6 febbraio 2014

INFIBULAZIONE: È ORA DI DIRE BASTA. PETIZIONE AL GOVERNO ITALIANO

Posted in bambini, donne tagged , , , , , , , a 2:20 pm di marisamoles

infibulazione-faraonica
Oggi, 6 febbraio, è la Giornata Mondiale contro l’Infibulazione e le Mutilazioni Genitali Femminili (MGF).

Più di 140 milioni di bambine e di donne sono state mutilate ai genitali. Di queste oltre 100 milioni si trovano in 28 Stati africani come Egitto, Eritrea, Mali, Sierra Leone e nel nord del Sudan, in cui il fenomeno è talmente esteso da toccare quasi la totalità della popolazione femminile (più dell’80 per cento).

Non dobbiamo pensare, però, che l’infibulazione sia una pratica sconosciuta in Italia: decine di migliaia di bambine e donne di immigrati devono subire questa violenza che non potranno mai dimenticare.
Proprio per arginare il fenomeno, il Parlamento Europeo, nel giugno 2012, ha condannato le mutilazioni genitali femminili, indicandole come “una violenza che per nessuna circostanza può essere giustificata nel rispetto delle tradizioni culturali di vario genere o di cerimonie di iniziazione”.
Purtroppo non basta e si stima che le vittime saranno 30 mila, fra bambine e adolescenti, nei prossimi dieci anni.

Già l’anno scorso Plan Italia ha lanciato una petizione e quest’anno la ripropone (QUESTO IL SITO cui accedere per firmare la petizione).
Gli obiettivi che Plan Italia si propone sono quelli di fare pressione sul governo italiano perché vengano stabilite sanzioni per chi pratica le mutilazioni genitali e sia fornita assistenza sanitaria gratuita alle bambine e alle donne che soffrono per le complicanze e sensibilizzare sul tema.

Tiziana Fattori, Direttore Nazionale di Plan Italia, ha dichiarato che qualcosa si sta muovendo: «in Guinea Bissau dove il 49,8 per cento delle bambine è vittima di mutilazioni genitali, Sawandim Sawo che per 18 anni ha praticato le mutilazioni, grazie ai nostri interventi ha preso coscienza e ha smesso di farlo perché non si rendeva conto dei gravi problemi di salute che causava».

Sull’argomento ho scritto qualche tempo fa QUESTO POST.
Invito tutti quelli che non l’avessero già fatto, a leggerlo e a FIRMARE LA PETIZIONE.

[fonte: Io Donna; immagine da questo sito]

Annunci

3 gennaio 2014

UN CAFFÈ AL SAN MARCO (A TRIESTE), NEL CENTENARIO DELLA SUA FONDAZIONE

Posted in affari miei, cultura, Friuli Venzia-Giulia, Trieste tagged , , , , , , , , a 2:52 pm di marisamoles

caffe-san-marco
La scorsa settimana, tra Natale e Capodanno, mi sono fermata qualche giorno a Trieste, la mia città natale.
Erano anni che non potevo davvero godermi la città, tutta presta dal consueto via vai tra casa dei miei genitori e quella di mio suocero (che purtroppo non c’è più). Si può dire che mio marito ed io riuscivamo solo a goderci la splendida vista delle Rive e di Piazza Unità d’Italia, dai finestrini dell’automobile.

Quest’ultimo soggiorno a Trieste, invece, è stato caratterizzato dalla riscoperta della mia città che ho trovato davvero cambiata.

Albero Natale trieste

Ho fatto un giro nel centro, facendo da Cicerone a un mio cugino e alla sua bellissima figlia, provenienti da Lugano e di passaggio da casa dei miei. Sono riuscita a vedere dal vivo uno degli alberi di Natale più belli del mondo, situato nella splendida cornice di piazza Unità. Per dire il vero, l’albero non è un granché ma gli effetti di luce che vengono costantemente proiettati sul palazzo del municipio, cambiando forma e colori, creano un’atmosfera magica e suggestiva. Ai piedi dell’albero (donato dai “cugini” austriaci), un bel presepe a grandezza quasi naturale dà mostra di sé completando il quadro natalizio con quel pizzico di sacro che si unisce al profano.

caffè san marco 2

Sabato mattina (il 28 dicembre) ho incontrato una delle mie ex compagne di liceo con cui ho ripreso i contatti in occasione della bella festa per i 150 anni del Liceo Dante. Assieme siamo andate a bere un caffè al Caffè San Marco, uno dei più antichi e prestigiosi locali triestini. Un tempo ritrovo di letterati e gente di cultura che prediligeva l’alone asburgico di cui si ammanta il locale per i ritrovi tra intellettuali, ora frequentato da gente di tutte le età e arricchito di una libreria che occupa un’ala dell’ambiente, ormai troppo grande per le modeste frequentazioni dei triestini.
Ad un tavolo ho visto l’attrice giuliana Ariella Reggio … insomma, non è come incontrare Brad Pitt ma ci si può anche accontentare.

Una curiosità: all’interno del Caffè San Marco è stato girato, in parte, il video ufficiale della canzone “Sere Nere” di Tiziano Ferro, il cantante laziale che s’innamorò del capoluogo del Friuli-Venezia Giulia grazie all’amica Elisa (Toffoli) che l’aveva portato a Trieste in occasione della registrazione di un suo video.

Proprio oggi, in occasione del centenario, il quotidiano giuliano Il Piccolo pubblica un articolo, firmato da Claudio Ernè, sul Caffè San Marco di Trieste. Ve ne riporto qualche stralcio invitandovi a leggere l’intero pezzo a questo LINK.

livio-rosignano-trieste-interno-caffe-san-marco

Marco Lovrinovich, nato a Fontane d’Orsera, aprì ai triestini il 3 gennaio 1914 il Caffè San Marco nell’allora Corsia Stadion, oggi via Cesare Battisti. Non immaginava minimamente di aver realizzato una macchina del tempo in cui a un secolo di distanza dal giorno dell’inaugurazione continuano a mischiarsi e a stratificarsi miti, culture, ideologie, iniziative commerciali, conferenzieri, scrittori, studenti e turisti frettolosi.
Ognuno pensa di trovare tra il bancone nero e i tavolini con la base di ghisa qualcosa di irrimediabilmente perduto in ogni altro angolo della città: il sapore residuo dell’Impero asburgico spazzato via dalla Grande guerra, l’eco affievolito della Trieste che fu emporiale e commerciale, il riverbero tremolante delle luci dei caffè viennesi nell’ultima stagione dell’Austria Felix. […]
Il Caffè invece è sopravvissuto: ha superato devastazioni e fiamme, cambi di gestione e di abitudini, avvicendamenti politici, crisi economiche, mutamenti di bandiere. Gli ottoni ritornano periodicamente lucidi, i tavolini mantengono le posizioni originarie, il pavimento si scurisce impercettibilmente di giorno in giorno. Giornali, libri, quaderni, giacche e cappotti si aprono e si chiudono. Come accadeva un secolo fa quando il San Marco era uno dei punti di riferimento degli irredentisti filo italiani.
Oggi al contrario il Caffè si propone al pubblico come un’isola dai connotati asburgici, anche se nemmeno un ritratto, un segno di quella dinastia, è esposto alle pareti. In effetti quasi nessuno cerca più il sapore del “marchio” irredentista che Marco Lovrinovich, proprietario di trattorie e depositi di vini, aveva voluto imprimere al suo nuovo elegante caffè, […]

[immagini: Caffè San Marco da questo sito e da Il Piccolo; albero di Natale da questo sito; dipinto di Livio Rosignano da questo sito]

20 novembre 2013

LACRIME DI BIMBE CHE NON SARANNO MAI DONNE DAVVERO. L’INFIBULAZIONE

Posted in bambini tagged , , , , , , , a 10:17 am di marisamoles

In occasione della Giornata Mondiale dei Diritti dell’Infanzia (oggi, 20 novembre) rebloggo questo vecchio post che, putroppo, non tratta un tema vecchio, anzi è attualissimo anche se non se ne sente parlare spesso. L’infibulazione è una pratica barbara che segna la vita delle bambine che mai diventeranno donne davvero. Quando finirà questo scempio che ormai, nonostante sia condannato come reato, si è diffuso anche nel mondo occidentale grazie all’immigrazione?

Marisa Moles's Weblog


La pratica dell’infibulazione è assai diffusa in Africa e rappresenta, nella “cultura” dei popoli che la praticano, una sorta di rito di iniziazione, cui vengono sottoposte le bambine o le ragazze (si va dai 3 anni ai 12 anni), e che consiste nella mutilazione dei genitali esterni. È una pratica barbara che nessuna religione al mondo potrebbe mai prescrivere ma, per ignoranza, è diffusissima: si stima che circa due milioni di bambine ogni anno siano sottoposte a questo crudele rito (130 milioni nel mondo, in ventotto paesi africani, secondo le stime ONU).

Il motivo per cui si pensa che, nonostante l’atrocità, l’infibulazione sia ancora diffusa, non solo nei paesi africani ma anche presso le popolazioni immigrate in Europa, è che viene dato ad intendere che sia la religione ad imporla. Spesso succede che venga associata alla religione islamica che non prevede assolutamente tale mutilazione. Tuttavia, poiché l’

View original post 1.046 altre parole

18 ottobre 2013

LA BUONA NOTIZIA DEL VENERDÌ: LA LIBRAIA CHE PORTA I LIBRI AI BAMBINI DEL DESERTO

Posted in bambini, cultura, La buona notizia del venerdì, libri tagged , , , , , , , a 9:27 pm di marisamoles

jamilahassounePer due venerdì ho fatto una pausa. La scorsa settimana per impegni personali e due settimane fa perché la tragedia di Lampedusa ha fatto passare in secondo piano qualsiasi buona notizia. Però, visto che avevo preparato il post, l’ho pubblicato sull’altro blog, laprofonline. Parla di un’iniziativa molto lodevole di una ex insegnante che si dedica agli immigrati insegnando loro la lingua italiana. Questo è il link, per chi non l’avesse letto.

Anche oggi mi voglio occupare di cultura, considerato anche il fatto che sembra davvero messa in un angolino.
C’è una scrittrice e libraia marocchina, Jamila Hassoune, che dal 2006 porta le sue «carovane di libri» ai bambini del deserto.

Jamila recentemente è venuta in Italia, a Cosenza, per ricevere il Premio Cultura Mediterranea promosso dalla Fondazione Carical. Un riconoscimento per la missione che svolge con tanto amore e che ha descritto nel libro La libraia di Marrakech (edizioni Mesogea).
«Hollywood vorrebbe girare un film sulla mia storia – dice la scrittrice – A me interessa soltanto che si parli del mio Paese. Un popolo che legge è un popolo libero. Più lettori, meno sudditi».

Ai bambini del deserto Jamila, assieme ai libri, porta un po’ di speranza perché, secondo lei, la cultura, l’istruzione e l’educazione sono le armi più potenti della primavera del popolo arabo.

«La parte più profonda e importante del mio lavoro è dare a questi ragazzi la libertà di esprimersi perché in Marocco non sempre abbiamo la possibilità di farlo – spiega la scrittrice – I genitori educano i figli a stare zitti e a non mettere in discussione le decisione degli adulti. Col mio lavoro, io gli regalo uno spazio per esprimersi e crescere. E se cresci, se progredisci, potrai anche decidere del tuo futuro in maniera consapevole».

Nonostante si sia fatta volentieri carico di un impegno non indifferente per trasmettere ai bambini che hanno poco o nulla il valore della cultura, la Hassoune non può fare a meno di chiedersi: «Perché non è lo Stato a portare cultura in queste zone? Il governo ha i soldi, le risorse e le competenze. Il suo dovere non è solo quello di portare l’acqua alle popolazione, ma anche i libri che sono il cibo della mente».

Nella ferma convinzione che i libri possano cambiare il mondo, perché l’hanno fatto secoli fa, Jamila continua a viaggiare nel deserto affinché i bambini possano cambiare la propria vita, com’è successo a lei durante la sua infanzia e adolescenza: «Vengo da una famiglia tradizionale, non ho avuto la possibilità di andare al cinema, andare a ballare, andavo a scuola e basta. E lì c’erano i libri: attraverso quelle pagine ho potuto viaggiare, conoscere il mondo, aprire la mia mente ed essere tollerante verso gli altri popoli. E spero che ora questa magia possa accadere nuovamente con i miei ragazzi del deserto».

[fonte: Il Corriere; immagine della Hassoune dal suo blog]

ALTRE BUONE NOTIZIE

I profughi salvano Riace dal declino di laurin42

Lascia lavoro ben retribuito per fare volontariato di 5 minuti per l’ambiente

LE MIE ALTRE BUONE NOTIZIE

16 ottobre 2013

IL “VALORE” DI FABIO FAZIO E IL “COSTO” DELL’ISTRUZIONE

Posted in attualità, cultura, Festival di Sanremo, politica, Renato Brunetta, scuola, società, televisione tagged , , , , , , , , a 3:32 pm di marisamoles

Fabio FazioA volte prima di parlare cerco di mordermi la lingua. Un po’ perché per certi versi mi sembra fiato sprecato e un po’ perché temo sempre di essere fraintesa. Anche quando scrivo, ci penso bene prima di battere sui tasti del pc; è ovvio che non mi mordo la lingua, diciamo che in tutti i modi cerco un diversivo che mi allontani dall’idea di scrivere qualcosa.

Mi sono trattenuta quando ho sentito, con grande soddisfazione, che per una volta i nostri politici, al di là dello schieramento, sono d’accordo su qualcosa. E’ successo, ad esempio, per Renato Brunetta (Pdl) e Beppe Grillo (M5S) riguardo allo stratosferico compenso che Fabio Fazio, conduttore televisivo, percepirà nei prossimi tre anni: quasi 2 milioni di euro l’anno.

Brunetta si lamentava, due giorni fa, del fatto che non solo la cifra è esorbitante, ma che il contratto di Fazio non era affatto scaduto (la naturale scadenza, infatti, era giugno 2014) e che il presentatore avrebbe preteso un rinnovo prima della sua partecipazione al Festival di Sanremo 2014, ovviamente per alzare il tiro.

Sorvolo su altri fatti che riguardano questo argomento e mi fermo solo un attimo a riflettere sui contratti dei lavoratori.
Fazio, lavorando per la Rai, è come fosse un dipendente statale. E’ vero o no?
Allora mi chiedo: perché il contratto dei lavoratori della scuola è scaduto da quattro anni, gli scatti sono bloccati e nella migliore delle ipotesi tutto si sbloccherà nel 2015, se non addirittura due anni dopo? Anche noi lavoriamo per lo Stato e certamente ci accontentiamo di compensi di gran lunga più modesti delle richieste del conduttore.
Ah già, dimenticavo: fra un’ora e l’altra non abbiamo gli spot pubblicitari.

Oggi leggo sul Corriere che l’azienda difende Fazio. A tal proposito osserva il direttore generale della Rai Luigi Gubitosi: «Ci sono professionalità, come quella di Fazio ma anche altre, che sono un grande valore per la Rai e per i telespettatori. Fazio peraltro non è un costo per l’azienda, ma una fonte di profitto e garantisce un’informazione trasparente, seria e di altissima qualità».

Non avevo capito: la cultura è costituita dalle canzonette sanremesi e dalle chiacchierate in uno studio televisivo mentre noi a scuola non produciamo nulla, non costituiamo un profitto per ‘”azienda Italia”, ma solo un costo.
E la nostra professionalità? Ah, quella vale zero.
A sentir molti, noi insegnanti costituiamo solo un un costo troppo alto per lo Stato. Il ministero dell’Istruzione non può essere uno stipendificio, che diamine!

L’indignazione di fronte alle dichiarazione di Gubitosi è unanime.
La mia è solo uno sfogo, non ha alcun “valore” e non costa nulla alla società. Intendiamoci.

[immagine da questo sito]

9 agosto 2013

LA BUONA NOTIZIA DEL VENERDÌ: RITROVATA IN FRIULI LA PRIMA PELLICOLA DI ORSON WELLES

Posted in cultura, film, Friuli Venzia-Giulia, La buona notizia del venerdì tagged , , , , , , , , a 5:22 pm di marisamoles

orson wellesAnche quest’oggi voglio occuparmi di cultura e questa mi pare proprio una buona notizia: in una vecchia cassa abbandonata in un magazzino è stata ritrovata la pellicola del primo film interpretato da Orson Welles nel lontano 1938.

Il film in questione, Too Much Johnson, girato da Orson Welles quando aveva 23 anni ed era già un famoso regista teatrale e autore radiofonico, era diviso in tre parti che dovevano fungere da preludio ai tre atti della commedia omonima scritta da William Gillette, Ma la commedia andò in scena senza la parte cinematografica perché il progetto di Welles fu bocciato.

Il film doveva essere muto e ispirato alle comiche di Mack Sennett e Harold Lloyd e aveva tra gli interpreti Joseph Cotten e Virginia Nicholson, all’epoca moglie di Welles.
La delusione dell’attore fu tanta che, a quanto dicono, quando la sua casa spagnola andò a fuoco nel 1971, non si dimostrò dispiaciuto che nell’incendio fosse stata distrutta anche la pellicola di Too Much Johnson.
Invece le otto bobine del film sono miracolosamente arrivate a Pordenone e ritrovate dopo trenta-quarant’anni dal loro ingresso in Italia.

Il ritrovamento del film è stato del tutto fortuito. Come sia arrivato a Pordenone è un mistero, anche se è famoso il suo festival del cinema muto. Fatto sta che un impiegato di una ditta di traslochi ha notato che da una vecchia cassa, contenente materiale cinematografico, abbandonata in un magazzino si sprigionavano sgradevoli odori. Viene, quindi, interpellato il responsabile del club Cinemazero che immediatamente intuisce che l’odore è dovuto ad un processo chimico degenerativo irreversibile che distrugge il supporto delle pellicole in triacetato di cellulosa.
Fra il numeroso materiale ormai distrutto, ecco che miracolosamente compaiono le otto pellicole del film chiuse nelle loro scatolette di metallo. Intatte.

Dopo la conferma di Cito Giorgini, un grande esperto wellesiano, che si tratta proprio dell’inedito Too Much Johnson, la copia del film, affidata alla Camera Ottica di Gorizia prima e alla cineteca del Friuli poi, è stata restaurata dalla George Eastman House con il contributo della National Film Preservation Foundation.

La notizia ha avuto un risalto mondiale tanto che il New York Times ha preteso l’esclusiva. Solo in seguito è stata diffusa in Italia.
La pellicola restaurata verrà proiettata a Pordenone il 9 ottobre prossimo all’interno delle Giornate del Muto.

LE ALTRE BUONE NOTIZIE

In Uruguay il presidente ” Pepe “ di laurin42

Novità sulla chimica dell’amore di unpodichimica

Donare i nostri libri all’isola di Lampedusa di Occhi di Terra e di Cielo

LE MIE ALTRE BUONE NOTIZIE

3 settembre 2012

STORIA DEL GHETTO DI VENEZIA

Posted in arte, cultura, religione, storia tagged , , , , , , , , , a 12:08 pm di marisamoles

Avrei voluto pubblicare questo post ieri, 2 settembre, in concomitanza con la ricorrenza della Giornata europea della cultura ebraica, ma non ho fatto in tempo. Credo, comunque, che conoscere la storia del ghetto di Venezia, il più antico d’Europa, sia d’interesse per tutti e che non ci sia bisogno di una giornata in particolare per ricordare il popolo ebraico e le sue vicissitudini, oltre che la sua cultura.
Un piccolo contributo che spero sia gradito e un invito a visitare, se possibile, questo luogo che ha un fascino particolare anche se non rientra tra i più battuti itinerari turistici.


Li Giudei debbano tutti abitar unidi in la Corte de Case, che sono in Ghetto apresso San Girolamo, ed acciocchè non vadino tutta la notte attorno: Sia preso che dalla banda del Ghetto Vecchio dov’è un Ponteselo piccolo, e similmente all’altra banda del Ponte siano fatte due Porte, qual Porte se debbino aprir la Mattina alla Marangona (campana di San Marco che scandiva il lavoro all’Arsenale);, e la Sera siano serrate a ore 24 per quattro Custodi Cristiani a ciò deputati e pagati da loro Giudei a quel prezzo che parerà conveniente al Collegio Nostro

Con queste parole il Senato della Serenissima ordinò, il 29 marzo 1516, l’istituzione del ghetto dove il popolo ebraico residente a Venezia rimase segregato per quasi tre secoli, fino all’arrivo di Napoleone che l’abolì nel 1797.

Passando attraverso uno dei sottoportici caratteristici della città lagunare si possono notare ancora oggi nel marmo i buchi in cui venivano infilate le sbarre dei cancelli che di notte chiudevano il ghetto lasciando i suoi abitanti isolati dal resto della città. Solo ai medici era permesso di uscire, in quanto i medici ebrei non erano condizionati dalla religione cattolica ed erano consultati di preferenza per la loro preparazione considerata all’avanguardia.

Prima del confino degli ebrei nel ghetto, una piccola comunità di circa 1300 individui era presente in città fin dal XII secolo e documentata nel 1152. Dal XIII secolo ebbero residenza stabile presso l’Isola di Spinalonga, che da allora, avendo molti abitanti Giudei, cambiò il proprio nome in Giudecca.
Con il passare del tempo agli Ebrei fu vietata la residenza in città e furono costretti a stabilirsi nelle vicinanze, specie a Mestre, mantenendo tuttavia il diritto di commerciare all’interno della città lagunare.


Nel 1516, come si è detto, il governo della Serenissima decretò l’obbligo di risiedere all’interno del ghetto, senza poterne uscire la notte. Nacque così il Ghetto Vecchio che, con l’aumento della popolazione, divenne ben presto insufficiente per contenere tutti gli abitanti. Nel 1541 si decise, quindi, di ampliare la zona dando origine al Ghetto Nuovo, cui seguirà un ulteriore ampliamento nel 1663, con la nascita del Ghetto Nuovissimo.

Il Ghetto Nuovo (o Novo), che si trova sull’isolotto di Cannaregio, sorse nel luogo in cui si trovava una fonderia di cannoni. Pare che il nome derivi appunto dal verbo getàr, cioè “fondere”. Ma questa non è l’unica etimologia: la parola potrebbe derivare dal tedesco gitter (inferriata), dall’ebraico get (divorzio) o ancora dal tedesco gasse (vicolo). Fatto sta che da allora la parola ghetto ha assunto il significato che tutti conoscono e ha dato origine al verbo ghettizzare che significa escludere, emarginare.

Gli Ebrei di Venezia dovevano provvedere a loro spese alla sorveglianza sostenendo il costo delle barche che di notte facevano la ronda attorno all’isolotto. Cosa questa che non gravava particolarmente sulla comunità perché, grazie all’abilità degli abitanti in ambito mercantile, il ghetto godeva di una florida economia. Al commercio si affiancava il prestito su pegno. La comunità stessa si ingrossava sempre più: dapprima con l’arrivo dei todeschi, poi del levantini, provenienti da Istanbul, che divennero davvero indispensabili alla sopravvivenza dei commerci di Venezia. Sa ultimi arrivarono i ponentini e i tre gruppi, denominati nazioni, si riunirono nella Università all’interno del ghetto.


Dal punto di vista culturale fin dal XVI secolo il ghetto di Venezia conobbe una vivacità rara. Da parte dei vari gruppi etnici vennero fatte costruire le sinagoghe, o “Schole”. Sorsero così le Schole ashkenazite Tedesca e Canton, la Schola Italiana, le Schole sefardite Levantina e Spagnola. Nonostante alcuni interventi successivi, le sinagoghe sono rimaste intatte nel tempo, testimoniando il valore del ghetto di Venezia.
Delle nove sinagoghe costruite a partire dal 1719 solo cinque sono rimaste in piedi. La più grande è quella Levantina, edificio di gran pregio architettonico.
L’aumento demografico è, inoltre, testimoniato dalle altissime case, cosa rara a quei tempi, divise in piani più bassi della norma. Quando ci si avvicina al sestriere di Cannaregio saltano all’occhio quasi fossero delle torri che si stagliano verso il cielo.

Nonostante lo sviluppo economico e demografico, con l’andar del tempo, a causa dell’ingerenza del governo della Serenissima, che imponeva che l’attività di prestito fosse un’esclusiva degli ebrei perché maggiormente controllabili, si diffuse malumore fra gli abitanti del ghetto che non ottenevano dal prestito i guadagni sperati e mal digerivano quella sorta di schiavitù in cui caddero. Questo fatto, assieme a una diffusa crisi economica, fece temere una fuga di massa, verso gli inizi del Settecento. Ma naturalmente il senato giocò d’anticipo: decretò che l’autorizzazione a lasciare il ghetto fosse concessa solo a coloro che fossero in regola con il pagamento delle tasse e della quota di debiti contratti fissata dai capi dell’Università.

Dalla situazione di crisi e di diffuso disagio gli ebrei veneziani furono salvati dalle truppe napoleoniche che aprirono definitivamente le porte il 7 luglio 1797. Da quel momento gli ebrei iniziarono ad integrarsi con i veneziani e a inserirsi nel tessuto cittadino.


[fonti: alcune informazioni sono state tratte dal mensile Meridiani. n° 75; tra i siti consultati, museoebraico.it, innvenice.com; immagini: panoramica da questo sito, piazza con monumento Olocausto da questo sito, ingresso sinagoga da questo sito, interno sinagoga da questo sito]

7 febbraio 2012

BUON COMPLEANNO, MR DICKENS

Posted in auguri, cultura, libri tagged , , , , , , , , a 9:20 pm di marisamoles

Ce lo ricorda anche Google con il suo logo speciale: duecento anni fa nasceva a Portmouth, in Inghilterra, lo scrittore Charles Dickens.
Iniziò a dedicarsi alla scrittura a ventisei anni, dopo aver fatto svariati lavori e tentato inutilmente la scalata sociale unendosi ad una donna ricca più vecchia di lui, figlia di un banchiere, che però lo rifiutò.

Ritenuto in un primo tempo uno scrittore dozzinale, alla stregua degli autori di feuilleton, pubblicò romanzi di successo su cui spicca indubbiamente David Copperfield, uno dei classici della letteratura inglese, anzi mondiale.

Ricordo ancora la lettura forzata fatta del romanzo all’università, per l’esame di Soria della letteratura Inglese. Poi, qualche anno più tardi, la gioia di aver riscoperto un libro non troppo apprezzato in gioventù.

Per celebrare il compleanno di questo grande scrittore, riporto un aforisma che domostra la sua ironia, velata di quella giusta dose di amarezza che caratterizzò in parte la sua vita:

Servono venti anni a una donna per fare del proprio figlio un uomo, e venti minuti a un’altra donna per farne un idiota.

5 agosto 2011

FESTEGGIATI IN ANTICIPO I 50 ANNI DEL FILM “COLAZIONE DA TIFFANY”

Posted in attualità, cultura, moda, spettacolo, vip tagged , , , , , , , , a 7:47 pm di marisamoles


Lei è Audrey Hepburn, l’attrice anglo-olandese scomparsa nel 1993. Parlare del film Colazione da Tiffany significa parlare di lei, diventata icona di stile e di eleganza proprio grazie al ruolo interpretato nel 1961 in questo film indimenticabile. Nonostante fosse già notissima, grazie a Vacanze romane che nel 1953 le fece vincere l’Oscar, e nonostante avesse già vestito i panni della splendida Sabrina nel 1953, fu proprio la sua interpretazione in Colazione da Tiffany a regalarle il successo che poi la consacrò musa del cinema.

Il compleanno della celebre pellicola è stato festeggiato in anticipo (la data esatta è il 5 ottobre) con l’uscita, il 29 luglio, della copia restaurata dall’Academy of Motion Picture Arts and Sciences e presentata al Samuel Goldwyn Theater di Beverly Hills a Los Angeles.

Audrey Hupburn ha affascinato uomini e donne di almeno tre generazioni e quel che stupisce particolarmente è il successo che ha oggi anche tra le adolescenti. Già da qualche anno è, infatti, scoppiata la moda Hupburn: quadri, lampade, borsette … oggetti vari che portano la sua effige, vanno di moda e hanno fatto leva sulle giovanissime che probabilmente non conoscono i suoi film o li hanno visti solo dopo il boom dell’Audrey-style.

Il film, tratto dall’omonimo romanzo di Truman Capote, ha come protagonista Holly Golightly, ingenua giovane donna che ha un solo obiettivo: sposare un uomo ricco che le possa regalare i meravigliosi e costosissimi gioielli venduti da Tiffany, rinomata gioielleria newyorkese. Nell’attesa del giusto “pollo”, la ragazza sbarca il lunario facendo la prostituta d’alto bordo e chiama le sue prestazioni “fare la toeletta”. Poi, però, incontra Paul, giovane e squattrinato scrittore in cerca di ispirazione, e tutto verrà messo in discussione.

La Hupburn, di carattere piuttosto riservato, avrebbe preferito recitare un altro ruolo in quanto il personaggio di Holly aveva le sue stesse caratteristiche. D’altra parte, anche Capote avrebbe preferito che il ruolo fosse assegnato a Marilyn Monroe e non accolse favorevolmente la scelta della Paramount che fu, comunque, vincente per il successo che il film ebbe in tutto il mondo. Alla fine, il ruolo più difficile della sua vita, come lo definì lei stessa, purtroppo non le valse un secondo Oscar. L’ambita statuetta fu, invece, conquistata da Henry Mancini per la Miglior colonna sonora e dallo stesso Henry Mancini con Johnny Mercerper per la Miglior canzone (Moon River, cantata dalla stessa Hupburn).

Audrey, che in seconde nozze nel 1969 sposò un medico italiano, Andrea Dotti, da cui nel ’70 ebbe Luca, ottenne anche un riconoscimento italiano con l’assegnazione del David di Donatello come miglior attrice straniera (1962).

Credo che nessuno dimenticherà mai la scena finale di Colazione da Tiffany: la disperata ricerca di un gatto, il suo ritrovamento e un bacio appassionato al giovane Paul, il tutto sotto la pioggia battente e accompagnato dalle altrettanto indimenticabili note di Moon River. Una fine lieta che Capote non avrebbe voluto e che, infatti, nel romanzo non c’è. Un finale che dopo 50 anni continua ad emozionare e a far sognare le inguaribili romantiche e forse anche qualche uomo che vorrebbe incontrare (e baciare) una splendida creatura come Audrey Hupburn.

[fonti: Wikipedia, VanityFair.it e trovacinema.repubblica.it ; nell’IMMAGINE (di MIA proprietà): particolare di un paravento che si trova nell’Hotel La Villa Resort, Pieve a Nievole (PT)]

2 gennaio 2011

SCUOLA 2011: “BASTA CON LA CULTURA DEL LAMENTO” by LUISA RIBOLZI

Posted in adolescenti, bambini, cultura, famiglia, Mariastella Gelmini, scuola tagged , , , , , , , a 6:48 pm di marisamoles


Pubblico un articolo apparso il 31 dicembre su Il Sussidiario.net, a cura di Luisa Ribolzi, docente di Sociologia dell’educazione presso la Facoltà di Scienze della formazione dell’università di Genova e, tra le altre cose, membro del Consiglio Direttivo dell’OCSE CERI in rappresentanza dell’Italia.

È un’analisi attenta e lucida del complesso mondo della scuola, elaborata prendendo in considerazione tutti i punti di vista: quello dei docenti, degli studenti, delle famiglie, dei dirigenti e del ministero della Pubblica Istruzione. Concordo con la professoressa sul fatto che sia inutile piangere e lamentarsi, tuttavia dissento nel momento in cui la Ribolzi ritiene che tutti possano fare molto per migliorare la scuola, anche senza soldi. Sia che si parli degli stipendi assai miseri dei docenti, sia che si parli dei miserevoli fondi di cui la scuola italiana può disporre. Io non credo che si possa raggiungere la qualità senza investire del denaro. La scuola italiana è campata a lungo senza risorse e i risultati sono davanti agli occhi di tutti. Se si vuole migliorare la situazione, è completamente errato pensare che i soldi, il vile denaro, non siano indispensabile solo perché ci sono stati, in passato, e sempre ci saranno dei bravi e volenterosi insegnanti che non badano allo stipendio e si impegnano molto più di altri, specie nella pubblica amministrazione, che percepiscono stipendi assai più dignitosi.

Stesso discorso vale per i fondi: una scuola senza risorse non può offrire un “prodotto” di qualità ai suoi “utenti” (è con estrema riluttanza che uso dei termini tanto estranei al mondo dell’istruzione ma, tuttavia, così utilizzati nel tentativo di far apparire la scuola come un’azienda), senza richiedere agli stessi un contributo in denaro e agli operatori dei grossi sacrifici.

Per il resto, sono d’accordo con la professoressa Ribolzi, anche se temo che senza delle adeguate risorse, i suoi siano destinati a rimanere solo sogni.

Ogni anno faccio per il sussidiario l’esercizio di formulare dei buoni propositi. Esso mi consente di prendere le distanze dalle urgenze contingenti e di indirizzare uno sguardo meno miope ai mesi che verranno. E allora, via, lasciamoci trascinare dall’ottimismo della volontà (del buon funzionamento del pessimismo della ragione ne abbiamo avuto fin troppe prove) e proviamo a sognare.

I have a dream…”
che gli insegnanti la smettano con la cultura del lamento, e recuperino loro per primi il prestigio che pensano di avere perduto, che non dipende (solo) dallo stipendio, ma dalla capacità di riappropriarsi della loro professionalità, rinunciando alla difesa dello scambio tra sicurezza del posto e mediocrità delle prestazioni. Quelli, non pochi, che già lo fanno, abbiano il coraggio di rivendicare il loro diritto ad essere valutati;

che le famiglie la smettano con la cultura del lamento e la difesa ad oltranza dei loro rampolli, e incomincino a partecipare in modo costruttivo alla crescita di quelle “comunità di pratica” che dovrebbero essere le scuole, in cui la collaborazione fra insegnanti e famiglie porta risultati positivi anche agli apprendimenti dei ragazzi, oltre che alla loro crescita umana e civile;

che gli studenti la smettano con la cultura del lamento, e capiscano che andare a scuola è un lavoro, serio come qualsiasi altro lavoro, e le cui conseguenze durano per tutta la vita, ma che può essere appassionante se si vive come un momento di costruzione della propria identità;

che i dirigenti la smettano con la cultura del lamento e si chiedano seriamente che cosa possono fare per trasformare le loro scuole e le reti di scuole in soggetti sociali attivi, in centri di costruzione della cultura e della partecipazione per tutta la comunità;

che i giornalisti che si occupano di scuola la smettano con la cultura del lamento, e cerchino – oltre a denunciare giustamente limiti ed errori – di valorizzare il tanto di buono che esiste, e soprattutto si documentino su quello che affermano. I dati riferiti alla scuola parrebbero appartenere in massa a quelli che un amico pubblicitario chiamava DFI (dati falsi inventati) per distinguerli da quelli che erano solo DI (dati inventati)…

che il ministero dell’Istruzione la smetta con la cultura del lamento e realizzi, anche se con dispiacere, che l’autonomia è legge dal 1997, la riforma del titolo V della Costituzione risale all’ottobre del 2001, e quindi il tentativo di scuole e reti di scuole, e di qualche Regione, di operare con una qualche indipendenza dal centro non va considerato come la ribellione delle tribù barbare al Sacro Romano Impero, ma come l’esercizio di un legittimo diritto;

che la cultura del lamento e del “non ci sono abbastanza soldi”, specialità in cui l’Italia potrebbe vincere tutti i titoli disponibili (cinque come l’Inter: Nobel, Oscar, Olimpiadi estive e invernali e campionati del mondo), venga messa in disparte in favore di un approccio più costruttivo in cui, posto che ebbene sì, ci sono meno soldi, si cerchi di trovarne degli altri e perlomeno quelli che ci sono vengano spesi bene.

Ma soprattutto…
Sogno che gli esponenti dei diversi partiti, con inconsueta ma non ammirevole unanimità, la smettano di lustrarsi la bocca con la centralità dell’educazione e di accapigliarsi sugli emendamenti per dimostrare che esistono, e facciano, o almeno tentino di fare, un progetto di lungo periodo basato sull’idea che la formazione è un bene comune, su cui si gioca il futuro delle persone e della nazione (alla faccia della retorica!) e su cui vale la pena di investire in risorse umane, finanziarie e soprattutto in politiche educative rigorose che sappiano individuare i principali problemi, stabilire delle priorità e controllare gli esiti.
Buon anno.

Pagina precedente · Pagina successiva

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, buone e cattive, di temi originali e copiati, di studenti curiosi e indifferenti, autodidatti e eterodidatti, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: