11 giugno 2010

COMPITI PER LE VACANZE? UN MALE NECESSARIO

Posted in adolescenti, bambini, figli, Legge, Mariastella Gelmini, scuola tagged , , , , , , , , a 6:18 pm di marisamoles

Ultimo giorno di scuola: stamattina tenere fermi i ragazzi in classe è stata una vera impresa. Al suono dell’ultima campanella, per quest’anno scolastico, in perfetto sincronismo un urlo ha percorso i corridoi di tutti i piani dell’intero edificio scolastico. Mi aspettavo un lancio di libri e invece hanno preferito lanciare i soliti palloncini pieni d’acqua che, stando alle disposizioni del Dirigente Scolastico, dovrebbero essere banditi. Ma va be’, siamo alla fine, e poi i libri servono ancora … per cosa? Per i compiti delle vacanze, è ovvio.

Poteva mancare, nei Tg, il solito servizio sul tema? No, non poteva. Ed ecco che “Studio Aperto” ha intervistato il solito avvocato Roberto Arnoldi che, a quanto pare, da qualche anno sta più in televisione che nel suo studio professionale. Lui, paladino a difesa dei diritti dei consumatori, non si stanca mai, ogni estate, di ricordare che gli studenti hanno diritto al riposo e, quindi, non devono essere riempiti di compiti da svolgere durante le vacanze.

Da bravo avvocato, motiva questa sua convinzione scomodando la Legge, quella con la elle maiuscola. Prima di tutto, la Convenzione ONU dei Diritti dell’Infanzia che, all’articolo 31, recita:

Gli Stati parti riconoscono al fanciullo il diritto al riposo e al tempo libero, a dedicarsi al gioco e ad attività ricreative proprie della sua età e a partecipare liberamente alla vita culturale ed artistica.

Tale diritto è direttamente riconducibile, a detta dell’avvocato, all’ articolo 4 della Costituzione italiana, in cui si legge:

La Repubblica riconosce a tutti i cittadini il diritto al lavoro e promuove le condizioni che rendano effettivo questo diritto.
Ogni cittadino ha il dovere di svolgere, secondo le proprie possibilità e la propria scelta, un’attività o una funzione che concorra al progresso materiale o spirituale della società
.

E chi concorre, sempre secondo Arnoldi, per eccellenza al progresso della Nazione? Lo studente serio, quello che si è sempre impegnato e ha ottenuto la meritata promozione. Ergo: tale studente rientra a pieno diritto nella categoria dei lavoratori. E allora, come tutti i lavoratori lo studente serio ha diritto al riposo. Infatti, secondo l’articolo 36 (anche se Arnoldi ha preso un abbaglio citando l’articolo 39 che, però, riguarda le organizzazioni sindacali) della nostra Costituzione, il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi”. Peccato, però, che si parli di retribuzione, che per gli studenti non è contemplata (vi immaginate la Gelmini che, dopo aver tagliato un bel po’ di posti di lavoro per il personale della scuola, propone lo stipendio per gli studenti?). Quindi, il “lavoro” degli studenti rientra nei “doveri” tipici del lavoratore ma senza avere alcun “diritto” alla retribuzione.

Detto questo, mi pare che Arnoldi abbia le idee confuse. Non che i ragazzi, dopo nove mesi di scuola, non abbiano diritto al riposo; ma è innegabile che non possano rivendicare alcun diritto legalmente riconosciuto ai lavoratori.
La proposta dell’avvocato, tuttavia, potrebbe apparire anche saggia: il docente serio deve assegnare agli studenti seri la giusta mole di compiti che essi possano svolgere negli ultimi quindici giorni di vacanza. È giusto, infatti, che dimentichino l’ambiente ludico delle vacanze e rientrino gradualmente in quello più faticoso della scuola.
Ok, la proposta potrebbe essere accettabile. Ma c’è un ma: vi pare che io, assegnando i compiti per le mie materie, abbia consultato tutti gli altri docenti per accertarmi di aver dato un numero equo di attività da svolgere? Prima di tutto i colleghi avrebbero probabilmente interpretato la mia come un’intrusione nella loro libertà didattica che è generalmente difesa, anche in nome della privacy, più dello stesso segreto istruttorio; ma anche supponendo che nessuno si sarebbe infastidito più di tanto, come avremmo potuto valutare se la complessiva mole di compiti assegnati possa essere equa e tale da essere svolta nei quindici giorni che precedono la ripresa delle lezioni? Avremmo dovuto, in teoria, ipotizzare i tempi di svolgimento dei compiti per ciascuna materia. E come? Supponendo che in media si stia tot tempo per ogni esercizio o lettura o traduzione? Ma ogni media non tiene conto dei tempi che occorrono a ciascuno studente: ad esempio, c’è chi una versione di latino la fa in un’ora e chi la fa in tre; quindi, i compiti sarebbero stati pochi per qualcuno ed inevitabilmente troppi per altri.

Insomma, io credo che l’avvocato dovrebbe fare il suo mestiere, senza parlare a vanvera, e lasciarci fare il nostro. Nessuno, dotato di un normale raziocinio, riempie di compiti gli studenti ma se parlate con loro, le attività sono sempre eccessive. Senza contare che di solito quelli che possono rientrare nella categoria “studenti seri che concorrono al progresso della Nazione” non si lamentano mai. E gli altri? Probabilmente dovranno fare molti compiti perché “rimandati a settembre”, quindi per loro i compiti sono un male necessario che, nonostante tutto, li impegnerà comunque per non più di quindici giorni … quelli che precedono gli “esami”. Per gli “studenti seri” sarà un modo per tenersi in allenamento senza per questo sentirsi frustrati a causa dell’insensibilità dei docenti che, a detta di Arnoldi, violano la Convenzione ONU e la Costituzione Italiana.

Come osserva Quintiliano che, nell’ambito dell’educazione, fu un vero maestro: I momenti di riposo tuttavia debbono avere una certa misura, per evitare che, se negati, suscitino avversione per lo studio oppure, se concessi in modo eccessivo, provochino una abitudine all’ozio.
Mi sembra che tre mesi di vacanza siano un po’ troppi come giusto riposo; quindici giorni, un po’ pochi. Come sempre e come i Romani ci hanno insegnato, est modus in rebus.

PER VEDERE IL SERVIZIO DI “STUDIO APERTO” CLICCA QUI.

ARTICOLO CORRELATO: Riecco l’estate e riesplode la polemica sui compiti per le vacanze

Annunci

ANNA SCRIGNI

Storie di Viaggi e di Città

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, buone e cattive, di temi originali e copiati, di studenti curiosi e indifferenti, autodidatti e eterodidatti, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: