28 aprile 2014

Diario di viaggio: Treviso, Verona, Trieste

Posted in affari miei, amicizia, Friuli Venzia-Giulia, Trieste, viaggi, web tagged , , , , , , , , , , , , , a 4:07 pm di marisamoles

Il bello del web è che, quando hai la fortuna di incontrare di persona un’amica di blog, scopri che è esattamente come te l’aspettavi, come se la conoscessi da sempre. A me è successo con Veronica – Scrutatrice, ragazza dolce e simpatica, oltreché bellissima.
Non perdetevi la cronaca di viaggio … l’ultima tappa è stata la mia città natale, Trieste, dove ho avuto il piacere di farle da Cicerone. Quello che lei non ha detto, lo dico io: è stato un tour piacevole ma molto faticoso. La mia città è tutta un sali-scendi e finché si scende, tutto bene, ma quando si sale … son dolori! Ne sanno qualcosa i miei polpacci e i miei glutei. Unica nota positiva di cotanta fatica: ho smaltito uno dei due chili messi su a Pasqua. C’è qualcuno che vuole farsi un giro dalle mie parti nelle prossime settimane? Devo smaltire il chilo che è rimasto. 🙂
Buona lettura!

Into The Wild

Primo giorno, domenica.

Dopo la tradizionale colazione di Pasqua (nel senso che è tradizione farla, non che la mia colazione sia stata la tradizionale colazione salata), montiamo in macchina con destinazione Veneto. Il viaggio di andata è quello che ogni automobilista desidererebbe: strade ampie, corsie vuote, niente camion e persino le stazioni di sosta deserte (ci credo, tutti “zampe sotto il tavolo” la domenica di Pasqua…)! Ci viene in mente il verso di una famosa canzone: “autostrade deserte, ai confini del mare…” Ma non ci stiamo dirigendo verso il mare, anzi. La nostra base durante questi quattro giorni sarà Preganziol, una piccola frazione di Treviso, cittadina che scopriremo essere davvero deliziosa. Arrivati a destinazione, DSC_2sistemiamo le valigie, facciamo un giro di ricognizione nell’appartamento (accompagnato dalle rituali foto ricordo della sistemazione!) ed usciamo per visitare il centro di Treviso.
La provincia veneta ha la particolarità di essere…

View original post 1.997 altre parole

Annunci

27 settembre 2012

A VOLTE TORNANO

Posted in affari miei, scuola tagged , , , , , , , a 7:42 pm di marisamoles


Li vedi da lontano e li riconosci subito: senza libri, con lo sguardo luminoso, anche di prima mattina, con quell’aria soddisfatta di chi, guardando gli studenti che si avviano tristi e rassegnati verso le aule scolastiche, pensa “Beccatevi un’altra giornata di lezione, noiosa, pesante o forse no, potrebbe essere anche leggera e divertente ma io ho già dato, io ne sono fuori, finalmente”.

Non hanno zaini sulle spalle né il badge in mano, pronto per registrare puntualmente la loro presenza a scuola. Sono gli ex studenti. A volte tornano. Aspettano i “vecchi” prof fuori dall’aula insegnanti, nei corridoi, davanti alla porta dell’aula che la bidella ha indicato, in attesa che si accorgano di loro. A volte bussano e tu non puoi far finta di niente, non puoi dire che non va bene interrompere una lezione, che aspettino il suono della campanella, così magari ti accompagnano nell’altra aula, dove altri ventisette allievi ti aspettano, pronti per la lezione di letteratura.

Mentre cinquantaquattro occhi ti scrutano, che immagini già quello che stanno pensando “Evvai, ora esce e noi ci perdiamo cinque minuti di lezione!”, e allora dici che ti assenti un attimo, stiano buoni e zitti, tanto sei fuori dalla porta e li senti, anzi, lasci la porta aperta. E quelli che a volte tornano ti raccontano dei test d’ingresso all’università, che sono andati bene o sono andati male. “Tanto fa niente, m’iscrivo a un’altra facoltà e ritento il prossimo anno.” Oppure ti dicono che ne hanno tentati due, uno a medicina e uno a ingegneria; è andato bene il secondo, fa lo stesso. E tu ti chiedi “come fa lo stesso?”, ma poi pensi che bravi come sono, ogni scelta sarà quella giusta.

Poi, prima dell’inizio della lezione, ne trovi uno davanti all’aula e ti dice “ho seguito il suo consiglio: vado all’estero per un anno, imparo la lingua, lavoro e poi vedremo”. Tu ti chiedi quando hai dato questo consiglio, ché non te lo ricordi. Poi t’illumini e pensi che sì, hai fatto un discorso generale, un consiglio dato a tutti ma in realtà era rivolto a uno solo, i genitori ti avevano chiesto la collaborazione, “magari lei ci riesce a convincerlo”. Tu sapevi già, comunque, che avresti convinto tutti ma non lui. Infatti.

A volte li incontri per strada e non li riconosci. Sono passati tanti anni, quanti? Otto, dieci … ma sì, “si ricorda, ero discolo, non avevo voglia di fare niente. Grazie a lei sono cambiato, mi sono iscritto all’università, vado piano ma alla laurea ci arrivo, vedrà.” E tu lo guardi e finalmente ricordi, riconosci il suo visetto da adolescente dietro la barba incolta dell’uomo che è diventato, i suoi occhi vispi da furbetto, azzurri come il mare. Poi, quando fa per salutarti, ti dice: “prof io sono la testimonianza vivente del buon lavoro che ha fatto. Grazie.”. E tu lo guardi e vorresti abbracciarlo ma gli stringi solo la mano che lui ti tende con uno sguardo che sa di gratitudine eterna.

Ritorni a casa e ti sembra di camminare a un metro da terra. Ripensi a quell’incontro e ti convinci che il tuo lavoro è davvero il più bello del mondo. E piangi. Di felicità, finalmente.

24 ottobre 2009

UN INCONTRO

Posted in affari miei, scuola tagged , , , , a 9:37 pm di marisamoles

udine

Ieri era una giornata no. Capita, alle volte. In questo periodo a me capita spesso, però. Sapete, una di quelle giornate in cui ci si rende conto di avere mille cose da fare e nel pensiero le si fa tutte, però in pratica, non sapendo da dove incominciare, alla fine non si inizia e non si conclude nulla. Chiamiamola disorganizzazione, chiamiamola indecisione oppure indolenza. Chiamiamola come vogliamo, ma alla fine quel tipo di giornata rischia di scivolar via e di lasciarci un po’ di amarezza.

Nel pomeriggio, mentre pensavo alle mille cose da fare senza sapermi decidere con quale iniziare, data un’occhiata all’orologio, mi sono resa conto che dovevo uscire. Avevo una commissione da fare e quindi, non potendo rimanere a casa, inevitabilmente ho rimandato a più tardi la realizzazione di almeno una delle mille cose.
Nell’arco di un’ora ero libera di tornare a casa, ma ogni volta che mi trovo in prossimità del centro, poi mi viene voglia di farmi un giro. Diciamo che, odiando la palestra, cerco di fare un po’ di moto camminando a passo veloce almeno per un’oretta. Ma, una volta arrivata in centro, complice anche il mal di stomaco che nel frattempo mi era venuto –di solito è questo l’epilogo delle mie giornate inconcludenti, è come se il mio fisico si ribellasse alla confusione della mia mente-, tutta questa voglia di andarmene in giro mi era proprio passata.

Sulla via del ritorno verso casa, mi sento chiamare in modo discreto. Il più delle volte, quando passeggio per il centro, mi sento chiamare a gran voce; di solito più che sentire il mio nome sento un urlo “prof” da cui deduco che si tratta o di un allievo o di ex allievo. Il ragazzo che ieri ha attirato la mia attenzione senza urlare era stato un mio studente almeno sette anni fa. Non era la prima volta che lo incontravo. Nell’ultima occasione mi aveva colpito il fatto che mi avesse detto: professoressa, io ho sempre un bel ricordo di Lei, perché è stata un modello per me, una di quelle insegnanti che lasciano una traccia nella mente e nel cuore, o qualcosa del genere. Sono quelle cose che un docente vorrebbe sentirsi dire sempre e sa che qualcuno certamente le pensa, ma forse non ha il coraggio di dirle.

Alberto era stato mio allievo solo al biennio, ma anche quando non ero più una sua insegnante, aveva continuato a fermarmi, di tanto in tanto, nei corridoi per chiedermi come stavo e per raccontarmi come proseguiva la sua esperienza di liceale. Un ragazzo quasi d’altri tempi: discreto, educato, affettuoso in quel suo modo di coinvolgermi nei casi della sua vita scolastica. Ho sempre pensato che fosse speciale, considerato anche il fatto che si era trovato in una classe da cui non mi sono mai sentita davvero coinvolta, anche causa una certa freddezza che quasi tutti mantenevano nei confronti degli insegnanti. Bravi, studiosi, educati ma nulla di più. Dei ragazzi che mantenevano le distanze, quel genere di classe che qualche collega è ben lieto di avere ma che a me crea, sinceramente, un po’ di disagio. Io con i miei ragazzi devo sentire un po’ di feeling, altrimenti mi pare di essere una pura e semplice trasmettitrice di sapere. Insegnare, però, non implica solo questo. C’è tutto un mondo fatto di sentimenti attorno al “sapere” che, per dovere, dobbiamo trasmettere. E anche quando sembra di non aver bisogno d’altro che la loro attenzione e il loro impegno, il clima favorevole ad una corretta dinamica insegnamento.- apprendimento implica anche una rete di relazioni, di scambi che non possono mancare.

Mentre mi parlava, osservavo quel ragazzo, i suoi occhi azzurrissimi già lievemente segnati dalle prime rughe, e ascoltavo quella voce discreta –nemmeno in classe aveva mai alzato troppo il tono- che mi raccontava dell’università abbandonata dopo il primo anno, del lavoro che l’aveva portato lontano da casa per tre anni, del ritorno al suo “nido” di cui sentiva ancora la necessità e della decisione di riprendere gli studi. Lo ascoltavo e capivo perfettamente la sua voglia di indipendenza e, nello stesso tempo, la consapevolezza di non essere ancora davvero in grado di camminare con le sue gambe. Il ritorno in famiglia l’aveva convinto che dal “nido” non si deve fuggire troppo presto, che la famiglia è troppo importante per un ragazzo di vent’anni. La sua storia era un po’ la mia e chi meglio di me era in grado di capirlo! Gli ho detto che aveva fatto bene a ritornare sui suoi passi, che il gioco valeva la candela, che non doveva pentirsi mai. Ho espresso il mio parere sugli studi universitari: bisognerebbe concedersi, dopo il liceo, una sorta di anno sabbatico perché alla fine dei cinque anni si arriva stressati, sempre che ci si impegni seriamente, e che oggi ci sono anche i test d’ammissione per cui certi miei studenti di quinta, terminati gli orali, il giorno dopo erano di nuovo sui libri a studiare. I corsi, poi, iniziano sempre prima, non come ai miei tempi in cui si poteva tirare il fiato fino ai primi di novembre e per fare il primo esame era d’obbligo aspettare maggio per i pre-appelli. Ho anche parlato delle mie rinunce: rimanere in Inghilterra almeno un anno, prima di iniziare l’università e dire di no ad una cattedra all’Università di Toronto, offertami dal mio relatore all’indomani della discussione della tesi. Per qual motivo avevo fatto quelle rinunce? In entrambi i casi per amore. Restare a Londra un intero anno, oltre che costringermi a rimanere lontana dal mio amore, avrebbe implicato rimandare di un anno l’iscrizione all’università e tutti i miei progetti sarebbero inevitabilmente slittati. Accettare la proposta all’università di Toronto avrebbe voluto dire non sposarmi (l’ho fatto a soli sei mesi dalla tesi) o quantomeno costringere mio marito ad intraprendere un’avventura senza certezze per il suo lavoro. Insomma, ho fatto capire ad Alberto che nella vita bisogna osare un po’, buttarsi senza pensare ai “se” e ai “ma”. Io non ero pronta, ma nemmeno adesso, per carattere, mi lancerei in un’impresa senza certezze perché sono, lo ammetto, un po’ fifona. Se tornassi indietro, ne sono certa, rifarei tutto ciò che ho fatto ma le nuove generazioni, pur senza rinunciare ai valori, devono avere la possibilità di realizzare i progetti senza lasciarsi condizionare da nulla e da nessuno.

Poi Alberto mi ha confessato di sentirsi, a volte, tanto diverso dai suoi attuali compagni di università. Ragazzi che spesso sono richiamati dai docenti perché si distraggono e fanno i fatti loro, che arrivano a lezione quando vogliono e se ne vanno prima del termine, tanto che qualche docente si vede costretto a bloccare la maniglia della porta dell’aula con una sedia per impedire entrate e uscite fuori orario. Confesso che un po’ mi sono sentita in colpa: noi professori di liceo siamo spesso costretti a richiamare i ragazzi, anche quelli di quinta, perché fanno i fatti loro e disturbano le lezioni. Speriamo, però, che arrivati all’università cambino atteggiamento, diventino più seri e responsabili. Ma nel mondo dell’istruzione è tutto uno scaricabarile: le maestre della primaria pensano che alla scuola materna le educatrici non sappiano fare il loro lavoro; i docenti delle medie sono convinti che gli insegnanti della primaria non siano capaci di istruire ed educare i bambini; negli istituti superiori i professori si lamentano perché i ragazzi arrivano dalle medie somari e maleducati; all’università, inevitabilmente, i docenti si convincano che questi ragazzi nei tredici anni di scuola precedenti non abbiano imparato a comportarsi in maniera decente e che abbiano delle lacune gigantesche nella preparazione di base.

Mentre facevo questo ragionamento di fronte ad Alberto, lui mi guardava con aria perplessa. Secondo lui un po’ di verità c’era in quello che avevo appena detto, ma dipendeva sicuramente dai ragazzi, non tanto dalle scuole o dagli insegnanti. Meno male, lui saggio mi aveva assolto mentre da sola mi stavo facendo il processo.
La cosa che più mi ha fatto riflettere è stata che Alberto si senta così distante dai ragazzi che hanno solo tre – quattro anni di meno. Posso capire che fra i ventenni di oggi e la mia generazione ci sia un abisso, posso anche ammettere che le generazioni ormai cambino ogni dieci anni, ma che un ragazzo di ventitré anni si senta a disagio perché in un’aula universitaria si trova in compagnia di ragazzini perditempo piuttosto che di giovani adulti desiderosi d’imparare, mi sembra quasi una cosa irreale. Eppure è così e la colpa non può essere attribuita ai docenti universitari troppo severi o a quelli del liceo troppo permissivi, senza voler per forza ripercorrere tutta la carriera scolastica dalla scuola per l’infanzia in su. Forse la “colpa” è più delle famiglie che questi figli non li fanno crescere dicendo troppi sì e sentendosi in colpa per qualche no saltuario. O forse la responsabilità è davvero della scuola che non ha gli strumenti per trasmettere, più che i contenuti, il valore di ciò che si fa. O meglio, opterei per un concorso di colpa.

Io e Alberto siamo stati più di quaranta minuti in piedi, in un angolino del marciapiede, a chiacchierare. Alle nostre spalle, un ragazzo di colore, uno di quelli che vendono libri o altra merce e che, al nostro diniego, chiedono almeno i soldi per un caffè. Chissà cos’avrà capito della nostra conversazione. Ha atteso pazientemente che finissimo di parlare, che ci scambiassimo un abbraccio e un bacio, che ci augurassimo di incontrarci di nuovo per chiacchierare ancora un po’ e che le nostre strade si dividessero. Poi quell’uomo paziente mi ha offerto la sua merce e, al mio rifiuto, mi ha detto: Ti offro un caffè. Beh, la conoscenza della lingua italiana è ancora incerta ma di fronte a tale proposta, ho declinato l’invito. Forse, ho pensato, avrei potuto offrire ad Alberto un caffè, evitando di stare in piedi tutto quel tempo. Ma è volato talmente in fretta che non mi sono resa conto che, nel frattempo, il mio mal di stomaco era scomparso e che mi era tornata la voglia di farmi un giro in centro. Ho guardato l’orologio: troppo tardi, ormai, ho ancora mille cose da fare. Quell’incontro, tuttavia, valeva da solo più di quelle mille cose che poi non ho fatto. Sono ritornata a casa leggera, senza pensieri nella testa. Quel mio ex allievo aveva trasformato la mia giornata no e mi aveva lasciato la gioia di quell’incontro. Sapere che qualcuno pensa a te anche dopo tanti anni, che per quel qualcuno hai rappresentato qualcosa, che hai lasciato un segno nella sua vita è la ricompensa più grande per i tanti sforzi, forse troppi, che un’insegnante fa ogni giorno per arrivare anche a quell’obiettivo. Lo so, è come un granello di sabbia in un deserto, ma anche un deserto intero non mi avrebbe portato la gioia che quel piccolo granello mi aveva procurato.

[nella foto: Udine, piazza Libertà, la Loggia di S. Giovanni]

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, di temi originali e copiati, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: