28 settembre 2010

KASIA SMUTNIAK: “RINUNCIO AL PARACADUTISMO PER AMORE DI SOPHIE”

Posted in amore, bambini, famiglia, figli, spettacolo, sport, televisione, vip tagged , , , , , , a 7:45 pm di marisamoles

A tre mesi dalla tragica fine di Pietro Taricone, la compagna, l’attrice polacca Kasia Smutniak rompe il silenzio rilasciando un’intervista a Vanity Fair. Racconta il suo grande amore per Taricone e la passione condivisa per il paracadutismo. Le incomprensioni li avevano separati per qualche tempo (in verità delle voci avevano riferito di un fugace flirt di lei con il modello e attore Raz Degan, compagno di Paola Barale), il cielo li aveva fatti incontrare nuovamente.

Quando è morto, Pietro era felice, racconta Kasia. Una coppia schiva, mai al centro dell’attenzione, quasi un’anomalia nel mondo dei vip che tra i gossip ci sguazzano, salvo poi lamentarsi delle foto rubate. Pietro e Kasia erano diversi: Invece di passare il tempo seduti al ristorante, o a comprare vestiti, noi saltavamo. Insieme… Il cielo per me è quello che per Pietro erano i cavalli, osserva l’attrice. Quella per il cielo dapprima era una sua passione esclusiva, poi ha contagiato anche Pietro. Nella passione per il paracadutismo – spiega la Smutniak – l’adrenalina non c’entra. È la sensazione di libertà e di contatto con la natura a renderti felice, e noi facevamo quel che ci rendeva felici: era un altro modo per stare insieme.

Insieme, come sempre, erano anche quel giorno, quel maledetto 29 giugno, quando un fatale incidente le ha strappato per sempre il compagno con cui aveva condiviso otto anni della sua vita, il padre della sua bambina, Sophie. Anche la piccola quel giorno era presente; per fortuna non ha visto nulla della tragedia, forse ha visto soltanto il sorriso di papà che si apprestava a fare l’ultimo lancio. Prima di saltare – ricorda l’attrice –mi ha mandato un bacio, facendo la faccia buffa, hanno riso tutti. Poi si è lanciato. Non si è reso conto di niente, è morto col sorriso in faccia. Io ero accanto a lui.
Alla bambina lei ha detto semplicemente “Papà è morto”, così come le è stato consigliato da uno psicologo. Ai bambini non bisogna mentire e per Sophie, nonostante il dolore, forse appare normale che il papà se ne sia andato per sempre in cielo, quel cielo che amava tanto.
Un amore che anche per Kasia è importante, fa parte della sua vita, anche se ha promesso di non lanciarsi più con il paracadute: Oggi non posso tornare, per Sophie – spiega- adesso devo pensare solo a lei. Tanto, prima o poi, su ci ritorno. Il cielo fa parte di me.

Non ha rimpianti e, nonostante la sofferenza provata, sa che Pietro non avrebbe potuto scegliere una morte migliore: Se potessi scegliere un modo di morire, vorrei anch’io morire così: nel momento più felice della vita.
Ma per ora la vita le riserva delle nuove emozioni, la vita di sempre, quella di attrice. Pare che i fratelli De Angelis, già produttori di fiction popolari e di grande successo, stiano pensando a lei per la parte della protagonista della serie “I mercanti di fiori”, 12 episodi per Mediaset (fonte: TV Sorrisi e Canzoni, numero 40/2010, pag. 31, articolo firmato da Tiziana Lupi).

Per ora il cielo può attendere: lo deve a Sophie.

[FONTE: Il Corriere]

ANNA SCRIGNI

Storie di Viaggi e di Città

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, buone e cattive, di temi originali e copiati, di studenti curiosi e indifferenti, autodidatti e eterodidatti, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: