L’UOMO IN CASA E IL FERRO DA STIRO

Ecco la terza puntata del post “Gli uomini in casa, che palle!”.

Mai come in questo periodo avrei voluto un uomo che sappia stirare. Provate a stirare con una mano sola …
Al giorno d’oggi credo che siano molti gli uomini in grado di stirare – e di fare molte altre cose in casa – se non altro perchè i matrimoni o le convivenze durano molto poco e si assiste sempre più frequentemente al fenomeno dei “single di ritorno” … anzi direi quasi una nuova condizione, sempre che non decidano di tornare da mamma.

Ma che dire dei cinquantenni attuali?

L’uomo e il ferro da stiro.
Purtroppo il ferro da stiro è un oggetto sconosciuto ai più. Non dico mio suocero, ma nemmeno mio papà credo abbia mai stirato. Mio marito, più per un attacco di malinconia che per altro, in tanti anni di matrimonio ha voluto stirare solo qualche fazzoletto: dice che gli ricorda la sua infanzia, quando sua mamma lo lasciava stirare i fazzoletti … a parte che ora è solo lui ad usarli, visto che tutti gli altri utilizzano i kleenex, ma mi chiedo perché mia suocera non abbia insistito facendogli, magari, stirare anche le camicie e le lenzuola.
Gli uomini non sanno stirare ma pare abbiano anche una scarsa capacità di distinguere gli indumenti stirati da quelli che non lo sono. Oppure, pretendono che la donna-stiratrice sia alquanto sollecita nello stirare tutti gli indumenti di cui abbisognano, nonostante possiedano un numero indefinito di “doppioni”. Prendiamo, ad esempio, le camicie: perché mai, dico io, se nell’armadio trovano ben stipate diciannove camicie, vogliono assolutamente indossare, proprio quel giorno, la ventesima che è ancora da stirare?
Però ci sono donne particolarmente esigenti che istruiscono i loro uomini, grandi e piccini, ad armeggiare con il ferro a vapore. Ricordo che una mia cugina, avendo quattro uomini in casa, tra marito e figli, esigeva che ciascuno si stirasse le proprie cose. Che carattere! Ho sempre pensato che fosse un buon esempio per me e, invece, i miei tre uomini con il ferro da stiro non se la cavano proprio per niente. A parte mio figlio piccolo che ogni tanto si stira le sue cose. L’altro giorno l’ho visto armeggiare sull’asse ma ho notato che il ferro era staccato. “Che fai con il ferro spento?”, gli ho chiesto esterrefatta, anche perché lui è uno che si arrangia (sa pure cucire!!!). “Il ferro è pesante, stira anche spento”, ha risposto. Non so perché ma ho pensato di averlo sopravvalutato: lo credevo più intelligente.