LA BUONA NOTIZIA DEL VENERDÌ: CERVELLI ATTIVI PIÙ A LUNGO SE SI STUDIA MUSICA DA PICCOLI

Uno studio condotto da Nina Kraus, neurobiologa presso la Northwestern University, ha rilevato che se da bambini si studia musica il cervello tende a rimanere giovane a lungo.

Da tempo la scienziata porta avanti una ricerca sugli effetti che la musica può avere sulla plasticità cerebrale e sulle abilità cognitive. Nella sua ultima ricerca ha coinvolto 44 adulti tra i 55 e i 76 anni per valutare la prontezza del loro cervello nel reagire alla percezione di suoni vocali.

L’esperimento consisteva nel misurare l’attività elettrica della regione del tronco encefalico che processa i suoni mentre i soggetti ascoltavano una voce che pronunciava ripetutamente una sillaba. I risultati hanno dimostrato che chi aveva seguito da bambino lezioni di musica, per un periodo dai quattro ai quattordici anni, mostrava una più rapida risposta cerebrale alla percezione del suono, di circa un millisecondo più veloce rispetto a chi invece non aveva familiarizzato da piccolo con uno strumento musicale.

Come ammette Nina Kraus, si tratta di differenze minime ma se le consideriamo per milioni di neuroni, allora possono fare la differenza nella capacità di un anziano nel reagire ai suoni.

Quella della Northwestern University non è l’unica ricerca di questo tipo. Anche al meeting annuale della Society for Neuroscience sono statI presentati vari studi che hanno confermato che lo studio della musica può avere un effetto positivo su certe funzioni cognitive.

Per altri dati vi invito a leggere l’articolo originale.

Per il momento, imitando la sempreverde Raffaella Carrà (sarà merito della musica e della danza?) mi limito a dire:

MUSICA MAESTRO! 🙂

ALTRE BUONE NOTIZIE

Una biologa insegna le tradizioni Maya per produrre cibo, reddito e salvare le foreste di laurin42

LE MIE ALTRE BUONE NOTIZIE

ADDIO A LOU REED LEGGENDA DEL ROCK

Lou Reed
Una vita discutibile, la sua. Gli eccessi hanno forse contribuito ad accorciargli la vita. E’ morto a 71 anni Lou Reed, la leggenda del rock.

Fondatore dei Velvet Underground, ha presto lasciato il gruppo per darsi alla carriera di solista.
Reed, che ha firmato come autore la maggior parte delle canzoni dei Velvet Underground, era entrato a far parte, insieme alla band, della factory di Andy Warhol, promotore e finanziatore del primo album (famoso per la sua copertina che ritrae una fallica banana disegnata dallo stesso Warhol e che poteva essere sbucciata).

“Walk on the wilde side” rimane, a mio parere, pur nella trasgressività del testo, una delle più belle canzoni di ogni tempo.

Lou, walk on the wilde side of the Heaven, now.

[foto dal Corriere]

CIAO LUCIO


“4 MARZO 1943”

Lucio Dalla

Dice che era un bell’uomo
e veniva, veniva dal mare…
parlava un’altra lingua…
però sapeva amare;

e quel giorno lui prese mia madre
sopra un bel prato..
l’ora più dolce
prima di essere ammazzato.

Così lei restò sola nella stanza,
la stanza sul porto,
con l’unico vestito
ogni giorno più corto,

e benché non sapesse il nome
e neppure il paese
m’aspetto’ come un dono d’amore
fino dal primo mese.

Compiva sedici anni quel giorno
la mia mamma,
le strofe di taverna
le cantò a ninna nanna!

e stringendomi al petto che sapeva
sapeva di mare
giocava a far la donna
col bimbo da fasciare.

E forse fu per gioco,
o forse per amore
che mi volle chiamare
come nostro signore.

Della sua breve vita, il ricordo,
il ricordo più grosso
e’ tutto in questo nome
che io mi porto addosso.

E ancora adesso che gioco a carte
e bevo vino
per la gente del porto
mi chiamo Gesù bambino.

E ancora adesso che gioco a carte
e bevo vino
per la gente del porto
mi chiamo Gesù bambino.

1. MARZO 2012 CIAO LUCIO, ORA INIZIA IL SECONDO TEMPO.