11 gennaio 2011

MAI PIÙ UBRIACHI AL VOLANTE: L’AUTO LI LASCIA A PIEDI

Posted in attualità, società tagged , , , , a 6:57 pm di marisamoles

Leggo su Affaritaliani.it questa interessante notizia che riporto:

Dalla tecnologia, usata dalla Difesa statunitense per scovare le bombe dei terroristi, arriva il primo dispositivo per sconfiggere la piaga degli incidenti stradali causati da guida in stato d’ebbrezza.

Nel prossimo futuro automobilistico ci saranno dunque dispositivi sensoriali di serie che bloccheranno le quattroruote se il conducente sarà ubriaco. Meccanismi che rileveranno il tasso alcolico del conducente in una ventina di secondi e che funzioneranno su ogni auto per almeno un periodo di almeno 10 anni.

Negli ultimi due decenni, come racconta il Washington Post, sulle strade americane sono morte oltre 268.000 persone a causa dell’alcol e il 10% degli automobilisti statunitensi ha dichiarato di aver guidato da ubriaco almeno una volta nell’ultimo anno.

In passato, per porre rimedio a questo trend negativo, sono già intervenute direttamente alcune case automobilistiche internazionali e diversi enti federali americani che si occupano di sicurezza stradale che, ora, hanno deciso di finanziare lo sviluppo di questi dispositivi sensoriali. Robert Strassburger, vice presidente per la sicurezza di Alliance of Automobile Manufacturers, ha fatto sapere che un primo modello potrebbe essere pronto già fra due anni.

Da astemia, potrei dire che l’iniziativa non mi interessa. Tuttavia, il più delle volte le vittime degli ubriachi al volante sono dei pedoni … sobri. Non ci dovrebbe essere bisogno, secondo il mio parere, di marchingegni strani e sensori vari per impedire che una persona con il tasso alcolemico troppo alto si metta al volante. È solo questione di buon senso. Purtroppo, però, i giovani – ma anche molte persone adulte e “mature” – sfidano il pericolo e … le multe.

Ben venga, quindi, questa invenzione, anche se c’è da attendere un paio d’anni e il costo del marchingegno non è specificato. Tuttavia, preservare la propria e l’altrui vita non ha prezzo.

[l’immagine è tratta da questo sito]

Annunci

15 marzo 2010

SINDACO DI DOLEGNA DEL COLLE CHIEDE DI ALZARE IL TASSO ALCOLEMICO PER GLI AUTOMOBILISTI

Posted in attualità, Friuli Venzia-Giulia, Legge, salute tagged , , , , , , , a 4:48 pm di marisamoles

La crisi c’è, inutile girarci attorno. Investe ogni settore economico, in modo più o meno marcato. Andare al ristorante la domenica è diventato quasi un lusso e bere un aperitivo prima di cena quasi quasi costa quanto mangiarsi una pizza. E non parliamo degli scontrini sempre più “pesanti” del supermercato: quando faccio la spesa mi viene una rabbia, soprattutto pensando che alla fine, in famiglia, sono quella che mangia di meno. Sento come un senso di frustrazione ogni volta: capita quando si ha un marito e dei figli magrissimi la cui dieta è senza limiti.

A tavola, dunque, mangio poco e bevo solo acqua: sarà per questo che ogni volta che si va al ristorante mi viene il nervoso perché, dividendo il totale per il numero di persone, oltre a pagare quello che gli altri mangiano e io non posso, devo pure, in pratica, offrire da bere, litri e litri di birra o vino, pur essendo astemia? Oddio, non vorrei essere fraintesa: non è che frequento alcolisti, i “litri e litri” dipendono dal numero di commensali, ovviamente. Rimane il fatto che io sono astemia e, quando vedo gli altri bere a tavola, faccio le prediche perché poi non voglio guidare la macchina al ritorno, visto che non faccio pazzie per stare al volante.

Insomma, la crisi del settore vitivinicolo non mi sfiora nemmeno. Fosse per me, le aziende agricole del Collio friulano avrebbero chiuso i battenti da tempo. Ma si sa che questa è la terra del buon bere. Quando mi sono trasferita qui, i miei amici erano pronti a scommettere che la passione per il tai (letteralmente il “taglio”, ovvero il bicchiere di vino) mi avrebbe contagiata. E invece no, io riesco a vivere benissimo nel “Friuli vitivinicolo” senza essere tentata dal tai de vin. Non parliamo poi della birra e dei superalcolici: li evito come la peste, e pensare che quand’ero adolescente mi facevo il whisky&Coca in discoteca! Va be’, altri tempi, in gioventù si è sempre un po’ scemi perché ci si sente “grandi” e si vuol sembrare ancora più “grandi”. Ci fosse un modo per sembrare più giovani –a parte la chirurgia estetica, ovviamente-, ora come ora ne sarei felice. Ma alla fine è solo un dono di natura.

La crisi del settore vitivinicolo, dicevo, non mi sfiora nemmeno. D’altro avviso, però, pare essere il sindaco di Dolegna del Collio (provincia di Gorizia) che, in accordo con la sua Giunta, avrebbe richiesto al Governo di rivedere il limite del tasso alcolemico imposto dal Codice della Strada. Questa mattina ne ho sentito parlare a Buongiornoregione del Friuli-Venezia Giulia, poi ne ho letto qualcosina qui.
In pratica, vedendo inesorabilmente scendere il consumo del vino, ottimo ma pur sempre alcolico, i produttori e i ristoratori della zona si sono lamentati della norma restrittiva del Codice della Strada che considera “in stato di ebbrezza” chi si mette al volante dopo aver bevuto se il suo tasso alcolemico supera gli 0,50 grammi per litro. In pratica, il sindaco di Dolegna, Diego Bernardis, chiede che venga mantenuto il livello attuale per i giovani fino ai 29 anni, ma che per i più grandi possa essere innalzato fino allo 0,80. Evidentemente avrà pensato che arrivati ai trent’anni si sia in grado di tenere meglio l’alcol che si ha in corpo. Io nutro dei dubbi in proposito.

Da notare, però, che molti protestano proprio perché il limite attuale è considerato eccessivamente basso e assolutamente non in grado, se ci si avvicina, di causare degli effetti negativi su chi è alla guida di un’automobile. In altre parole, secondo alcuni con quel tasso lì mica si è ubriachi! E certo, tant’è che il Codice contempla la guida in stato di ebbrezza e non di ubriachezza, che non sono proprio dei sinonimi.
Io da astemia ritengo che, dopo tanti sforzi fatti per combattere l’eccesivo uso di alcol –e non sto parlando di alcolismo, perché può succedere che anche chi non beve mai troppo, in una particolare circostanza “alzi un po’ il gomito”, senza essere schiavo del vizio- per far sì che gli incidenti dovuti all’assunzione di qualche bicchiere in più diminuiscano, non sia proprio il caso di modificare delle norme che vanno bene così come sono. Anzi, ho sentito parlare di “tasso 0” per i neopatentati, il che sarebbe davvero auspicabile.

Sono perfettamente cosciente che anche bevendo un bicchiere in più non ci si ubriachi, che il buon senso prevalga nella maggior parte dei casi, che una prolungata permanenza a tavola senza bere può essere una strategia utile ad evitare che ci si metta al volante “ebbri”, che ci siano molti altri fattori –droga, psicofarmaci, anche innocui farmaci come gli antistaminici- che rallentano i riflessi al volante, ma modificare una giusta norma per salvaguardare la produzione delle aziende vinicole non mi pare un’idea acuta. E pazienza se il mercato vitivinicolo ne soffre. La salute è più importante e la sicurezza è un bene che nessuno può ignorare. Poi, ognuno è libero di bersi quanti tai vuole … a casa propria.

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, buone e cattive, di temi originali e copiati, di studenti curiosi e indifferenti, autodidatti e eterodidatti, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: