4 marzo 2014

RICORDI DI CARNEVALE E VESTITI RICICLATI

Posted in affari miei, bambini tagged , , , , , , , , a 10:39 am di marisamoles

marisa carnevale
Quella che vedete nella foto in alto sono io all’età di 11 anni e mezzo (sì lo so, sembro più grande, a vedermi ora in quella foto mi rendo conto che avrei potuto raggiungere 1 metro e 80 e invece mi sono fermata sotto il metro e 70, accidenti!).

Il Carnevale non è mai stata la mia festa preferita ma mi piaceva il travestimento. Alcuni abiti me li confezionava mia mamma. Potevo avere nove anni e avevo fatto una richiesta alquanto strana: mi piacerebbe vestirmi da Mimì de La Bohème. Ero piccola ma nella mia famiglia la lirica era il pane quasi quotidiano e i miei mi portavano a teatro a vedere le opere, anche se all’inizio non ne ero particolarmente entusiasta. Evidentemente mi era piaciuta la messa in scena dell’opera di Puccini e non tenevo in nessun conto lo sfortunato epilogo della vicenda.

Insomma, l’abito alla fine fu confezionato ed era davvero stupendo, in velluto blu con manicotto e cuffia bordati di finto pelo bianco.
Non sempre, però, era necessario il contributo di mia mamma. Studiando danza avevo la disponibilità anche dei costumi indossati nei balletti del saggio. Quell’anno riciclai l’abito da ungherese (me ne sono ricordata perché ho letto il post di melodiestonate in cui parla appunto del travestimento da ungherese) e fu un successo perché, essendo a tutti gli effetti un costume teatrale, era particolarmente bello.

carnevale pierrot

Quando avevo ventidue anni riciclai anche uno dei tutù, bianco con la “gonna” lunga (in gergo si dice “romantico”). Mia mamma ne fece uscire uno splendido costume da Pierrette e ad una festa, assieme al fidanzato vestito da Pierrot (eccoci lassù, sorridenti ma non troppo, come richiedeva il travestimento), rischiai di vincere il primo premio per la maschera più bella. Alla fine, dal momento che la festa si teneva in un locale gestito da una cugina, fummo esclusi per, come si dice ora, conflitto d’interessi. Ci rimasi molto male.

Ecco, questi sono alcuni dei miei ricordi di Carnevale. Quando sono diventata madre ho iniziato a odiarlo perché, non sapendo cucire, i miei figli mi facevano spendere un sacco di soldi per i costumi, anche se poi li riciclavo passando quelli del primo al secondo. Non sempre però il secondo ne era entusiasta … in più, odiavo particolarmente andare in giro con i bimbi mascherati perché inevitabilmente faceva freddo o c’era vento oppure pioveva e in centro c’era sempre un gran casino e gente che buttava coriandoli e stelle filanti. Però quello che più mi faceva incavolare erano gli spray che certi deficienti spruzzavano addosso o le uova che lanciavano.

Insomma, se è vero che a Carnevale ogni scherzo vale, è anche vero che certe cose idiote possono rovinare la giornata.
Ora che i miei figli sono grandi me ne sto chiusa in casa fino alle Ceneri. E viva il Carnevale … ma per gli altri.

Annunci

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, di temi originali e copiati, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: