HAPPY BIRTHDAY!

google buon compleanno MARISA
Non amo le autocelebrazioni e per questo non ho mai scritto un post in occasione del mio compleanno. Questa volta ho deciso di fare un’eccezione per due motivi:

1. La mia carissima amica Diemme mi ha dedicato questo post e mi ha inviato come graditissimo dono un suo libro pubblicato di recente. Ancora una volta grazie, cara Diemme! ❤

2. Google mi ha dedicato un doodle personalizzato (che vedete nell’immagine sotto il titolo del post). Stamattina, aprendo il motore di ricerca per connettermi al registro elettronico a scuola, ho avuto questa gradita e inattesa sorpresa. Ringrazio, quindi, anche Google per aver festeggiato il mio compleanno. 🙂

E a tutti voi, cari amici, mando un saluto speciale e un forte abbraccio da “vecchia” blogger qual sono, che tenta di mantenersi bene nonostante il tempo che inesorabilmente passa … anche se Diemme dice che per me non passa mai. Magari!

BUON COMPLEANNO, MR DICKENS

Ce lo ricorda anche Google con il suo logo speciale: duecento anni fa nasceva a Portmouth, in Inghilterra, lo scrittore Charles Dickens.
Iniziò a dedicarsi alla scrittura a ventisei anni, dopo aver fatto svariati lavori e tentato inutilmente la scalata sociale unendosi ad una donna ricca più vecchia di lui, figlia di un banchiere, che però lo rifiutò.

Ritenuto in un primo tempo uno scrittore dozzinale, alla stregua degli autori di feuilleton, pubblicò romanzi di successo su cui spicca indubbiamente David Copperfield, uno dei classici della letteratura inglese, anzi mondiale.

Ricordo ancora la lettura forzata fatta del romanzo all’università, per l’esame di Soria della letteratura Inglese. Poi, qualche anno più tardi, la gioia di aver riscoperto un libro non troppo apprezzato in gioventù.

Per celebrare il compleanno di questo grande scrittore, riporto un aforisma che domostra la sua ironia, velata di quella giusta dose di amarezza che caratterizzò in parte la sua vita:

Servono venti anni a una donna per fare del proprio figlio un uomo, e venti minuti a un’altra donna per farne un idiota.

LA TOP TWENTY DEI PERVERTITI CHE ARRIVANO PER CASO SUL MIO BLOG


Da quando, la scorsa settimana, ho pubblicato un post sui filmati che vedono protagoniste le minorenni che si spogliano a scuola, si è scatenato il popolo dei pervertiti del web. La cosa buffa è leggere le richieste che vengono fatte sui motori di ricerca e che conducono, del tutto casualmente, al mio blog.

Ecco un elenco (non esaustivo perché sarebbe troppo lungo …):

ragazze che si spogliano su skype [pervertito senza fantasia]

video di maestre che fanno sesso in classe [pervertito e pedofilo amante delle maestre sporcaccione]

il professore fa sesso con la studentesa (sic) di scuola [di scuola ma non a scuola, per fortuna]

studentessa fa sesso con professore in (sic) scuola [se è lei che prende l’iniziativa … ma in scuola proprio no!]

video porno melissa setta (sic) [questo è proprio fuori tema ma, non avendo mai scritto nulla su Melissa Satta, posso immaginare che l’interessato sia arrivato per sbaglio al post di cui sopra]

sesso ragazze minorenni mvideo (sic) [imvideo ma non a scuola, spero]

ragazze porno minorenne di e ta (sic) gratis video [pervertito squattrinato]

minorenni che fanno l’amore video [questo è un pervertito romantico]

sosse (sic) nella scuola [sosse va bene, altro no]

video porno amatoriale fatto in casa ragazze minorenne [trattasi di compiti a casa]

scuola bambina gira nuda tra i compagni [trattasi di pervertito pedofilo … vergogna!]

ragazzina fa sesso orale per sfida [divagazioni sul tema]

video di sesso tra madre e figlia minorenne [pervertito incestuoso fuori tema]

video scopate in discoteca di minorenni [ormai le scuole sono chiuse …]

legge un docente può stare con una studentessa [pervertito con scrupolo legale]

video con le compagne di classe [forse questo non è pervertito]

video hard compagne di classe [questo sì]

compagne di classe riprese [forse si tratta di un’innocente festa di compleanno]

le ragazze che lamore (sic) ascuola (sic) [romantico ma ortograficamente scarso]

video ragazze di 18 anni con i suoi (sic) amici sesso [be’, se sono maggiorenni …]

[immagine da questo sito]

CHI ERA IL COGNATO DI ULISSE?

Questa domanda si sono posti numerosissimi internauti che, in modo del tutto fortuito, si sono imbattuti nel mio blog. Questo l’ho capito sulla base dei termini ricercati nei motori di ricerca (tra parentesi i numeri corrispondenti alle persone che hanno digitato le parole in questione): cognato di ulisse (337), cognato ulisse (126), il cognato di ulisse (68), ulisse cognato (40), ulisse il cognato (4), nome cognato ulisse (4), cognato ulisse odissea (4), fratello di penelope moglie di ulisse (3), odissea cognato di ulisse (3), cognato,ulisse (3), chi è il cognato di ulisse? (2), ulisse cognato ettore (1), ulisse cognato penelope (1), il cognato di ulisse? (1), il cognato di ulisse, eneide (1), il cognato d’ulisse (1), penelope cognato ulisse (1), chi è il cognato di ulisse (1), l cognato di ulisse? (1), cognato and ulisse (1), il fratello di penelope moglie di ulisse (1), odissea, cognato di ulisse (1), odissea ulisse cognato di (1), eurilico cognato ulisse (1), cognato odisseo omero (1), cognato di ulise (1), come si chiama il cognato di ulisse?? (1), nome del cognato di ulisse (1), ulisse e il cognato (1), fratello di penolope ulisse (1), cognayo ulisse (1).

Tutto questo in una manciata di minuti, cinque al massimo. Prima di realizzare che così tante persone cercavano, tutte nello stesso tempo, notizie sul cognato di Ulisse, mi sono chiesta: come mai un mio vecchio post, Le donne di Ulisse: Penelope, l’amata sposa … ma tradita, suscita così tanto interesse? Solo dopo ho capito che tutti volevano sapere chi fosse il cognato di Ulisse e Google li ha mandati qui. Il bello è che nel mio post non hanno trovato la risposta. Spero, almeno, che qualcuno si sia fermato a leggere una delle mie Pagine d’Epica di cui sono piuttosto orgogliosa.

Insomma, in pochi minuti il post su Penelope è stato visualizzato 722 volte, su un totale di 1722 (toh! che combinazione: fino ad oggi era stato letto esattamente 1000 volte) da quando è stato pubblicato, il 13 maggio 2010.

Ma come mai tutta questa curiosità? Ho scoperto che i miei visitatori stavano guardando la fiction su Rai 1 “Fuoriclasse”, con la Littizzetto. Io avevo il televisore spento perché stavo lavorando ma, incuriosita, l’ho acceso perché ho capito, già in altre circostanze, che se c’è un’impennata nelle visite ad un determinato post, anche non recente, c’è sempre un nesso con ciò che viene trasmesso in Tv. Effettivamente nella fiction si stava parlando di questo cognato di Ulisse, ovvero … Euriloco. Ecco, dunque, la risposta.

Ma io mi chiedo: se uno guarda una fiction cosa fa? contemporaneamente cerca su Google chi è il cognato di Ulisse? Manco fosse un concorso a premi! Mah, per me è inconcepibile che si sprechi il tempo a fare ricerche in rete, perdendo di vista la trama del film o della fiction. A parte casi particolari, o tengo accesa la tv o il pc.
In ogni caso ringrazio i numerosi visitatori e spero che non me ne vogliano se solo ora ho risposto al loro quesito.

LINK per vedere (o rivedere) l’ultima puntata di Fuoriclasse.

GOOGLE: MOTORE DI RICERCA O SFERA DI CRISTALLO?


Ogni tanto mi diverto a leggere le “frasi” che vengono composte per fare una ricerca su Google e che, magari per sbaglio, portano dritte dritte al mio blog. Quelle che suscitano maggiormente l’ilarità sono opera dei soliti studenti disperati alla ricerca di un “aiutino” per fare i compiti; a pensarci bene, però, alla sana risata che sorge spontanea quando, per esempio, qualcuno chiede “come posso fare per avere sette in latino?”, segue la rabbia che talvolta mi porta a nutrire una profonda avversione nei confronti dei motori di ricerca che esaudiscono quasi sempre i desideri degli studenti scansafatiche. Sarebbe ora che i ragazzi imparassero a farne un uso intelligente e non scambiassero Google e simili per un mero esecutore delle attività domestiche.

Oggi, però, ho scoperto che c’è qualcuno che ha scambiato Google per una sfera di cristallo. Questa ignota donna, perché certamente si tratta di una gentile signora o signorina, ha formulato la seguente domanda: “Come si fa a sapere se ci sarà un altro uomo nella mia vita?”. Domanda alquanto bizzarra, non c’è che dire. Se poi penso che la persona desiderosa di conoscere il suo destino amoroso è stata indirizzata al post del mio blog “L’uomo della mia vita“, mi immagino la sua delusione per non aver trovato risposte al quesito. Però da quel post credo possa aver tratto un insegnamento: io sto da più di trent’anni con il mio uomo e non mi sono mai chiesta se per caso ce ne sarà mai un altro in futuro. Diciamo che, pur amando mio marito, avere lui mi basta e un po’ … mi avanza! 🙂

Alla signora sconosciuta lancio solo un appello: si goda quello che ha e non si chieda se ci sarà un altro uomo dopo di lui. Per dirla con Orazio: Carpe diem!