MARIASTELLA (GELMINI) RISPONDE AD ALICE: “I MIEI TAGLI NON C’ENTRANO”

Non si è fatta attendere la risposta del ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, all’accorata lettera pubblicata ieri sul quotidiano La Stampa, scritta da Alice, studentessa quattordicenne con il sogno di frequentare il liceo classico nella sua città. La pubblico di seguito, anche questa volta senza commenti. Spero, però, che i miei lettori, o Alice stessa, diano il via ad una discussione.

Cara Alice,
ho letto con attenzione la tua lettera. Una lettera che mi ha colpito.

Capisco il tuo disappunto e la delusione per quanto ti è accaduto. Ti invito però a non farti ingannare dalla propaganda messa in piedi ad arte contro il ministero: i cosiddetti «tagli», come li chiami tu, non c’entrano nulla.

Anche nei mitici Anni 80 e 90 era così.

Anche allora, quando aumentava la spesa pubblica senza che migliorasse la qualità dell’insegnamento, si agiva allo stesso modo. Se il numero delle domande era superiore all’offerta formativa, si procedeva per estrazione e si assegnavano gli studenti in soprannumero alla scuola corrispondente più vicina.

Anche oggi alcuni istituti che eccellono per la qualità della didattica ricevono molte richieste di iscrizioni e non è materialmente possibile soddisfarle tutte.

Dunque Alice, ribadisco: i «tagli» non c’entrano!

Tuttavia spero che, nella composizione dell’organico di fatto, sia possibile iscriverti all’istituto che hai scelto. Mi attiverò personalmente per verificare se questo tuo desiderio possa essere realizzato. Così come spero, anzi ne sono sicura, che le riforme che abbiamo approvato per l’istruzione superiore cambieranno il volto della scuola italiana. Più qualità della didattica, maggior legame col mondo del lavoro, più ore di scienze e di lingua straniera, rilancio dell’istruzione tecnica.

Questa è la scuola che sogno, la scuola che stiamo costruendo per le nuove generazioni.

Un caro saluto

Mariastella Gelmini

Solo una cosa: Alice ha ottenuto l’attenzione del ministro, ma quante altre “Alice” ci sono in questa scuola ormai così sgangherata?

[fonte: La Stampa]

ISCRIZIONI SCOLASTICHE: IL MIUR PUBBLICA UNA “GUIDA ALLA NUOVA SECONDARIA SUPERIORE”

Dopo l’approvazione definitiva da parte del Consiglio dei Ministri della Riforma della Scuola Secondaria di II grado, il Ministero della Pubblica Istruzione (MIUR) pubblica una guida alla scuola riformata (istruzione liceale, tecnica e professionale) per i ragazzi che si iscriveranno alla classe prima nell’A.S. 2010/2011 e per i loro genitori.
La guida è consultabile on-line: questo è il LINK

Nella Circolare Ministeriale n° 17 del 18 febbraio 2010 s’informano gli interessati che le domande di iscrizione dovranno essere presentate entro il 26 marzo prossimo. C’è una novità per quanto riguarda le procedure:

Le domande di iscrizione devono essere presentate ad un solo istituto di istruzione secondaria di II grado, per evitare che una doppia opzione da parte delle famiglie possa alterare le situazioni di organico. Tuttavia, in considerazione della possibilità che si verifichi eccedenza di domande rispetto ai posti disponibili e che, conseguentemente, si renda necessario indirizzare verso altri istituti le domande non accolte (anche in base ai criteri di ammissione deliberati dal consiglio di istituto), le famiglie, in sede di presentazione della istanza di iscrizione, possono indicare, in subordine, fino ad un massimo di altri due istituti di proprio gradimento. Sarà cura del dirigente scolastico dell’istituto secondario di II grado presso cui la domanda non è stata accolta, provvedere all’inoltro immediato delle domande di iscrizione, d’intesa con le famiglie, verso gli istituti indicati in subordine.

RIFORMA GELMINI DELLA SECONDARIA: TUTTO FERMO

preiscrizioniIn prima pagina nel numero di ieri La Repubblica è uscita con un articolo sulla riforma della scuola secondaria di secondo grado dal titolo “Meno inglese, più italiano così cambia la scuola superiore”. A detta del giornalista, la riforma tanto attesa, che ha suscitato scontri a non finire, è in dirittura d’arrivo. Le informazioni che vengono date riguardo ai corsi di studio dei diversi indirizzi, nell’ambito dell’istruzione liceale, tecnica e professionale, in realtà si rifanno alla famosa bozza di riordino uscita qualche mese fa. Nulla di nuovo sotto il sole, pare. E in effetti, se è vero che all’inizio del prossimo anno 500mila studenti di terza media dovranno scegliere in quale scuola proseguire gli studi, è anche vero che nessuna informazione precisa, a tutt’oggi, si potrebbe dare loro.

Tre giorni fa, infatti, avrebbe dovuto riunirsi la Conferenza Unificata Stato-Regioni per approvare la riforma Gelmini della Secondaria Superiore e l’avvio della sezione primavera per la scuola d’infanzia. E invece niente: riunione rimandata al 23 ottobre, sperando in un esito positivo che possa far procedere i lavori per l’attuazione della riforma che attualmente è in una fase di stallo.

Già a settembre il ministro Mariastella Gelmini si era dichiarata preoccupata per il ritardo del confronto e aveva rivolto un appello alla Conferenza Stato-Regioni: La riforma della scuola secondaria è un evento storico, una riforma organica e non improntata all’ideologia. Non a caso recuperiamo parte della riforma Moratti e parte della riforma Fioroni. La riforma non può essere rinviata. Appello inascoltato, verrebbe da dire. O solo una strategia per impedire l’avvio della riforma a partire dall’anno scolastico 2010/2011?
Ironia della sorte, stesso destino era toccato alla precedente riforma, mai attuata, presentata dall’ex ministro Letizia Moratti. Sembra che la iella perseguiti i ministri dell’istruzione in gonnella.

Ma perché, a parte tutte le congetture fantasiose di qualche trama ai danni della Mariastella nazionale, è davvero importante che il piano di riforma della Secondaria Superiore vada in porto? Soprattutto perché già a partire dal prossimo mese le scuole proporranno degli open day rivolti agli studenti che inizieranno a frequentare le scuole superiori nel prossimo anno scolastico e che dovranno preiscriversi presumibilmente entro febbraio. Se nulla è ancora certo e soprattutto se la Conferenza Unificata slitterà ulteriormente, allora quale offerta formativa potranno illustrare le scuole? Per ora è stata pubblicata solo una bozza di riordino dei Licei e degli Istituti Tecnici. I piani di studio presentati prevedono delle materie che attualmente non sono insegnate da alcuna classe di concorso e nuovi licei che dovrebbero, teoricamente, nascere dal nulla. A meno che non si provveda a riconvertire dei piani di studio sperimentali offerti da istituti tecnici o magistrali che, però, licei non sono.

Per fare un esempio, ci si chiede se il nuovo Liceo Scientifico Tecnologico potrà essere assorbito dagli attuali ITIS che presentano, nell’offerta formativa, la sperimentazione del Liceo Tecnologico. Oppure saranno gli attuali Licei Scientifici a dover arricchire il loro POF con l’opzione del Liceo Scientifico Tecnologico? Ma in questo caso, si dovrebbe ampliare l’organico che ad oggi non copre tutte le discipline del tecnologico. E ancora, un corso di tal genere sarà attivato solo a domanda (sempre che ci sia una richiesta da parte degli allievi che giustifichi l’istituzione del corso stesso) oppure rientrerà di diritto nell’ambito del POF?

Domande, queste, che non hanno risposta. E a queste si aggiunge la questione delle discipline opzionali: saranno i ragazzi a chiederle o le scuole ad offrirle? Se la famosa postilla che prevede la possibilità di attivare ulteriori insegnamenti opzionali anche assumendo esperti qualificati attraverso il proprio bilancio va interpretata letteralmente, allora i bilanci delle scuole, sempre in rosso (anche a causa dei ritardi con cui il ministero trasmette i fondi promessi) inevitabilmente impedirebbero un ampliamento dell’offerta. In tal modo, anche le quote di flessibilità del 20% nel primo biennio e nell’ultimo anno, e del 30% nel secondo biennio, che in teoria garantirebbero ad ogni scuola la possibilità di decidere di diversificare le proprie sezioni, di ridurre (sino a un terzo nell’arco dei 5 anni) o aumentare gli orari delle discipline, anche attivando ulteriori insegnamenti previsti in un apposito elenco potrebbero non essere rispettate. In questo modo, l’annunciata maggiore autonomia scolastica sarebbe solo un bluff.

Insomma, per poter presentare qualsiasi piano di studio ai nuovi iscritti entro febbraio 2010 le scuole superiori dovrebbero avere delle garanzie e delle istruzioni dettagliate. Cosa peraltro possibile solo se la Conferenza Unificata non subirà ulteriori slittamenti.

Per la bozza di riordino dei Licei rinvio alla lettura di quest’altro mio post

[fonte: Tuttoscuola]

IL MIUR HA PUBBLICATO IL “QUADERNO DEL PATTO DI CORRESPONSABILITÀ EDUCATIVA”

Il Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca (MIUR) ha pubblicato il “Quaderno del patto di corresponsabilità educativa“. Il “patto” in questione dev’essere elaborato dai singoli istituti e controfirmato dai genitori all’atto dell’iscrizione dei propri figli.
Si tratta di un’iniziativa che, secondo il ministro Mariastella Gelmini, garantisce un’interazione scuola-famiglia fondamentale per l’ottimizzazione del rapporto tra le varie componenti – allievi, genitori e docenti – ove ciascuna si assume la propria “responsabilità” e si propone di rispettare il “patto” in relazione alle richieste avanzate da tutti. In questo modo vengono concordati “modelli di comportamento coerenti con uno stile di vita in cui si assumono e si mantengono impegni, rispettando l’ambiente sociale in cui si è ospitati“.

ECCO L’INDICE DEL “QUADERNO”:

Introduzione del Ministro
Introduzione
. Il Patto di Corresponsabilità: uno strumento educativo e formativo che promuove percorsi di crescita responsabile.
. Una opportunità per migliorare la qualità dei rapporti tra scuola e famiglia
. Competenze chiave di Cittadinanza da acquisire al termine dell’istruzione obbligatoria
. Modelli di Patto di Corresponsabilità Educativa
Testimonianze
. Don Antonio Mazzi “Se si vuole educare”
. Maria Rita Parsi “La scuola dell’alleanza”
Genitori a Scuola
. Cos’è il FoNAGS
. AGE Associazione Italiana Genitori
. AGESC Associazione Genitori Scuole Cattoliche
. CGD Coordinamento Genitori Democratici
. FAES Associazione Famiglia e Scuola
. MOIGE Movimento Italiano Genitori
Buone pratiche
. Puglia
. Toscana
3. Lombardia
Appendice
. La normativa
. Schede delle Associazioni

LINK del sito del MIUR

LA “NUOVA SCUOLA SPIEGATA AI GENITORI”

Come sapete la riforma Gelmini ha creato un po’ di scompiglio. Dal prossimo Anno Scolastico sarà effettiva la riforma della “primaria” limitatamente alla classe prima, con l’abolizione del modulo dei tre maestri. Anche la “scuola media” sarà investita da un’ondata di novità, mentre per la riforma delle “superiori” bisognerà attendere l’Anno Scolastico 2010/2011.
Le iscrizioni per il prossimo A.S. sono state prorogate di un mese rispetto alla consueta scadenza di fine gennaio. C’è ancora tempo, quindi, fino al 28 febbraio.

Nel frattempo, credendo di fare una cosa utile, informo i miei lettori che oggi in edicola, in allegato al Corriere della Sera , potranno trovare una Guida curata da “Tuttoscuola” che vuole venire incontro ai dubbi dei genitori alle prese con la prossima iscrizione dei figli nella Scuola Primaria e Secondaria di I grado. Ad esempio, si prende in esame la possibilità di scelta tra tempo “normale” o tempo pieno alla primaria o la preferenza rispetto ad un maggior numero di ore di lingua inglese alle medie.

La guida consta di 224 pagine, contiene oltre cinquanta risposte a possibili quesiti e un indice analitico per argomenti con più di 250 voci, che esplorano ogni aspetto della materia con linguaggio semplice e appropriato. Il costo è di euro 4,90 ed è disponibile in un numero limitato di copie … quindi, conviene affrettarsi!

Inoltre, sul sito tuttoscuola.com c’è la possibilità di trovare uno speciale con i modelli di iscrizione, la normativa e la possibilità di porre dei quesiti sulle iscrizioni ai quali verranno date le risposte sullo stesso sito.

Vi invito anche a leggere gli ARTICOLI CORRELATI .

AGGIORNAMENTO 19/01/2009

La redazione di Tuttoscuola fa sapere che, visto il successo ottenuto dalla Guida “La nuova scuola spiegata ai genitori” e considerato che in alcuni comuni di provincia l’allegato al Corriere della Sera di sabato 17 gennaio non è neppure arrivato, la stessa verrà ridistribuita da oggi nelle edicole.

Ricordo che chi volesse ulteriori informazioni può consultare lo “Speciale iscrizioni” sul portale tuttoscuola.com. Sullo stesso sito è inoltre possibile usufruire gratuitamente di un servizio di consulenza sulle iscrizioni.

AGGIORNAMENTO 02/02/2009

Leggo sulla newsletter di Tuttoscuola che la guida “La nuova scuola spiegata ai genitori” sarà in edicola con il Corriere della Sera fino a metà febbraio.