#SANREMO2020: IL SOGNO DI AMADEUS SI È AVVERATO MA…

Sanremo ventiventi – come l’ha chiamato in modo quasi ossessivo Amadeus durante le interminabili cinque serate del Festival – è andato bene. Oltre alle più rosee aspettative, a quanto pare. Per eguagliare il successo in termini di audience dicono che bisogna andare indietro di 25 anni. L’evento sanremese del millennio. Attenzione, però, il terzo millennio dell’era cristiana è ancora giovane, ne deve passare di acqua sotto i ponti. Magari l’acqua travolgerà per sempre la canzone italiana che, almeno per ora, non sembra sofferente. O magari ci saranno altri festival in grado di superare il 70°.

Confesso che ho seguito le serate un po’ a spizzichi e bocconi. Senz’altro non avrei potuto rimanere sveglia fino alla fine (solo ieri ho fatto le 2 e 20 attendendo la proclamazione del vincitore), dovendo andare al lavoro. Come dice la mia amica blogger Ester Maero, bisognerebbe proclamare la settimana sanremese festa nazionale, solo così sarebbe possibile fare le ore piccole ogni notte.
Anche se ho cercato di leggere alcuni commenti sulle testate giornalistiche e ho guardato qualche spezzone della kermesse su Raiplay, non mi sento di scrivere un vero e proprio post, quanto piuttosto una raccolta di pensieri sparsi, sulla falsa riga dei tweet che ho postato sul mio account Twitter durante l’interminabile settimana sanremese.

Il conduttore. Amadeus è stato bravo e soprattutto spontaneo. Aveva gli occhi luccicanti come quelli di un bambino che guarda il mondo con stupore e meraviglia, quel bambino che, canzone dopo canzone, negli anni ha coltivato un sogno: non cantare a Sanremo ma calcare il palcoscenico dell’Ariston come conduttore. Non ha mai perso quell’espressione di gioia e quasi incredulità, come se ogni sera si chiedesse “ma sta capitando davvero a me?”. Al di là delle polemiche che hanno preceduto il festival, credo sia riuscito a far ricredere chi non lo riteneva all’altezza.


L’amicizia. Pare che quello che si è appena concluso sia stato il festival delle grandi amicizie. Fiorello e Tiziano Ferro, onnipresenti, hanno fatto da spalla ad Amadeus e, come se ci fosse una sorta di competizione tra i due nell’adempiere a questo compito, è nata qualche scaramuccia. Tiziano Ferro, durante la seconda serata, ha lanciato con successo su Twitter l’hashtag #fiorellostattezitto, tanto che lo showman siciliano giovedì non si è presentato sul palcoscenico. Personalmente ringrazio il cantautore di Latina: la presenza di Rosario è stata invadente, ha dilatato oltremodo la durata delle serate e a lungo andare è risultato noioso (almeno a mio parere). Ho avuto l’impressione che le sue incursioni sul palco divertissero solo l’amico Amadeus. Inoltre non mi è piaciuto il fatto che nelle prime scene durante la serata di martedì i riflettori fossero rivolti verso di lui. Sarà stata anche una cosa studiata ma Amadeus si meritava di aprire il festival. Forse gli autori pensavano che Fiorello aumentasse lo share?

Le canzoni. Non mi esprimo sulle canzoni in gara perché devo ammettere di non averle nemmeno sentite tutte. Credo che la vittoria di Diodato sia meritata: la sua era l’unica canzone, tra quelle ascoltate, che ho gradito fin dalle prime note. Ma di canzoni in cinque serate ne abbiamo sentite tante. Troppi ospiti, quasi tutti italiani, qualche performance di troppo (Albano Romina e i Ricchi e Poveri, che ho pure apprezzato, hanno fatto dei mini concerti), senza contare la presenza a cadenza regolare sul palco di Tiziano Ferro… mi è piaciuto il duetto con Massimo Ranieri (“Perdere l’amore” è una canzone senza tempo) ma Ferro è stato anche lui, come Fiorello, troppo invadente.

Gli ospiti e la gara. Alla fine, con tanti pezzi ascoltati, chi si ricordava più le canzoni in gara? Ricordo che una volta al Festival di Sanremo, non a caso dedicato alla canzone italiana, gli ospiti erano tutti stranieri (o quasi), proprio perché l’attenzione del pubblico doveva essere concentrata sulla gara. La scelta di Amadeus e degli altri autori non mi è piaciuta per niente.

Le donne. Fin dall’inizio il conduttore aveva detto che sarebbe stato accompagnato da molte donne. Ma dieci, caro mio, forse sono troppe. E fra quelle dieci chi si è salvata davvero? Forse la Clerici e la zia Mara (Venier), ma sono delle veterane e non c’è da stupirsi. Anche l’albanese Alketa Vejsiu ha dato prova di essere all’altezza del ruolo che, per carità, non era da valletta ma da co-conduttrice. Una parlantina che neanche Fiorello…
Le signore del Tg 1, Laura Chimenti e Emma D’Aquino, oltre a essere davvero brave, hanno dimostrato che la classe non è acqua. Al contrario di Diletta Leotta che, rifatta dalla testa ai piedi, grazie anche al fratello chirurgo plastico, ha avuto il coraggio di dire che la bellezza non è un merito, come se la sua fosse naturale. Poco dopo, però, ammette che lei è a Sanremo perché è bella. E quindi? È dai tempi di “Oltre le gambe c’è di più”, tormentone che risale a quasi 20 anni fa, cantato da Jo Squillo e Sabrina Salerno (anche lei ospite alla settantesima edizione di Sanremo), che non si è ben capito cosa ci sia di più, almeno in certe donne.

Le mise. Ora si dice outfit ma io sono antica, quindi affezionata all’elegante parola francese. Impeccabile Amadeus che ha sfoggiato dei completi molto particolari, tutti confezionati per l’occasione dallo stilista preferito del conduttore: Gai Mattiolo. Il completo che ho preferito è stato il primo della serata finale perché in genere il broccato, che caratterizzava la maggior parte dei completi sfoggiati, non mi fa impazzire.
Sulle donne vorrei stendere un velo pietoso ma mi limiterò a dire che, al di là dei centimetri di pelle scoperti (nei punti giusti, naturalmente), non è il pudore che manca ma l’eleganza. Una su tutte: la cantante Elodie che ha sfoggiato delle scollature vertiginose e si è esibita ogni volta palpandosi il seno come se volesse controllare che fosse tutto a posto, che nulla scappasse di qua e di là. A parte le giornaliste Emma D’Aquino e Laura Chimenti, signore dell’eleganza, mi è piaciuta molto l’attrice Cristiana Capotondi che ha fatto un’apparizione fugace ieri sera ma sufficiente per dare una lezione di signorilità a molte altre, come Elettra Lamborghini e il suo lato b in bella mostra (d’altronde per il twerking…). Nonostante la schiena scoperta quasi totalmente, Cristiana non è riuscita ad apparire volgare.
Fra i cantanti in gara, basterà citare Achille Lauro che ha fatto sfoggio di mise tanto esagerate quanto improbabili. Merita comunque un elogio per la coerenza. Se voleva far parlare di sé, dato il modesto valore del pezzo portato al festival, c’è riuscito.

Sanremo per il sociale. Il Festival di Sanremo ormai da molti anni si occupa del sociale. All’inizio non gradivo che si inserissero nella gara canora storie strappalacrime perché già la vita quotidiana per tutti noi ha i suoi problemi, almeno quando ascoltiamo delle canzoni vorremmo essere spensierati per un po’. Forse la mia era un’idea sbagliata: la kermesse musicale italiana più seguita nel mondo è il palcoscenico ideale per lanciare anche i messaggi che esulano dal mondo spensierato delle canzonette (anch’esse, tra l’altro, a volte portatrici di messaggi tutt’altro che frivoli). Ben venga allora l’intervento di Rula Jebreal, giornalista palestinese, che ha raccontato episodi della sua vita e della vita di sua madre – che si uccise quando lei era piccola –, mescolandoli con citazioni di testi di famose canzoni italiane sulle donne.
L’ospite che ha maggiormente toccato il mio cuore è stato, però, Paolo Palumbo, giovanissimo rapper malato di Sla il quale, attraverso le parole della sua canzone, ha dato una bella lezione di vita a tutti noi che a volte ci lamentiamo per cose davvero futili. Lui, nonostante l’immobilità completa e una vita che dipende dal respiratore e dalla peg per l’alimentazione, si ritiene un ragazzo fortunato. Riesce a muovere solo gli occhi e “parla” attraverso il comunicatore verbale ma apprezza anche il solo fatto di essere vivo.
Mi è piaciuto di meno il monologo sulla diversità di Tiziano Ferro che si conclude con le parole: “Non sono sbagliato. Nessuno lo è.”, e la rivendicazione di una vita felice e dell’amore, cosa di cui è più consapevole ora che ha 40 anni (e fresco sposo di Victor). Caro Tiziano, la felicità e l’amore sono un diritto a prescindere che tu sia gay o etero. Nessuno può giudicare e non c’è bisogno di ribadirlo perché sì, ci sono ancora gli hater, c’è ancora chi fa il bullo nei confronti degli omosessuali, ma questi sono degli imbecilli che non hanno alcun senso di civiltà e non c’è nessun monologo che possa servire a insegnarglielo.

Il rispetto. Mi spiace dirlo ma ciò che ha caratterizzato soprattutto questo 70° Festival di Sanremo è la mancanza di rispetto.
Nei confronti dei telespettatori che, con ogni probabilità, hanno perso una parte considerevole delle cinque serate che sono terminate troppo tardi.
Nei confronti dei cantanti in gara che spesso si sono esibiti dopo l’una di notte. Stemperare la tensione che si accumula nel corso delle ore è davvero difficile e lo stress di certo non aiuta le performance.
Nei confronti dell’orchestra, visto che i maestri, nonostante l’abbondanza di parti dialogate o monologate in cui non era richiesto il sottofondo musicale, mi sono sembrati agli arresti domiciliari per cinque-sei ore di trasmissione. Una cosa disumana, se poi è anche vero (non lo credo) che il compenso ammontava a 50 € per serata, sarebbe riduzione in schiavitù.
Nei confronti di alcuni ospiti, come Zucchero, che si sono esibiti in tarda serata… e poi, qualcuno comincia ad avere una certa età!


L’eroe. In prima fila, elegante e composto, seduto vicino a mamma Giovanna Civitillo, si è goduto ogni serata fino all’ultimo istante, cantando tutte le canzoni in gara (credo che i testi li conosca solo lui…), senza dar mostra del minimo cedimento. Per me José Alberto Sebastiani, figlio decenne di Amadeus, è il vero eroe di questo interminabile Festival di Sanremo duemilaeventi (e non ventiventi come dice Amadeus sul calco dell’inglese). Ha dimostrato, inoltre, un animo sensibile alzandosi in piedi per primo, dando il via a una meritatissima standing ovation, quando si è esibito Paolo Palumbo, il cantante rap malato di Sla. Un ragazzino davvero bene educato, promette bene.

[immagine sotto al titolo da questo sito; immagine di Fiorello_Amadeus_Ferro da questo sito; foto Chimenti_D’Aquino da questo sito; foto Capotondi da questo sito: immagine José Alberto e Giovanna Civitillo da questo sito]

UOMINI IMBRANATI DI FRONTE AD UNA DONNA? SCIENTIFICAMENTE PROVATO

Gli uomini italiani, si sa, sono notoriamente dei dongiovanni. Sempre alla ricerca della conquista – se facile è persino meglio -, pronti a sfoderare le poche qualità di cui sono in possesso, prima fra tutte quella di perdersi in lodi sperticate (che poi, alla fine, un pregio proprio non è ma loro sono convinti che lo sia), nascondendo accuratamente i molti difetti, soprattutto il narcisismo. Ma ci sono anche quelli che, in presenza di una donna, o anche solo pensando ad essa, perdono persino la capacità di formulare una frase di senso compiuto, iniziano a sudare come se ci fossero 42 gradi all’ombra, e non ce ne sono nemmeno 10, e si tormentano le mani che non sanno dove mettere, pur sapendo esattamente dove vorrebbero metterle. Insomma, a chi non è mai successo di trovarsi di fronte ad un vero e proprio imbranato? A me sì e devo dire che poi sono quel genere di uomini che conquistano facilmente le donne sentimentali perché fanno tanta tenerezza. Insomma, scatenano in esse l’istinto di protezione, quasi volessero prendersi cura di un cucciolo impaurito e confortarlo tenendolo stretto al proprio seno. Cosa che in genere procura un enorme piacere al malcapitato – forse sarebbe meglio dire bencapitato – che mai avrebbe il coraggio di fare il primo passo.
Così ho conquistato il mio primo grande amore e me lo sono tenuto stretto per due anni. Poi, visto che il cucciolone non dava segnali di alcun risveglio dallo stato di letargo sentimentale, l’ho mollato.

Ora pare che la scienza abbia scoperto che gli uomini si imbranino di fronte alle donne mentre non avviene il contrario. Uno studio dell’Università olandese di Radboud, pubblicato su Archives of Sexual Behaviour, ha dimostrato che gli uomini sprecano un sacco di energie mentali nell’intento di fare buona impressione sulle donne, mettendo a rischio le loro prestazioni cognitive. E ciò accadrebbe addirittura senza vedere l’oggetto del desiderio.

L’esperimento è stato condotto su studenti eterosessuali di entrambi i sessi, sottoponendoli al test di Stroop che studia la capacità di concentrazione. Nell’esperimento è stato rilevato che, facendo credere al ragazzo sottoposto al test, che una ragazza lo stava osservando attraverso una webcam, venivano commessi molti più errori di quando invece gli dicevano che l’osservatore era del suo stesso sesso. Nel momento in cui gli veniva detto che il test non aveva osservatori, non commetteva errori.

Secondo lo studio, le donne non verrebbero condizionate da un eventuale osservatore invisibile. Questo dimostrerebbe, a detta dei ricercatori, che esse, al contrario degli uomini, sono portate ad approfondire la conoscenza dell’uomo che incontrano per decidere con calma se è davvero qualcuno di cui fidarsi. In questi casi, la loro concentrazione mentale addirittura aumenta.

Insomma, che dire allora dei famosi versi di Saffo, poetessa greca, che in una sua famosa ode cantava:

subito la lingua mi si blocca,
un fuoco sottile scorre sotto la pelle
i miei occhi
non vedono più nulla,
le orecchie rimbombano,
il sudore mi bagna,
e tremore tutta mi prende
.

E poco importa che l’effetto descritto le fosse provocato dalla visione di una donna, essendo la poetessa di Lesbo notoriamente omosessuale. Era pur sempre il suo oggetto del desiderio.

La conferma che in certi casi l’uomo sia imbranato ci arriva da Tiziano Ferro che, tempo fa, prima ancora di fare outing, cantava:

E scusami se rido, dall’imbarazzo cedo
Ti guardo fisso e tremo
All’idea di averti accanto
E sentirmi tuo soltanto
E sono qui che parlo emozionato
..e sono un imbranato!

Secondo un’altra ricerca condotta dall’Università di Syracuse e pubblicata su Psychology & Sociology, accade che durante qualche incontro anche la donna s’imbrani come i maschi, ma per lo più questo succede quando è stata colpita dal famoso colpo di fulmine. Quest’ultimo, infatti, sarebbe responsabile di un’alterazione delle aree cognitive cerebrali di maschi e femmine nel medesimo modo nell’arco di 5 secondi, esercitando un’azione neurochimica simile a quella indotta dalla cocaina.

Quindi, imbranati o meno, l’amore sembra essere una vera e propria droga. Ma almeno non nuoce alla salute, nemmeno quella mentale. E che sarà mai se ogni tanto capita che ci si imbrani e si rallentino le prestazioni cognitive!

[fonte: Il Corriere]

TIZIANO FERRO CONFESSA: “SONO GAY”. MA SE NON LO DICEVA ERA UGUALE


La notizia del giorno riguarda l’outing di Tiziano Ferro. In un’intervista apparsa su Vanity Fair fa la sua confessione e aggiunge: “Sono libero di poterlo dire“. Ma perché, prima non lo era? Sono anni che le voci della sua omossessualità fanno il giro del web. Cosa cambia ora? Sarà pià bravo? Sarà maggiormente apprezzato? Avrà più fan tra i gay italiani ed esteri?

Io davvero questo outing non lo capisco. Ferro si dice pronto, ora, ad innamorarsi di un uomo. Credo, e glielo auguro di cuore, che non avrà difficoltà a trovare l’anima gemella. Ma il fatto di dirlo apertamente lo faciliterà nella ricerca? Per me no. Se non lo diceva era uguale.
Indubbiamente è un bel ragazzo: le più deluse, a questo punto, saranno le migliaia di fan che pendevano dalle sue labbra. Anche se la confessione di essere gay non dovrebbe cambiare nulla: quante fan di quanti cantanti ci sono al mondo che sperano di incontrare i loro idoli e di conquistare il loro cuore, pur sapendo che non ci riusciranno mai? Sono solo sogni; la realtà è ben diversa. Quella di Tiziano è, onestamente, anche molto triste.

Nell’intervista il cantante racconta il difficile percorso che l’ha portato, negli ultimi due anni, a prendere questa decisone: “Un paio di anni fa ho iniziato un percorso di analisi. Da tempo non stavo bene, e avevo capito di dover riprendere in mano una serie di cose: dal forzato esilio lontano da amici e famiglia alla relazione col mio lavoro, al rapporto contrastato con l’omosessualità“. Aveva quasi deciso di smetterla con la musica, salvo poi ripensarci: “Così, dopo due anni di duro lavoro su me stesso, sono arrivato a una conclusione: volevo vivere meglio“.

Io non so se la decisione di dirlo apertamente lo faccia vivere meglio. Lo spero. Ma per quanto riguarda il suo talento, non cambia nulla. Fare outing, per me, è come ammettere una diversità che ormai non è considerata più tale, che non ha ragione d’esistere. Si è mai sentito un cantante dichiarare: “Sono etero. Ora voglio innamorarmi di una donna“. Mai. Perché per un cantante gay dovrebbe essere diverso?