle mie rubriche).
    Manco di quello si è accorto.
    Nessun cenno da parte sua (devo intuire che non consultava la mia pagina con regolarità per sapere quanto meno se ero viva o morta).
    La cosa, se da un lato mi ha un po’ “disintossicata” (non cerco più sue notizie d tempo, e quando mi viene in mente di farlo mi sforzo di fermarmi in tempo, ho addirittura diradato la sua presenza – prima assiduissima – nei miei sogni nottetempo…), dall’altro mi lascia davvero sinceramente basita.
    Ho capito che la vita perfetta, quella dei sogni, tutta benessere, amore, amici, salute, viaggi, serenità, lavoro appagante, famiglia splendida ecc ecc lascia poco tempo ad altro…ma sinceramente, francamente rimango stupita di come si possa totalmente cassare una fetta così importante della propria vita, tamquam non fosse mai esistita.
    Ricordo che quando si sposò gli mandai un commovente messaggio di auguri lodando la sua persona, e lui mi rispose che era il più bel messaggio ricevuto e che se lui oggi era quel che era, il merito era anche un po’ mio e del percorso di vita condiviso…
    Va bene che da allora le cose sono cambiate, capisco che poi sono nate le bimbe (è della nascita della sua seconda, in particolare, che lui è sparito) e che il lavoro lo tiene sempre più impegnato, ecc ecc…ma fra i mille auguri che fa ai molti e molti suoi amici per le feste, fra i mille e mille pensieri che gli attraversano la testa…non gli viene mai e poi mai in mente la sottoscritta?
    Mai la curiosità di scambiare un aggiornamento, due parole, un salutino?
    Fra l’altro il mio compleanno cade in una data “molto particolare”…davvero arduo scordarselo…
    Triste.
    Davvero triste tirare una riga così, su tutto.
    Forse aveva ragione sua mamma: lui, dietro l’immagine del bravo ragazzo tutta perfezione, è un egoista incallito, ed anche a questo deve il suo successo sociale.
    O forse farei bene io ad essere più concreta e a pensare ad altro….

    (non so se necessitavate di questo aggiornamento bramandolo sopra ogni cosa, ma tant’è: ve l’ho dato…) ;O)

    Liked by 1 persona

  49. marisamoles said,

    @ Lina

    Il post è sempre aperto ai commenti ed ogni contributo, se non proprio bramato, è gradito. 😉

    Mi piace

  50. piero said,

    ciao vi racconto brevemente la mia storia,, sbirciando ho visto questo forum e ho letto alcune esperienze, visto che in questi giorni sto vivendo un analoga situazione. sono stato con una ragazza tre anni, fino a trentanni,sono stato molto legato a lei, poi un giorno lei ha deciso che e’ finita, io ho sofferto tanto e alla fine dopo alcuni tentativi di riallacciare andati a vuoto ho capito che era finita veramente e che lei non voleva piu’ sentirmi. sono uscito dalla sua vita, lei non mi ha piu cercato e si e’ rifatta una vita ora ha anche una figlia, dalle foto che ho visto su facebook.in questi giorni. Dopo 10 anni trovo un messaggio suo che mi chiede cosa faccio nella vita e gli farebbe sapere che faccio!! onestamente non so cosa fare, in parte mi piacerebbe risentirla in parte mi chiedo che senso ha!! come dice l’articolo sopra, una storia finita e’ finita, sopratutto dopo 10 anni si e’ totalemte diversi!!!

    Mi piace

  51. Diemme said,

    Io credo che, quando qualcuno ha fatto parte della nostra vita in maniera importante e consistente poi, anche a distanza di dieci anni, ci faccia piacere sapere come sta e cosa abbia combinato nella vita (soprattutto in quella amorosa): moglie? Figli? Io, di molti miei ex, sarei curiosa di saperlo, ed esclusivamente per empatia e affetto. Certo, il piacere di risentirsi e di sapere dell’altro dovrebbe essere reciproco… 😉

    Mi piace

  52. marisamoles said,

    @ Piero

    Io un tentativo lo farei, senza troppe aspettative. In queste cose non è necessario trovare un senso … mi viene in mente Vasco Rossi. 🙂

    @ Diemme

    Nel caso di Piero (e credo tu ti riferisca al suo commento), almeno è sicuro che a lei farebbe piacere, visto che ha fatto il primo passo. Poi, logicamente, deve far piacere anche a lui … galeotto fu Fb e chi lo inventò! 😉

    Mi piace

  53. france said,

    a me, quando viene in mente di cercare persone alle quali tenevo decine di anni fa, si associa la mia immagine di insoddisfatto e deluso di quanto sto vivendo attualmente. Oddio, potrebbe essere solo curiosità, ma l’elegia appare incombente. Come adesso che mi è venuta in mente la prima ragazza che ho accarezzato a 14 anni, mi telefonava tutte le sere ma io ero un giuggiolone ignaro di ogni attenzione. E dire che una mia compagna di classe mi diceva di mettercimi insieme. Ma io sordo ad ogni richiamo. Era molto carina con le lentiggini e non so perchè ero piaciuto.

    Mi piace

  54. marisamoles said,

    @ france

    Rievocare i tempi dell’adolescenza e i primi battiti d’amore fa sempre piacere.
    Grazie per la bella testimonianza.

    Mi piace

  55. france said,

    Hola.
    Rievocare può essere piacevole. Però, se a te chiamasse una persona conoscente che non senti da decine di anni, quale domanda ti faresti ? Molti della società odierna iper-realista si direbbero, off records: “Deve essere depresso”. “Ma che sfigato”. “Ma che vuole e se fosse uno stalker?” o altre delicatezze del genere. Poi, farei come mi pare, a rischio di essere marchiato come un fallito. Un eminente psicologo che a tratti mi garba e in questo caso meno, disse: “Chi non riesce a chiudere i conti col passato è destinato a soccombere”. Io evidentemente non li ho chiusi perché apro spesso il repertorio delle ex perdute e delle passanti che non sono riuscito a fermare (de andrè, docet)

    Mi piace

  56. Abi said,

    Hai ragione, i conti con il passato non vanno chiusi, ma ciò che ci proviene dal passato va coltivato, perché noi siamo figli di quel passato, da cui traiamo quegli insegnamenti che fanno il nostro vivere, il nostro essere nel presente. L’amore che abbiamo provato per qualcuno, che abbiamo o non abbiamo vissuto, non può essere dimenticato, perché il ricordo di quell’amore ci offre adesso, come nel passato, quel piacere, quel conforto e quella speranza di cui anche la vita più piena, gratificante e serena ha comunque bisogno. Il problema è semmai se è giusto spostare tutto questo da un livello personale ad un livello interpersonale, ricoinvolgendo l’altro dopo tanti anni. Il ricordo del mio antico amore, una donna che ho amato 25 anni fa, mi regala ancora intensissime e splendide sensazioni, anche nostalgie, ma nonostante abbiamo avuto la possibilità di far rinascere quel passato dopo 15 anni, ci siamo accontentati di conservarlo nei nostri cuori, forse anche per paura, probabile, ma soprattutto coscienti che nulla di quello che era successo dopo avrebbe potuto essere condiviso nello stesso modo e, soprattutto, molto di quello che è successo dopo sarebbe stato negato ad altri a cui ci lega, in modo sincero, il presente.

    Mi piace

  57. france said,

    mi viene in mente che molto spesso chi è stato protagonista con noi nel passato, tenga a mantenere di noi più i lati negativi, odiosi, deboli per poterci dire da un momento all’altro di volare basso perchè loro ci conoscono meglio di chiunque altro nel presente. Cosa che trovo disdicevole da ricevere e da imporre. Fai conto che io fossi stato uno studente pigro, svogliato, negligente, ecco che i mei compagni di scuola tenderebbero ancora ad evidenziarlo per sentirsi superiori allo scolaro inconcludente ai limiti della demenza che ero. e questo, strano a dirsi, succede e si estende nell’apprezzamento a eventi attuali. Vomitevole. Sarà per questo che applico la Tronky Theory: se qualcuno mi dà la sensazione di non stimarmi più, io tronco. Amicizia o relazione che sia, tendendo a non più insistere nel vedere o frequentare l’interlocutore. Non ti piaccio più, ne prendo atto e agisco di conseguenza. Invece qualcuno impone di essere assertivi, bonari, sportivi. Ma l’uomo non è così, è buono e anche scontroso, affabile e disturbato, corretto e livoroso. Non riesco a non dimostrarlo. Qualcuno mi conferma che non è salutare nascondere sempre quel che si prova per il quieto vivere sociale. In fondo, chi se ne fotte di dare un’immagine sconveniente rispetto al modello compiacente.

    Mi piace

  58. marisamoles said,

    @ france

    Queste tue osservazioni mi trovano perfettamente d’accordo. In riferimento al ricordo nostalgico degli amori importanti (non necessariamente il primo!), mi sento di aggiungere che spesso manteniamo nella memoria quasi solo gli aspetti positivi, dimenticandoci di quelli negativi che magari hanno portato alla rottura. Rincorriamo un ideale molto lontano dalla realtà.

    Mi piace

  59. cavaliereerrante said,

    Dammi i tuoi baci … io ti darò la vita
    cantiamo insieme …..
    il primo amore non si scorda mai !!!

    . 🙂

    Liked by 2 people

  60. Reby said,

    Dopo 35 anni mi contatta su fb un mio (ex) ragazzo dei tempi della scuola. Ora siamo insieme da più di tre anni. Ci amiamo nel “presente” e per il “futuro”. Il nostro passato è un tenerissimo ricordo che interpretiamo come una volontà del destino. Abbiamo entrambi più di 50 anni.

    Liked by 1 persona

  61. marisamoles said,

    @ Reby

    Una bellissima storia, la vostra. A dimostrazione del fatto che, talvolta, pur prendendo strade diverse, ci si può rincontrare. Per non lasciarsi più. Questo è il mio augurio di cuore.

    Mi piace

  62. france said,

    A volte mi auguro ciò che è successo a voi. Mi va di ricordarvi due cose. Consideratevi nuovi oggetti di amore, così eviterete l’impressione del già percepito e percorso. Dopo anni si è forse e comunque persone nuove e sempre cangianti. Qualcuno ricorda che gli amori passati non tornano e possono trasformarsi in devastazioni psicologiche. L’unica cosa che non mi piace riguarda Facebook come cupido del vostro nuovo incontro. Mia opinione.
    Gioioso per voi

    Mi piace

  63. france said,

    dimenticavo. sono d’accordo con chi dice che l’amore esiste perchè c’è un desiderio attrattivo inspiegabile tra due soggetti. Quindi, se rifrequentando il vecchio amore si ristabilisce un desiderio attrattivo, mutate le esperienze e le personalità, si può considerare un amore nuovo. Forse. Io invece che ripenso solamente ad amore passato ma mi guardo bene dal rifrequentarlo, in quanto pusillanime rispetto ad un eventuale e doloroso nuovo mancato desiderio, posso dire che mi logoro dentro senza alcuna prospettiva chiarificatrice. Problema mio.

    Mi piace

  64. LAURA said,

    MI SONO RITROVATA ANCH’IO A PENSARE AD UN RAGAZZO CONOSCIUTO IN UNA ESTATE DI 20 ANNI FA. L’HO RIVISTO SUL SITO NELLA SUA CARRIERA. HO PROVATO A SCRIVERGLI. UNA SEMPLICE FRASE DI SALUTO. NON MI HA MAI RISPOSTO…EPPURE E’ STATA UNA STORIA IMPPPORTANTE

    Mi piace

  65. Elisa said,

    Salve a tutti, secondo voi è consigliabile ricontattare un ex che non sento da anni ma che ho la voglia irresistibile di ricontattare? Premetto pure che non ci siamo lasciati in buoni rapporti.. vorrei almeno parlargli per chiarire i punti non chiari lasciati in sospeso e andare avanti senza odio.. che dite è una buona idea?

    Mi piace

  66. Filippo said,

    Salve. Sono Filippo 43 anni.
    25 anni fa ho conosciuto per la prima volta il vero amore….dopo un anno vengo lasciato causa lontananza dovuta al mio nuovo lavoro. ho sofferto tantissimo ma decisi di non cercarla mai più ….e sono riuscito a non vederla per ben 25 anni sebbene non mi sia mai andata via dalla mente…ciclicamente andavo a vedere le nostre foto ricordando quel periodo come il più bello e mai rivissuto.
    Scoperta anche su FB non ho mai avuto il coraggio di contattarla.
    Ebbene….pochi mesi fa, mi vedo recapitare una sua richiesta di amicizia…che mi ha mandato in crisi totale. Siamo entrambi sposati con prole….. Abbiamo iniziato a messaggiarci raccontandoci la nostra vita….ci siamo sentiti al telefono per poco…e da poco rivisti per un semplice caffè. Le emozioni provate in questo periodo sono state per me indescrivibili ed essendo molto sensibile non nego che qualche pianto me lo sono fatto…io non so che cosa fare….non so cosa voglio fondamentalmente…..ma il problema più grande è che non riesco a decifrare cosa lei voglia da me….ho sofferto molto da ragazzo….e sto nuovamente soffrendo da adulto…..possibile che lei non se ne renda conto? Perche mi ha ricontattato dopo tutto questo tempo. Lei è sempre stupenda….non so se provare a sbilanciarmi o meno….ho paura di un altro rifiuto….situazione terribile.

    Mi piace

  67. marisamoles said,

    @ france

    Vedo che sei capace di leggerti dentro. Quindi le tue parole non hanno bisogno di commenti. Solo tu sai se e quando potrai rompere gli indugi.

    @ LAURA

    L’importanza che si dà alle cose è soggettiva. Per te è stata una storia importante, per lui forse no. Oppure, come ho scritto replicando ad altri, il passare del tempo fa prendere le distanze da ciò che è stato e che, probabilmente, non potrà tornare ad essere tale. Molti hanno paura delle delusioni.

    @ Elisa

    Credo che dopo anni il chiarimento non sia necessario. Forse lo è per te ma non è detto che lo sia anche per lui. Secondo me, il silenzio in questo caso è la soluzione migliore.

    @ Filippo

    Diciamo che la situazione da te descritta rientra perfettamente nell’obiettivo che fin dalla nascita Fb si era prefissato. Tuttavia, la richiesta di amicizia è una cosa – rimaniamo pur sempre in ambito virtuale – altro è invece pensare di riallacciare un rapporto, con tutte le conseguenze del caso. Fossi in te, comunque, non mi tormenterei: può darsi che lei voglia semplicemente coltivare un’amicizia, senza altri fini. Se ti “sbilanciassi”, è possibile che tu soffra nel caso in cui ti renda conto che i sentimenti provati da lei non sono gli stessi che provi tu, o credi di provare. Perché in questo tipo di situazioni, non dimentichiamo che la suggestione può giocare brutti scherzi.

    Mi piace

  68. france said,

    @ Filippo

    non chiedere consigli sul da fare. non te li darò. C’è desiderio da parte tua ? Forse dovresti vedere se da parte sua c’è. Poi se non c’è tra te e tua moglie. E fra lei e suo marito. solo attrazione, che è desiderio. poi si scopre che con tua moglie non va male, la desideri, non la ritieni solo una sicurezza della tua vita. Quindi non saprei. Considera tutto come fosse nuovo e non come un vecchio rimasticato. Perché è roba nuova, in fondo.

    Mi piace

  69. france said,

    @ Elisa

    se è un ex da mesi, potresti chiarire. se lo è da anni, non ha senso. Anzi è una mossa che fa capire la tua perversione a ripensare alle ragioni ormai sedimentate. Queste stesse perversioni a ripensare e a ricordare le ho da trenta anni. Quindi direi di non stare troppo bene. Certo che se dovessi ricontattare la persona ex non inizierei con le polemiche della ragione e del torto. Mi ripeto, far rivivere un rapporto vecchio è l’occasione di incontro di due persone sperabilmente nuove, con personalità variate. Nessuno resta come è stato. Non si sa se scatta di nuovo il desiderio. E se non scatta, ti prendi un altro rifiuto ? Masoch. e se non rischi non scatta nulla. E se magari avverti un’amica di fiducia che forse potresti avere bisogno di lei per sostenerti dopo una probabile frustrazione? Può essere un’idea per affrontare il periglio. Hola

    Mi piace

  70. elisa said,

    @ france Sono arrivata ad un punto della mia vita in cui mi sono inimicata troppe persone per un motivo o per un altro.. per esperienza personale so molto bene a cosa può portare la rabbia o in generale il desiderio di rivalsa..
    Lui l’ho sempre visto come un uomo attaccato al sesso, se gli proponevi l’incontro a tre ti faceva pure gli occhi a cuoricino.. non voglio ricontattarlo per cercare di riconquistarlo perché non sono minimamente interessata a questo obiettivo, al tempo mi innamorai di lui perché era bello ma i nostri caratteri non combaciavano per niente e dopo la rottura superato il dolore capi che non era quello giusto per me..
    Ora sono una donna vuole che non vuole vivere col terrore di dire: “Oh mio dio sto andando in quel posto dove c’è anche lui, e se lo incontro? e se mi sputa in faccia? e se questo e se quello? e se lo incontro per strada devo cambiarla col rischio di allungarla? proprio per questo cerco un chiarimento, un modo per dire poniamo fine al rancore, ti chiedo scusa se ti ho fatto soffrire e che ognuno vada per la sua strada serenamente..
    @ marisol Capisco quello che vuoi dire, ma il rimorso di non avergli potuto dire scusa per il male che gli ho fatto o che lui mi odi non mi fa andare avanti e non posso creare problemi alla mia relazione attuale.. d’altro canto anche lui è felicemente fidanzato e io non provo rancore o invidia per la compagna, vorrei che ci chiarissimo e ci salutassimo se per caso ci dovessimo incontrare ma d’altro canto dopo due anni chi lo trova il coraggio di scrivergli “ciao come va?” se non mi sputa mi insulta di sicuro.. avrei voluto una scusa accettabile

    Mi piace

  71. elisa said,

    Ps lui abita in un’altra città.. la stessa città dove mi trasferirò a breve per lavoro

    Mi piace

  72. elisa said,

    @marisamoles @ france
    Quindi mi consigliate di lasciar perdere?

    Mi piace

  73. marisamoles said,

    @ elisa

    Secondo me sì. Archivia definitivamente la faccenda e dedicati ad altri pensieri, più piacevoli. 🙂

    Mi piace

  74. Ixia said,

    Il “primo amore non si scorda mai”. Vero. “Ma è meglio non cercarlo”. Probabilmente è vero anche questo.
    Ma per tutti questi anni (ben 22) mi è capitato a volte di chiedermi “Chissà che fine ha fatto L.”? L’ho ritrovato ieri su Fb, non è stato facile ma a forza di mettere insieme gli indizi che trovavo…eccolo lì, e con il profilo pubblico. Ammetto che nel rivedere il suo viso, con qualche ruga in più e qualche capello bianco, ma fondamentalmente sempre lo stesso, il mio cuore una piccola capriola l’ha fatta. La definirei “emozione”, emozione per i bei ricordi con lui e quegli anni spensierati da 18enne: 600 km di distanza, le lettere, le telefonate, la sensazione che tutto potesse realizzarsi….L’amore di quegli anni, con il tempo ed altre esperienze, l’ho poi ridimensionato (lo sapete bene di che tipo di “amore” parlo, quello da farfalle nella pancia…) ma resta il fatto che ne ho un bellissimo ricordo e che mi è servito a crescere. Solo la fine non è stata bella, un “banale” “ho conosciuto un’altra ragazza” (detto per telefono) che mi ha fatto mettere la classica pietra sopra in quell’esatto momento. Col tempo sono arrivata ad apprezzare questa sua sincerità, detta in modo poco delicato, certo, ma almeno non ha raccontato bugie o mi ha presa in giro come invece poi successo da parte di “uomini” teoricamente adulti.
    In ogni caso oggi sono serena e felicemente in coppia e mai vorrei ricontattare il mio ex per riprendere una storia o cose simili. Oggi siamo altre persone, non più i ragazzini di allora. Resta il fatto che un posto nel mio cuore lui, ma come lui altri amici/amiche che hanno condiviso con me un pezzo di strada in questo mondo, ce l’avranno sempre.
    E come ho ricontattato (o mi hanno ricontattata) alcuni di questi amici (e in certi casi è stato come se non fosse passato nemmeno un giorno)….ecco che una parte di me (quella istintiva) vorrebbe scrivergli due righe, per salutarlo ed augurargli buona vita, l’altra parte (l’eterna razionale che alberga in me) mi dice “A che pro?”…….

    Mi piace

  75. Lorenzo said,

    Da quel che leggo sono l’unico ad aver vissuto la cosa in modo positivo, e’ stato il mio primo amore ben 25 anni fa, ad inizio anno incontro un amico comune che non vedevo da molto e che per un gioco del destino aveva incontrato un mese prima propio la mia ex, con cui aveva scambiato il contatto in wahatsupp, mi viene naturale chiederglielo e con timore, in fin dei conti non la vedevo,sentivo da 25 anni, mandargli un saluto.
    Saluto ricambiato e messaggio dopo messaggio ci siamo incontrati ed e’ iniziato una nuova storia (siamo tutti e due divorziati ), e sono sincero, molto piu’ bella della prima, a quei tempi avevo 18 anni ed ero immaturo, ora so invece come viverla .

    Mi piace

  76. marisamoles said,

    @ Lorenzo
    Auguri! Che tutto prosegua al meglio.

    Mi piace

  77. Melusina said,

    E cosa mi dite di un ragazzo di cui mi sono innamorata più di 10 anni fa mentre ero all’università: lui era un mio collega. Sono rimasta subito affascinata. Dopo qualche tempo gli ho fatto capire che stavo cominciando a provare qualcosa per lui che però è sparito nel nulla da un giorno all’altro senza neanche più salutarmi mentre ancora frequentavamo gli stessi corsi. Non l’ho mai più rivisto. La delusione è stata tanta. Fatto sta che tempo fa mi ha ricontattata su Fb (maledetto sia) dal nulla dicendomi che non mi aveva dimenticata e che all’epoca era scappato perché spaventato da certe sensazioni che gli avevo fatto provare. Lui all’epoca era fidanzato con la stessa ragazza con cui è stato per anni e che ha poi lasciato.
    Vi rendete conto di quanto sia assurdo tutto ciò? Cosa devo pensare? Io ho una storia da molti anni, ma il suo ritorno mi ha fatto vacillare non poco.
    Che senso ha?

    Mi piace

  78. marisamoles said,

    @ Melusina

    La tua testimonianza serve a confermare quello che ho già detto molte volte: quando una storia è finita da anni è bene archiviarla, non pensarci più. Certo, nel caso descritto non sei tu ad aver cercato il tuo ex, ma la regola (suggerimento?) vale lo stesso.
    Un consiglio? Ignoralo.

    Mi piace

  79. Sto per sposarmi, amo tantissimo il mio futuro marito, persona fantastica. Anche io ho un ex, il primo grande amore. Avevo 17 anni e credo di aver vissuto una storia lunga 3 anni e poi durata altri 3 solo nella mia mente e nel mio cuore. Ho sofferto tantissimo ma poi sono guarita. Con il mio ex dopo 7 anni ci siamo rivisti e risentiti. Lui era lì davanti a me, non con promesse e paroloni, ma era lì per me. Abbiamo allacciato una vera amicizia, ci siamo confidati e voluti bene. Poi ci siamo riallontanati. Io già stavo con il mio futuro marito, a cui ho detto di aver visto e risentito il mio ex. Grazie a questo incontro ho avuto la conferma che quell’amore che mi legava al passato, non era altro che un amore fatto solo di ricordi. La persone che eravamo non ci sono più e forse è un bene. Ma non vi nego che a due mesi dal matrimonio adesso, pur non sentendo più il mio ex, l’ho sognato… Mi diceva di non sposarmi… Ho avuto un turbamento.. Più che altro perché non capisco il mio subconscio cosa voglia comunicarmi… So di non amare il mio ex… So di amare il mio ragazzo.. Forse i ricordi certe volte tirano brutti scherzi… O forse una promessa fatta da due ragazzini davanti al primo amore è venuta a galla.. Perchè proprio quei due ragazzini si erano promessi di amarsi per tutta la vita e oltre… E che un giorno si sarebbero sposati per vivere felici e contenti. Fine

    Mi piace

  80. marisamoles said,

    @carlottinax85

    Bellissima questa tua testimonianza che conferma ciò che, in altri commenti qua sopra, ho detto.
    Sintetizzando (uso le tue parole):
    credo di aver vissuto una storia lunga 3 anni e poi durata altri 3 solo nella mia mente e nel mio cuore (a volte è proprio il ricordo, e il rimpianto, che non ci abbandona)
    ho avuto la conferma che quell’amore che mi legava al passato, non era altro che un amore fatto solo di ricordi.
    (appunto)
    Le persone che eravamo non ci sono più… (il che conferma che nulla sarà più come prima)
    non capisco il mio subconscio cosa voglia comunicarmi… So di non amare il mio ex (c’è una bella differenza tra ciò che il subconscio comunica – in modo più o meno esplicito e comprensibile – e ciò che la mente ci porta a credere)
    proprio quei due ragazzini si erano promessi di amarsi per tutta la vita e oltre… (quando l’amore è amore vero, ogni rapporto è per sempre, almeno nella fantasia. Ma, come si è detto, Le persone che eravamo non ci sono più, quindi quel rapporto di fatto non esiste più).

    Anche il tentativo di riallacciare un rapporto altro rispetto al precedente, fa parte del gioco. Ma, secondo me, non si potrà mai essere amici di un ex, quantomeno non per sempre. Infatti tu scrivi: Poi ci siamo riallontanati. Inevitabile, proprio perché un’amicizia non sarà mai equiparabile al grande amore che c’è stato ed è proprio questa consapevolezza a farci allontanare, spesso in modo indolore, da chi abbiamo amato molto.

    Mi piace

  81. La ringrazio per la risposta. Lei ha proprio ragione. In fondo anche io ne sono consapevole. Tirando le somme, le nuove responsabilità che dovrò affrontare e le paure per il matrimonio mi hanno fatto ricordare un passato fatto solo di amore e di libertà. Sono felice però perché anche se dovrò affrontare tutto questo, lo farò mano nella mano con l’uomo che amo. Il passato farà parte di me senza più fare male, ma come un caro ricordo.

    Liked by 1 persona

  82. pincopanco1 said,

    Dopo 48 anni vorrei vedere cosa fa, come è, il mio amore il primo e fu per entrambi e lo fu per 2 anni mi auguro che potrebbe succedere di pensarla molto di meno meglio se mi sparisse, perché è sempre presente il ricordo.Lei disse di rimanere amici, io rifiutai.

    Mi piace

  83. marisamoles said,

    @ pincopanco1

    Bello il tuo commento. Peccato che l’indirizzo e-mail sia fasullo. Forse 48 anni fa lei non ha apprezzato il tuo coraggio…

    Mi piace

  84. Srbv89 said,

    Salve a tutti, cercando su Google mi sono imbattuta su questo blog, al che mi trovo in una situazione dove non so come comportarmi. Il mio ex si è fatto vivo dopo 8 anni e mi ha scritto su Fb per farmi gli auguri per il nuovo anno e poi si è rifatto vivo un mese fa, io per curiosità gli ho chiesto della sua vita, dato che io stavo attraversando un periodo non molto allegro con mio marito, così abbiamo continuato a chattare di fb, quando poi il giorno seguente mi son detta di scrivergli su whatsapp dato che so il suo numero a memoria. Gli ho parlato della mia vita sentimentale e di come abbia trascorso questi ultimi anni dopo che lui mi ha lasciata, e anche del fatto del periodo che sto attraversando con mio marito. Parlando del più e del meno se ne uscito dicendomi che ogni tanto va a vedere le mie foto per fb e mi ha proposto di incontrarci, cosa faccio? Help!!! Premetto che io non l’ho mai scordato è stato il mio unico grande amore e che l’ho conosciamo all’eta di 19 a mi e lui ne aveva 20, e mi lascio per colpa di mia madre che si opponeva alla nostra relazione

    Mi piace

  85. marisamoles said,

    @ Srbv89

    «io stavo attraversando un periodo non molto allegro con mio marito». Hai detto tutto. I ricordi del passato, la nostalgia, i rimpianti sono sentimenti che entrano di prepotenza nella nostra vita quando qualcosa non va.
    Sta a te decidere cosa fare ma tenendo ben presente che, se la tua vita fosse del tutto appagante, questo desiderio non si sarebbe fatto sentire. Se fossi in te, tenterei di aggiustare le cose con tuo marito, dato che un incontro con l’ex potrebbe anche essere una delusione. Il tempo passa, le persone cambiano, il rischio di trovarti di fronte un’altra persona rispetto a quella che ricordi, è concreto.

    Mi piace

  86. Lino48 said,

    Ciao. Sarebbe lungo raccontare la mia storia. Sono successe tante cose. Ho avuto una moglie,deceduta nel 2005 per un’aneurisma cerebrale. Mi sono rifatto una vita. Non mi sono arreso. Oggi ho una moglie e due bambini piccoli. Due anni fa ho scoperto che mia moglie,quella attuale,ha avuto delle storie di sesso con un altro. Io la amo e l’ho perdonata. Ma sapete…in mezzo a tutto questo…i ricordi di un amore di 25 anni fa mi straziano la mente e l’anima. Una storia finita nel 1991 in un modo brutto. Eppure io non ho mai dimenticato. Posso dire che lei è sempre stata nel mio cuore,da qualche parte. Non l’ho mai cercata. Ho sempre pensato fosse meglio così e accettare che fosse finita. Eppure….la verità è che per me non è mai finita. Recentemente l’ho ritrovata su facebook. Lei ancora non risponde alla mia richiesta di amicizia. Ma anche lo facesse…non saprei cosa fare. So che lei è stata sempre con me…nei pensieri…

    Mi piace

  87. marisamoles said,

    @ Lino48

    Se lei rispondesse e tu non sapresti che cosa fare, allora forse è meglio mantenere il bel ricordo, anche se velato di nostalgia, del tempo che fu.
    Se ami tua moglie, nonostante il tradimento, credo che la cosa più giusta sia dedicarsi anima e corpo alla famiglia. Non capita a tutti di perdonare e cercare di ricominciare (mi riferisco al matrimonio attuale): ci vuole coraggio, forza di volontà e amore. Vorresti buttare all’aria ciò che hai ricostruito per una storia di tanti anni fa che non potrebbe essere comunque più la stessa, ora come ora?

    Coraggio. E grazie per la bella testimonianza.

    Mi piace

  88. Lino48 said,

    Sai…eppure…muoio per lei…Ma come è possibile non dimenticare?

    Mi piace

  89. marisamoles said,

    @ Lino48

    Onestamente non lo so. Il ricordo e l’oblio dipendono non tanto dalla nostra mente quanto dalla nostra anima. Sono esperienze che ognuno vive a suo modo proprio per questo.

    Mi piace

  90. Lino48 said,

    Ciao. Mi ha risposto. E..come mi ha detto che ha pensato a me tante volte in questi anni. Incredibile. Irreale. Non ho parole…Aiuto!

    Mi piace

  91. marisamoles said,

    @ Lino48

    Penso che in casi come questi l’unica persona su cui puoi confidare sei tu. Com’è che si dice? “Aiutati che il ciel ti aiuta”.

    Mi piace

  92. Lino48 said,

    Eccomi di nuovo. Oggi la incontro. 220km di strada…Ci ho pensato molto…non posso non vederla. Questa è una storia e una donna a cui penso da 25 anni. Non avevo mai immaginto e neanche sperato di poterla rivedere. Non so cosa succederà e non programmo nulla. Devo vivere questa cosa…Non posso rinunciare e stare quì a chiedermi per il resto della mia vita come sarebbe stato e cosa sarebbe successo. Non ho altri 25 anni…Se Dio ha permesso che ci ritrovassimo ci sarà pure un motivo.

    Liked by 1 persona

  93. franz said,

    1) come te da 30 anni penso e sogno ad un amore finito durato 5 anni. Allontano ogni occasione per rivederla in quanto credo ne rimarrei sopraffatto se dovessi essere rigettato
    2) non è Dio che ha permesso che vi vedeste, a parte che non credo in dio, non è stato nemmeno il caso, o una sincronicità.
    3) le probabilità che una storia vecchia risorga sono poche e comunque presupposto credo debba essere il considerare la persona e la relazione come fossero nuove e sconosciute, estranee, senza rimandi emozionali. non è facile
    4) dopodiché, sapendo che spesso diventano un inferno questi nuovi amori, provaci se ne sei proprio convinto. Mi soffermerei sul fatto che pur avendo una nuova vita sentimentale, ti ributteresti nelle braccia di una donna diversa dall’attuale. per ripicca, per assenza di attrazione o cosa ? Datti una risposta
    un abbraccio

    Mi piace

  94. Lino48 said,

    Dio mio….ora lo so…è sempre stata lei…per sempre lei. È stato bellissimo rivederla. Abbiamo parlato molto. Ci siamo abbracciati e guardati negli occhi. Ci siamo baciati….davanti alla chiesa di San Michele in bosco. Non so cosa succederà e non ho preteso nulla, se non che fossimo tutti e due presenti l’uno all’altra. Sono col cuore in subbuglio e mi sento bene. Tutto è difficile ora anche di più, ma sono felice di aver deciso di vederla.

    Mi piace

  95. Lino48 said,

    No, nessuna ripicca. Nessuna vendetta. Lei è sempre stata lei. Scomparsa e irraggiungibile per me per 25 anni. Una storia finita senza aver trovato una maturità e per cause esterne. Il solo rimando emozionale è che penso a lei da 25 anni. Se avessi saputo che era possibile rivederla, avrei preso decisioni diverse sulla mia vita. Come potrei ora ignorare quello che sento? Come potrei vivere e chiedermi per il resto della vita come sarebbe andata? Dopo malattie, morti e tradimenti….no, non potrei……

    Mi piace

  96. Lino48 said,

    Non mi sentivo così da…non lo so neanche io! Lei mi pensa e mi vuole bene! Anche per lei una onda di emozioni ha spazzato via tutto il resto. Non mi ero sbagliato mai con lei! 25 anni fà non ero in errore e chi ci ha separati ci è riuscito solo perchè eravamo io troppo ingenuo e lei troppo ragazzina. Ma oggi…oggi è un nuovo giorno!

    Mi piace

  97. marisamoles said,

    @ Lino48

    Sono contenta per la gioia che manifesti, anche se rimango dubbiosa circa i risvolti che questo nuovo incontro potrebbe avere. Specialmente pensando alle questioni familiari che hai descritto. Comunque, goditi questo momento di felicità pensando a cosa può portare con sé questo nuovo giorno.

    Mi piace

  98. @Lino48 Si viva questo momento senza pensare a nulla, a come andrà, alle aspettative che ha e che ha nutrito tutta una vita dentro di sé, perché certe volte siamo tanto idealisti e la realtà molto spesso ci delude… Le auguro di vivere questo momento solo con tanta emozione e gioia… E poi il resto verrà da sé. In bocca al lupo

    Liked by 1 persona

  99. Lino48 said,

    Grazie della vostra comprensione. Non faccio castelli e mi godo il momento. Accadrà quello che deve accadere. Dopo lutti e tradimenti….è come un dono di Dio. Certo…l’ondata di emozioni è completamente irresistibile. Non avrei mai creduto di potermi sentire così.

    Mi piace

  100. Lino48 said,

    Ecco..le novità…Mia moglie ancora mi tradisce…scoperto ieri. Non ha mai smesso. A questo punto…avendola già perdonata una volta..che scelta potrei mai avere?! Accada quello che deve. Io mi lascio andare al mio grande amore. Non credo di poter fare altro!

    Mi piace

  101. Lino perdona se puoi la mia sincerità, ma per come la vedo io, non ha importanza se tua moglie ti tradisce o meno, diciamo che inconsciamente (forse anche coscentemente) hai cercato un motivo, un pretesto per non sentire i sensi di colpa nel tradire tua moglie, ma il tradimento già è avvenuto nel momento in cui hai provato questo grande trasporto verso il tuo grande amore

    Liked by 1 persona

  102. franz said,

    secondo me è una telenovela nemmeno tanto verace, mi sbaglierò

    Mi piace

  103. Valentino said,

    Cara Cenerentola. Un po scorretto tuo ragionamento. Non fai altro che girare “l’immagine” da un angolo diverso. Perché invece non si debba accettare il punto di vista di Lino? Perché non si può ammettere che le nuove emozioni che vive il nostro amico possano essere proprio in seguito ad una delusione che straccia l’anima?
    Che poi… se ho detto “delusione” mi sembra limitato, visto che autore dichiara di essere “ancora” tradito. A questo punto, quando esso avrà diritto di rifarsi una vita? O magari… soltanto sognare ad un vero amore? Bisogna aspettare altri (quanti?) tradimenti? Qual’è il numero che ci da diritto di pensare a ricominciare?
    Perché, non se se ha fatto caso, ma Lino sta pensando ad un “tradimento”, mentre lui lo subisce già.
    P.S. Caro Lino. Scusa la mia introduzione ma seguo da tempo il tuo caso con emozione crescente. Non so se sono sul giusto ma…… BUTTATI. Fallo. Senza se e senza ma. Hai anche tu il diritto a la felicita. Magari non succederà quello che sogni. Ma almeno….. uscirai fuori dal incubo. Se mi capisci.

    Mi piace

  104. Caro Valentino, io scrissi prima di questo ultimo commento

    @Lino48 Si viva questo momento senza pensare a nulla, a come andrà, alle aspettative che ha e che ha nutrito tutta una vita dentro di sé, perché certe volte siamo tanto idealisti e la realtà molto spesso ci delude… Le auguro di vivere questo momento solo con tanta emozione e gioia… E poi il resto verrà da sé. In bocca al lupo.

    Questo dimostra che io non sto dalla parte della moglie che tradisce, io in generale non sto dalla parte di chi per giustificare un tradimento, dice di commettere adulterio perché tradito. Preferisco la sincerità sempre.. Ma non punto il dito ne’ condanno, volevo solo far riflettere Lino, facendogli capire che nel momento in cui ha sentito quel forte trasporto verso quell’amore del passato, anche solo con il pensiero aveva già tradito. Perché il tradimento non è solo fisico come molti pensano, già pensare qualcuno diverso dal coniuge con desiderio, con il battito del cuore accelerato e soffrire per lui è già tradimento. Nonostante questo posso solo ripetere a Lino quello che dissi tempo fa, di viversi questo momento senza pensare a cosa succederà, però se hai la certezza che tua moglie ti tradisce, perché non affrontare la cosa e darvi la possibilità di ricominciare una nuova vita nel rispetto di ciò che è stato, senza incrinare i ricordi e senza farvi del male a vicenda, magari non oggi.. Ma pensaci.

    Liked by 1 persona

  105. lino48 said,

    Eccomi di nuovo. Ci siamo presi del tempo. Anche lei ha necessità di risolvere alcune cose della sua vita. Vediamo cosa porta il futuro. Una sola cosa è certa ed è che tutti e due non vogliamo più perderci. Poi sul tradimento…..beh io l’ho vissuto e perdonato. Non ho bisogno di nessun insegnamento al riguardo. Non mi posso addestrare nei particolari, ma, nel mio caso, il tradimento è stata una scoperta terribile. Io non ho cercato nessuna avventura. Non ne sarei neanche capace. Io fatto è che lei, la donna di 25 anni, è lei. Solo perché è lei. Non è vendetta. Non è rivalsa. Non è avventura. È lei. Forse non riesco a spiegarmi. Non avrei cercato nulla, se non avessi ritrovato lei. Ho riflettuto per 7 mesi su cosa fosse giusto fare, dopo aver visto il suo profilo. Ora….dopo averla vista….so che non posso più perderla. Vediamo cosa succede nei prossimi mesi. Nessun passo improvviso. Nessuna pazzia…..se non l’amore.

    Liked by 1 persona

  106. Ciao a tutti. Ho letto gran parte dei vostri commenti. Per un nuovo programma tv sto cercando persone a cui piacerebbe incontrare il “primo vero amore”. Se vi va mi piacerebbe conoscervi. Il mio recapito è 3931370009. A presto.

    Mi piace

  107. marisamoles said,

    @ vittorio ripoli

    Accolgo e diffondo. Grazie.

    Mi piace

  108. Io non l’ho mai scordata. Sono anni che le povere malcapitate che mi hanno affiancato hanno subito talvolta quello che io chiamo transfert. Ho sbagliato, lo so. Vorrei rivederla, ma sò che è sposata da un pò di anni. Siamo stati l’uno il primo amore dell’altro, finchè io partii per lavoro due anni dopo (avevo 18 anni all’epoca, lei 16) mandando tutto all’aria. E’ ricomparsa anni dopo ma io convivevo ed avevo una figlia,e a quel nostro incontro non ne seguii un altro. Sò che insegna in una scuola di ballo, vorrei fare qualcosa ma ho paura.

    Mi piace

  109. marisamoles said,

    @ Tinklit – G. Guerrrieri

    Potresti prendere qualche lezione di tango… 🙂
    Battute a parte, se hai paura (e credo sia quella di essere respinto, altrimenti ti butteresti), meglio lasciar perdere. Ho già detto come la penso in molti commenti, non voglio ripetermi.
    Grazie per il commento e fammi sapere…

    Mi piace

  110. Io vorrei andare a trovarla, non mi manca il coraggio. Io sento di voler andare. Tra i miei intimi c’è chi ha auggerito potrebbe essere peggio, ben che clvasa, il fatto che lei voglia accettare di restare amici. Non posso stare qua, bloccato.

    Liked by 1 persona

  111. marisamoles said,

    Come diceva Susanna Tamaro, “Va’ dove ti porta il cuore”. ❤

    Liked by 1 persona


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: