ECCO URSUS, LA GRU PIU’ FAMOSA DELLA TV… GRAZIE A #LAPORTAROSSA


Ha chiuso in bellezza, con il 14.1% di share (3.471.000 spettatori), l’ultima puntata della fiction targata Rai2 “La Porta Rossa”. Ideata da Carlo Lucarelli per la regia di Carmine Elia, la fiction ha visto come protagonisti gli attori Lino Guanciale, nelle vesti di Leonardo Cagliostro, poliziotto-fantasma, Gabriella Pession che ha interpretato Anna Mayer, la moglie, nonché vedova, di Cagliostro e Valentina Romani, nei panni di una ragazza sedicenne con il potere di vedere e interagire con i morti. La trama aveva tutti ingredienti per tenere incollati davanti alla tv milioni di telespettatori, con una suspance per niente mitigata dall’assurda, se vogliamo, figura del protagonista che, da morto, riesce a risolvere i casi più difficili della sua carriera, compresa la sua morte.

Ma la vera protagonista di questa fiction, per cui è già in programma il seguito (si sa che i fantasmi non muoiono mai e a Guanciale il ruolo è assicurato!), è stata la splendida città di Trieste che, grazie alla Film Commission Friuli-Venezia Giulia, sempre più rappresenta il set ideale per cinema e tv.

Ho letto sui social e sui quotidiani commenti entusiastici sulla città giuliana: il mare, l’altopiano carsico, gli splendidi edifici, in molti dei quali ancora si respira un’atmosfera austro-ungarica, le luci che si specchiano sulle acque del golfo, i locali caratteristici come il Caffè San Marco… insomma, un set davvero strabiliante.
Ma la protagonista assoluta della fiction, nonché la più ammirata dai telespettatori e dai fan de #laportarossa, è stata senza ombra di dubbio Ursus. Lo stesso Guanciale, in un tweet, ha lasciato presagire un seguito alla fiction salutando Ursus con un arrivederci.

Per chi, come me, ha vissuto e vive a Trieste, Ursus è un’istituzione, quasi alla pari con il “melone” (l’acroterio simbolo di Trieste insieme all’alabarda) che un tempo sovrastava il campanile di San Giusto, la cattedrale cittadina. Ma cos’è Ursus?


Ursus è la gru galleggiante che ha oltre cent’anni, essendo stata varata il 29 gennaio del 1914, e che attualmente è ormeggiata a una banchina del Porto Vecchio. Dal luglio del 2011 è monumento nazionale e questo status giuridico la protegge dallo smantellamento, anche se necessita in modo evidente di un restauro, aggredita com’è da salsedine e ruggine.

Per 80 anni Ursus ebbe il primato della gru galleggiante più potente del Mediterraneo. Con i suoi quasi 80 metri di altezza e una stazza maggiore di 1000 tonnellate, fu progettata per costruire a Trieste le nuove corazzate della Marina imperiale austroungarica che avrebbero dovuto superare per dislocamento e calibro delle artiglierie la Viribus Unitis e le altre tre unità della stessa classe. Allo scoppio della prima guerra mondiale, le risorse economiche destinate alle nuove potenti corazzate furono azzerate e, di conseguenza, anche Ursus rimase un progetto irrealizzato.
Si dovette aspettare il 1930 per riprendere i lavori: infatti per costruire il nuovo transatlantico, il Conte di Savoia, la presenza di una potentissima gru galleggiante sarebbe stata indispensabile. L’Ursus fu completato nel dicembre del 1931 e iniziò subito a fornire un supporto prezioso all’attività del San Marco.

Ursus è decisamente la gru dei record: ad esempio l’installazione dei tre giganteschi giroscopi Sperry, ciascuno dalla massa di 150 tonnellate, che avevano il compito di smorzare il rollio del Conte di Savoia, fu possibile grazie al supporto di Ursus che sollevò i giroscopi a 40 metri d’altezza per favorire il loro inserimento nello scafo del transatlantico. In seguito Ursus partecipò alla costruzione della Vittorio Veneto e della Roma, le sfortunate corazzate della Marina italiana impiegate durante la seconda guerra mondiale. Infine il pontone fu di supporto alla realizzazione dell’ultimo transatlantico del nostro Paese, la Raffaello, che costituì anche l’ultima commissione prestigiosa per il cantiere San Marco di Trieste.

Protagonista di un’insolita navigazione in solitaria, la gru galleggiante fu sospinta al largo, nonostante la notevole stazza e l’ancoraggio, dalla bora che, incurante del passato glorioso di Ursus, la trattò come fosse una barchetta di carta. Era l’inizio di marzo del 2011 e il vento fortissimo portò la gru a più di tre miglia dalla costa. Fu recuperata, mentre andava alla deriva, dai rimorchiatori che l’hanno raggiunta, affrontando un mare spumeggiante e impossibile. (ne ho parlato QUI)

Insomma, una brutta avventura fortunatamente finita bene per Ursus. Mai, tuttavia, avrebbe pensato di diventare in qualche modo la protagonista di una serie televisiva. Ormai in tutta Italia è diventata una specie di star. Speriamo solo che il restauro annunciato e mai realizzato si faccia in tempi brevi, magari con il contributo della Film Commission FVG.

[immagine Ursus da questo sito; alcuni spunti per il post sono presi da questo articolo de Il Piccolo]

Annunci

I CESARONI BATTONO SANTORO E IL SUO ANNOZERO: QUANDO LA FICTION PREVALE SULLA POLITICA


Proprio ieri ho dedicato un post alla fiction più amata dagli Italiani: I Cesaroni. Oggi leggo su Affari Italiani.it che la famiglia della Garbatella, con i suoi problemi di relazione e le sue avventure al limite del paradosso, piace ancora agli Italiani, piace anche più della politica. La puntata di ieri ha, infatti, battuto in termini di audience il debutto della nuova edizione di Annozero, che pareva fosse destinata a non andare mai in onda dopo le “incomprensioni” intercorse tra la Rai e il conduttore Michele Santoro.

I Cesaroni hanno battuto pure Fini, protagonista negli ultimi mesi di una querelle infinita circa la proprietà della famosa casa a Montecarlo. Un dibattito che, stando alle premesse, sembrava destinato ad appassionare i fan di Santoro. E invece, evidentemente quelli de I Cesaroni sono di più.
Che la gente sia un po’ stufa dei dibattiti televisivi è possibilissimo. Quello che, invece, a molti sembra inverosimile è che ci si possa appassionare a delle fiction che, secondo alcuni, non rappresentano per nulla lo specchio della realtà e trasmettono un’idea falsata della vita quotidiana delle famiglie italiane.

Per cercare di capire meglio questo vero e proprio fenomeno televisivo, Affari Italiani. It ha rivolto alcune domande alla professoressa Maria Bettetini, docente di Estetica e Filosofia della Comunicazione all’università IULM di Milano.
Ad esempio, le è stato chiesto: «La televisione, il mondo dello spettacolo e dell’arte in generale, cosa rappresentano o per lo meno dovrebbero rappresentare?»
Rappresentano un mondo parallelo. – osserva la Bettetini – Non necessariamente falso, ma un mondo ‘altro’, in cui la realtà viene letta e proposta in base a scelte che di volta in volta possono essere di diversa natura: politica, tecnica, dettata dalle leggi dell’auditel. Come ogni rapporto estetico dovrebbe sempre presupporre un tacito accordo tra emittente e pubblico: questo sa, conosce e accetta di assistere e partecipare a quella ‘finzione’ che ne costituisce l’elemento caratterizzante.

Non sempre, però, finzione vuol dire “menzogna” e la Bettetini spiega che si può parlare di ‘immagini menzognere’ solo quando quelle immagini e il mondo artistico parallelo vogliono esser fatte passare per la realtà. Sta poi allo spettatore decifrare il messaggio che la fiction vuole trasmettere, senza considerarlo vero ma almeno verosimile. Quindi, conclude la professoressa, Una finzione nell’estetica è necessaria e non assume una connotazione morale, al contrario la menzogna esiste solo quando c’è inganno.
Questo concetto di tv ingannevole risale agli anni ’50 in cui si riteneva che la televisione fosse una finestra sul mondo. Ora, però, la questione è affrontata diversamente perché si è capito che la tv racconta una parte di mondo e la racconta in un certo modo. Dall’onestà di chi decide come raccontare dipende se essa possa aiutare o meno a capire il mondo reale.

La famiglia Cesaroni è, quindi, una sorta di paradigma della famiglia allargata, che non si può negare esista davvero e sia ormai molto diffusa. Le situazioni in cui i protagonisti sono calati, le dinamiche che si instaurano tra di loro, il modo in cui affrontano le problematiche della vita quotidiana sono, se non reali, almeno verosimili e certamente non ingannevoli. Anche Alessandro Manzoni, nella stesura dei Promessi Sposi, ha costruito una storia fittizia ma calata in un contesto storico reale, basandosi sul presupposto che la rappresentazione non reale ma verosimile possa evitare di trarre in inganno il lettore.

Insomma, quando guardiamo I Cesaroni sappiamo di assistere a delle avventure televisive e non ad una cronaca, intesa come rappresentazione reale e oggettiva di un fatto. E grazie alla bravura degli attori abbiamo l’impressione di essere lì con loro, di ridere, piangere, scherzare insieme a loro. Qualche volta rivediamo nella loro storia una parte della nostra storia personale ma questa immedesimazione è, ovviamente, temporanea, sappiamo che alla fine della puntata la finzione termina e rimane davanti agli occhi di tutti noi la nostra realtà che, forse, ci fa piangere di più e ridere di meno. Nessun inganno, nessun tentativo di influenzare la nostra mente, come accade, invece, quando si assiste ai dibattiti televisivi, specie quelli di Annozero.

Santoro è un grande affabulatore. Io preferisco la spontaneità un po’ rozza dei Cesaroni da cui mi sento meno ingannata.

STEFANO FILIPPONI A X FACTOR: VERO TALENTO O FA SOLO TENEREZZA?


Una delle voci che sembra ottenere un grande consenso nell’attuale edizione di X Factor è quella di Stefano Filipponi, un ventiduenne di Macerata su cui ha scommesso per prima, ai casting, Mara Maionchi che si è commossa fino alle lacrime nel sentirlo cantare e poi parlare.

La trasmissione di Rai 2 premia il talento, è indubbio. La ricerca dell’ X Factor fa sì che nessuno dei partecipanti debba essere scontato o banale. Sicuramente Filipponi è una persona speciale:
appassionato di musica fin da piccolo, a 14 anni ha iniziato a studiare canto e dal 2007 si “è dato” alla lirica, frequentando una scuola di Ancona. È anche musicista: da dieci anni suona il sassofono contralto.

Al di là delle capacità vocali, quello che colpisce in Stefano è l’espressione orale: è, infatti, balbuziente. Quando parla s’inceppa parecchio, mentre cantando le parole fluiscono libere nell’aria, senza tentennamento alcuno. Il giovane racconta che ha iniziato a balbettare all’età di cinque anni, in seguito ad un’operazione alle tonsille. Lui non ne ha un preciso ricordo né sa se l’intervento in sé possa essere stato un trauma tale da portare a tali conseguenze. Sono i suoi genitori a testimoniarlo.

Quello che non si può negare è che Stefano, nonostante il suo carattere schivo e la difficoltà di comunicazione, mentre canta, pur davanti alle telecamere, al pubblico in sala e alla giuria (i giudici, come è noto, sono la Maionchi, Elio delle Storie Tese, la Tatangelo e Ruggeri), sembra a suo agio.
Ieri sera, tuttavia, nell’esecuzione della canzone di Benigni «Quanto ti ho amato» ha tradito una forte emozione. Ancora più commosso è sembrato di fronte all’esternazione del gradimento da parte del pubblico che si è esibito in una standing ovation, e alla commozione che la sua canzone ha suscitato nella giuria, specie nelle due signore, Lady Tata (come Facchinetti chiama la Tatangelo) e Mara Maionchi. Più scettici, invece, i due uomini: come hanno fatto notare Ruggeri e Elio, se la performance di Stefano era ben lungi dalla perfezione, l’impressione è che i problemi del ragazzo travalichino le sue doti canore, influenzando il pubblico che potrebbe essere propenso a premiarlo perché fa tenerezza.

Per sciogliere il dubbio non rimane che attendere le prossime puntate: probabilmente le performance saranno migliori man mano che prenderà maggiore confidenza con la scena. Ieri sera, a parte il bel video in cui Stefano pedalava su una bici portando sulle spalle un grande cuore, è sembrato abbastanza impacciato e sono d’accordo con le osservazioni fatte dai due giurati. Per dire la verità, Elio, colpito dall’affetto dimostrato dal pubblico, in un primo momento era stato reticente: non voleva rovinare quel momento magico con le critiche. Poi si è sbottonato e l’ha seguito a ruota anche Ruggeri.

Personalmente credo che tutte queste delicatezze nei confronti del cantante possano creare dei favoritismi e non lo aiutino a crescere. Finché Stefano non sarà in grado di dimostrare tutte le sue potenzialità (che sono sicura possieda), rimarrà sempre il dubbio che il suo talento passi in secondo piano nel giudizio del pubblico.

Sono sicura che possieda l’X Factor, che per lui “è toccare il cuore della gente”, ma non basta emozionare, deve tirare fuori la grinta e far vedere che il suo talento è migliore di quello dei compagni. Per il momento sta dimostrando un grandissimo coraggio e si sa che audaces fortuna iuvat.

[fonte per le notizie sul cantante: Davide Maggio]

LA CASA DI SCAJOLA? UNA CATAPECCHIA … PAROLA DI LORY DEL SANTO

Da qualche giorno la showgirl Lory Del Santo sta sbandierando ai quattro venti di essere una vicina di casa dell’ormai ex ministro Claudio Scajola. Due giorni fa è stata ospite di Alfonso Signorini su Radio Montecarlo, ieri è stata intervistata da una giornalista per Il fatto del giorno, oggi era ospite in studio durante la trasmissione pomeridiana di Rai 2 condotta da Monica Setta.

Sembra che, al di là delle inchieste che hanno travolto il povero Scajola che ancora non si dà pace perché non sa chi gli abbia pagato una parte di casa, ‘sta casa non sia poi un granché. E il dettaglio non è proprio insignificante, visto che si sta discutendo sul valore dell’immobile che, secondo alcuni, Scajola avrebbe pagato troppo poco.
Il condominio, come ha testimoniato la stessa Lory Del Santo che vi abita dalla fine degli anni ’70, è modesto, la zona è considerata periferica, nonostante la vista sul Colosseo, uno dei più splendidi monumenti romani e del mondo intero, e parecchio malfamata. La showgirl ha raccontato che qualche anno fa aveva avuto bisogno di alcuni artigiani per una riparazione; questi avevano lasciato parcheggiato il furgone nei pressi del condominio e non vi avevano più ritrovato gli attrezzi. Un quartiere di ladri, insomma.

Dopo aver appurato che la zona, così descritta, non può essere considerata “da ricchi” e quindi eccessivamente cara a livello immobiliare, veniamo all’appartamento dei coniugi Scajola: sito nel piano mezzanino, privo di terrazze o balconi, con tre sole finestre su una superficie di 180 mq. Be’, non dev’essere un granché, soprattutto me lo immagino un po’ buio. La Del Santo conferma: buio e bruttino, anche se poi con la ristrutturazione fatta dall’ex ministro è stato ricavato –legalmente, sottolinea Lory- una specie di patio interno. Non ho capito bene di cosa si tratti ma andiamo avanti.

Pare che nelle condizioni in cui si trovava l’appartamento, anche per l’incuria delle vecchie proprietarie che non avevano fatto lavori di sorta ed erano, sottolinea la Del santo, le più povere del condominio, il prezzo pagato, ovvero quello dichiarato, sia più che onesto. Oddio, 900mila euro a me sembra una cifra enorme, ma posso immaginare che i prezzi degli immobili a Roma siano un tantino eccessivi, sicuramente più alti che non nella mia piccola e modesta, anche se molto graziosa, città.
Ad ogni modo, arrivare al milione e mezzo o due milioni di euro stimati come giusto valore dell’appartamento a me pare sia molto difficile, sempre che la descrizione fatta dalla Del Santo sia attendibile. Ma non vedo perché avrebbe dovuto dire una cosa per l’altra. Soprattutto pare che Scajola le stia simpatico. Ha precisato anche che l’onorevole vicino di casa è una persona affabile, gentile e bene educata: le ha perfino regalato un vaso di orchidee solo perché lei, rispondendo alle più elementari norme del buon vicinato, gli aveva dato il benvenuto. Peccato, però, che alla richiesta di mettere una parabola sul suo terrazzo, in assenza di spazi propri, Lory abbia negato il permesso: “Ho un terrazzino piccolo e ben tredici parabole!”, ha dichiarato ieri durante l’intervista da casa sua.

La vita condominiale, si sa, è veramente difficile. Nessuna eccezione, nemmeno per Scajola: niente parabola ma nemmeno l’aria condizionata! La Del Santo, infatti, ha riferito che i condomini hanno obbligato l’ex ministro a togliere il motore esterno del condizionatore, pur essendo collocato in “un cortiletto, piccolo e schifoso”, dove, insomma, non dava fastidio a nessuno.
Io adesso mi chiedo: per avere un appartamento con vista sul Colosseo, valeva davvero la pena stare quasi al buio, morire di caldo d’estate, fare a meno di Sky, avere dei condomini –eccetto Lory, naturalmente- un po’ stronzi e temere un assalto notturno da parte dei ladri che pare girino abitualmente da quelle parti? Non vorrei sembrare ironica e anche un po’ irriverente, ma una casa del genere non l’avrei voluta nemmeno … in regalo.

AGGIORNAMENTO DEL POST, 11 MAGGIO 2010:
«MI DISSE: È STATO UN AFFARE»

Lory Del Santo ribadisce, sul numero 20 di TV Sorrisi e Canzoni in edicola da oggi, quanto già detto in occasione di altre interviste. Riporto di seguito la breve intervista pubblicata a pag. 13:

Del Santo, lei abita nello stesso palazzo di Scajola. Ha mai visto l’appartamento del ministro?
“Certo, abito lì dal ’78. Quell’ammezzato era in pessime condizioni, non ha balconi e la vista sul Colosseo è molto parziale. Secondo me non valeva più di 800mila euro”.
Lei ha conosciuto il ministro?
“Sì, gli ho detto che ero contenta che fosse il nuovo inquilino e lui mi ha risposto serio: «Anch’io. Ho fatto un buon affare». Poi ha aggiunto, quasi tra sé e sé: «Chissà perché l’hanno venduto a questo prezzo»”.
Le ha detto quanto l’aveva pagato?
“No, non me l’ha detto e io non ho chiesto”
.

[FOTO DA QUESTO SITO]

ALESSANDRA MUSSOLINI A “IL FATTO DEL GIORNO”: “DI PIETRO VUOLE ENTRARE NEL PDL”


Questo pomeriggio, Alessandra Mussolini ha fatto una “confidenza” alla giornalista Monica Setta (e ai suoi numerosi telespettatori, ovviamente), durante la trasmissione quotidiana di Rai 2 “Il fatto del giorno“. Secondo l’onorevole Mussolini, Antonino Di Pietro, leader dell’Italia dei Valori, sarebbe stufo del Pd, specie dopo la clamorosa sconfitta alla elezioni regionali, e avrebbe preso contatti con Silvio Berlusconi per allearsi con lui, a patto che gli si proponga il ministero di Grazia e Giustizia.

Di fronte allo sguardo dubbioso e al sorriso sardonico di Monica Setta, la Mussolini, è pronta a giurare, sul libro fresco di stampa del ministro Zaia, presente anche lui alla trasmissione, che la notizia è vera. D’altro avviso la giornalista, convinta che si tratti di un pesce d’aprile. E come possiamo dubitarne? Più che un pesce d’aprile, un vero e proprio … squalo!