CRESPI A “DOMENICA IN” DI GILETTI: MI SCUSO CON IL PUBBLICO

Questo pomeriggio, a “L’Arena”, talk show condotto da Massimo Giletti all’interno del contenitore di “Domenica In”, è sembrato di assistere ad un’appendice di “Ballando con le Stelle” di ieri sera. Ospiti in studio, oltre a Milly Carlucci, anche i concorrenti finalisti di questa edizione e le due “ex ballerine”, Hoara Borselli (vincitrice della prima edizione) e Anna Falchi. In collegamento esterno il principe Emanuele Filiberto di Savoia che ormai in casa Rai è diventato come il prezzemolo: classificato al secondo posto nell’ultimo Festival di Sanremo insieme al tenore Luca Canonici e a Pupo, con il quale conduce la trasmissione “I Raccomandati”, oggi ha colto l’occasione per annunciare la prossima conduzione di “Ciack si canta”, sempre in coppia con l’ormai inseparabile Enzo Ghinassi.

Fin dall’inizio era chiaro a tutti che il tema della puntata dovesse essere per forza Lorenzo Crespi. In effetti, così è stato: si è parlato di lui, per l’ennesima volta, sono state mandate in onda le clip già viste nelle puntate di “ballando” nell’ultimo mese, si sono dette più o meno le stesse cose che da qualche settimana si dicono di Lorenzo e che non sto qui a ripetere (leggete, caso mai, quest’altro POST).

Una novità, però, c’è stata nel salotto di Giletti: la messa in onda di una clip inedita che ha come protagonista, ancora una volta, Crespi. Giletti fa capire di essere amico di lunga data dell’attore e di averlo raggiunto questa mattina stessa sotto casa per avere dei chiarimenti sul suo comportamento. L’attore esordisce dicendo: “Chiedo scusa al pubblico che mi ha seguito e mi ha votato”, poi ripete, più o meno, ciò che ha dichiarato negli ultimi giorni alle varie agenzie e ai più disparati settimanali. Ovvero: quanto si senta preso in giro, che tutto è già combinato ecc ecc. Cose che, francamente, siamo stufi di sentire.

Naturalmente, la prima domanda che sorge spontanea è: perché quelle cose non le ha dette ieri sera in diretta? Non sarebbe stato disonorevole presentarsi in pubblico e spiegare le sue ragioni. Se non altro sarebbe stato più onesto che fare dichiarazioni a destra e a manca, criticando concorrenti, ballerini professionisti e produzione. E poi: perché si è scusato solo con il pubblico? Avrebbe dovuto innanzitutto scusarsi con la sua maestra, Natalia Titova, abbandonata da sola in pista, la scorsa settimana, da un momento all’altro, senza nemmeno avvertire. E ancora: non crede di doversi scusare anche con i “colleghi” su cui ha detto tante cattiverie? E la giuria, di cui ha detto peste e corna, come nessun altro concorrente ha mai fatto prima nella storia dello show di Ballandi, non meriterebbe forse le sue scuse? E Milly che l’ha sempre difeso e sostenuto? Gli autori che ha accusato di “combinare tutto”, ovvero di mettere in piedi uno spettacolo farsa in cui tutto è deciso prima ancora che inizi, non meritano forse le sue scuse? Insomma, scusarsi solo con il pubblico a me sembra decisamente riduttivo.

Io non giudico Crespi come uomo né come attore né come ballerino; mi limito a fare delle osservazioni su quello che ho visto, ovvero quello che ci hanno fatto vedere. Sulla base delle interviste mandate in onda posso affermare che l’attore, che sarò anche bravo a recitare, non ha fatto una grande interpretazione, non ha dato il meglio di sé. Sinceramente mi sembra che abbia sbagliato programma, anche in considerazione del fatto che, come lui stesso ha ammesso, non l’aveva mai visto prima. Se l’avesse visto, infatti, avrebbe preso con un altro spirito le battute della giuria e degli altri concorrenti, avrebbe potuto godere della compagnia di persone che, pur “lavorando” sodo, si divertono e diventano dei complici di un gioco che può premiare anche chi non lo merita dal punto di vista del ballo, ma che magari ha delle altre qualità che emergono durante lo spettacolo.
Insomma, quando si conoscono le regole del gioco, non ci si stupisce mai di nulla. Ma Crespi non le conosceva e, di fronte ad una situazione che non aveva previsto, si è atteggiato a vittima.

Rileggendo le parole con cui, in un’intervista a Diva&Donna, descriveva il suo stato d’animo nell’intraprendere questa avventura per lui del tutto nuova e sconosciuta, non posso far altro che pensare che abbia perso davvero l’occasione di fare quel “percorso di rigenerazione” di cui ha parlato Milly ieri sera. Era l’inizio di gennaio e Crespi si esprimeva con queste parole: Questi due anni di assenza dalla tv non sono dipesi da me. Ora a “Ballando” mi sento da Dio. Mi state ritrovando anche meglio di come mi avete lasciato. E dopo spero con tutto il cuore di fare un musical con questa stessa famiglia, quella di Bibi Ballandi. Mi sento identico a John Travolta. (fonte)

Ecco il punto della questione: Crespi aveva tutt’altre aspettative. Si vedeva già proiettato nel mondo del musical, prima ancora di saggiare e mettere in pratica le sue abilità tecniche. Il che, a parer mio, non fa altro che confermare ciò che realmente è: un presuntuoso. Ora ha abbandonato quella famiglia in cui riponeva tante speranze e da cui si sente tradito. Anche se si sentisse ancora identico a John Travolta, l’opportunità è perduta per sempre. Peccato, ne avrebbe davvero avuto le capacità, se solo si fosse comportato in modo meno ingenuo. A volte nella vita si deve scendere a compromessi, ma a lui non sono mai piaciuti. Forse è per questo che adesso si ritrova solo.

[immagine tratta da tvblog]