Analisi del 2014 by WordPress

Come ogni anno, WordPress mi ha inviato il report sull’attività del blog nell’anno appena concluso. Mi piace condividere con voi quest’analisi, ringraziando tutti i lettori e commentatori assidui che hanno contribuito a rendere “grande” e speciale questo piccolo spazio.

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2014 per questo blog.

Ecco un estratto:

Il Museo del Louvre riceve 8,5 milioni di visitatori ogni anno. Questo blog è stato visto circa 250.000 volte nel 2014. Se fosse un’esposizione al Louvre, ci vorrebbero circa 11 anni perché lo vedessero altrettante persone.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Diario di viaggio: Treviso, Verona, Trieste

Il bello del web è che, quando hai la fortuna di incontrare di persona un’amica di blog, scopri che è esattamente come te l’aspettavi, come se la conoscessi da sempre. A me è successo con Veronica – Scrutatrice, ragazza dolce e simpatica, oltreché bellissima.
Non perdetevi la cronaca di viaggio … l’ultima tappa è stata la mia città natale, Trieste, dove ho avuto il piacere di farle da Cicerone. Quello che lei non ha detto, lo dico io: è stato un tour piacevole ma molto faticoso. La mia città è tutta un sali-scendi e finché si scende, tutto bene, ma quando si sale … son dolori! Ne sanno qualcosa i miei polpacci e i miei glutei. Unica nota positiva di cotanta fatica: ho smaltito uno dei due chili messi su a Pasqua. C’è qualcuno che vuole farsi un giro dalle mie parti nelle prossime settimane? Devo smaltire il chilo che è rimasto. 🙂
Buona lettura!

Into The Wild

Primo giorno, domenica.

Dopo la tradizionale colazione di Pasqua (nel senso che è tradizione farla, non che la mia colazione sia stata la tradizionale colazione salata), montiamo in macchina con destinazione Veneto. Il viaggio di andata è quello che ogni automobilista desidererebbe: strade ampie, corsie vuote, niente camion e persino le stazioni di sosta deserte (ci credo, tutti “zampe sotto il tavolo” la domenica di Pasqua…)! Ci viene in mente il verso di una famosa canzone: “autostrade deserte, ai confini del mare…” Ma non ci stiamo dirigendo verso il mare, anzi. La nostra base durante questi quattro giorni sarà Preganziol, una piccola frazione di Treviso, cittadina che scopriremo essere davvero deliziosa. Arrivati a destinazione, DSC_2sistemiamo le valigie, facciamo un giro di ricognizione nell’appartamento (accompagnato dalle rituali foto ricordo della sistemazione!) ed usciamo per visitare il centro di Treviso.
La provincia veneta ha la particolarità di essere…

View original post 1.997 altre parole

EBBENE SÌ: CINGUETTO ANCH’IO

twitter
Ebbene sì, Twitter mi ha convinta. Da venerdì scorso cinguetto anch’io.

Era da tanto che ci pensavo ma il mio più volte declamato odio nei confronti dei social network mi ha sempre frenata. Facebook non mi avrà mai … dovessi cadere nella trappola, siete autorizzati a sputtanarmi pubblicamente. 😉

Insomma, tra Twitter e Fb ho scelto il primo. Mi ha sempre ispirato più simpatia. Non so perché, ma penso che Fb sia più adatto a chi vuole cazzeggiare mentre chi twitta ha cose serie da dire e ha il piacere di condividerle. Forse mi sbaglierò ma questa è la mia impressione confortata da due giorni di frequentazione del social.

Ora sono qui a chiedervi, amici miei, di postare i vostri indirizzi twitter, sempre che la cosa vi faccia piacere. Per ora ho rintracciato solo due di voi: Valentina (Alius et Idem) e Ester (EsPress451). Mi piacerebbe avere tra i miei following anche gli altri amici di WP che cinguettano. Lo dico per chiarire: lo scopo del post non è quello di aumentare il numero dei follower quanto di seguirvi io. 🙂

UN PREMIO SCINTILLANTE PER ME: SHINE ON AWARD

shine-on awardRingrazio Michele (che fa il prof!) per questo premio scintillante che non credo di meritarmi, almeno in questo momento, visto che la mia vita è tutt’altro che scintillante e io non brillo affatto per entusiasmo. Ma un premio è pur sempre la dimostrazione della stima degli amici blogger, quindi lo accetto volentieri e mi accingo a seguire le regole che sono:

1- Inserire il logo dell’award sul fronte del post (fatto)
2- Riportare il nome del blog che ti ha nominato (fatto)
3 – Rispondere alle domande su noi stessi
4 – Nominare altri 15 blogger per lo Shine on award, notificandone i link per i rispettivi blog (uhm … mi sa che questa la salto)
5 – Far sapere ai blogger designati che hai pensato a loro per la nomination (idem)

Bene, veniamo alle risposte:

1) Perché hai iniziato questo blog? L’ho spiegato in occasione di un altro premio: all’inizio doveva essere semplicemente uno strumento utile per passare dei materiali scolastici ai miei studenti, poi però, dato che scrivere è sempre stata una delle mie più grandi passioni, ci ho preso gusto e questo blog è diventato un contenitore di notizie e riflessioni non sempre attinenti al mondo della scuola. Ciò mi ha spinta, tre anni fa, ad aprire il secondo blog, laprofonline, interamente dedicato alla scuola. In questo modo qui mi sento più libera di parlare di me, di esprimere le mie emozioni, insomma questo blog è diventato un po’ più personale anche se ho la tendenza a rimanere sempre un po’ abbottonata.

2) Qual è la cosa più importante della tua vita? La mia famiglia, senza ombra di dubbio. I miei figli, prima di tutto.

3) Il cibo di cui non puoi fare a meno. I dolci, di qualsiasi genere. Mi sono adattata pure a quelli dietetici, ahimè. Ma senza non ci posso stare.

4) Il tuo posto del cuore. Trieste, la mia città natale. Anche se dove vivo mi trovo benissimo, la propria città rimane sempre nel cuore, specialmente dopo tanti anni (più di 28, nel mio caso).

5) Come ti vedi nei prossimi 10 anni? Cerco di non vedermi ma senza dubbio sarò ancora in cattedra, con poca voce (le mie corde vocali sono messe a dura prova ogni giorno) e pochissima pazienza. Poveri i miei futuri studenti!

6) Tre delle cose senza le quali non esci mai di casa. Le chiavi di casa, il telefonino e la trousse contenente rossetti, trucchi (be’, la vanità non è un difetto!) e un piccolo block-notes. Dovrei avere sempre in borsetta gli occhiali ma alla presbiopia non mi arrenderò mai …

7) Una citazione che ti caratterizza. Una di Pasteur: “Non è la professione che onora l’uomo ma l’uomo che onora la professione”.

Ora chiedo scusa ma glisso sulle nomination. I miei blogamici sono tutti meritevoli e a tutti dedico questo premio invitando chi lo desidera a rispondere alle domande nello spazio commenti.

2013 in review by WORDPRESS

Come ogni anno WordPress mi ha inviato il rapporto annuale che con piacere condivido con i miei lettori.

BUONA LETTURA E … GRAZIE A TUTTI VOI PER LA PREFERENZA CHE ACCORDATE AL MIO BLOG!

The WordPress.com stats helper monkeys prepared a 2013 annual report for this blog.

Here’s an excerpt:

The Louvre Museum has 8.5 million visitors per year. This blog was viewed about 250,000 times in 2013. If it were an exhibit at the Louvre Museum, it would take about 11 days for that many people to see it.

Click here to see the complete report.

PUBBLICITÀ NON GRADITA SU WORDPRESS: CHE FARE?

pubblicita-no-grazie
Oggi, per puro caso, ho scoperto che i miei lettori, in calce ai post, si ritrovano delle immagini pubblicitarie per visualizzare le quali non ho mai dato alcun consenso.
Anzi, pur sapendo che potrei inserire degli spazi pubblicitari e guadagnarci, non ho mai pensato di “aprire” le porte dei miei blog alla pubblicità perché questi spazi web sono per me un luogo di relax e non un’attività a scopo di lucro.

Ma come ho scoperto tutto ciò? In primo luogo, visionando un articolo sul blog, dalla mia pagina di amministrazione, ho notato la comparsa di un riquadro con questa scritta:

Occasionally, some of your visitors may see an advertisement here.

Allora ho aperto un altro motore di ricerca e ho avuto l’accesso al blog principale come un qualsiasi altro lettore. Al posto del riquadro con l’avvertimento, ho trovato una pubblicità di un gioco. Su un altro articolo ne ho trovato uno diverso e ancora una pubblicità di fotolibri.
Nella parte superiore dei riquadri ho poi notato una scritta che invitava a saperne di più e sono arrivata su questo sito in cui ho trovato scritto il seguente testo:

Prevent distractions, control your message
Our text ads are simple and unobtrusive, but sometimes even that’s too much. This upgrade will make sure that your voice is the only one your visitors will hear.

Complement your other upgrades
If you’re using the Custom Design upgrade to control your site’s appearance, the No Ads upgrade will keep ads from intruding on your design.

The VideoPress upgrade lets you show HD videos without ads or interruptions. Get the No Ads upgrade to give the rest of your site the same treatment.

What you’ll get with this upgrade
■Hide all our ads on your site. To keep our free features free, we sometimes show ads on your blog. Logged-in WordPress.com users never see them—this upgrade makes sure that no one else does, too.
■Ads are automatically disabled on your site as long as this upgrade is active. No other settings required.
Ad-free. Keep your blog clean, beautiful and professional.

L’opzione “Get rid of ad” costa 30 dollari l’anno. Quindi, se ho capito bene, per sbarazzarsi degli annunci pubblicitari bisogna pagare

La cosa più antipatica, secondo me, è che qualora un lettore clicchi su “about these ads“, viene indirizzato su quest’altra pagina in cui può leggere questo testo:

The site you just visited is part of WordPress.com. There are two reasons why you might see ads on a WordPress.com site:

The site is part of the WordAds program and has elected to show ads to earn money from their site.
The site is one of the sites hosted on WordPress.com that has not purchased the No Ads upgrade, and we are running ads to cover the costs of operating the site for the user. We run these types of ads sparingly in an attempt to interfere as little as possible with the experience of reading a site and for logged in users we don’t show ads at all. There’s more info about our approach to ad serving in this blog post.
In both of the above cases, the ad you saw could be coming from a number of ad partners including Sharethrough, Federated Media, or AdSense. The ads change depending on factors like your location and the type of site you are visiting.

If you are a WordPress.com user and you would like to permanently remove all ads from your site, please take a look at our No Ads upgrade.

If you saw an inappropriate ad, please report it to support@wordpress.com. Please include the address of the site (e.g., http://example.wordpress.com), the date/time the ad appeared, and a screenshot of the ad.

Ora, è evidente che io non ho mai fatto richiesta di pubblicare annunci commerciali o altro sui miei blog (per ora quello maggiormente interessato è questo, forse perché molto più seguito degli altri) per guadagnarci, quindi rientro nella categoria di quelli che non hanno acquistato l’opzione a pagamento.

A questo punto chiedo ai miei amici blogger che utilizzano la piattaforma WordPress se è capitato anche a loro di trovarsi in questa spiacevole situazione e cosa si può fare. Io non ho alcuna intenzione di pagare. Se dovessero rimanermi solo due possibilità: pagare o accettare, seppur controvoglia la pubblicità non gradita, opterei per una terza: chiuderei definitivamente la mia attività di blogger, almeno su questa piattaforma.

Pubblicità? No grazie!
Pensavo riguardasse solo le cassette della posta.

2012 in review by WORDPRESS

Come ogni anno WordPress mi ha inviato il rapporto annuale che con piacere condivido con i miei lettori.

BUONA LETTURA E … GRAZIE A TUTTI VOI CHE CONTRIBUITE A RENDERE “ANIMATO” QUESTO BLOG!

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2012 per questo blog.

Ecco un estratto:

About 55,000 tourists visit Liechtenstein every year. This blog was viewed about 590.000 times in 2012. If it were Liechtenstein, it would take about 11 years for that many people to see it. Your blog had more visits than a small country in Europe!

Clicca qui per vedere il rapporto completo.