5 aprile 2014

PRENDE UNA MULTA PER BESTEMMIA E PROTESTA: “CREDEVO DI VIVERE IN UNO STATO LAICO”

Posted in cronaca, famiglia, figli, legalità, Legge, religione, società tagged , , , , , , , , , , , a 1:37 pm di marisamoles

automobilistaE’ il 27 marzo scorso. Nel pomeriggio sull’autostrada A4 si forma una lunga coda di autovetture a causa di un camion che, con uno pneumatico bucato, non può proseguire la marcia. Stufo di attendere, a un ragazzo modenese di 23 anni scappa una bestemmia ad alta voce. Come spiegherà in seguito, l’esternazione era dovuta a un dolore che si era procurato sbattendo con rabbia il polso (mezzo ingessato a causa di una caduta con lo snowboard) sulla leva del cambio.

Fatto sta che una pattuglia della Stradale sente la bestemmia, raggiunge l’autovettura, opera i controlli del caso e rilascia regolare contravvenzione: 56 euro per il mancato uso delle cinture di sicurezza da parte dei viaggiatori seduti sul sedile posteriore e 28 euro per omessa esposizione del contrassegno di assicurazione (pur risultando regolarmente pagata!). Ma non è finita qui.

A quei poliziotti la bestemmia non era piaciuta. Invocando l’articolo 724 del Codice penale “Bestemmia e manifestazioni oltraggiose” è stata comminata al giovane anche una sanzione di 102 euro. Ma il 23enne non ci sta, anzi, non proprio lui ma un compagno di viaggio ha scritto una lettera alla redazione del quotidiano friulano Messaggero Veneto, manifestando il suo disappunto:

«Desidero informarvi – si legge nella mail – di quanto avvenuto giovedì all’altezza del ponte sul Tagliamento (…), dove la Stradale ha multato una delle nostre auto – eravamo un gruppo di 8 persone, amici modenesi e ferraresi, e ci stavamo dirigendo verso l’Austria a bordo di due macchine – perché uno di noi, esasperato dalla coda, ha bestemmiato dall’auto che, per il caldo, aveva il finestrino abbassato. Gli agenti hanno sentito e hanno multato il ragazzo per 102 euro, adducendo come motivazione che “bestemmiava ad alta voce contro le divinità ovvero i simboli religiosi dello Stato”. Ora: tralasciando il discorso sull’inopportunità della bestemmia (vorrei vedere voi, in coda…), io credevo di vivere in uno Stato laico».

Naturalmente il ragazzo sta pensando di fare ricorso contro l’ingiusta, a suo parere, ammenda.

Io ricordo che una volta anche sugli autobus campeggiava la scritta “Vietato bestemmiare” e l’Italia è da sempre uno Stato laico. Qui in Friuli, purtroppo, la bestemmia è un intercalare molto diffuso, tanto che quasi quasi l’orecchio è assuefatto. Ma rimango dell’idea che, al di là di qualsiasi motivazione religiosa, bestemmiare debba essere considerato un comportamento incivile e purtroppo sta dilagando tra la gioventù, ragazze comprese. Forse anche a casa i genitori hanno l’orecchio assuefatto. Ma, a meno che non abbiano anche la mano rattrappita, un bel ceffone ai figli potrebbero pure tirarglielo.

[L’IMMAGINE tratta da questo sito NON SI RIFERISCE ALLA NOTIZIA RIPORTATA]

Annunci

7 commenti »

  1. Valentina said,

    Non lo so, Marisa. Qua da me le bestemmie non si sentono proprio, per fortuna, né come intercalare, né come offesa manifesta al credo altrui. Non ci siamo abituati. Comunque, in uno stato laico, e quindi pieno di persone che per scelta propria non credono, la bestemmia dovrebbe essere considerata quasi al pari di una normale parolaccia, credo. No? Altrimenti in Friuli scatterebbero multe su multe, se, come dici, è normale sentirle.
    Non la sto giustificando, affatto, perché a me sentire anche solo mezza bestemmia fa impressione, però fare una multa mi sembra eccessivo. Ma sul fatto che sia incivile siamo d’accordissimo.

    Mi piace

  2. tachimio said,

    Come non darti ragione? Comportamento incivile, grossa maleducazione e nessun rispetto per chi non condivide la bestemmia come reazione dovuta foss’anche per mille ore di fila. Ci sono modi e modi per manifestare la propria rabbia per situazioni poco sopportabili cara Marisa., non è così forse? Un abbraccio. Isabella

    Mi piace

  3. Trovo intéressante il fato che ci fosse una pattuglia della Stradale. Di solito la si incontra negli Autogrill!… almeno nella tratta di 300 e passa chilometri che qualche volta faccio.
    La multa per la bestemmia? Hanno fatto benissimo.
    Ciao Marisa.
    Quarc

    Mi piace

  4. Diemme said,

    Complimenti ai vigili! Ce ne fossero di più come loro, forse a poco a poco torneremmo una nazione civilizzata. Certo, prima di arrivare ai vigili, dovrebbe essere la famiglia a impartire un’educazione, ma se tanto mi dà tanto… magari i genitori bestemmiano quanto e più di lui, e il desco familiare potrebbe essere proprio il luogo in cui le ha imparate!

    Mi piace

  5. maryonn said,

    Io sono assolutamente contraria a parolacce e bestemmie. Non sono credente, per cui la bestemmia per me non ha nessun significato ma mi da fastidio lo stesso proprio per questo, se non ha significato perché bestemmiare? Infatti io noto che chi lo fa di solito crede, chi come me non ha fede di solito non bestemmia, anche se non è una regola. Detto questo, trovo che la multa può andar bene per cinture o altro, ma per una bestemmia è assurda.

    Mi piace

  6. frz40 said,

    Dura lex, sed lex. Giusta? Eccessiva? Certo è che offende e più paletti si tolgono, più le cose peggiorano.
    E poi, che diamine, non sarà stata UNA sola bestemmia, non credi?

    Mi piace

  7. marisamoles said,

    @ TUTTI

    Chiedo scusa per il ritardo con cui rispondo ma in questo periodo sono piuttosto occupata e distratta. 😦

    @ Valentina

    E’ il Triveneto l’area italiana in cui le bestemmie sono più diffuse e ti posso assicurare che la religione c’entra poco: conosco gente che bestemmia abitualmente e va a messa tutte le domeniche. 😦
    Comunque secondo me se quell’articolo del Codice penale non è stato abrogato, chi trasgredisce è sempre in torto. Poi è un fatto che di questo genere di multe non se ne sente parlare mai, o quasi.

    @ tachimio

    Concordo, cara Isabella. Ripeto: non è questione di religione è proprio un fatto di civiltà. L’altro giorno camminavo per strada accanto a un musulmano che parlava al cellulare nella sua lingua e a un certo punto ha intercalato nel discorso una bestemmia in perfetto italiano. Credevo che il nostro Dio e Allah fossero la stessa persona. 🙄
    Ciao, cara. Un abbraccio.

    @ quarchedudepegi

    Ahahah! certo che trovare una pattuglia in autostrada è un evento raro!
    La multa giusta? Come principio sì ma forse un po’ esagerata. Andassero in centro a multare tutti quelli che sostano in doppia fila …
    Ciao, quarc. Un abbraccio.

    @ Diemme

    Un po’ troppo zelo, forse. L’educazione? Ha la sua importanza ma, almeno qui, la bestemmia è talmente diffusa che credo sia anche questione di compagnia. Certo, se in famiglia scappa qualche bestemmia (non credo, infatti, che i ragazzi lo facciano liberamente), potrebbe anche scappare qualche ceffone ma ci sono anche quei genitori che ritengono più opportuno parlare con i figli …

    @ maryonn

    Come ho scritto sopra, le bestemmie sono diffuse anche nelle case dei credenti, che ogni domenica vanno a Messa. Non è una questione di dare o meno un significato, è proprio un’abitudine tanto radicata da essere difficile da estirpare. Almeno qui.
    Anch’io trovo la multa un po’ eccessiva, per le ragioni che ho esposto sopra. Poi mi chiedo: ma se è un’infrazione al codice penale non dovrebbe scattare una denuncia? Non so, la faccenda della multa non mi convince e credo che, al di là del comportamento riprovevole del giovane, abbia ragione a fare ricorso.

    @ frz

    Non so se è stata una oppure una raffica, comunque, come ho già spiegato, forse quel poliziotto è stato un po’ troppo zelante.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: