1 settembre 2013

PRIMI VAGITI ON LINE

Posted in bambini, donne, figli, vip, web tagged , , , , , , , , , , a 2:56 pm di marisamoles

nascitaLa gioia dei neogenitori alla vista del loro bambino è indescrivibile. La voglia di comunicare il lieto evento a parenti e amici, per condividere questa gioa, c’è sempre stata anche se i mezzi di comunicazione nel corso della storia sono cambiati.

Mi immagino, ad esempio, un parto avvenuto nel vecchio West, in una delle tante fattorie sperdute con il nulla attorno. Immagino qualcuno – di certo né la puerpera né il papà – prendere il cavallo e sfidare pure le intemperie per portare la notizia alle persone care, almeno quelle raggiungibili.

Il servizio postale, poi, semplificò le cose e il telegrafo dovette sembrare una sorta di miracolo. E pensare che fino a poco tempo prima c’era chi mandava messaggi con i segnali di fumo.

E poi arrivò lui, il telefono. Certo, finché esisteva solo quello fisso bisognava andare nella cabina telefonica più vicina, se proprio la voglia di dare tempestivamente la notizia era incontenibile e il percorso per arrivare a casa troppo lungo.
La telefonia mobile ha certamente segnato un svolta nelle comunicazioni post partum: la telefonata o il messaggino arrivavano in tempo reale, magari non dalla sala parto perché suppongo che lì l’uso del cellulare sia vietato. In più, con i telefonini si può inviare anche la foto del/della fortunato/a bimbo/a. L’unico neo: i costi, non proprio bassi all’inizio, che scoraggiavano i neogenitori, con il pensiero fisso sui prezzi di pannolini e abbigliamento da neonato, a farne largo uso. Giusto il minimo indispensabile.

Ma con Internet, cari miei, tutto è cambiato. Ora, attraverso i social network la foto del bebè è postata in tempi brevissimi e condivisa da decine, centinaia o migliaia di “amici”.

E sapete entro quanto tempo dal parto, in media, tutto ciò accade? Entro 57,9 minuti. (LINK)

E nei mesi e anni seguenti, tutti pronti a sciropparsi le foto della prima poppata, del primo bagnetto, del primo sorriso, della prima pappetta, del primo dentino, dei primi passi, della prima caduta con relativo ginocchio sbucciato, della prima cacca nel vasino … e così via. Sai che felicità!

E non parliamo delle mamme. Se la fortunata in questione si chiama Belen Rodriguez e a cinque giorni dal parto sfoggia una pancia ultrapiatta, potrebbe causare guai seri alle comuni mortali. Quelle che a cinque giorni dal parto sembrano tenere ancora in pancia il gemello del primo nato che non si decide ad uscire. Altro che felicità! Potrebbe essere l’inizio della depressione post partum.

[immagine da wikipedia]

Annunci

15 luglio 2011

COMUNICAZIONI IN FAMIGLIA … VIA CELLULARE

Posted in affari miei, famiglia, figli tagged , , , a 4:35 pm di marisamoles

Noi mamme dobbiamo ammetterlo: l’invenzione del telefonino ci ha semplificato la vita o almeno ce l’ha resa più serena. Non dico che in prima elementare i figli debbano essere muniti di cellulare. I miei l’hanno avuto uno in terza media e l’altro in prima, semplicemente perché il mio secondogenito si è sempre rifiutato di riconoscere che tra lui e il fratello ci sono quasi due anni di differenza: si è sempre considerato un suo gemello. Su quest’ultimo particolare eviterei qualsiasi commento.

Insomma, ovunque siano, possiamo comunicare con i nostri pargoli, più o meno cresciuti. Sempre che rispondano … anche su questo particolare eviterei qualsiasi commento.
Il fatto è che una volta si diceva che i figli stavano attaccati alla gonna della madre, ora si dice, invece, che stanno attaccati al cellulare. Vivono in simbiosi con quei 100 grammi (è troppo? è troppo poco? Boh, mai controllato il peso dei telefonini …) di metallo. Sembra che il telefonino possa dare qualsiasi riposta, qualsiasi informazione.

Prendiamo oggi, per esempio. Mio marito fuori a pranzo, il pranzo pronto nel frigorifero (con 32 gradi in casa evito accuratamente di mettermi ai fornelli! meglio qualcosa di fresco …), il primogenito già rientrato, io al pc nello studio (il mio angulus su cui prima o poi dovrò scrivere un post), in attesa del rientro del mio piccolo (21 anni, 1 metro e 95 di altezza ma per me sempre piccolo è). Lo sento arrivare, percepisco i suoi passi diretti verso la cucina (la tavola non è ancora apparecchiata, particolare indispensabile per comprendere il resto), poi lo sento parlare. ‘Parla da solo?’, mi chiedo preoccupata. Sento che dice “Ohi, non c’è nessuno qui. Tu dove sei?”. Quasi simultanemente sento mio figlio grande, che è in camera sua, ovvero a pochi metri da me, che dice: “Qui, dove? Tu dove sei?” (mai una volta che rispondesse senza formulare, a sua volta, una domanda!). Rimango basita e prima ancora di riuscire a dire: “Siete due deficienti!”, sento il piccolo che fa: “A casa, ma non c’è nessuno. E la mamma?”. Allora urlo: “Sono in studio! E state parlando, come due deficienti [non potevo fare a meno di dirlo!], al telefonino a pochi passi l’uno dall’altro”.

In casa cala il silenzio per qualche frazione di secondo. Poi il piccolo, dirigendosi verso la camera che condivide con il fratello, grida: “Ma sei un co***one! Perché hai risposto che mi va giù la ricarica?”. E l’altro: “Ecchennessò che stai qua e che sei così co***one da telefonarmi invece di cercarmi per casa!”. (i miei figli si insultano spesso ma vi posso garantire che si amano molto e che io, quando li sento, mi arrabbio moltissimo)

Poi, naturalmente, le ho sentite anch’io: “E perché non mi hai detto ‘ciao, sono qui’ appena mi hai sentito entrare?”. Ed io: “E tu perché, invece di attaccarti al cellulare, non hai provato a chiedere: ‘C’è qualcuno in casa?'”. Nessuna risposta.

Ma, scusate, cosa avreste fatto voi? A parte il fatto che se apro la porta blindata e vedo che non è chiusa con le solite quattro mandate capisco che qualcuno in casa deve esserci (anche se spesso loro si dimenticano di chiuderla quando escono), ma mi viene naturale chiedere: “C’è qualcuno?“. Ai giovani d’oggi evidentemente non viene naturale. Il mondo cambia, è vero, anche le comunicazioni in famiglia cambiano ma, ahimè, non sempre in meglio.

ANNA SCRIGNI

Storie di Viaggi e di Città

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, buone e cattive, di temi originali e copiati, di studenti curiosi e indifferenti, autodidatti e eterodidatti, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: