8 settembre 2012

MISS ITALIA 2012: IL CASO DI NAYOMI ANDIBUDUGE, “STRANIERA” NATA IN ITALIA

Posted in donne, integrazione culturale, spettacolo, televisione tagged , , , , , , , , , a 2:23 pm di marisamoles


Nayomi Andibuduge è nata in Italia, a Roma, città in cui vive, da genitori provenienti dallo Sri Lanka. Il padre Reymond vive nella Capitale da 30 anni, e la mamma, Sandhya, da 20. Nayomi, per legge, può richiedere la cittadinanza italiana ora che da poco ha raggiunto la maggiore età. Può farlo ma lei lo ritiene ingiusto, pensa che chi, come lei, è nato in Italia e nel nostro Paese è sempre vissuto, dovrebbe poter godere di un diritto acquisito e non a richiesta.

Nayomi partecipa a Miss Italia 2012 ma nella sezione speciale che quest’anno Patrizia Mirigliani, che ha seguito le orme del celebre papà, patron del concorso, ha voluto dedicare alle ragazze che sono nate in Italia oppure ci vivono da tempo. Per la bella ragazza dello Sri Lanka, tuttavia, questa viene considerata una magra consolazione. Lei si sente italiana a tutti gli effetti: perché non può concorrere per il massimo titolo, perché non potrà mai diventare, o almeno sperare di diventarlo, Miss Italia?

Così la ragazza decide di scrivere una lettera al Presidente della Repubblica Napolitano. Uno sfogo, niente di più. Ormai i giochi sono fatti e le regole non possono essere cambiate. Ma la lettera di Nayomi deve far riflettere sull’assurdità di una legge che non considera dove una persona vive dalla nascita ma da dove vengono i genitori.
Per quanto riguarda il concorso di Miss Italia, non dimentichiamo la discussa elezione di Denny Mendez nel 1996, appena diciottenne. Nonostante vivesse nel nostro Paese soltanto da 7 anni, proveniente da Santo Domingo, riuscì ad indossare la corona della più bella d’Italia perché naturalizzata italiana. Come mai, mi chiedo, sia possibile che una ragazza come Nayomi, nonostante sia nata qui, sia esclusa dal concorso per il massimo titolo, cosa che invece fu permesso a Denny?

Ecco il testo della lettera scritta al Presidente Napolitano.

Illustrissimo Presidente,

mi chiamo Nayomi Andibuduge, sono una ragazza che in questi giorni sta partecipando al Concorso di “Miss Italia” a Montecatini. Ho diciotto anni e sono nata a Roma. E non ho la cittadinanza italiana, cittadinanza che vorrei invece avere “di diritto” essendo nata in Italia da genitori dello Sri Lanka che da decenni vivono nel Vostro (nostro) Paese.

Pur senza esserlo secondo le attuali leggi dello Stato, mi sento italiana a tutti gli effetti, vivo una vita normale e sono perfettamente inserita nel tessuto sociale di Roma, città che amo ed in cui vivo. A Montecatini, nella sezione di “Miss Italia nel mondo” ho avuto modo di incontrare altre ragazze che – come me – parlano alla perfezione l’italiano, studiano, lavorano e progettano una vita da costruire proprio qui nel Vostro (nostro) Paese.

Io e le altre 22 ragazze che, pur non essendo nate in Italia, mi accompagnano nell’avventura di Montecatini vorremmo poter essere considerate italiane, capaci di fornire con senso civico e morale un apporto, impegnandoci a migliorare il Paese che verrà, che sentiamo come nostro, moderno e cosmopolita.

La ringrazio, Signor Presidente, per la Sua cortese attenzione e Le invio i migliori saluti. Nayomi Andibuduge

[LINK della fonte]

Annunci

5 settembre 2012

L’ALTRA MINETTI

Posted in cronaca, donne, Festival di Sanremo, sport, vip tagged , , , , , , , , , a 4:12 pm di marisamoles


Minetti è un cognome che negli ultimi anni è stato associato solo ad un nome di battesimo: Nicole. L’ex igienista dentale del cavaliere, salita ai ranghi di consigliere regionale, tristemente famosa per aver avuto un ruolo da protagonista nel caso Ruby, sempre al centro delle cronache rosa, ultima la notizia di una relazione con Corona, l’ex di Belen. Ma c’è un’altra Minetti degna di maggior considerazione e ammirazione: Annalisa.

Partecipa a Miss Italia nel 1997, prima aspirante miss cieca, ma si mette in luce grazie alle indiscutibili doti canore. Da Salsomaggiore a Sanremo il passo è breve: l’anno successivo vince il Festival nella categoria “Nuove Proposte” con il brano Senza te o con te, brano scritto da Massimo Luca e Paola Palma. La vittoria è seguita da una scia di polemiche, dato che la sua disabilità l’avrebbe favorita. Ma non è il buio dei suoi occhi a farla vincere, bensì la potenza della sua voce, vera luce della sua vita.

Negli ultimi dieci anni la sua vita è cambiata: si sposa e mette al mondo un figlio, si dedica con passione allo sport, conseguendo il diploma di insegnante di spinning e praticando l’atletica leggera. Quest’ultima passione l’ha portata a vincere la medaglia di bronzo nei 1500 di corsa alle Paralimpiadi di Londra.


Felice per l’esito della gara, Annalisa dichiara: «Una grandissima soddisfazione. È stato molto bello. Tutto è possibile e io ne sono la dimostrazione in qualche modo. Sono proprio felicissima».
Ma al di là della propria soddisfazione personale, la Minetti ha parole di stima e di riconoscenza per la sua guida, Andrea Giocondi, ex mezzofondista che ha partecipato anche alla Olimpiade di Atlanta: «Andrea è stato fondamentale. Due gambe da miss le ha fatte diventare due gambe d’atleta. È stato Gesù a donarmelo e Gesù non sbaglia mai, fa tutto in maniera perfetta. In gara abbiamo parlato tanto. Abbiamo sudato in due, gioito in due. Quando abbiamo cominciato, mi ha detto: non mi importa se fai la cantante, qui devi sudare».

Un esempio da seguire, questa Minetti. Brava Annalisa!

14 gennaio 2011

GIULIA NICOLE: UNA MISS CON FIANCHI TROPPO LARGHI MA …

Posted in adolescenti, attualità, donne tagged , , , , a 6:46 pm di marisamoles


con due palle così! E brava Giulia Nicole Magro, Miss Italia mancata per un soffio (è arrivata seconda, nel 2010, preceduta dalla miss in carica Francesca Testasecca), diciottenne con il pallino della moda ma che, per il momento, si impegna nello studio, decisa a prendersi la maturità scientifica a Vicenza, la sua città.

Lunga chioma bionda, occhi azzurri, un corpo statuario, la ragazza ha un metro e ottanta per cinquantasette chili, roba da fare un’invidia pazzesca a molte (a me sicuramente!). Eppure nel mondo della moda la bellezza, quella vera e genuina, non basta: è stata invitata, dall’agenzia a cui si è rivolta, a perdere tre centimetri di fianchi perché 92 sembrano eccessivi, meglio 89. Ma lei non ci sta e osserva: “giuro che se mi chiedono ancora di dimagrire, mollo tutto. Non ho intenzione di fare la fame“. Sagge parole e un ottimo esempio per le sue coetanee che, con il mito della velina o dell’indossatrice anoressica, rischiano davvero di ammalarsi. E di anoressia, quella vera, naturalmente, si può anche morire.

Giulia Nicole alla salute ci tiene, anche a costo di rinunciare al suo sogno: «Ho fatto sport e continuo, ho una vita normale, vado a scuola faccio la quinta scientifico a Vicenza, mi sono divertita a partecipare a sfilate locali. Tutto qui. Se per essere una vera indossatrice devo cambiare, non ci sto. Ciò che chiedono è davvero assurdo».

Assurdo, certo. Ma per arrivare a definire assurde certe richieste ci vuole, soprattutto, una testa ben piazzata sul collo. E purtroppo molte ragazze, proiettate nel luccicante mondo delle passerelle e dei guadagni stratosferici, la testa rischiano di perderla. Senza nemmeno capire che, facendo il verso a Morandi, “una su mille ce la fa“. O forse anche meno.

[fonte: Il Corriere]

AGGIORNAMENTO DEL POST, 28 GENNAIO 2011

Alla fine ce l’ha fatta: Giulia Nicole sfilerà il primo febbraio per Renato Balestra nell’ambito delle manifestazioni dell’alta moda a Roma. Lo stilista, che l’aveva già notata a Salsomaggiore, dichiara di non avere alcun problema a far sfilare la modella veneta con i suoi abiti e precisa: «Bisogna premettere che una cosa è fare l’indossatrice e un’altra è partecipare al concorso di Miss Italia. Nello stesso tempo non escludo nemmeno che nella moda possa essere impiegata una modella con la taglia 44».

Anche il patron di Miss Italia, Patrizia Mirigliani, ha annunciato che fin dalla prossima edizione del concorso saranno ammesse ragazze con la taglia 44. Sul nuovo regolamento esprime il proprio apprezzameno anche Maurizio Costanzo: «Tempo fa fui io a proporre per primo di togliere le misure standard per le concorrenti di Miss Italia e oggi condivido la decisione di Patrizia Mirigliani di ammettere la taglia 44. Finalmente tornano le forme e forse questo è un antidoto all’anoressia».

[LINK della fonte]

12 settembre 2010

SECONDA SERATA DI MISS ITALIA 2010: CHIARIMENTI IN DIRETTA SUL CASO “TRANS”

Posted in attualità, donne, televisione tagged , , , , , , a 11:38 pm di marisamoles


Seppur con un po’ di rammarico, Milly Carlucci è dovuta tornare sulla questione del presunto trans che parteciperebbe all’attuale edizione di Miss Italia (ne ho già scritto QUI). A lei non piacciono le polemiche e i gossip, ma in questo caso deve fare uno sforzo, visto che ne parlano tutti i giornali.

Come ha spifferato Selvaggia Lucarelli nel suo blog, la concorrente “sotto accusa” sarebbe la numero 53 Alessia Mancini. La ragazza ha, ovviamente, smentito osservando che ci sono persone cattive e invidiose che vanno a caccia di gossip e diffondono cose totalmente inventate, ma già prima d’intervenire in prima persona avevano provveduto a garantire l’infondatezza dell’illazione la stessa Milly e il patron della manifestazione Patrizia Mirigliani che ha sostituito nel ruolo il padre, vero inventore del concorso per eleggere la più bella d’Italia.

Questa sera, in occasione della seconda puntata della trasmissione, Milly è ritornata, a malincuore, sull’argomento. Ha ribadito che nessun trans è iscritto al concorso e aspira a diventare Miss. La Mirigliani ha letto un comunicato e ha ribadito che il diritto alla privacy non può essere violato e che, essendo stata la domanda d’iscrizione della ragazza giudicata regolare, è bene che la questione sia chiusa.
In seguito all’intervento di alcuni giornalisti, Mayer e Signoretti in primis, è stato chiesto l’intervento della Mancini per una pubblica smentita. Quest’ultima, visibilmente emozionata, si è dovuta pure difendere dalle illazioni di Signoretti che ha ventilato l’ipotesi che questa voce sia stata messa in giro dall’agenzia romana della stessa Mancini. Al ché la concorrente ha reagito e ne è nato un battibecco che ha contribuito ad appesantire ulteriormente l’atmosfera.

A sdrammatizzare è intervenuto poi Guillermo Mariotto che, con l’inconfondibile sorriso, ha sottolineato che la vicenda ha comunque contribuito a puntare i riflettori sulla concorrente, l’unica delle sessanta di cui si è parlato per due giorni sui giornali e telegiornali.

Insomma, sembra che anche Milly, come già accaduto in occasione della polemica di Lorenzo Crespi in “Ballando con le stelle”, non riesca a tener lontane le sue trasmissioni dai gossip e dalle malignità.
Mi pare che a questa Miss Italia, qualunque sia la vincitrice, sia caduta già la corona.

11 settembre 2010

UNA TRANS A MISS ITALIA 2010? PER LUCARELLI SÌ E FA IL NOME

Posted in attualità, donne, spettacolo, televisione, vip, web tagged , , , , , , , , , a 11:26 pm di marisamoles

Prima serata di Miss Italia 2010. Proprio mentre alla Tv assisto ad un dibattito in studio, fra Milly Carlucci, Sandro Mayer e Patrizia Mirigliani, sulla presunta presenza di un trans come partecipante al concorso, m’incuriosisco e cerco il responsabile della fuga, se si può chiamar così, di notizie.

Per tutto il giorno il gossip si rincorre sul web. Scopro che l’artefice di questa vocina inquietante è Selvaggia Lucarelli il cui blog, Il Pensatoio, è piuttosto noto agli internauti, specie a quelli che amano il pettegolezzo. Forse per questo è la prima volta che apro una sua pagina e scopro che la Lucarelli, con una certa sicumera, afferma che la trans c’è ed è la numero 53, Alessia Mancini (omonima dell’ex letterina di Scotti e moglie dell’ex vincitore del Grande Fratello, ora attore, Flavio Montrucchio che, tra l’altro, questa sera è ospite di Milly a Salsomaggiore).

A questo punto io mi sento di usare il condizionale. La Mancini sarebbe identificabile con il trans, sempre secondo la Lucarelli, a causa della sua altezza, 1 metro e 84, che parrebbe sospetta. Un indizio un po’ debole, a parer mio: di spilungone ce ne sono tante in giro. Si sarebbe operata e avrebbe cambiato nome all’anagrafe e come donna a tutti gli effetti è stata eletta Miss Lazio nell’agosto scorso.

Io non entro nel merito della questione, ma ho molto apprezzato sia le parole della Mirigliani sia quelle di Milly Carlucci che, in trasmissione, sono apparse piuttosto seccate, specie quando è stato chiesto se sia in previsione una modifica del regolamento che, riferendosi alle aspiranti miss, parla di “donne”.

Al settimanale Diva & Donna la Carlucci ha dichiarato: «A me sono arrivate 60 ragazze scelte da una giuria tecnica. Si tratta comunque di un argomento talmente delicato che se per caso questa cosa fosse vera non sarebbe il caso di fare gossip spicciolo. Si tratterebbe di una persona che ha avuto bisogno di modificare una natura che non corrispondeva al suo animo». Mi associo al suo pensiero. Come sempre ha dimostrato la sua correttezza e sensibilità. Per carattere sta lontana dal gossip (poche sono, infatti, le notizie sulla sua vita privata che, intelligentemente, evita di dare in pasto ai curiosoni) e se cade nella “trappola”, cerca di uscirne con gran classe.

Non apprezzo, invece, la battuta della Lucarelli che conclude il suo post osservando: «Non fosse che Marrazzo non è più presidente della ragione Lazio sarebbe anche lecito pensare ad una raccomandazione». Più cattivo gusto di così!

Per Alessia Mancini, aspirante Miss Italia, un po’ di pubblicità e di tifo in più non guasta. In bocca al lupo anche a lei!

AGGIORNAMENTO DEL POST, 12 SETTEMBRE 2010

La notizia della presenza di un presunto trans fra le concorrenti di Miss Italia 2010 è uscita dalle pagine elettroniche per approdare su quelle cartacee di molti quotidiani.
Approfondendo la questione, ho scoperto che la Lucarelli avrebbe avuto un aiutino nel diffondere il suo scoop, se lo vogliamo chiamare così, grazie alla pubblicazione del suo post nel blog Dagospia che, come credo sappia la maggior parte degli affezionati lettori di blog, è curato dall’opinionista e scrittore Roberto D’Agostino.

Selvaggia Lucarelli voleva lo scoop e ha raggiunto il suo obiettivo. A pensar male, mi verrebbe il sospetto che il suo blog sia un po’ in crisi … Tuttavia, come accade per molti scoop, non è detto che la notizia sia vera e a me personalmente appare alquanto infondata, basandosi esclusivamente su supposizioni e illazioni. Se la Lucarelli ne è così certa, perché non si è procurata la documentazione anagrafica a prova del cambiamento di sesso e nome che la Mancini avrebbe ottenuto?
Insomma, è facile far notizia, molto più difficile provare che la voce diffusa sia vera.

Quanto alla ventiquattrenne romana aspirante al titolo di Miss Italia, la vedremo stasera nella puntata domenicale dello show e, sono pronta a scommetterlo, alla sua comparsa ci sarà un picco nell’audience.
Alla fine, sempre a pensar male, si potrebbe supporre che questo scoop, vero o falso, sia una trovata pubblicitaria per attirare l’attenzione del pubblico televisivo su una manifestazione che, diciamo la verità, ha anche un po’ stufato. Una volta Miss Italia rappresentava l’unica occasione, o quasi, per vedere delle belle ragazze sfilare in due pezzi sullo schermo televisivo, ora siamo bombardati dalle immagini, non solo televisive, di graziose fanciulle poco vestite, quando non completamente nude, alla ricerca di un posticino nel mondo dello spettacolo.

A questo punto, è inutile dire: la bellezza non conta, conta l’intelligenza. Si tratta di una delle più false osservazioni che, nel tentativo di svilire un po’ meno il mondo femminile, si possano fare.

AGGIORNAMENTO ORE 16.50: LA SMENTITA DELLA DIRETTA INTERESSATA

La replica della miss chiamata in causa non si è fatta attendere: «Ci sono persone cattive e invidiose che vanno a caccia di gossip e diffondono cose totalmente inventate. Non sono un trans» ha detto la 24enne Alessia
Mancini
. E ha aggiunto: «Non ho niente contro i trans, ma non sono una di loro. Ovviamente queste voci mi hanno amareggiata, ma è stato un momento. Poi mi sono messa a ridere, talmente è inverosimile. Bisogna essere come “folgorati” per inventarsi una cosa come questa. Sono venuta a Miss Italia per divertirmi e voglio continuare a farlo. Per essere ripagata da queste cattiverie – ha scherzato – fatemi ballare con Raimondo Todaro», uno dei maestri di danza della trasmissione Ballando con le stelle, pure condotta da Milly Carlucci come questa edizione di Miss Italia. [fonte: Il Corriere]

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, buone e cattive, di temi originali e copiati, di studenti curiosi e indifferenti, autodidatti e eterodidatti, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: