Diario di viaggio: Treviso, Verona, Trieste

Il bello del web è che, quando hai la fortuna di incontrare di persona un’amica di blog, scopri che è esattamente come te l’aspettavi, come se la conoscessi da sempre. A me è successo con Veronica – Scrutatrice, ragazza dolce e simpatica, oltreché bellissima.
Non perdetevi la cronaca di viaggio … l’ultima tappa è stata la mia città natale, Trieste, dove ho avuto il piacere di farle da Cicerone. Quello che lei non ha detto, lo dico io: è stato un tour piacevole ma molto faticoso. La mia città è tutta un sali-scendi e finché si scende, tutto bene, ma quando si sale … son dolori! Ne sanno qualcosa i miei polpacci e i miei glutei. Unica nota positiva di cotanta fatica: ho smaltito uno dei due chili messi su a Pasqua. C’è qualcuno che vuole farsi un giro dalle mie parti nelle prossime settimane? Devo smaltire il chilo che è rimasto. 🙂
Buona lettura!

Into The Wild

Primo giorno, domenica.

Dopo la tradizionale colazione di Pasqua (nel senso che è tradizione farla, non che la mia colazione sia stata la tradizionale colazione salata), montiamo in macchina con destinazione Veneto. Il viaggio di andata è quello che ogni automobilista desidererebbe: strade ampie, corsie vuote, niente camion e persino le stazioni di sosta deserte (ci credo, tutti “zampe sotto il tavolo” la domenica di Pasqua…)! Ci viene in mente il verso di una famosa canzone: “autostrade deserte, ai confini del mare…” Ma non ci stiamo dirigendo verso il mare, anzi. La nostra base durante questi quattro giorni sarà Preganziol, una piccola frazione di Treviso, cittadina che scopriremo essere davvero deliziosa. Arrivati a destinazione, DSC_2sistemiamo le valigie, facciamo un giro di ricognizione nell’appartamento (accompagnato dalle rituali foto ricordo della sistemazione!) ed usciamo per visitare il centro di Treviso.
La provincia veneta ha la particolarità di essere…

View original post 1.997 altre parole

MORGAN: DOPO IL NO DI VERONA IL SÌ DI LIGNANO SABBIADORO


Quest’anno di Morgan si è sentito parlare molto, a partire dalla mancata partecipazione al Festival di Sanremo a causa della confessione choc di fare uso di cocaina. A dire il vero, il cantante in un’intervista aveva addirittura incoraggiato l’uso dello stupefacente al posto degli antidepressivi. Anche se poi, nel salotto di Bruno Vespa, aveva chiarito la sua posizione e aveva, diciamo così, fatto pubblica ammenda, la cattiva fama l’ha perseguitato non poco. Senza contare i guai in famiglia: dopo le dichiarazioni dell’ex marito, Asia Argento, che è la madre di Anna Lou, la figlia di Morgan, gli voleva togliere la patria potestà.

È noto il rifiuto del sindaco di Verona, Flavio Tosi, di concedere il teatro romano per il concerto di Morgan previsto per il 4 settembre. Sulla questione è attualmente in atto una battaglia legale: l’avvocato di Morgan, infatti, invoca la Costituzione e il diritto di “eseguire le prestazioni dalle quali riceve sostentamento per sé e per la propria famiglia”. La replica del vicesindaco di Verona, Vito Giacino? “Guardiamo alla realtà di chi è veramente senza lavoro, come i cassaintegrati di Verona”. La solidarietà verso i proprio concittadini è sacrosanta, diciamo la verità. D’altra parte il diritto invocato dal legale del cantante è un po’ “tirato per i capelli”.
Fatto si è che a tutt’oggi ancora non si sa se il concerto a Verona si farà o meno.

C’è un’altra cittadina nel nordest italiano che, invece, ha aperto le porte, anzi la spiaggia, a Marco Castoldi: Lignano Sabbiadoro. Nessuna opposizione del sindaco e concerto gratis per i fan che hanno affollato un tratto di lungomare dove è allestito il palco permanente della “Beach Arena”. Accompagnato dalla Ensemble symphony orchestra, Morgan ha cantato sotto le stelle nella notte dedicata agli astri cadenti: il 10 agosto, San Lorenzo. Un grande successo di pubblico, alla faccia del sindaco di Verona.

Insomma, forse Morgan ha messo la testa a posto (i capelli non ancora): perché non dargli ancora una possibilità? Per ora si consola con i concerti ma per la TV deve ancora aspettare. La Rai l’ha mandato in esilio, bandendolo dal festival e da XFactor. Stai a vedere che magari a Mediast un posticino lo trova!

[Foto by Ricky Modena per Udine20.it]

AGGIORNAMENTO DEL POST, 13 AGOSTO 2010

Per leggere l’articolo, con la cronaca della serata, su Informazione.it CLICCA QUI.

PARTE DA VERONA IL 20 GIUGNO IL TOUR DI “AMICI 2010”

Ci siamo quasi: con il concerto di domenica 20 giugno, si apre il tour dei ragazzi che hanno partecipato alla nona edizione di “Amici” di Maria De Filippi. Lo spettacolo, completamente gratuito, avrà come scenario la splendida Piazza Bra, il salotto cittadino dove di giorno si passeggia o si sta seduti ai numerosi caffè, bar, ristoranti e pizzerie che, specialmente d’estate, attraggono i numerosi turisti che non rinunciano a visitare la città di Giulietta e dell’Arena.

Ma domenica sera, dalle ore 21, la piazza si accenderà di mille luci per accogliere il team di “Amici” che si esibirà in 100 minuti di spettacolo, riproponendo i balli preparati durante i cinque mesi di scuola: assoli, duetti, passi a due e performance di gruppo. I cantanti, alcuni dei quali come i tre finalisti Emma Marrone, Loredana Errore e Pierdavide Carone, sono già delle piccole stelle, avendo scalato le classifiche di vendita con i loro Ep, riproporranno i loro pezzi. Ma c’è da aspettarsi che con altrettanto entusiasmo sarà accolto il ritorno nella squadra di “Amici”, questa volta senza distinzione di colore, di Matteo Macchioni, reduce dal successo ottenuto sul palcoscenico del teatro Verdi di Salerno dove si è esibito ne L’Elisir d’Amore di Donizetti, interpretando il protagonista Nemorino (LINK).

Oltre allo spettacolo serale, molte sono le iniziative collaterali. Grazie a Sunsilk e Tezenis, partner del tour, i ragazzi del pubblico – purché maggiorenni – potranno esibirsi insieme al cast di Amici, sul palco, durante lo spettacolo serale. Presso il villaggio allestito in ogni tappa, fin dal pomeriggio, si terranno le audizioni e verranno individuati un “artista” per la categoria Musical e 3 ballerine per la categoria Danza. Tra queste una di loro sarà decretata la “migliore” al termine della serata. I due migliori riceveranno ulteriori riconoscimenti e ricordi dell’evento offerti dalle aziende partner: un videogioco ufficiale di Amici per Nintendo Ds™ e una console Nintendo Ds™.

Ma non è tutto: grazie alla Citroën (casa automobilistica che ha prodotto un’edizione speciale della C3, nei colori blu e bianco, ispirata alla trasmissione di Canale 5 e ai colori delle due squadre), altro partner del tour, chiunque vorrà potrà provare ad aggiudicarsi 5 minuti in macchina con uno dei ragazzi di Amici.

Un’altra iniziativa importante: nelle dieci piazze italiane meta del tour, partendo proprio da Verona, i volontari dell’associazione onlus “Network Italiano Persone Sieropositive“, presieduta da Rosaria Iardino, sarà presente per una campagna sociale di prevenzione contro le malattia sessualmente trasmissibili.
I volontari distribuiranno gratuitamente oltre 100 mila preservativi e 100 mila brochure informative.

Ogni tappa del tour, inoltre, sarà ripresa dalle telecamere di LA5, il nuovo canale Mediaset sul Digitale Terrestre, che trasmetterà delle selezioni da ciascun concerto, a partire dal 15 luglio.

Il tour proseguirà con altre tappe in tutta Italia, isole comprese (per le date e i luoghi questo è il LINK).

[fonti: cittàdiverona.it e verona.2night.it ]