23 dicembre 2008

BUON NATALE AI MIEI LETTORI

Posted in auguri, Natale tagged , , , , a 10:17 pm di marisamoles

natale_notteMeno di tre mesi fa, quando ho deciso di aprire un blog, non avrei mai pensato di scrivere un post come questo. Non sapevo, infatti, cosa volesse dire avere un blog; mi sembrava solo uno strumento utile per passare dei materiali ai miei studenti, evitando così di fare un mare di fotocopie che, poi, pochi tengono con cura e molti cestinano appena esco dall’aula.

Ricordo che, dopo aver atteso invano un commento per qualche settimana, ho pregato mia nipote Sabrina di inviarmene uno, tanto per vedere l’effetto che faceva.
Ancora non avevo capito che dalla mia dashboard potevo controllare le visite e sapere, in questo modo, quanti leggevano i miei articoli. Per curiosità e per vedere come funzionavano gli altri, ho iniziato a farmi un “giro per blog” e a commentare gli articoli. Così mi si è aperto un mondo fino ad allora sconosciuto e ho iniziato ad avere i primi “amici”. Ho approfittato, insomma, dei commenti per farmi un po’ di pubblicità, lasciando qui e là il link del mio sito. E i primi commenti finalmente sono arrivati.

Sono passate di qua tante persone: alcuni hanno lasciato di sé solo fugaci segni, altri sono stati lettori e commentatori assidui per un periodo e poi sono spariti, altri ancora si mantengono in contatto con me facendosi sentire di tanto in tanto.
Non potendo ringraziare tutti i lettori che di sé non hanno lasciato traccia, pur sfogliando le mie pagine, farò cenno a quelli che, con i  commenti, hanno preso “forma” e “vita” attraverso le loro parole.

Ringrazio Franco, il più assiduo dei miei commentatori, con cui ho conversato sulla scuola, sugli studenti e le loro famiglie, sul loro modo di essere a volte così indecifrabile, sulla loro scarsa attitudine a rispettare le regole. Ha parlato della sua esperienza di padre, dichiarandosi poco disposto a rinunciare ad educare i figli anche se diventati grandi; mi sono aperta a lui facendo riferimento alla mia lotta quotidiana con gli allievi, parlando delle loro manifestazioni di dissenso riguardo la legge Gelmini, anche quando della legge non ne sapevano nulla. Non lo sento da un po’; mi piacerebbe si rifacesse vivo.

È passato di qua anche Matteo, studente ventenne assai sagace, attento osservatore del mondo che del mondo dà interpretazioni molto personali, forse non tutte condivisibili ma senz’altro apprezzabili. Forse per lui, che si definisce ateo, il Natale non ha poi molta importanza ma sarà pur sempre una festa, come tante altre, illuminata da luci inconsuete e rallegrata da variopinti regali che stanno lì, sotto l’albero, in attesa di essere scartati
Poi c’è Andrea, insegnante di latino, appassionato ma preoccupato perché rischia di perdere il posto. Un precario, come tanti, ma dotato di una rara capacità di difendere il suo punto di vista senza urlare, ragionando, sostenendo un dibattito civile. Si è affacciato al mio blog con tono formale, dandomi del Lei, tanto che ho dovuto invitarlo a darmi del tu, per non sentirmi in imbarazzo. Uno spirito critico raro, una lucidità nel ragionamento che tuttavia lascia intravedere qualche sprazzo di fragilità. È questo che lo rende umano, vicino anche se lontano, e non un prodotto “preconfezionato” come tanti, troppi, che nei commenti sanno solo ripetere quello che assai spesso si sente in giro.

Paolo è uno studente con la passione del latino. Per la verità, lui il latino al liceo non lo digeriva e ora, da universitario, si dà un gran daffare per trovare un metodo veloce per apprendere questa lingua antica che per molti è un inutile fardello. Con grande zelo e infinita pazienza sta elaborando un suo metodo, lo chiama “indicizzazione” e, secondo lui, può evitare agli studenti l’ossessionante ripetizione mnemonica delle declinazioni e delle coniugazioni. Lodo il suo impegno e apprezzo il suo sforzo: gli auguro che un giorno sui manuali scolastici si legga il suo nome.

Marko è un altro blogger, anzi per me è il Blogger con la B maiuscola perché è grazie a lui che i commenti sul mio hanno preso l’avvio. In verità lui non ha lasciato tante tracce di sé qua, ma abbiamo a lungo conversato sulla scuola, i decreti e la riforma sul suo sito. È lui che mi ha insegnato, in un certo qual senso, la gestione civile dei commenti, ad essere una padrona di casa rispettosa delle altrui opinioni ma anche energica nel difendere le mie, con un po’ di garbo è un po’ d’ironia. Ricordo che un lettore l’ha definito “blogghettaro” e Marko si è divertito un mondo. Perché è questo lo spirito giusto di un blogger: immaginate quanto diverrebbe faticoso gestire un blog se non ci fosse anche il lato gioioso e un minimo di divertimento.

Di qui è passato recentemente anche Ronbo, ma oggi stesso mi ha promesso che smetterà di commentare. Il fatto è che non riusciamo a trovare un punto d’incontro, anche se ho la vaga impressione che lo risentirò. In fondo, da buona padrona di casa, ho cercato di difendere le mie opinioni senza arroganza e presunzione. Una lezione di civiltà, di tanto in tanto, non guasta.

Un altro insegnante, questa volta di scienze, mi ha fatto visita: Antonio ha espresso la sua soddisfazione perché la sua materia con la riforma avrà più spazio al liceo scientifico. Anche se stiamo su due fronti opposti, il dibattito fra noi è stato impostato sulla condivisione di molti giudizi generali sulla scuola, a dimostrazione del fatto che se è vero che ognuno tira l’acqua al suo mulino, non è poi così scontato che ci si debba scontrare per difendere il proprio pensiero senza lasciare spazio alle opinioni altrui.

Tracce appena hanno lasciato altri lettori: Claudia, Giulio, Lavyrtuosa, Elysabetta, Doza, Gullo … qualcuno ha espresso parole di lode, altri di critica. Ma va bene così: che male c’è ad essere sinceri? Il bello del commentare sul blog è la libertà di scegliere se continuare un discorso appena iniziato o di interromperlo subito per mancanza di feeling con il proprio interlocutore.
Due parole le vorrei spendere per Marco, mio omonimo. È stato bello conoscere una persona che porta il mio stesso cognome, sapere che non è uno dei tanti … in fondo, non ci chiamiamo Rossi!
Poi vorrei citare Teresa che apprezza il mio modo di scrivere e attende di leggermi su carta stampata … quando mi deciderò a pubblicare il mio libro. Non so se mai verrà quel giorno, ma mi piacerebbe risentirla prima di allora.

Un pensiero particolare va a Luky: è passato di qua come una meteora, leggendo avidamente molti articoli, scegliendo quelli più di suo gusto e lasciando commenti a raffica. Dopo un paio di giorni, il silenzio. Mi è parso un bimbo che gioiosamente si trastulla con un giocattolo nuovo, ma ben presto se ne dimentica e lo lascia in un angolo. Spero che torni a trovarmi, anche se con lui ho un rapporto particolare, non mi è sconosciuto come gli altri: è mio nipote. Anche a lui va il mio grazie, soprattutto per aver voluto conoscere di me un lato ancora ignoto.

Infine, ringrazio i miei due allievi coraggiosi: José e Giovanni. Serio, pacato, dotato di una buona capacità di analisi l’uno; distratto e svagato, proprio come fra i banchi di scuola, l’altro. Lodevoli entrambi per aver avuto il coraggio di scrivermi e, soprattutto, di leggermi … per una volta almeno, visto che sono io quella che di solito legge i loro scritti! Spero che in futuro anche i loro compagni possano divenire miei interlocutori … non solo in un’aula scolastica.

A tutti, ma proprio a tutti, auguro un FELICE NATALE, da trascorrere con le persone amate, dimenticando almeno per un giorno la difficile lotta che, a volte, è la vita.

Annunci

Pagina precedente

ANNA SCRIGNI

Storie di Viaggi e di Città

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, buone e cattive, di temi originali e copiati, di studenti curiosi e indifferenti, autodidatti e eterodidatti, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: