13 gennaio 2010

20 PAROLE POSSON BASTAR … PER I NOSTRI GIOVANI

Posted in adolescenti, attualità, scuola tagged , , , , a 12:04 am di marisamoles

Secondo una ricerca inglese, condotta da Tony McEnery, professore di Linguistica alla Lancaster University, le nuove generazioni usano un linguaggio ridotto all’osso, per quanto riguarda il lessico. Nonostante il loro dizionario si attesti intorno ai quarantamila termini noti, alla fine nelle loro conversazioni si limitano all’uso di trecento parole al massimo. Non solo, i vocaboli più ricorrenti negli scambi con i coetanei via web sarebbero solo venti.

La reazione della neo-consulente del governo britannico per le politiche sulla comunicazione giovanile, Jean Gross, è di seria preoccupazione. Il motivo? I giovani, sostiene la Gross, usano una comunicazione essenziale, fatta perlopiù di sigle, come accade per gli sms. “Ma devono capire che ottocento parole non sono sufficienti per conquistare un lavoro e avere successo nella vita”, conclude.
Sentendo come si esprimono i teenager, sembra di essere di fronte a messaggi in codice, anche perché spesso gli argomenti preferiti sono quelli che ai meno giovani sono del tutto sconosciuti. Il linguista David Crystal ha osservato, sulle pagine del Times: “Tanta gente non capisce come i giovani possano avere un vocabolario per parlare di hip-hop e non per discorrere di politica. Il fatto è che i ragazzi sviluppano un frasario articolato per parlare di ciò che piace a loro. Ed è un vocabolario che gli studiosi non sono ancora riusciti a misurare”.

Ma la situazione per quanto riguarda i giovani italiani com’è? Non molto diversa, parrebbe. Ed effettivamente quando correggo i compiti di italiano e mi trovo di fronte ad espressioni gergali o a sigle come “xke”, ne ho la conferma. Quello che più sconvolge è osservare la faccia che fanno quando si fa notare loro che un tema dev’essere graficamente curato e scritto con un linguaggio formale, non quello che si può usare, ad esempio, per parlare del più e del meno in compagnia di amici. Be’, la loro faccia è sempre stupita, qualche volta anche contrariata. Quando, poi, osservo che dimostrano delle difficoltà espressive notevoli, sia nello scritto che nel parlato, ho l’impressione che non se ne rendano conto o che comunque accettino il fatto come se rientrasse nell’ordine naturale delle cose. In altre parole, si chiedono: che ci possiamo fare? Loro, quindi, il problema non se lo creano ma io devo rimboccarmi le maniche.

La cosa tragica è comunque un’altra: se usano nel parlato e nello scritto un lessico ristretto, come fanno a capire quando ascoltano una lezione o leggono un libro di testo? Se gli si dice di aprire un dizionario, uno di quei tomi voluminosi contenenti diversi lemmi, diligentemente spiegati, in ordine alfabetico, sgranano gli occhi pensando, probabilmente, a tutta la fatica che dovrebbero fare. La stessa cosa succede quando li vedo arrivare a scuola senza il vocabolario il giorno in cui è fissato una verifica di italiano. Il vocabolario? Ma pesa troppo e occupa tutto lo zaino! Quindi si lascia a casa.

Io credo che i giovani d’oggi siano dei grandi risparmiatori: risparmiano i vocaboli e pure le forze, evitando tutto ciò che costa fatica.

N.B. Ogni riferimento ai miei attuali allievi è puramente casuale.

[fonte: La Repubblica]

ANNA SCRIGNI

Storie di Viaggi e di Città

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, buone e cattive, di temi originali e copiati, di studenti curiosi e indifferenti, autodidatti e eterodidatti, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: