È PRIMAVERA, TEMPO DI DIETA … OVVERO LA RICERCA DELLA FELICITÀ


Esilarante l’articolo di Corrado Ruggeri su Il Corriere. Una taglia 62 fiero di esserlo. Nemmeno rimanere quasi intrappolato nella “bussola” all’entrata della banca lo fa riflettere sul fatto che forse è il momento di mettersi a dieta.

Ecco come racconta l’increscioso episodio:

Le avevano sistemate da poco, queste mascelle in acciaio e cristallo antiproiettile che ti inghiottono con un rumore che sa di prigionia e poi decidono se e come restituirti alla libertà. Porte scorrevoli, a semicerchio, ormai familiari, alle quali ci si consegna senza timori. Pulsante verde e si entra. La porta scivola, dà il benvenuto, scorre: e blocca di nuovo ogni via di fuga. Scricchiolii sinistri, come un avviso di guai. Rumori strani, vibrazioni e poi parte la vocetta da astronauta, declinata al femminile ma con accento metallico. «Attenzione – dice – si prega di entrare uno alla volta». Ero solo, naturalmente.

Insomma, se è vero che le più votate alla dieta come estremo sacrificio – specialmente in primavera, pensando alla fatidica prova costume – sono le donne, quelle che ahimè si lasciano più facilmente influenzare dal modello donna perfetta, niente pancia, sedere a mandolino e seno da pin up (risultato, il più delle volte, ottenuto grazie all’abilità del chirurgo estetico) che va tanto di moda, è pure vero che sono molti gli uomini che ci tengono alla linea e al fisico asciutto, che si fiondano in palestra appena hanno un momento libero – preferibilmente in pausa pranzo così saltano anche il pasto! – per ottenere gli addominali scolpiti a mo’ di guscio di tartaruga. Ma Ruggeri no, nemmeno per scherzo, non può fare a meno di godersi la buona tavola, uno dei pochi piaceri della vita. Preferisce far suo un antico detto cinese (ma esiste davvero? magari se l’è inventato lui a suo pro) che recita: Un uomo senza pancia è come un cielo senza stelle. Io adesso non lo so se le donne siano più sensibili alle stelle piuttosto che alle tartarughe. Ho un marito magrissimo che mangia il triplo di me e non ingrassa mai. Anche se devo ammettere che, guardando lui, non vedo le stelle, fuor di metafora, ma nemmeno tartarughe.

Certo, pur godendosi la libertà di essere grasso, Ruggeri, con la sua taglia 62, deve ammettere che quelli come lui spesso sono degli incompresi, nonché bersaglio di frecciatine, anche da parte delle mogli:

Non siamo sempre compresi. Abbiamo schiere di detrattori che ci criticano: «Ma non ti vergogni? Un po’ di amor proprio, con quella pancia? E poi l’estate, sempre sudato…». Abbiamo mogli perfide e maligne capaci di dire in pubblico: «L’ho sposato 30 chili fa». Abbiamo sarti carissimi ai quali i soldi non bastano, vorrebbero anche una soddisfazione professionale: «Dotto’, comunque sembra un sacco, ma perché non se prende bell’e fatta una taglia 62? Spende la metà e je sta uguale». Abbiamo l’ironia stupida degli animatori dei villaggi vacanza in giro per il mondo: «Vuole il kajak? Se riesce ad entrarci…». Ma sai che c’è? Un bel motoscafo si trova sempre. E c’è pure il pozzetto di poppa, col tendalino per fare merenda al fresco.

Io credo che ognuno debba essere soddisfatto di se stesso, grasso o magro, non fa differenza. Sono anche del parere che sia giusto difendere il sacrosanto diritto al bel piatto di spaghetti qualora rinunciarvi procurasse un inconsolabile dispiacere. Però non sono d’accordo con Ruggeri quando afferma che la dieta è l’inizio di una malattia, porta alla perdita del peso ma pure del buon umore, conduce a una tristezza infinita, scatena facili accessi d’ira, suscettibilità. Non si ride più, si ghigna. Perché il buon cibo è come l’ossigeno, per chi ama mangiare. E la dieta è l’altitudine, dove non si riesce a respirare.

Secondo me la cosa fondamentale è piacersi ed essere coerenti nelle proprie scelte. Io, ad esempio, ho sempre lottato con la bilancia e quando l’ago sale inesorabilmente, non sono per nulla contenta. Non amo la buona tavola, diciamo che mi nutro o, come spesso mi piace dire, mangio per vivere, non vivo per mangiare. Però, come tutti, ho le mie debolezze: mi piacciono i dolci. Sono golosa e sono disposta a qualsiasi sacrificio pur di non rinunciare ai pochi piaceri della vita che mi concedo: un bel pezzo di cioccolata, una fetta di torta, un gustoso gelato, preferibilmente al bacio o comunque qualsiasi gusto abbia del cioccolato dentro, quei deliziosi biscottini da tè con tanto, troppo burro … insomma, cedere alla tentazione per me è facilissimo, peccato che poi sconti la golosità con qualche chilo in più. Allora sento il rimorso della coscienza e decido di mettermi a dieta. Così anche il mio colesterolo me ne sarà grato.

Riuscire a dimagrire è, prima di tutto, una questione mentale: se ci si mette a dieta senza troppa convinzione, sarà un insuccesso. Di solito ci si crea pure gli alibi. Io, per fare un esempio bastato sulla mia esperienza, cerco di convincermi che sia più facile dimagrire con la mente sgombra dai pensieri. In altre parole: per mettermi a dieta devo essere felice. Già, una parola. Una come me non è mai felice, c’è sempre qualcosa che non va, un motivo per cui lamentarsi. Questa sensazione di infelicità perenne mi fa accumulare stress e, al contrario di quanto accade di solito alle persone “normali”, a me lo stress fa ingrassare. Allora, che fare? Se decido per la dieta ma non mi sento sufficientemente felice per poter evitare di ricercare una qualsiasi consolazione nel cibo più calorico che c’è (pare impossibile, ma la felicità è inversamente proporzionale alle calorie contenute nei cibi), desisto. Ma se non mi metto a dieta, l’immagine che vedo riflessa nello specchio mi rende ancora più infelice. Insomma, è un circolo vizioso da cui pare non ci sia via d’uscita.

Come dicevo, la dieta è più che altro una questione mentale. Se l’immagine che vedo di me non mi piace e mi procura un’ulteriore infelicità, è giunto il momento di superare l’impasse e di guardare avanti. In altre parole, per non sommare infelicità ad infelicità, è meglio che mi concentri su ciò che maggiormente mi rende infelice, ovvero l’immagine di me. Ecco che tutti gli altri motivi d’infelicità passano in secondo piano per lasciare spazio, soprattutto mentale, ad un percorso difficile, certo, ma che può essere superato facilmente se ci si crede. Il periodo più arduo per la dieta sono le prime due settimane: in quei quattrodici giorni si gioca il destino di una dieta. Se i risultati sono incoraggianti, si prosegue con determinazione e anche l’umore migliora; altrimenti ci si demoralizza ulteriormente e si è costretti a gettare la spugna, con il risultato che altri chili si accumulano e dopo sarà ancora più difficile smaltirli.

Insomma, mi dispiace non essere d’accordo con Ruggeri. Se lui è felice così, nulla gli può impedire di godersi la buona tavola e di infischiarsene delle critiche. Lui, evidentemente si piace così com’è e nessuno potrà mai condizionare le sue scelte.
Stamattina a scuola ho casualmente accennato alla mia dieta. Un’allieva mi ha detto che non ho bisogno di dimagrire, tanto non devo trovare nessuno, essendo già accasata. Le ho risposto che prima di tutto bisogna piacersi, se poi piacciamo anche agli altri, tanto meglio.