LA BUONA NOTIZIA DEL VENERDÌ: LA PET-THERAPY FUNZIONA ANCHE CON I MALATI DI ALZHEIMER

Un cucciolo peloso può aiutare chi è in difficoltà, lo sappiamo bene. La pet-therapy è particolarmente efficace con i bambini e viene utilizzata per “curare” varie tipologie di disturbi specialmente di tipo neurologico. Pare, però, che possa portare a dei risultati anche con i malati di Alzheimer.

In Italia questo tipo di terapia non è ancora sperimentata, ma in altri Paesi è una realtà consolidata.
L’Alzheimer’s Scotland and Dogs for the disabled è uno dei numerosi centri internazionali dove sono stati osservati gli effetti benefici della pet therapy sugli ammalati di questa terribile patologia.

Lisa Abeyta ha diffuso un video in cui si vede l’anziano padre che gioca e parla con il cane Roscoe. Eppure, assicura la donna, il genitore soffre di Alzheimer allo stadio finale e ha perso quasi del tutto la capacità di formulare frasi di senso compiuto, faticando nel trovare i termini giusti.
L’incontro con Roscoe ha determinato una sorta di miracolo: fin dal primo momento in cui si è trovato di fronte l’animale, le parole dell’anziano sono diventate più chiare e ordinate. Ora l’uomo quando è in compagnia dell’amico Roscoe è più sereno, gioca con lui, lo accarezza, i due sono diventati inseparabili.

Lisa ha voluto girare un video a testimonianza di questo piccolo miracolo per dare un po’ di speranza a chi vive ogni giorno questo dramma. Il video, diffuso in rete, è stato fin da subito condiviso da moltissime persone e tanti messaggi sono arrivati da parte dei familiari dei malati di Alzheimer che ora sperano di veder migliorare la condizione dei propri cari ammalati.

ALTRE BUONE NOTIZIE:

Se cerchi un abito da sposa Santa Rita te lo offre gratis di laurin42

Il cinematografo ambulante che dona sorrisi nei villaggi dell’Africa di Lorenzo Kihlgren Grandi (Corriere.it)

LE MIE ALTRE BUONE NOTIZIE