7 settembre 2011

LE GEMELLINE SIAMESI NON CE L’HANNO FATTA: HA CESSATO DI BATTERE IL LORO UNICO CUORE

Posted in bambini, cronaca, famiglia, figli tagged , , , a 12:56 pm di marisamoles

Ha smesso di battere l’unico cuore che Lucia e Rebecca, le gemelline siamesi nate al Sant’Orsola di Bologna lo scorso giugno, avevano in comune.

Il caso aveva imposto una riflessione soprattutto in considerazione del fatto che, in previsione di un intervento chirurgico di separazione, una delle due neonate non avrebbe avuto la possibilità di sopravvivere. E poi, la situazione era nota ai genitori durante la gravidanza ma la mamma aveva deciso di non abortire. (ne ho parlato QUI)

«Abbiamo fatto loro assaporare la vita anche se ci hanno proposto di non farlo, cioè con l’aborto», dicono i genitori. «Le abbiamo accompagnate in questo breve ma intenso percorso — hanno aggiunto — resterà in noi la gioia di averle potute accogliere pur nella sofferenza di averle dovute lasciare così prematuramente».

Con tutto il rispetto per il dolore di questi genitori che hanno perso le loro figlie, onestamente non comprendo né condivido quella frase: “Abbiamo fatto assaporare loro la vita“. Perché? Hanno forse capito qualcosa della vita quelle due creaturine vissute in un incubatrice, all’interno di un “freddo” reparto ospedaliero, senza neppure vedere la luce del sole?

Scusate la sincerità. Forse sembrerò cinica ma ribadisco che questo dramma umano, pietoso finché volete, poteva essere evitato.

Annunci

20 luglio 2011

LE GEMELLINE SIAMESI: UN CASO ETICO E UN DRAMMA UMANO

Posted in bambini, cronaca, famiglia, figli tagged , , , , , , , a 11:52 am di marisamoles


Fa discutere il caso delle gemelline siamesi venute alla luce venti giorni fa all’ospedale Sant’Orsola Malpighi di Bologna. Le bambine, unite per il torace e per l’addome, con un unico cuore e due fegati fusi, pesano complessivamente 3,5 chilogrammi e i medici, in attesa di intervenire chirurgicamente per separarle, stanno cercando di farle aumentare di peso, accrescendo le speranze di riuscire a salvare la vita ad una delle due. E già, perché su questo non si discute: nel caso in cui le si separerà, una delle due sorelline dovrà essere sacrificata.

Un caso che fa riflettere, un caso etico. Ma, secondo me, soprattutto un dramma umano perché per i genitori non è una scelta facile. D’altra parte lasciare le gemelline unite significherebbe comunque non permettere loro di vivere una vita normale, anzi, credo che le speranze di vita sarebbero ridotte al minimo. Tuttavia, anche l’intervento chirurgico è un’incognita: i casi del passato, più o meno recente, testimoniano che, nel tentativo di separare le gemelle siamesi (i casi, almeno quelli noti e pubblicizzati, riguardano per lo più femmine) pur sacrificandone una, in realtà si sono conclusi con la morte di entrambe.

Ero una bambina quando, in Italia, furono separate le gemelle Giuseppina e Santina Foglia. Erano gli anni Sessanta e l’intervento fu considerato una specie di miracolo. Ma la situazione delle gemelline Foglia era un po’ diversa dal caso di attualità: innanzitutto avevano sette anni, quando sono state separate, e poi erano unite su un fianco, con organi vitali indipendenti. Ma comunque quell’operazione chirurgica attuata con successo fu consierata un evento storico.

Tornando alle gemelline nate al Sant’Orsola, il dramma umano, che implica la decisione dei genitori di sacrificare una delle due figlie (decisone che, comunque, deve essere presa anche sentendo il parere del comitato etico del policlinico) forse poteva essere evitato. Pare, infatti, che dagli esami ecografici la situazione fosse già ben delineata nelle prime settimane di gravidanza. Allora mi chiedo: perché mai non procedere all’interruzione? E me lo chiedo con un peso sul cuore in quanto fermamente contraria all’aborto. Ma in questo caso, almeno, sarebbe stato la soluzione più indolore.

Su questa vicenda si sono espressi i medici che si occupano delle gemelline, primo fra tutti Mario Lima, direttore del dipartimento Salute della donna e del bambino al Sant’Orsola, che ha in cura le sorelline. Anche il mondo politico non tace.
Di parere contrario all’intervento di separazione il dott. Ignazio Marino, presidente della Commissione Parlamentare d’Inchiesta sul Servizio sanitario nazionale. «Il caso delle gemelline siamesi è estremamente complesso e naturalmente coinvolge questioni non solo di ordine medico ma di ordine di etico. Personalmente credo che non me la sentirei ad intervenire chirurgicamente, già sapendo che una bambina sarebbe sacrificata», spiega e aggiunge, riferendosi alla propria esperienza: «Questo caso è drammaticamente simile a quello che ho dovuto vivere nel 2000 quando dirigevo il centro Trapianti di Palermo e quando all’ospedale Civico nacquero due gemelline siamesi del Sudamerica con un solo cuore e un solo fegato». Allora, aggiunge il senatore del Pd, «la linea medica che passò fu di intervenire chirurgicamente per separare le gemelline e sacrificarne una per provare a salvare l’altra, ma io scelsi secondo coscienza e mi rifiutai di partecipare all’intervento». Le due sorelline non raggiunsero il terzo mese di vita.

Dal mondo cattolico si alza la voce di don Giovanni Nicolini, che ha battezzato le piccole appaena nate: «In genere in questi casi emerge fin da subito che uno dei due gemelli è più debole dell’altro. La particolarità di questo caso è che al momento le due neonate sono nella stessa situazione. Credo che dal punto di vista etico la via praticabile sia di mantenere la situazione così com’è, aspettando l’evoluzione naturale che al momento è in equilibrio. In genere la natura decide da sola».
Lasciare decidere, dunque, alla Natura che, almeno in questo caso, più che madre è matrigna. Ma don Nicolini non chiude di fronte alla possibilità di intervenire sacrificando una delle due piccole: «Si può pensare, sperare, in termini suggestivi anche per la fede, che la morte dell’una consenta la vita dell’altra. […] Non penso che ci siano passaggi incompatibili non solo con la fede ma con il senso più profondo dell’umanità. Oggi però si esige che si continui a perseverare nel tenere in vita entrambi. È delicatissimo, ma è così». Insomma, una posizione quasi più aperta rispetto a quella presa da un laico, Ignazio Marino, per di più convinto sostenitore della necessità di un Testamento Biologico, che apra alla possibilità di scegliere tra una vita-non vita e la morte, schierato dalla parte di Beppino Englaro negli ultimi giorni terreni di Eluana.

In conclusione, qualunque sia la decisione che verrà presa, il destino delle gemelline, considerata la situazione delicata e difficile, dal punto di vista medico, non solo etico, a me pare già segnato. Un dramma umano che, come ho già detto e sempre secondo il mio modestissimo parere, forse poteva essere evitato.

AGGIORNAMENTO DEL POST, 30 LUGLIO 2011

Sono peggiorate le condizioni delle due gemelline, Rebecca e Lucia, ricoverate al Sant’Orsola di Bologna. L’aggravamento interessa in particolare la funzione ventilatoria. Allo stato attuale i medici escludono la possibilità di intervenire chirurgicamente per separare le sorelline.

LEGGI LA NOTIZIA dal Corriere di Bologna >>>

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, di temi originali e copiati, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: