AGOSTO, MOGLIE MIA NON TI CONOSCO


Come molti, credo, ero convinta che il detto popolare “Agosto, moglie mia non ti conosco” fosse riferito al fatto che, specie per buona parte del secolo scorso, le mogli se ne andavano in vacanza al mare da sole o con i bimbi, mentre i mariti rimanevano in città a lavorare. Naturalmente i consorti, lasciati da soli nella città semideserta, potevano sbizzarrirsi quanto volevano, in particolar modo se avevano delle vicine di casa decisamente attraenti come la splendida Marilyn Monroe.

Il film “Quando la moglie è in vacanza” è il primo ad essere spontaneamente associato al detto di cui mi sto occupando. Forse proprio grazie a questo film si è diffusa la convinzione che “non conoscere la moglie ad agosto” significhi ignorarne l’esistenza e cornificarla. Nessuno ha mai fatto un film sulle mogli in vacanza da sole che cornificano i mariti? Credo proprio di sì ma al momento non mi viene in mente nessun titolo.

Il modo di dire, però, in origine aveva tutt’altro significato. Già Esiodo, infatti, era convinto che agosto, subendo l’influenza della costellazione di Sirio (detta anche Canicula da cui deriva anche il noto termine ad indicare il caldo particolarmente insopportabile di questo mese), che sembrava favorisse i rapporti sessuali, era d’altra parte controindicato per i signori uomini che al tempo erano considerati un po’ fiacchi se morti di caldo.

Ci sono, tuttavia, altre spiegazioni. Ad esempio, il fatto che una gravidanza iniziata ad agosto avrebbe comportato la nascita del bambino in un periodo dell’anno, la primavera, in cui per lavorare i campi erano indispensabili le braccia delle donne forti e non gravate dal peso del pancione. Ne consegue che i maschietti fossero caldamente invitati a star lontani dalle mogli in questo periodo.

Poi si arriva alla spiegazione che tutti noi attribuiamo al detto. Però c’era il sospetto che la bella vita non fosse solo quella dei signori uomini in città ma anche quella delle mogli single in vacanza. Guarda caso, nel periodo che va dagli anni Venti ai Settanta, particolarmente interessato dal fenomeno vacanziero delle mogli solitarie, i treni che il venerdì sera ricongiungevano i mariti alle mogli nei luoghi di villeggiatura erano detti “treni dei cornuti“.

Sto pensando che sia stato un bene che mio padre fosse già patentato alla fine degli anni Cinquanta. Prima non era proprio possibile per lui mantenere mia mamma nel periodo delle vacanze fuori casa.

Battute a parte, ma ora è ancora concepibile che le moglie vadano in vacanza da sole lasciando i mariti a casa? Pare di no. Dagli anni Ottanta in poi le famiglie si sono riunite, anche perché, lavorando entrambi i coniugi, è stato privilegiato il periodo di ferie in comune, proprio per non fare le vacanze separati.
Problemi di corna? Non credo. Ora all’interno delle coppie c’è molta libertà. Di certo non è necessario aspettare le ferie per cornificarsi a vicenda.

[LINK della fonte; immagine da questo sito]

KATE MIDDLETON E IL VENTO BIRICHINO CHE LE SCOPRE IL LATO B


La foto (cliccare sopra per ingrandirla) sta facendo il giro del mondo, accompagnata dalla didascalia: Kate come Marilyn?

Kate è la principessa Mountbatten-Windsor, nonché duchessa di Cambridge, la fresca sposa di William d’Inghilterra. Marilyn è la Monroe, interprete del film “Quando la moglie è in vacanza”, immortalata e resa immortale (scusate il bisticcio) dall’abito bianco con ampia gonna in plissé che si alza con il getto d’aria che proviene da una griglia nel marciapiede. La scena, riuscitissima, fu poi riproposta in studio e la foto rese ancor più celebre l’affascinante e sfortunata Marilyn.

Ma cos’è successo a Kate Middleton? In visita in Canada, il vento birichino le solleva l’abito giallo pallido, scoprendo le belle gambe affusolate e parte del lato B. Proprio quest’ultimo ha inevitabilmente riportato alla memoria di tutti l’ormai celebre lato B della sorella di Kate, Philippa (detta Pippa) Middleton, damigella d’onore alle nozze principesche.

La domanda è d’obbligo: quale delle due fancilulle ha il lato B migliore? Sono una donna, quindi non spetterebbe a me giudicare. Tuttavia, un’osservazione mi sento di farla: quella dieta Dukan che Kate ha seguito prima del matrimonio non le ha fatto perdere un po’ troppi chili … anche lì?

[foto da Il Corriere]