SANREMO 2010: UNA TERZA SERATA DI QUALITÀ E IL RIPESCAGGIO DI PUPO E VALERIO SCANU


Finalmente uno spettacolo bello bello, ieri sera a Sanremo. Sul palco del teatro Ariston si sono esibite le vere star, quelle che hanno fatto la storia di Sanremo, cantando i pezzi che, a decenni di distanza, nessuno ha dimenticato. Per quanto mi riguarda, ricordo canzoni degli anni ’60 ma non saprei ricordare i vincitori degli ultimi dieci festival, escluso l’ultimo, visto che la vittoria di Marco Carta ha suscitato un mare di polemiche, e quello del 2001, vinto dalla dolce Elisa, voce stupenda che ha cantato la sua terra che è anche la mia.

Superospiti, sì, i re e le regine di Sanremo, mica un Cassano qualunque o un Benigni che fanno solo audience. Questi mostri della canzone italiana (escluso Miguel Bosè che ha un repertorio più ispanofono) hanno offerto uno spettacolo delizioso, emozionante, rivisitando antichi pezzi che non smettono mai di far accapponare la pelle. Iniziando dalla “regina” Elisa Toffoli, più regina della stessa Rania di Giordania, anche senza sangue blu nelle vene. Inizio incerto, con qualche nota che anticipa l’inizio della musica, ha ricantato “Luce” (tramonti a nord est), rivisitando poi un pezzo di Sergio Endrigo, “Canzone per te”, mai troppo apprezzata negli anni. Poi un mini concerto con un medley che anticipa il tour in partenza da aprile. Lei, dolce mammina di Emma Cecile, se la porterà in giro per il mondo; partecipe della gioia e della fatica di essere una mamma speciale, Antonella Clerici che dice “Nessuno può capirti meglio”.

Lo show prosegue con altri revival (per il resoconto vi rimando a questo articolo de Il Corriere ), fino all’esibizione clou della carrellata: due regine, Elisa e Fiorella Mannoia, interpreti di un magistrale “Ancora tu nell’universo”, in ricordo di Mia Martini, l’indimenticata e indimenticabile Mimì. Roba da far accapponare la pelle due volte, non una. Un unico appunto: l’orribile abbigliamento della mia conterranea Elisa Toffoli: pantaloni neri, camicia bianca e gilet nero, con tanto di cappello sulla testa, per la prima parte del suo intervento; vestito bianco-sporco con forma non ben descrivibile (sembrava un fiasco di chianti, poveretta) che ha messo ben in risalto la sua linea non ancora recuperata perfettamente dal parto, per l’esibizione con la Mannoia che, per solidarietà, indossava anche lei un vestito che non ha reso giustizia al fisico longilineo che dell’età se ne fa un baffo. Faccio un appello al sarto di Elisa: ti prego cerca di vestirla un po’ meglio!

Ma la serata di ieri non ha accantonato la gara. Un’altra eliminazione per i giovani; si salvano Jessica Brando e Tony Maiello. La cantante, appena quindicenne, non ha potuto esibirsi visto che la gara è iniziata dopo la mezzanotte, ed è stata mandata in onda la registrazione fatta durante le prove: bravissima ma con delle occhiaie tremende che il trucco di scena avrebbe certamente coperto. La situazione che si è venuta a creare, a causa della dilatazione oltremisura dei tempi preventivati, ha fatto infuriare il presidente della FIMI, Enzo Mazza: «È un scandalo, non è possibile. Tutti sanno che c’è questo problema, si poteva spostare un big. I giovani vengono trattati come gli ultimi reietti della musica italiana. Una serata rovinata». Se poi l’azienda si è scusata osservando che l’esibizione della giovane Jessica avrebbe comportato delle denunce penali, la legittima replica è che effettivamente si potevano anticipare le esibizioni dei Giovani, quindi Mazza ha ragione al 100% a dire che sono trattati da ultima ruota del carro. Senza contare che all’una di notte non tutti stanno in piedi aspettando di televotare.

È andata meglio ai cinque big esclusi che si sono esibiti all’inizio puntata per il ripescaggio. Non faccio la cronaca (rimando i lettori al link de Il Corriere), ma mi domando: che c’entrava Belen Rodriguez con Toto Cutugno? Immagino che il Toto nazionale, non potendo più contare sulla voce (o non ce l’ha più o quella che esce è stonata), si sia affidato alle grazie della Belen per far televotare i fan delle curve più famose d’Italia (per di più importate!). Insomma, mi sembrava di essere alla Corrida, con Cutugno dilettante allo sbaraglio. E’ successa, però, una cosa davvero impensabile: alla fine lei ha cantato molto meglio di lui. E brava Belen! Ora, però, spero che torni a fare la poliziotta a Miami (o dove cavolo è), o la prof precaria se non addirittura il meccanico.
Nessuna speranza per Toto, dunque, ma nemmeno per D’Angelo. Si pensava che i giovani esclusi, Scanu e i Sonhora, fossero gli unici ad avere una speranza per il ripescaggio, visto che i loro fan sono i più avvezzi al televoto. Sembrava impossibile il ripescaggio di Pupo, Emanuele Filiberto e Luca Canonici, specie dopo aver sentito i fischi dell’Ariston durante la prima serata. E invece, a sorpresa, dobbiamo ammettere che gli antimonarchici stanno tutti a Sanremo: mentre nel resto d’Italia si votava per l’inedito e curioso trio, un altro mare di fischi ha accolto la notizia del loro ripescaggio. A proposito: o Pupo era troppo emozionato, o bisogna osservare che canta meglio il principe. Che abbia un’altra carriera assicurata oltre a quella di ballerino? In fondo, tanti vengono in Italia a cercar lavoro: dopo le “cenerentole”, anche i principi. A proposito, graziosa la battuta della Consoli che, su Emanuele Filiberto, ha detto: “Proporrei il ritorno della monarchia solo per avere questo bel principe sulle banconote”.

L’altro ripescato è stato Valerio Scanu. Non è stata affatto una sorpresa: i sui fan sono abituati al televoto, visto che l’hanno sostenuto a suon di sms per tutta la durata di “Amici 8”. Sulla canzone presentata, opera dell’attuale concorrente di “Amici 9” Pierdavide Carone, ho già parlato QUA. Ora mi limito ad osservare che ieri sera il duetto con Alessandra Amoroso, ex concorrente, nonché vincitrice della scorsa edizione del programma della De Filippi, è stato strepitoso. Non so se il merito è stato di Alessandra, la cui voce è certamente stupenda e può aver contribuito a vivacizzare l’esecuzione altrimenti un po’ lagnosetta. È più probabile che la presenza dell’amica abbia dato più grinta a Valerio che è abituato a superare i momenti di sconforto, causati anche dalle critiche, per dare il meglio di sé. Le esibizioni nelle serate precedenti mi erano sembrate decisamente sottotono. La canzone è bella, forse non del tutto adatta a lui, ma certamente un pezzo da festival che ha delle buone chance di vincere, considerato anche il potere del televoto.

Stasera i big si esibiranno nei duetti e si conoscerà il vincitore della categoria dei Giovani. Sabato la serata finale con la proclamazione del vincitore del 60esimo Festival di Sanremo. I pronostici? Meglio non farli, portano male!

LEGGI ANCHE L’ARTICOLO CORRELATO: Antonella Clerici la vera regina di Sanremo?

Annunci