14 febbraio 2016

SANREMO, IRENE E I FIGLI DI

Posted in attualità, canzoni, Festival di Sanremo, figli, Maria De Filippi, spettacolo, talenti, televisione, Valerio Scanu tagged , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , a 11:09 am di marisamoles

Irene

Calato, finalmente, il sipario sul 66° Festival della Canzone Italiana, cerchiamo di voltare pagina ma non ci riusciamo. Sanremo ci perseguiterà ancora per tutta la domenica, almeno, dato che i vari contenitori del pomeriggio di Mamma Rai saranno trasmessi dall’Ariston, e per le settimane a venire.

Questo è stato il festival dei troppo, secondo me: troppe puntate, troppo lunghe, troppe canzoni, troppi ospiti, troppi valletti (la sola Virginia Raffaele, con la sua poliedricità, poteva bastare), troppi vestiti…
Un merito a questo festival comunque non possiamo negarlo: l’aver distolto l’attenzione del pubblico dai fannulloni comunali, timbratori di cartellini a tradimento.

Ma non è di questo che voglio parlare. La mia vuole essere una riflessione sui figli di. Partendo da Irene Fornaciari, figlia di quel mostro sacro della canzone italiana che di nome fa Adelmo ma che tutti conoscono come Zucchero.
Ebbene, la bella e brava Irene, figlia di cotanto padre, è stata relegata all’ultimo posto della classifica dei big (ammesso che lei lo sia davvero e non solo grazie all’eredità paterna… le colpe dei padri, ma anche le virtù, ricadranno sui figli). Qualcuno ieri ha detto che non dobbiamo dimenticare che la kermesse sanremese è all’insegna delle canzoni e non dei cantanti. Eppure il pezzo di Irene era molto bello, buona la musicalità e interessante il testo, se non altro attuale. Forse considerato troppo studiato per attirare l’attenzione del pubblico. Sempre che questo possa essere considerato un difetto, dal momento che chi partecipa al Festival non dimentica che il pubblico vuole la sua parte.

Io penso che Irene abbia, in qualche modo, scontato la colpa di essere figlia di. Nella serata di ieri, l’ultima, è stata ripescata e riammessa alla gara. Subito sui social si sono scatenati i maligni che hanno insinuato che papà Zucchero si sia comprato interi call center… Semplice insinuazione, verità, non so. Ma credo che la canzone della Fornaciari, non solo la sua voce, meritasse una posizione più alta in classifica.
Anche il suo illustre papà non ebbe miglior fortuna nel lontano 1985 quando con “Donne” guadagnò il 20° posto, battuto nella sfiga da un certo Garbo di cui non conserviamo memoria. Speriamo che Irene segua le sue orme.

Miglior sorte è toccata agli altri figli di: quelli dei talent.
Ormai dobbiamo farcene una ragione: le voci più belle, i talenti più autentici arrivano da lì. Il mondo musicale è così complicato e difficile da raggiungere, considerando anche la crisi profonda della discografia italiana, che la vetrina dei talent offre una delle poche chance di farsi conoscere. Si chiamino essi “Amici” di Maria, “X Factor”, “The voice” o “Ti lascio una canzone” che ha consegnato su un piatto d’argento la vittoria ai ragazzi del Volo lo scorso anno.

annalisa

Partendo dal fondo della classifica di quest’ultima edizione di Sanremo, maggior fortuna avrebbero meritato Alessio Bernabei (14°) e Annalisa (che di cognome fa Scarrone ma è meglio dimenticarselo), data per probabile vincitrice e relegata all’11° posto. Entrambi usciti dal talent di Canale 5, figli di Maria che da decenni si rivela mamma affettuosa di corteggiatori e cantanti.

Annalisa è ormai una cantante affermata e penso non sentirà in futuro il “disonore” di un così modesto piazzamento.
Che dire invece di Alessio Bernabei? Lui, oltre ad essere figlio di Maria, è anche il figliol prodigo uscito dalla band dei Dear Jack che l’aveva consacrato nel mondo musicale degli ultimi anni. Che sia prodigo non so; in fondo non è noto di quale patrimonio si sia appropriato, in diritti SIAE, lasciando il gruppo né se in futuro, dopo aver sperperato il gruzzoletto, tenterà di essere riammesso nella vecchia famiglia musicale. Per ora chiamiamolo ingrato e anche un po’ presuntuoso: la sua “defezione”, per il momento, non ha giovato né a lui né ai vecchi compagni, nemmeno ammessi alla finale.

E che dire di Valerio Scanu? Il piazzamento al 13° posto è la vera sorpresa di Sanremo 2016. Già vincitore nel 2010, dopo aver tentato di rimettersi in gioco partecipando all’ “Isola dei famosi” e al talent condotto da Carlo Conti “Tale e quale show”, e dopo essersi autoprodotto un album sperando di riconquistare un posto di riguardo nel panorama musicale degli ultimi anni, nonostante il seguito dei fan che mai l’hanno abbandonato, a partire dalle famose zie, non si è classificato fra i primi.
Anche se il ragazzo mi sta cordialmente antipatico, come non ho mancato di dichiarare in un post di qualche anno fa, la sua canzone è l’unica che, svegliandomi stamattina, mi è tornata in mente. In fondo è ciò che chiediamo ai pezzi presentati al festival.

Veniamo ora ai figli di “X Factor”. Bistrattata Noemi, che pure ha presentato una canzone non banale, nel testo, con una buona musicalità e una splendida voce, arrivata solo ottava. Miglior fortuna è toccata a Lorenzo Fragola (5°), vincitore dell’edizione del talent nel 2013, anche se a me non è piaciuto particolarmente.

Il posto d’onore è, invece, toccato a Francesca Michielin, giovanissima e bellissima, spontanea e innocente. Mi ha ricordato la giovane Elisa quando ha vinto il festival con la sua “Luce” nel 2001. Lei, secondo me, è la vera vincitrice di Sanremo 2016 e credo che il suo riscatto avverrà attraverso le vendite del pezzo, bellissimo e cantato con una voce davvero splendida.

Il terzo posto sul podio è toccato al giovane Giovanni Caccamo, già vincitore della sezione Giovani lo scorso anno (e ciò, a mio parere, rimane troppo poco per considerarlo un big), affiancato da un’altra figlia di Maria, Deborah Iurato, vincitrice del talent “Amici” nel 2014. Bella voce, scarsa presenza. Ma se è vero che la canzone e non chi la esegue ha il predominio, anche questa a me è sembrata alquanto modesta.

stadio.JPG

Se ci pensiamo bene, in fondo la vittoria di questo Sanremo è stata conquistata da altri figli di: gli Stadio, gruppo scoperto e portato in auge dall’indimenticabile Lucio Dalla fin dagli anni Settanta. Questa vittoria, non inattesa, è forse paragonabile a quella conquistata da Roberto Vecchioni nel 2011. Un ritorno all’antico, dunque. E non poteva essere diversamente in un festival che ha celebrato i 50 anni di carriera dei Pooh e di Patty Pravo. E anche l’inossidabile Renato Zero, l’unico che si salva tra gli “antichi”, non scherza. Gran brutti modelli: ora il nostro governo li additerà come esempio di longevità lavorativa per prolungare l’età pensionabile fino ai 90 anni.

Tuttavia, gli anni passano e si vede, anzi, si sente. I Pooh, specie Facchinetti, dovrebbero farsi controllare le coronarie; la bionda Patty ha più capelli (ammesso che siano i suoi) che voce. E anche Currieri, leader degli Stadio, è testimone del tempo che avanza.

Ma a Sanremo vince la canzone e non gli interpreti, vero? Be’, a me non è piaciuta nemmeno quella. Un giorno mi darai ragione?

[immagini da questo sito]

Annunci

15 dicembre 2013

HITLER E MUSSOLINI, CHI ERANO COSTORO? IDEE CONFUSE DEI CONCORRENTI DELL’ “EREDITÀ” DI CONTI

Posted in attualità, storia, televisione tagged , , , , , , , , , , a 2:39 pm di marisamoles

Ha quasi dell’incredibile l’ignoranza (non solo nel senso buono del termine …) che i concorrenti di giovedì scorso, alla trasmissione “L’eredità” condotta da Carlo Conti su Rai1, hanno esibito, con fin troppa nonchalance. L’argomento del quiz, nel quale si deve indovinare la data corretta (relativamente all’anno) di un certo evento, era ovviamente la storia, praticamente un’illustre sconosciuta.

La prima domanda è stata: «In quale anno Adolf Hitler diventa cancelliere in Germania?». Sembrerà incredibile, ma i concorrenti hanno, nell’ordine, contestualizzato l’evento nel 1948, nel 1964 e nel 1979. 😯 In pratica la data esatta è stata azzeccata dall’ultima concorrente solo perché era rimasta l’unica. Lo si evince dalla faccia perplessa della signorina, mentre quella di Conti esprimeva incredulità.

Non contenti, al secondo quesito che riguardava Mussolini, i concorrenti hanno replicato la figuraccia. Questa volta viene chiesto in quale anno Mussolini ricevette a Palazzo Venezia il poeta americano Ezra Pound e la risposta di una concorrente è: 1964. A quel punto il simpatico Carlo Conti, imbarazzato anche lui, interviene con fare ironico dicendo: «Io farei un ripassino di storia, ma leggero eh».

Ora non dite, per favore, che la colpa è della scuola e degli insegnanti che non fanno il loro dovere. La responsabilità è, invece, dello studio che è sentito sempre più come un dovere, in relazione al buon esito di una prova, e non come un mezzo per farsi una cultura permanente. Fosse anche soltanto per partecipare ad un quiz nella speranza di vincere un gruzzolo … di questi tempi pare essere il sogno di molti.

12 marzo 2012

OSCAR TV: BELEN SFOGGIA UNA NUOVA FARFALLINA, RITIRA IL PREMIO E SE NE VA

Posted in donne, Festival di Sanremo, spettacolo, televisione, vip tagged , , , , , , , , , , , , , a 4:59 pm di marisamoles


Al 52° Premio Regia Televisiva, presentato da Carlo Conti e trasmesso su Rai 1 dal Teatro Ariston di Sanremo, Belen Rodriguez è stata premiata assieme a Simone Annichiarico per “Italia’s Got Talent”. La showgirl ha sfoggiato un nuovo tatuaggio il cui soggetto è ancora “farfalle”.

Durante la prima serata del Festival avevamo visto la farfallina inguinale che aveva destato tante chiacchiere, soprattutto molta curiosità rivolta ad un capo di biancheria intima che la bella sudamericana sembrava non indossare. Ieri, sempre all’Ariston pare fosse senza reggiseno ma l’abito, almeno sul davanti era castigatissimo. L’acconciatura, con coda laterale (orribile a pare mio), lasciava però libera la schiena su cui sfoggiava il nuovo tatuaggio. Siccome, però, le telecamere non la inquadravano da dietro, Carlo Conti, con finta nonchalance, ha fatto di tutto per regalare a milioni di telespettatori la vista del tattoo di Belen, facendola voltare.

Mentre gli altri protagonisti di spettacoli e fiction televisivi si sono sorbiti l’intera serata, la Rodriguez ha pensato bene di defilarsi: appena ritirato il premio, infatti, se n’è andata, ansiosa di volare tra le braccia del suo bello (si fa per dire).

A proposito di Corona e Belen, la più bella battuta della serata l’ha fatta, com’era prevedibile, la brava Geppi Cucciari, premiata come personaggio televisivo dell’anno, spiazzando le superfavorire Maria De Filippi e Antonella Clerici. Sul palcoscenico dell’Ariston Geppi ha dato nuovamente prova della sua irresistibile comicità, dopo la serata del festival in cui ha affiancato Gianni Morandi nella conduzione della gara canora. Facendo notare di avere un abito con spacco laterale, simile a quello indossato da Belen al festival, chiede che le sia riconosciuta la gamba più lunga della fedina penale di Corona.

[foto da IoDonna, Corriere.it]

30 agosto 2011

NOI CHE … CI REGALAVANO I 45 GIRI

Posted in affari miei, canzoni, spettacolo, televisione tagged , , , , , , , , , , , , , , a 5:08 pm di marisamoles


Da settimane su Rai 1 sta passando lo spot che annuncia la prossima messa in onda dell’ennesima edizione della fortunata trasmissione, condotta da Carlo Conti, I migliori anni. La formula vincente è molto semplice: una gara tra canzoni famose che hanno segnato un’epoca. Risentire i vecchi successi dagli anni Sessanta ai Novanta (il più delle volte interpretati dagli stessi cantanti o complessi che li hanno lanciati, qualche volta vere e proprie meteore) fa sempre piacere perché in fondo costituiscono la colonna sonora della nostra vita, almeno di chi ha su per giù la mia età. Ricordare, poi, qualche canzone davvero mai dimenticata, legata a momenti particolari come il primo amore e quelli che seguirono, è un’emozione che non lascia indifferenti.

La trasmissione di Conti ha lanciato, inoltre, quella specie di tormentone del “Noi che”, da cui è difficile non rimanere contagiati. Anche se, a dirla tutta, quei “Noi che”, sms raccolti e pubblicati in più volumi, contengono delle sgrammaticature orrende, contagiose pure quelle, tanto che ne ho commessa anch’io una nel titolo di questo post, nonostante abbia messo, per pudore, i puntini di sospensione.

I migliori anni non è, comunque, l’unica trasmissione nata sull’onda della vintage-mania. D’estate, ad esempio, in fascia preserale viene trasmessa Dadada, una specie di Blob versione vacanze.
La mattina mi sveglio molto presto e facendo colazione guardo, sempre su Rai 1, degli spezzoni di Dadada-Speciale musica, in cui viene trasmessa una specie di carrellata di cantanti dei tempi che furono nelle loro apparizioni televisive, molte delle quali in bianco e nero. Qualche giorno fa, di fronte alla tazza di caffè fumante, mi son trovata a ripensare ai 45 giri. I più giovani credo non sappiano nemmeno cosa siano, ma per quelli della mia generazione i 45 giri rappresentano un pezzo di vita.

Ricordo ancora quei “dischetti” (il diminutivo serve a distinguerli dai 33 giri, gli LP) in vinile, neri, con l’etichetta rotonda che correva intorno al foro centrale, le copertine colorate da cui facevo scivolare, con estrema cautela, il disco sul palmo della mano per poi afferrarlo tra il dito indice, nel foro, e il pollice, appoggiato sul bordo, che lo sorreggeva per sistemarlo sul giradischi. E ricordo ancora il mio giradischi Philips, che i miei mi regalarono quando avevo 11 o 12 anni. Di quelli che si usavano allora, quelli che da chiusi sembravano una valigetta, con le casse che formavano il coperchio ed erano facilmente trasportabili. E il braccio che avviava il disco, facendolo girare, sempre che ci si ricordasse di muoverlo delicatamente verso l’esterno, e la puntina che spesso doveva essere cambiata, consumata da ore e ore di ascolto. Di fronte a quella meraviglia della tecnologia, rapita dalla musica, stringendo in mano la copertina del 45 giri preferito, quasi consumata dal continuo maneggiare, passavo molto del mio tempo libero, ai tempi in cui il computer o il telefonino erano lontani mille anni luce dalle nostre menti di adolescenti che, in fondo, si accontentavano di poco.

Come sa bene chi è vissuto all’epoca dei 45 giri, di solito erano dei “singoli” (come si usa dire ora) estrapolati dai Long Playing, ovvero i 33 giri, e servivano a lanciarli. Due soli brani: la canzone su cui l’etichetta discografica contava maggiormente e il lato B (espressione oggi usata per intendere ben altro), cioè il pezzo inciso sul “retro” del disco. Spesso accadeva che il lato B avesse un enorme successo, proprio come il lato A. Ricordo, ad esempio, Porta Portese che costituiva il lato B della canzone che lanciò definitivamente Claudio Baglioni, allora giovane dalle buone speranze, sul mercato discografico: Questo piccolo grande amore (1972). Forse non tutti sanno che in origine il lato B di questo 45 giri era Caro padrone (pezzo molto meno noto) ma in breve tempo il disco fu ritirato e sostituito, nel lato B, dal pezzo più noto che fece conoscere all’Italia intera il caratteristico mercato delle pulci romano.
Per non parlare del successo di Poster, lato B del “singolo” Sabato Pomeriggio (1975), un altro pezzo intramontabile di Baglioni. La mia canzone preferita del cantautore romano è, però, E tu (1974), uscita con il lato B Chissà se mi pensi, pezzo destinato a rimanere nella memoria di tanti adolescenti, ormai uomini e donne di mezza età (bruttissima espressione ma reale, purtroppo), ma amata anche dai più giovani perché Baglioni ancora la canta (o almeno la cantava fino a poco tempo fa) durante i concerti. Perché, siamo onesti, i cantautori come lui, che conobbero la celebrità negli anni Settanta, vivono di rendita … nel senso che gli album successivi non ottennero uguale fama.

I 45 giri costituivano, allora, il regalo tipo per i compleanni. Si organizzavano i festini in casa, per la felicità di mamma e papà che, molto spesso, venivano sbattuti fuori di casa senza pietà, e gli invitati si presentavano regolarmente alla porta con l’inconfondibile pacchetto quadrato e piatto. Il problema erano i doppioni … non mancavano mai, però c’è da dire che i cambi nei negozi erano semplici: nessuno chiedeva lo scontrino fiscale!

Talvolta gli amici, quelli della “compagnia”, facevano la colletta e comperavano il 33 giri. Regalo sempre gradito, per carità, ma non è che andassi matta per gli LP, a meno che non fossero quelli di Lucio Battisti che adoravo. Solo un album (come si dice ora) non mi è piaciuto più che tanto: America Latina. L’ho apprezzato qualche anno dopo e lo dovetti ricomprare perché, nel frattempo, l’avevo scambiato con Shine on you crazy diamond dei Pink Floyd.

Una sola volta capitò che un solo invitato mi portasse come regalo un 33 giri. Era un mio compagno di liceo, parecchio snob, figlio di un avvocato molto noto in città. Doveva per forza distinguersi dagli altri e farmi un dono costoso che mi facesse chiaramente capire quanto lo studio legale del padre (che lui ha, ovviamente, ereditato) fosse importante. Ricordo che mi regalò l’LP di Sandro Giacobbe, Signora mia. Non so quanti ne abbiano ricordo, so che la canzone ora, per la tematica che affronta, potrebbe riportare un episodio comune, ma allora era decisamente scandaloso: un ragazzo giovane che si innamora perdutamente della madre della sua ragazza.
Argomento a parte, la canzone non era male, almeno a me piaceva.

Ritornando ai 45 giri, c’è un ricordo che mi lega ad una persona in particolare, un’amica speciale: Emy. In realtà io la chiamavo la “signorina Emy” (per inciso, zitella) e le davo del Lei. Perché avevo ricevuto una buona educazione e non è che dessi del tu a chiunque, come usano fare i bambini d’oggi. Un’amicizia straordinaria che mi ha accompagnato dall’infanzia all’adolescenza ed è continuata, seppur meno assidua, durante l’età adulta.
Credo si sia capito che, mentre io la conobbi che ero una bambina, la signorina Emy era già una donna attempata, più o meno sessantenne, anche se a me, piccina com’ero, sembrava proprio vecchia vecchia. La incontrai al caffè di una piazza triestina, dove mamma e nonna mi portavano nella bella stagione. Io ero una bambina molto timida e solitaria; il fatto di avere un fratello più grande e una mamma più attenta alle esigenze di sua madre che non a quelle della figlia, ha acuito questa mia caratteristica di bimba sognatrice, spesso autoriflessiva ma poco espansiva.
Emy mi colpì perché faceva le parole crociate, seduta al tavolino del caffè, sotto la tenda che riparava dal sole. Non fu un caso, credo. Anche mia mamma viveva in simbiosi con la Settimana Enigmistica, anche se quasi esclusivamente nei periodi di vacanza.
Piano piano riuscii a conquistare il cuore di una donna che a me sembrava una vecchietta, per nulla bella (le “mie” donne erano talmente belle che nessuna poteva reggere il confronto!), con il volto un po’ equino e i baffi che le spuntavano radi sotto il naso, seguiti da qualche accenno di barbetta sul mento, i capelli mezzi bianchi mezzi neri perennemente in disordine e le unghie mordicchiate, almeno quanto l’estremità della matita che usava per i cruciverba e che stringeva tra i denti nell’atto di chi cerca ispirazione. Ora, probabilmente questa immagine è condizionata dall’età che avevo allora, fatto sta che Emy era più intelligente che bella. Molto di più.

Io e lei, da maggio a settembre, giocavamo assieme ed eravamo inseparabili. Se per un motivo o un altro mia mamma non poteva andare al caffè, io piangevo disperata e so che Emy, se non mi vedeva, si dispiaceva moltissimo. La sorella era un’insegnante elementare e fu la mia amica a consigliare a mia mamma la scuola elementare da farmi frequentare e le indicò il nome della maestra migliore. Sempre lei suggerì la sezione in cui iscrivermi alla scuola media e consigliò quella del ginnasio perché conosceva l’insegnante di Lettere (allora al ginnasio aveva tutte le materie, una quindicina di ore alla settimana), donna molto brava e buonissima.

Ma perché mai, il ricordo di quest’amica speciale è legato ai 45 giri? Perché la signorina Emy, ad ogni compleanno, mi lasciava il suo regalo nel negozio di dischi che allora si trovava in Viale XX settembre, il più vicino a casa sua. Ovviamente, non essendo un’esperta di musica giovanile, si lasciava consigliare dalla commessa che la indirizzava immancabilmente verso il successo del momento. Io, puntuale, ogni anno, il giorno in cui compivo gli anni (sempre che non cadesse di domenica o lunedì … allora i negozi non erano sempre aperti) mi presentavo al negozio e ritiravo il mio bel pacchetto. Bastava dicessi il mio nome e da sotto il bancone saltava fuori il mio 45 giri.
Quello che ricordo con maggior piacere è “Gioco di bimba”, suonata dal complesso delle Orme. Una canzone stupenda, anche se allora, era il 1972, non comprendevo bene il senso del testo. Ma la musica è meravigliosa e ricordo anche benissimo la copertina del disco: un dipinto strano (che era poi lo stesso della copertina dell’ LP “Uomo di pezza”), opera del pittore Walter Mac Mazzieri.

Ecco, questi sono i miei ricordi legati ai 45 giri (che, tra l’altro, custodisco gelosamente in cantina). Spero, con il mio racconto, di aver suscitato anche in voi, che leggete, delle emozioni. Almeno una piccola parte di quelle che ho provato io scrivendo queste righe e riascoltando i brani attraverso il “mago” You Tube. La bacchetta magica delle fate protagoniste delle fiabe ora è un semplicissimo mouse e la formula magica è un banale click.

I tempi cambiano … le emozioni restano.

6 gennaio 2011

LOTTERIA ITALIA: E CHI SE LA RICORDA PIU’?

Posted in affari miei, attualità, spettacolo, televisione tagged , , , , , a 9:19 pm di marisamoles

Oggi è il 6 gennaio, una data che non si dimentica non solo perché si festeggia l’Epifania e, per i bimbi, la befana, ma anche perché è la data storica dell’estrazione dei premi della Lotteria Italia o “di Capodanno”, come la ricordo io.

La storia della Lotteria, almeno nell’immaginario collettivo, è legata a trasmissioni televisive mitiche come Canzonissima o Fantastico. Negli anni, tuttavia, molti altri spettacoli tv sono stati abbinati alla Lotteria Italia, accuratamente scelti tra quelli di maggior successo, come se il conduttore, o conduttrice, e il format, come si dice ora, di una trasmissione fosse automaticamente garanzia di maggior gradimento e, di conseguenza, di una maggior vendita dei biglietti della Lotteria. Così, negli anni, al timone della trasmissione abbinata alla lotteria, ci sono stati Raffaella Carrà, Giorgio Panariello, Antonella Clerici, Gianni Morandi, Milly Carlucci, solo per citare quelli che mi ricordo e per di più nemmeno nell’esatto ordine. Trasmissioni per le quali l’abbinamento alla Lotteria Italia appariva alquanto forzato, tra l’altro.

Quand’ero bambina, per me il 6 gennaio era una doppia festa: accanto ai doni della befana -tra l’altro mai considerati all’altezza di quelli elargiti da Babbo Natale o san Nicolò -, la gioia più grande era costituita dal permesso di guardare Canzonissima, indipendentemente dal fatto che il 6 gennaio cadesse di sabato o meno. Questa era per me una cosa non di poco conto: durante la settimana, infatti, era un obbligo tassativo andare a dormire subito dopo Carosello. I programmi in prima serata, eccettuati quelli del sabato, erano vietati.

Venendo alla Lotteria, ricordo ancora i pacchi di biglietti che i miei genitori acquistavano, facendoseli spedire anche dai parenti sparsi in tutta Italia. Chissà perché erano convinti che quelli che provenivano da Milano o Napoli o Roma o Catania avessero una maggior probabilità di essere estratti. Se li compravamo a Trieste, la mia città, sembrava che le possibilità di vincere qualche premio fossero minori, forse perché noi abbiamo sempre avuto il complesso d’inferiorità dovuto anche al fatto che per alcuni italiani non stiamo nemmeno in Italia.

Ma quand’è nata la Lotteria Italia? Non è nata con Canzonissima, come potrebbe pensare la maggior parte di noi. No, ha origini ben più lontane. Fu creata, nel 1933, da Benito Mussolini che l’abbinò al Gran Premio Automobilistico di Tripoli, in Libia. L’abbinamento con le trasmissioni televisive inizia nel 1957 con la prima edizione di Canzonissima, che proseguirà fino al 1974 (a parte una pausa tra il 1963 e il 1967). Il primo premio della prima edizione era di 100 milioni di lire e andò via via aumentando fino a raggiungere il miliardo nel 1986.

Il primo premio che verrà estratto questa sera durante la trasmissione I migliori anni, condotto da Carlo Conti, ammonta a 5 milioni di euro: una bella cifra, non c’è che dire. Eppure la vendita dei biglietti è in costante calo, negli ultimi anni, e a nulla sono valsi i tentativi di affidare ai conduttori campioni di audience le trasmissioni abbinate. Nemmeno è servito spostare la diretta della televisiva dal sabato, storico giorno dello show, ad altre serate, per evitare la concorrenza con Sua Maestà la regina dello share Maria De Filippi, che dal sabato, con il suo C’è posta per te, non si schioda.

Ormai vincere il primo premio della Lotteria Italia fa gola a pochi. E dire che solo qualche anno fa, Neri Parenti ha diretto il film, con protagonista Paolo Villaggio, Ho vinto la Lotteria di Capodanno (1989), raccontando le peripezie di un suicida mancato alle prese con il biglietto vincente scomparso.
Oggi la concorrenza è forte: chi sogna di cambiare vita, affidandosi alla fortuna, preferisce il Superenalotto, il cui montepremi ha raggiunto, in più occasioni, cifre vertiginose. Oppure, per chi si accontenta, ci sono le lotterie istantanee, i grattaevinci, oppure altri giochi come il WinForLife che garantisce uno “stipendio” di tutto rispetto per vent’anni.

Insomma, la Lotteria Italia chi se la ricorda più? Considerando che il primo premio dell’edizione del 2009, che ammontava a ben 5 milioni di euro, non è mai stato ritirato, non se la ricorda più nemmeno chi ha acquistato il biglietto vincente.

AGGIORNAMENTO DEL POST, 7 GENNAIO 2011
LA FINALE DELLA LOTTERIA MENO VISTA DELLA STORIA

Con poco meno di 5 milioni e mezzo di spettatori e solo il 27,31% di share (dati medi), la finale de I migliori anni, trasmissione abbinata alla Lotteria Italia e condotta da Carlo Conti, ha registrato in assoluto il record negativo della storia della Lotteria di Capodanno.

Verrebbe da chiedersi: oltre alla lotteria, le trasmissioni abbinate chi se le ricorda più?

[fonte e immagine tratte da Tvblog.it]

ANNA SCRIGNI

Storie di Viaggi e di Città

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, buone e cattive, di temi originali e copiati, di studenti curiosi e indifferenti, autodidatti e eterodidatti, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

La Torre di Babele

Il blog di Pino Scaccia

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: