22 marzo 2015

“NOTTI SUL GHIACCIO”: IL SUCCESSO DEL PRINCIPE EMANUELE FILIBERTO E I MONARCHICI 2.0

Posted in spettacolo, sport, televisione, vip tagged , , , , , , , , , a 5:20 pm di marisamoles

emanule filiberto ghiaccio
Non so chi di voi, lettori di questo blog un po’ negletto, abbia seguito lo show condotto da Milly Carlucci su Rai 1 che si è concluso ieri sera con il secondo posto del principe Emanuele Filiberto. Sto parlando di “Notti sul ghiaccio“, uno spettacolo gradevole, bello, condotto con l’ineguagliabile eleganza della padrona di casa, ex pattinatrice su rotelle, che ha voluto riproporre, dopo qualche anno di stop, la gara tra pattinatori su ghiaccio improvvisati, sulla falsa riga del ben più noto e longevo “Ballando con le stelle”.

Pattinare sul ghiaccio non è certo facile e la sfida dei vip supera, in coraggio, quella dei concorrenti che si devono cimentare nel ballo. Emanuele Filiberto, già vincitore di “Ballando con le stelle” qualche anno fa, ha ottenuto il secondo posto sbaragliando concorrenti ben più abili di lui sui pattini, grazie al televoto da casa. Questo deve far riflettere sulle scelte del pubblico, condizionate più dalla simpatia che dal talento vero e proprio. Sì, perché se il bel principe con gli occhi cerulei di coraggio ne ha dimostrato parecchio, di talento come pattinatore ne ha davvero pochino.

giorgio-rocca

Il primo posto, meritatissimo, è andato all’ex campione di sci alpino, ora maestro sui campi innevati (una delle allieve più note è Maria De Filippi), Giorgio Rocca. Ma almeno due concorrenti meritavano un piazzamento migliore: Clara Alonso, star del fortunato show argentino “Violetta” e data per vincitrice da un sondaggio on line sul sito ufficiale dello show, e Chiara Mastalli, giovane attrice di già lunga esperienza – ha iniziato la carriera a soli sei anni – che non brilla certo per simpatia ma sui pattini ha dimostrato una grande abilità.

Nonostante questo, a contendersi il podio per il primo premio sono stati due uomini. Uno sportivo, muscoli d’acciaio, carattere duro (tipico dei montanari, con tutto il rispetto), di poche parole e parco anche nei sorrisi, benché nelle ultime puntate si sia sciolto un po’. Sto parlando, ovviamente, di Rocca.
L’altro mingherlino, molto elegante, sempre sorridente, educato ed espansivo nella misura che si confà ad un appartenente al nobile rango, spesso impacciato sul ghiaccio, più intento a ballare scivolando piuttosto che a pattinare nel vero senso della parola. Mentre Rocca si è lanciato il balli sfrenati, con arditi sollevamenti in aria della pattinatrice-maestra, Emanuele Filiberto tutt’al più ha prestato le ginocchia per far accomodare la sua partner per qualche secondo, traballando un bel po’ sulle lame.
Insomma, tra i due a livello di performance c’era un abisso.

Il televoto, dicevo, ha premiato uno sportivo, certamente adatto a questo tipo di prestazione. Ma il secondo posto del principe ha lasciato un po’ spiazzati i più, considerando i meriti di almeno due concorrenti, nominate prima, che forse sarebbero dovute salire sul gradino più alto del podio al suo posto.
C’è da pensare che i voti arrivati via telefono siano stati prevalentemente femminili e determinati dal fascino indiscutibile, seppur assai diverso, dei due uomini.

Su una cosa sto riflettendo da ieri sera: se si proponesse un referendum per il ritorno della monarchia, Emanuele Filiberto avrebbe molte chance di salire al trono. Sempre a patto che si usi il televoto.

Se non avete visto lo spettacolo, QUI potete vedere un’esibizione di Emanuele Filiberto, QUI una di Giorgio Rocca e QUI una di Clara Alonso, vincitrice morale… giusto per fare un confronto.

[immagine da questo sito]

Annunci

11 settembre 2010

MISS ITALIA 2010: IL PRINCIPE EMANUELE FILIBERTO E LA REGINA MILLY PRONTI PER L’ELEZIONE DELLA PIÙ BELLA

Posted in attualità, donne, spettacolo, televisione tagged , , , , , , a 2:27 pm di marisamoles


Premettto che non amo questo tipo di manifestazioni ma prendo atto che al pubblico piacciono e alle partecipanti giova non poco in pubblicità, anche se non vincono. A Miss Italia devono tutta la loro gratitudine donne dello spettacolo oggi affermate presentatrici, attrici, modelle, e anche qualche donna in carriera … politica.

C’è un motivo in più, quest’anno, per assistere alle tre serate della manifestazione che si svolge a Salsomaggiore Terme: la conduzione della signora della TV, Milly Carlucci -che ne era al timone già lo scorso anno- e la co-conduzione del principe più bello e più amato della Tv italiana, Emanuele Filiberto di Savoia. Su quest’ultimo e sulle sue capacità professionali preferisco non esprimermi. Tuttavia mi è simpatico e sinceramente non capisco tutte le polemiche che gli girano attorno. È un principe, è vero, appartiene ad una famiglia che, nel bene e nel male, ha regnato sull’Italia dall’alto del suo lignaggio. È una persona dal gradevole aspetto, ha una certa spigliatezza comunicativa, anche se il congiuntivo non è il suo forte (ma sta migliorando!), d’altra parte è vissuto la maggior parte della sua vita in esilio e la sua madre lingua è il francese.
Emanule Filiberto è un principe senza regno e senza corona: perché mai non dovrebbe essergli lecito porre sul capo la corona scintillante ad una reginetta di bellezza? Ognuno ha le consolazioni che si sceglie, in fondo.

Milly è la vera regina dello show, potremmo chiamarla “regina madre”. Lei è un pilastro della Tv di Stato e, anche se le polemiche sulla passata edizione del suo “Ballando con le stelle” non sono mancate, la sua bravura, la sua energia, la sua classe e il suo impegno indefesso in tutto ciò che fa sono innegabili. Sono certa che, come già accaduto lo scorso anno, saprà essere un’ottima padrona di casa e un punto di riferimento per le sessanta giovani ragazze che aspirano al titolo di Miss Italia 2010.

Non so se avrò la costanza di guardare tutte le serate o se mi limiterò, come accade ogni anno, a seguire gli ultimi istanti che precedono l’elezione della vincitrice. Tuttavia, non mancherò di fare il tifo per le due ragazze friulane che saranno presenti stasera a Salsomaggiore Terme: Martina Floreani e Carol Beltram.

Martina Floreani (numero 22), miss Friuli Venezia Giulia 2010, è alta 1 metro e 73 centimetri, pesa 54 kg e le sue misure (chissà perché ancora le scrivono!) sono 91-62-78. Nata il 17 marzo 1990, abita a Faugnacco di Martignacco e frequenta il primo anno di Economia e Commercio Internazionale all’Università degli Studi di Trieste. Non è nuova ai concorsi di bellezza: due anni fa ha vinto il concorso nazionale per un volto per fotomodella ad Amalfi. Non è dato saper se sia fidanzata o single. (per leggere l’intervista rilasciata a Udine20.it clicca QUI)


Carol Beltram (numero 9) è nata a Gorizia diciotto anni fa e risiede a Capriva del Friuli. Eletta Miss Liabel F.V.G., lavora in uno studio dentistico ma aspira a diventare attrice. Da due anni è fidanzata con Marco. (per leggere l’intervista al fidanzato di Carol clicca QUI; per l’intervista rilasciata a Udine20.it clicca QUI)

Alle due friulane non resta che fare un grosso in bocca al lupo e che vinca la migliore. Ma se nessuna delle due avrà la corona di reginetta, non si disperino: a volte sono più fortunate le escluse, basta che qualcuno le noti.

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, buone e cattive, di temi originali e copiati, di studenti curiosi e indifferenti, autodidatti e eterodidatti, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: