ULISSE: DALLE PAROLE AI FATTI

C’è forse eroe più amato di Ulisse? Fin dai tempi delle elementari, ognuno di noi lo ha ammirato. Ne abbiamo apprezzato le molteplici doti … eppure c’è un aspetto che, almeno per quel che riguarda le memorie scolastiche, non è mai stato messo in luce a dovere. Volete scoprire qual è?

Marisa Moles's Weblog


Il mio primo approccio con Ulisse risale all’età di otto o nove anni quando, vista l’alta valenza culturale dell’evento televisivo, i miei genitori mi permisero di guardare la “riduzione” dell’Odissea di Omero, come diremmo noi oggi la fiction. I miei ricordi sono alquanto vaghi; ricordo, però, che l’orrendo mostro Polifemo non reggeva il confronto con l’orripilante visione del poeta Ungaretti che, con tanto di “esse” sibilante dovuta ad una protesi dentaria non perfettamente calzante, introduceva ciascuna puntata, riassumendo il contenuto di quella precedente. Spero che da lassù il grande poeta non me ne voglia, ma allora non potevo comprendere la sua grandezza di vate e mi limitavo a considerare la sua bruttezza di uomo.

Ho incontrato per la seconda volta Ulisse nel corso dei miei studi liceali: al liceo, infatti, il programma prevede la lettura antologica di alcuni poemi epici, tra cui, ovviamente, l’Odissea. Ora, da

View original post 1.596 altre parole