12 giugno 2015

ZERO IN CONDOTTA A BRIGA, RAPPER DI AMICI

Posted in adolescenti, canzoni, Maria De Filippi, reality show, spettacolo, televisione tagged , , , , , , , , , , a 2:37 pm di marisamoles

Mattia-Briga
Amici è una delle poche trasmissioni delle reti Mediaset che seguo. Quest’anno, a dire il vero, non l’ho seguita con costanza e comunque sono solita guardare solo il serale. Ad ogni modo, anche se so che qualche lettore arriccerà il naso, devo confessare che Amici mi piace. Negli ultimi anni ancora di più, per l’esattezza da quando, almeno nel serale, hanno tappato la bocca ai cosiddetti insegnanti che spesso si accanivano contro i ragazzi della squadra avversaria solo nel tentativo di mettere in risalto i pregi dei propri pupilli.

Devo ammettere che i talentuosi del ballo e del canto che si contendono la vittoria sono sempre più bravi e preparati. La trasmissione perde certamente in spontaneità ma mette in luce le capacità dei giovani che ben sanno quanto il palcoscenico di Amici possa essere un’occasione unica per sfondare nel mondo dello spettacolo.

Ma la fama, si sa, è effimera. Bisogna innanzitutto meritarsela e mantenerla facendo emergere le proprio doti ma anche il carattere. E a volte nemmeno il successo ottenuto nell’immediatezza è garanzia di fama duratura. Lo sanno bene alcuni degli ex allievi di Amici: Marco Carta, ad esempio, che dopo la vittoria di Sanremo non mi pare abbia concluso granché; Valerio Scanu che, a mo’ di equilibrista, cerca di rimanere in piedi sulla ribalta che sembra più sdrucciolevole che mai, passando da un talent (Tale e quale show) a un reality (L’isola dei famosi) e accontentandosi dei fedelissimi fan (tra i quali le famose zie) su cui sa di poter contare sempre.

Non a caso ho citato proprio Marco e Valerio, personaggi alquanto arroganti, trasgressivi e pieni di sé (almeno ai tempi della loro partecipazione ad Amici), per arrivare al topic di questo post.

Nell’ultima edizione del popolare talent show dell’inossidabile Maria, si è distinto in particolare un concorrente, poi arrivato – fortunatamente – secondo: Mattia Briga. Più che le virtù canore, che non mi pare siano così eccelse (ma è anche vero che il rap non è la mia passione), ha messo in luce un pessimo carattere, grazie anche ai continui battibecchi avuti con Loredana Bertè, che partecipava come giudice.

Ammetto che mi sono stupita della cultura in ambito musicale e della saggezza della cantante. Molto meno stupore ha destato in me il suo carattere sanguigno, la spontaneità condita con un pizzico di turpiloquio – che male non fa – con cui ha tenuto testa al giovane Briga che ha manifestato, nel confronto con la Bertè, tutta la sua arroganza, la sua poca educazione (una signora va trattata con rispetto, anche se t’insulta) e la pienezza di sé.

Eppure pare che il rapper abbia uno stuolo di fan. Non so se grazie alla sua musica – se così si può definire – o al fatto che è un belloccio, con sguardo penetrante e aria di sfida che evidentemente fa colpo sulle ragazzine. Fatto sta che, qualche giorno fa, mentre era intento a firmare autografi, naturalmente sulle copertine del cd che è ai vertici delle classifiche, ha dimostrato che oltre al talento bisogna sfoggiare anche un po’ di diplomazia. Sempre che si voglia mantenere in futuro la celebrità acquisita in poche puntate del serale di Amici.

Sarà pure una scuola, quella di Maria De Filippi, ma è evidente che le lezioni dei classici sono trascurate. Altrimenti Briga avrebbe imparato la lezione dal Sommo Poeta Dante Alighieri che, nell’XI canto del Purgatorio – a proposito, guarda un po’, dei superbi – riferendosi alla gloria terrena scrive:

Non è il mondan romore altro ch’un fiato
di vento, ch’or vien quinci e or vien quindi,
e muta nome perché muta lato
.

Il mondan romore, la fama, è un alito di vento e come tale ha vita breve. A meno che chi l’ha ottenuta, per qualche merito o soltanto per simpatia, non sappia gestirla al meglio. E come si fa a mantenere il successo? Trattando bene i fan, per prima cosa.

Mattia Briga non ha studiato il canto del Purgatorio, o se l’ha studiato a scuola, quella “normale”, ha dimenticato la lezione.

Ma veniamo ai fatti. Una ragazzina, che per vendicarsi del trattamento avuto da parte dell’adorato – ormai ex – rapper ha postato sul profilo Facebook anche un filmato, racconta che dopo otto ore di fila per riuscire ad avvicinarsi al suo idolo, non solo non è riuscita ad ottenere l’autografo, perché non recava con sé il cd, irreperibile a suo dire, ma è anche stata allontanata a malo modo da Briga e dalle guardie che cercavano di trattenere l’esultanza delle orde di fan.

Così Federica Fusco, la fan delusa, racconta l’accaduto: L’uomo [la guardia, NdR] gli spiega che ero priva di cd e lui, con una faccia schifata, gli dice di “No, non posso” e mi fa andare avanti. Provo ancora a chiedere una foto ma la guardia, sotto suo ordine, mi spinge e mi fa uscire.

Non so se dopo quanto esternato dalla giovane, Mattia si sia concesso un sano momento di riflessione. Certamente Federica gli ha impartito una lezione che non è inclusa nei programmi della scuola di Maria. Il testo pubblicato sulla pagina Fb si conclude con queste parole:

Caro Briga, con tutti i soldi che stai guadagnando comprati un po’ di umiltà.

Eh no, cara Federica, l’umiltà non si compra. Non c’è mastercard che tenga.

[foto e fonte della notizia da questo sito]

Annunci

15 febbraio 2012

IL SANREMO DA BIG DI PIERDAVIDE CARONE: UN “PICCOLO AMICO” CRESCIUTO

Posted in Amici, canzoni, Festival di Sanremo, Maria De Filippi, spettacolo, talenti, televisione, vip tagged , , , , , , , , , , , , , a 5:58 pm di marisamoles

Lui un Sanremo l’ha già vinto, in fondo: nel 2010, infatti, Valerio Scanu, ex di “Amici” come lui, ha conquistato il podio con “Per tutte le volte che”, canzone scritta proprio da Pierdavide Carone. Allora, però, aveva solo potuto vedere il festival alla tv, essendo ancora in gara nel talent di Maria De Filippi. Non aveva modo, allora, di assaporare il clima festivaiolo, apprezzare il profumo del successo in prima persona.

Pierdavide è un ragazzo semplice, modesto. Buon cantautore e discreto interprete. Nella canzone “Nanì”, con cui partecipa all’attuale edizione del festival di Sanremo e in cui si è esibito, in coppia con Lucio Dalla che dirigeva l’orchestra, ha dato mostra di essere cresciuto. Il pezzo forse non convince – troppo Dalla style per i miei gusti – ma l’interpretazione di Pierdavide, approdato sul palco direttamente con i Big, convince. Al di là del testo che vuole narrare una storia d’amore tra un giovane ragazzo e una prostituta e che sembra voglia colmare il vuoto lasciato da Povia, non in gara quest’anno, e le sue provocazioni.

Insomma, sono ormai lontani i tempi in cui, ancora concorrente di “Amici”, Pierdavide commentava così il suo primo Sanremo da autore: Quando mi nominano divento stupido. Essere nominato assieme a quel mostro sacro della canzone d’autore italiana, già veterano del festival, non può che fargli piacere. Altro che stupido!

In bocca al lupo, allora. Dovrà vedersela con la compagna di avventura nel talent della De Filippi, Emma Marrone, data per favorita. Ma non credo che Carone si preoccupi più di tanto per questo.

3 aprile 2011

BALLANDO CON LE STELLE 2011: FUORI LA BELVEDERE E CANINO INSORGE CONTRO IL TELEVOTO

Posted in spettacolo, talenti, televisione, vip tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , a 11:25 am di marisamoles


“Ballando con le stelle” è una delle mie trasmissioni preferite, in primis perché adoro Milly Carlucci, la signora delle conduttrici italiane, in secondo luogo perché mi piace il ballo, infine perché è una trasmissione piacevole e istruttiva, allo stesso tempo, nonché scevra da inutili polemiche. Almeno fino alla scorsa edizione che ha visto protagonista l’egocentrico Lorenzo Crespi e le sue inutili polemiche. Quest’anno, però, avevo avuto l’impressione che lo spettacolo fosse tornato ad essere quello di sempre, grazie anche all’estrema correttezza dei concorrenti e alla loro sana competizione basta sulla stima reciproca.

Ieri sera, tuttavia, verso la fine della puntata, qualcosa ha incrinato il clima amichevole e disteso che si era creato fin dall’inizio, se eccettuiamo l’atteggiamento un po’ indisponente di Povia che però è stato eliminato quasi subito. Cos’è successo ieri sera? Alla fine della gara è stata eliminata tramite il televoto Vittoria Belvedere sulla quale ha avuto la meglio Bruno Cabrerizo, allenato dall’esile ma energica Ola Karieva.

L’attrice italiana era (ma potremmo dire è, visto che c’è il ripescaggio e certamente rientrerà al suo posto, come merita) una delle candidate alla finale insieme a Kaspar Capparoni, bel tenebroso e bravissimo ballerino, e la giovane attrice Sara Santostasi, piena di energia e vitalità, nonché ottima nelle performance danzerine.
La Belvedere, bella, elegante, educata, ricca di talento e di umiltà, ha dovuto abbandonare momentaneamente la gara ed ha accettato il responso del televoto con grande signorilità, elargendo sorrisi indirizzati all’avversario Cabrerizo, mal celando, tuttavia, un certo rammarico. Credo che il pensiero di tutti, telespettatori e pubblico in sala, sia stato il medesimo: ma come può essere eliminata la bella Vittoria quando in gara sono rimasti dei ballerini davvero mediocri? Tale pensiero deve aver attraversato anche la mente di uno dei giurati (la giuria, però, non aveva avuto un ruolo attivo nell’eliminazione dell’attrice, almeno apparentemente e dopo spiego il perché), Fabio Canino, che non ha digerito il verdetto del pubblico e, parecchio indignato, ha esclamato: “E dopo dicono che la giuria è ingiusta” o qualcosa del genere. Subito pronta, a bordo pista, la replica di Sandro Mayer che fa notare al “canino avvelenato” (mai espressione calzò più a pennello) che la sua osservazione non è carina nei confronti dello sfidante Bruno. Ma quest’ultimo, stralunato quanto mai (ogni volta di fronte alle percentuali del televoto fa fatica a comprendere se rimane in gara oppure no), non vuole far polemica anche se è evidente che il giudizio del pubblico l’ha colto di sorpresa.

Forse non tutti, però, hanno notato la contrarietà della presidente di giuria, Carolyn Smith, l’unica vera responsabile dell’eliminazione della Belvedere, secondo me.

Tornando indietro alle prime esibizioni, al dignitoso quick step, ballo tutt’altro che semplice, di Vittoria, la Smith aveva attribuito un misero 7. Di per sé il voto potrebbe essere accettabile ma se lo confrontiamo con altre valutazioni, forse pare un po’ “strettino”: sempre in questa prima manche, ad esempio, Gedeon Burkhard ha ottenuto dalla presidente di giuria un bell’ 8, non del tutto meritato, a mio parere. Stesso discorso si potrebbe fare di fronte al 10 con cui la Smith ha premiato il pur ottimo boogie woogie di Capparoni: forse un 9 ci stava ma il 10 … Ma si sa che la Crudelia Demon di Ballando, ieri per la prima volta “orfana” della cagnolina, ha un debole per i maschiacci, specie quelli che le fanno salire gli ormoni alle … stelle! Tuttavia, se osserviamo la valutazione della performance di Barbara Capponi, giornalista un po’ impacciata ma che sta migliorando vistosamente di puntata in puntata, anche lei è stata premiata con un bel 7 dalla Smith, pur non avendo il talento della Belvedere. Ma è noto anche che la presidente di giuria adotta uno strano metro di valutazione: è più generosa con chi fa dei progressi mentre dai bravi si aspetta di più quindi è più tirata con i voti. Ma che ragionamento è? È come se io premiassi un mio allievo scadente in latino solo perché è migliorato ma punissi quello bravo perché avrebbe potuto fare meglio. Ne conseguirebbe una vera e propria rivoluzione!

Ma gli errori della Smith non sono finiti. Nella seconda manche di gara le “stelle” dovevano cimentarsi in un ballo sconosciuto anche ai maestri: la salsa colombiana, ballo strepitoso, dal ritmo superveloce e dalle coreografie ricche di acrobazie. La presidente di giuria aveva a disposizione dei punti bonus da attribuire a seconda dell’esibizione: da 0 a 10 ma poteva anche togliere i punti già assegnati dalla giuria nel primo ballo. Vediamo come ha valutato le diverse esibizioni:
• Belvedere / Di Filippo 2
• Burkhard /Togni 2
• Cabrerizo / Karieva 6
• Capparoni / Musikhina 6
• Capponi /Peron – 3
• Santostasi / Gaudino 7
• Panucci /Yunkure 5
Troppo severa con la Capponi, poverina, equa con la Santostasi, obiettivamente la più brava, ma troppo generosa con Capparoni e Panucci. Vediamo perché. La salsa colombiana, così com’è stata dimostrata, nella scorsa puntata, dai campioni del mondo John Vasquez e Judi Aguilar, prevede delle performance molto diverse tra uomo e donna: il primo deve muovere molto velocemente le gambe ed impegnarsi in prese molto difficili, la seconda, spesso sollevata da terra e sempre sgambettante, ha bisogno soprattutto di un buon equilibrio. Né Capparoni né tantomeno Panucci, che stimo molto per l’umiltà, la cortesia e la simpatia, hanno meritato i 6 punti, soprattutto perché, al di là delle prese, poche nel complesso, si sono mossi molto poco, forse un po’ di più Bruno rispetto a Kaspar. Vittoria si è mossa con eleganza, ha mantenuto una buona postura anche se le prese sono state effettivamente deludenti. Ma tra il 6 e il 2 c’è una grande differenza: un 4 per l’attrice poteva starci.
Ecco il secondo errore di Carolyn Smith.

Ma veniamo al terzo errore della presidente di giuria. Come sa chi segue il programma, uno dei possibili spareggianti ha diritto al salvataggio grazie al tesoretto procurato dal “ballerino per una notte” di turno. Ieri si è esibito il calciatore Bruno Conti, campione del mondo nel 1982. Una performance davvero modesta e i voti attribuiti dalla giuria mi sono sembrati equi, anche se non ho capito come mai i giurati abbiano rinunciato ai 10 di rito, creando una diseguaglianza di giudizio tra le prime esibizioni e queste ultime. È vero che il tesoretto di fatto salva la “stella” cui è attribuita, ma non mi sembra un atteggiamento coerente.
A questo punto la Smith decide che questo tesoretto, tra Christian Panucci, Bruno Cabrerizo e Vittoria Belvedere, venga attribuito a …. Christian. Ed ecco che l’ormone colpisce ancora. A meno che non si sia trattato di un errore di valutazione da parte di Carolyn. Può darsi, infatti, che abbia pensato di salvare Panucci, per cui ha indubbiamente un debole, temendo che il pubblico da casa gli preferisse Bruno, visto anche l’indiscutibile fascino del modello, ex calciatore. Perché è vero che il televoto spesso premia la bellezza o la simpatia piuttosto che la bravura. Quindi, lasciando la Belvedere in balia del televoto, la Smith era probabilmente convinta che il pubblico la salvasse. Cosa che non è avvenuta lasciando l’unica colpevole di stucco.

Ecco quello che penso. Forse mi sbaglio ma onestamente credo che la Belvedere sia uscita ingiustamente, considerando anche che Barbara Capponi, spesso dileggiata dalla giuria, non si è ritrovata nemmeno tra i tre spareggianti. Credo sia la prossima candidata per l’uscita, vista la predilezione della Smith per i maschi. Un po’ mi dispiace perché si sta comportando bene ed è spesso sottovalutata nonché presa in giro per quel suo essere “antica” che, secondo me, vuol significare solo essere una signora forse un po’ restia a farsi mettere troppo le mani addosso dal compagno. In fondo, anche se parliamo di ballo e non di mobbing, non tutte si lasciano andare come se niente fosse. Ci vuole un po’ di tempo e i progressi si vedono anche se non si può nemmeno mettere a confronto lo stile della giornalista con quello della Belvedere.

Insomma, Canino avrebbe dovuto tacere. È inutile criticare l’iniquità del televoto quando i primi a non essere equi sono proprio i giudici. E quando, soprattutto, gli errori di valutazione arrivano dalla presidente di giuria che dovrebbe essere un’esperta.
A questo punto mi vien voglia di dire: Carolyn, vai a casa!

12 marzo 2011

ANNALISA SCARRONE: LA VIDEOINTERVISTA DI LAFFRANCHI

Posted in Amici, canzoni, Maria De Filippi, spettacolo, talenti, televisione tagged , , , , , , , , , a 12:38 pm di marisamoles

“Il canto contro le mie incertezze”: questo il titolo della videointervista, curata da Andrea Laffranchi, ad Annalisa Scarrone, arrivata seconda alla finale di Amici 10.

Venticinque anni, una laurea in Fisica, la passione per il canto, la timidezza, la riservatezza: queste le doti della cantante che per mesi, pur avendo dimostrato un indubbio talento fin dall’inizio della “scuola”, è stata bersagliata dai commenti severi degli “esperti”. “Annalisa è già brava, potrebbe dare di più”, “Annalisa ha talento, tecnicamente è perfetta ma non arriva”, questi i difetti a lei contestati più di frequente. Critiche che le hanno fatto male perché, come ha più volte affermato, il suo carattere non le permette di aprirsi. Ma questa chiusura a riccio, in un mondo dove l’espansività viene premiata, anche quando è più negativa che positiva (altrimenti come sarebbe potuta arrivare fino alla semifinale una come Francesca?), ha penalizzato non poco Annalisa che, se ha vinto il Premio della Critica, avrebbe potuto ambire alla vittoria nella trasmissione della De Filippi, strappando il trofeo a Virginio Simonelli che, seppur bravo e corretto nel comportamento, possiede indubbiamente meno talento e deve adoperarsi non poco per ottenere il meglio.

L’album di Annalisa, “Nali” (è il soprannome che le ha affibbiato una sua compagna di università a cui è molto legata) è uscito poco prima della finale e ha raggiunto la quinta posizione nella Classifica Fimi, cinque canzoni del suo disco si trovano nella classifica dei digital download (“Questo bellissimo gioco”, “Inverno”, “Brividi”, “Solo” e “Diamante lei e luce lui”), su iTunes rimane stabile alla seconda posizione. Un buon inizio. Speriamo che la sua carriera prosegua con successo. Se lo merita e sarebbe il suo riscatto per una vittoria mancata per un soffio.

16 settembre 2010

L’ANTONIANO CONTRO “IO CANTO” E “TI LASCIO UNA CANZONE”: I BAMBINI VERI SONO QUELLI DELLO ZECCHINO D’ORO

Posted in bambini, canzoni, spettacolo, talenti, televisione tagged , , , , , , , , , , , , a 6:41 pm di marisamoles

Con grandissima soddisfazione leggo sull’ultimo numero di TV Sorrisi e Canzoni (n° 38, pagine 16 e 18, servizio di Maria Giulia Comolli) che anche i frati dell’Antoniano di Bologna sono contrari all’esibizione dei bambini canterini in trasmissioni serali e in contesti molto lontani da quelli più adatti a loro e alla loro giovane età.

Frate Alessandro Caspoli, direttore dell’Antoniano e presidente della giuria dello Zecchino d’oro, osserva che, al contrario di ciò che accade nelle trasmissioni di Scotti e della Clerici, definite “programmi con i bambini”, lo spettacolo dell’Antoniano è il vero programma per bambini. Infatti, frate Caspoli sostiene che “le nostre canzoni sono scritte per i bambini, negli altri show i piccoli si misurano con brani da adulti”. E continua: “Cosa può capire un ragazzino di storie di amanti, tradimento o altro … probabilmente non fa caso al testo, e allora la sua è una semplice (sebbene ottima) esecuzione. Ma allora sembra passare il messaggio che conta “come” dici una cosa e non “cosa” dici”.

D’accordo con il direttore dell’Antoniano è anche Sabrina Simoni che dirige il celebre coro intitolato a Mariele Ventre, che lo fondò nel 1963 e lo diresse fino a pochi giorni prima di morire, nel 1995. Per la Simoni lo Zecchino d’oro è davvero un gioco: “I nostri piccoli si esercitano 20 minuti al giorno per una settimana, poi sono in tv per cinque giorni con una canzone sola; gli altri show durano molto e ogni bimbo esegue vari brani: la voce si può anche stressare …”.

Frate Caspoli non risparmia le critiche nemmeno ai conduttori dei due talent show, sostenendo che in questo tipo di programma si promuove la spettacolarizzazione della personalità e della storia dei cantanti in erba. E se la Clerici sarebbe perfetta come conduttrice dello “Zecchino d’oro”, di certo non si accontenterebbe del cachet: la spesa per lo “Zecchino” è di 800mila euro per cinque pomeriggi, probabilmente meno di quanto possa costare una sola puntata di “Ti lascio una canzone”. Considerando il costo totale, aggiungo io, il compenso per la conduttrice sarebbe di gran lunga inferiore a quanto sarebbe disposta ad intascare Antonella che ha appena rinnovato il contratto Rai per un milione e 800 mila euro per due anni.

Su Gerry Scotti il direttore dell’Antoniano osserva, con un po’ d’ironia, che visto che pare faccia parecchia beneficenza, “non ne farebbe anche venendo gratis allo “Zecchino”?

Che altro aggiungere? Le critiche mosse mi sembrano sufficientemente obiettive e per nulla dettate dall’invidia nei confronti di due trasmissioni di successo che sfruttano il talento dei bambini per fare una gara a chi conquista lo share più alto.
I bambini si devono divertire e credo che, in quel tipo di trasmissioni, oltre alla stress della voce, come osserva la maestra Simoni, accumulino anche un bel po’ di stress psicofisico che, alla loro età, sarebbe meglio evitare.

LEGGI ANCHE L’ARTICOLO CORRELATO: Dai bambini di “io canto” alle Velone …

15 settembre 2010

STEFANO FILIPPONI A X FACTOR: VERO TALENTO O FA SOLO TENEREZZA?

Posted in canzoni, spettacolo, talenti, televisione tagged , , , , , , , , , a 9:48 pm di marisamoles


Una delle voci che sembra ottenere un grande consenso nell’attuale edizione di X Factor è quella di Stefano Filipponi, un ventiduenne di Macerata su cui ha scommesso per prima, ai casting, Mara Maionchi che si è commossa fino alle lacrime nel sentirlo cantare e poi parlare.

La trasmissione di Rai 2 premia il talento, è indubbio. La ricerca dell’ X Factor fa sì che nessuno dei partecipanti debba essere scontato o banale. Sicuramente Filipponi è una persona speciale:
appassionato di musica fin da piccolo, a 14 anni ha iniziato a studiare canto e dal 2007 si “è dato” alla lirica, frequentando una scuola di Ancona. È anche musicista: da dieci anni suona il sassofono contralto.

Al di là delle capacità vocali, quello che colpisce in Stefano è l’espressione orale: è, infatti, balbuziente. Quando parla s’inceppa parecchio, mentre cantando le parole fluiscono libere nell’aria, senza tentennamento alcuno. Il giovane racconta che ha iniziato a balbettare all’età di cinque anni, in seguito ad un’operazione alle tonsille. Lui non ne ha un preciso ricordo né sa se l’intervento in sé possa essere stato un trauma tale da portare a tali conseguenze. Sono i suoi genitori a testimoniarlo.

Quello che non si può negare è che Stefano, nonostante il suo carattere schivo e la difficoltà di comunicazione, mentre canta, pur davanti alle telecamere, al pubblico in sala e alla giuria (i giudici, come è noto, sono la Maionchi, Elio delle Storie Tese, la Tatangelo e Ruggeri), sembra a suo agio.
Ieri sera, tuttavia, nell’esecuzione della canzone di Benigni «Quanto ti ho amato» ha tradito una forte emozione. Ancora più commosso è sembrato di fronte all’esternazione del gradimento da parte del pubblico che si è esibito in una standing ovation, e alla commozione che la sua canzone ha suscitato nella giuria, specie nelle due signore, Lady Tata (come Facchinetti chiama la Tatangelo) e Mara Maionchi. Più scettici, invece, i due uomini: come hanno fatto notare Ruggeri e Elio, se la performance di Stefano era ben lungi dalla perfezione, l’impressione è che i problemi del ragazzo travalichino le sue doti canore, influenzando il pubblico che potrebbe essere propenso a premiarlo perché fa tenerezza.

Per sciogliere il dubbio non rimane che attendere le prossime puntate: probabilmente le performance saranno migliori man mano che prenderà maggiore confidenza con la scena. Ieri sera, a parte il bel video in cui Stefano pedalava su una bici portando sulle spalle un grande cuore, è sembrato abbastanza impacciato e sono d’accordo con le osservazioni fatte dai due giurati. Per dire la verità, Elio, colpito dall’affetto dimostrato dal pubblico, in un primo momento era stato reticente: non voleva rovinare quel momento magico con le critiche. Poi si è sbottonato e l’ha seguito a ruota anche Ruggeri.

Personalmente credo che tutte queste delicatezze nei confronti del cantante possano creare dei favoritismi e non lo aiutino a crescere. Finché Stefano non sarà in grado di dimostrare tutte le sue potenzialità (che sono sicura possieda), rimarrà sempre il dubbio che il suo talento passi in secondo piano nel giudizio del pubblico.

Sono sicura che possieda l’X Factor, che per lui “è toccare il cuore della gente”, ma non basta emozionare, deve tirare fuori la grinta e far vedere che il suo talento è migliore di quello dei compagni. Per il momento sta dimostrando un grandissimo coraggio e si sa che audaces fortuna iuvat.

[fonte per le notizie sul cantante: Davide Maggio]

20 dicembre 2009

AMICI 9: RODRIGO CONTRO TUTTI. IL SOLITO RACCOMANDATO

Posted in Amici, talenti, televisione tagged , , , , , , , , a 12:19 pm di marisamoles

Quest’anno ad Amici 9 sembra che l’attenzione sia puntata sui ballerini, anche se non proprio per i meriti che vengono spesso messi in discussione dagli stessi insegnanti, Alessandra Celentano in testa. Infatti, proprio lei ha voluto che il banco di tutti i ballerini, senza distinzione alcuna, venisse messo in discussione. Il motivo? Il livello generalmente un po’ troppo basso, tenendo conto del fatto che ai tre giudicati migliori verranno assegnate delle borse di studio di un certo rilievo, e per alcuni uno scarso progresso rispetto ai livelli di partenza. Poi, sostiene la Celentano, pochi hanno una base classica che, secondo lei, è assolutamente necessaria per qualsiasi categoria di ballo. Su questo ha ragione, però, nonostante le critiche mosse ai ballerini, riscontro in tutti una competenza e delle abilità che erano quasi assenti nei concorrenti delle scorse edizioni.

Sorvolo sulle sfide volute dalla Celentano (il cui resoconto si può leggere in decine di altri post), per concentrare la mia attenzione sulla supersfida di ieri: Rodrigo, ballerino cubano e professionista, a quanto pare, contro tutti. Fin dall’esecuzione del primo cavallo di battaglia le sue capacità sono apparse indiscutibili ed il suo livello decisamente più alto rispetto a quello degli “allievi” della scuola di Maria De Filippi. La vittoria di Rodrigo è stata, secondo me, annunciata. Fin dall’inizio, la Celentano e Carbone, cultori del classico, si sono schierati a favore del ventunenne cubano. Molto più onesti ed obiettivi gli altri insegnanti che, quanto meno, si sono sforzati di motivare le valutazioni che, di volta in volta, non sono sempre state a favore dello sfidante. Il più in crisi mi è sembrato Steve La Chance che, o sinceramente o per finta, ha apprezzato la tecnica di Rodrigo ma a volte ha giudicato migliore la performance dello sfidante di turno.

Insomma, io sinceramente non ho capito da dove esce ‘sto Rodrigo. Bravo, sì, ma con un fisico non troppo slanciato, e, diciamo la verità, un po’ bruttino. Ma, avendo fatto questa osservazione durante le esibizioni del ballerino, mi sono detta che anche Nureyev non era un adone.
Ho letto da qualche parte che Rodrigo è stato “raccomandato” da uno dei professionisti di “Amici”: Josè. Bene, almeno una volta la cosa è trasparente. Di solito tutti raccomandano qualcuno e nessuno ha il coraggio di ammetterlo. Quindi, ben venga la sincerità anche se l’ammissione alla scuola del vincitore della sfida mi pare in contraddizione con quanto affermato da Maria De Filippi all’inizio della diretta di ieri. Se non ho capito male, ha spiegato che qualora avesse vinto Rodrigo, uno degli sfidanti sarebbe stato eliminato a suo insindacabile giudizio (cosa, questa, che ha messo il ragazzo in seria difficoltà) e che in ogni caso mai avrebbe occupato un posto nella scuola. Nei giorni scorsi ho sentito che, trattando la questione della supersfida, la commissione avrebbe deciso di riservare un posto per Rodrigo nell’edizione del prossimo anno, anche perché, a questo punto, il televoto non lo avrebbe certo agevolato essendo una new entry tardiva ed essendo il pubblico ormai affezionato ai ragazzi che si esibiscono da mesi nelle trasmissioni del sabato e nelle pomeridiane giornaliere.

Ieri, invece, le cose sono andate diversamente. Maria, la stessa Maria che all’inizio della diretta aveva puntualizzato quanto ho precedentemente esposto, alla fine della sfida, congratulandosi con il vincitore, gli consegna la maglietta e lo fa accomodare al proprio banco, al posto del povero Nicolò che, è il caso di dirlo, in questa situazione fa la parte dell’agnello sacrificale. E già, perché da una parte Rodrigo non se la sente di cacciare nessuno dalla scuola, quindi fa il nome di Nicolò perché la commissione stessa l’aveva messo in sfida, dall’altra tutti sono dispiaciutì, specialmente Steve che tenta di opporsi a tale decisione e che Maria mette a tacere dicendo: “Avete deciso voi, l’avete voluto voi”. Ok, ma chi ha realmente voluto questa sfida uno contro cinque? I ballerini, già sufficientemente tartassati quest’anno – e non sempre a ragione com’era capitato negli anni scorsi -, per dimostrare il loro valore? Gli insegnanti, per mettere in risalto le lacune nella preparazione degli allievi? Maria, per alzare un po’ l’audience della trasmissione? Insomma, io non l’ho capito. Ma in ogni caso, è inutile piangere sul latte versato, come hanno fatto alcuni nella commissione, a parte il solito tenerone di Garrison dalla lacrima facile. Molto più sincere le lacrime dei compagni di Nicolò che hanno, fin da subito, guardato il povero Rodrigo con aria di disprezzo, quasi fosse un intruso e in effetti lo è veramente. C’è da scommettere che non gli renderanno la vita facile, sempre che rimanga nella scuola.

Io mi chiedo: era davvero questo l’obiettivo della sfida? Creare un po’ di malumore tra i ballerini, visto che quest’anno il clima è apparso fin da subito più sereno?

31 ottobre 2009

NOEMI, LA FIGLIA SEGRETA DI SARAH FERGUSON

Posted in Satyricon, spettacolo, talenti, televisione tagged , , , , , , , , a 10:35 pm di marisamoles

NoemiXfactor2009Nonostante non abbia mai visto Noemi a XFactor, ho avuto modo di sentirla cantare e devo ammettere che mi piace molto. Conoscevo la sua voce ma non il suo viso. Nelle ultime settimane, sentendo spesso alla radio il suo ultimo successo “L’amore si odia”, cantato a due voci con la splendida Fiorella Mannoia, mi sono incuriosita e sono andata a cercare un video su You Tube. Ho trovato quello in cui presenta il suo ultimo pezzo proprio a XFactor, su quel palcoscenico dove ha mosso i primi passi verso il successo. È curioso il fatto che lei e Giusy Ferreri, pur non avendo ottenuto la vittoria nel talent show di Rai2, hanno avuto molto più successo dei vincitori stessi, Ciò che accomuna le due interpreti è, secondo me, quel timbro particolare di voce che fa sì che, non appena le senti cantare, non puoi sbagliarti, ti convinci che sono proprio loro anche se non le hai sentite interpretare quella canzone.

SARA_FERGUSONMa, vi chiederete, che c’entra questo discorso con il titolo del post? C’entra, c’entra. Perché, mentre guardavo il video su You tube, non facevo altro che chiedermi a chi somigliasse questa ragazza che fino allora non avevo mai visto. Poi ho avuto un’illuminazione: sembra Sarah Ferguson, l’ex moglie del principe Andrea, nonché duchessa di York, titolo che ha mantenuto anche dopo il divorzio.
Ho cercato, allora, delle foto della duchessa e ne ho trovate parecchie. Tuttavia, non riuscivo a trovarne una in cui la somiglianza con Noemi fosse evidente. Tutt’altra cosa è, infatti, osservare un volto su di un video e vi assicuro che in quello scovato su internet la somiglianza tra Noemi e Sarah è davvero impressionante.

Fatta questa scoperta, avevo in mente di scrivere un post del tipo “Separate alla nascita”. Poi, però, ho fatto due conti: la Ferguson ha da poco compiuto 50 anni, Noemi ne ha 27, più che sorelle gemelle, separate alla nascita, potrebbero essere … madre e figlia!
Ecco che la cantante italiana potrebbe essere la primogenita della duchessa di York, nonché sorella delle principessine Beatrice (nata nel 1988) ed Eugenia (del 1990). La somiglianza delle tre principesse con Noemi è notevole, non trovate?

A parte gli scherzi, auguro a Noemi tutto il successo che merita e che di certo avrà perché il suo album “Sulla mia pelle” è uscito agli inizi di ottobre e in un paio di settimane è balzato ai vertici della classifica delle vendite. Mi vien da pensare: ma se non ci fossero questi new talents, le case discografiche avrebbero già chiuso i battenti!

ANNA SCRIGNI

Storie di Viaggi e di Città

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, buone e cattive, di temi originali e copiati, di studenti curiosi e indifferenti, autodidatti e eterodidatti, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: