31 dicembre 2014

LA LEGGENDA DEL VISCHIO. BUON ANNO A TUTTI!

Posted in auguri, buon anno, Capodanno, Natale, tradizioni popolari tagged , , , , , , , , , , , , , a 2:50 pm di marisamoles

vischio bacio
Un rametto di vischio in casa, per l’ultimo giorno dell’anno, non può mai mancare. Meglio se lo si posiziona in alto in modo che, allo scoccare della mezzanotte, si possa baciare la persona amata proprio sotto il vischio. Ma da dove deriva questa usanza?

Spesso ci sono molte leggende per spiegare una sola credenza. Anche in questo caso, almeno due sono le leggende legate al vischio: la prima spiega come sia nata questa pianta che da sempre è considerata tradizionale del periodo natalizio; la seconda, rivela il motivo per cui porta fortuna baciarsi sotto un rametto di vischio.

Viscum album è il nome scientifico della pianta cespugliosa che appartiene alla famiglia delle Viscaceae. L’aggettivo album (bianco) rimanda al colore delle bacche del vischio che sono perlopiù traslucide e contengono al loro interno una sostanza gelatinosa e collosa. Proprio questa caratteristica ha dato origine al significato che comunemente attribuiamo al verbo “invischiare” che in origine indicava l’azione dello spalmare di vischio delle bacchettine o altri supporti per catturare gli uccelli che vi si posano (vedi Treccani.it).

All’origine di questa pianta è legata una leggenda … una delle tante, in verità. Diciamo che questa è quella che ho scelto di raccontare.

leggenda vischioC’era una volta un vecchio mercante che viveva da solo in un paese sperduto tra i monti. Non aveva né famiglia né amici, viveva esclusivamente per accumulare denaro e ricchezze. Gli affari erano l’unica cosa cui teneva ed era talmente avaro da perdere il sonno nel timore di essere derubato. Di notte spesso si alzava e andava a contare il denaro che teneva nascosto in una cassapanca.
Per quest’uomo contava solo il guadagno e non si faceva scrupolo di agire in modo disonesto, approfittandosi dell’ingenuità delle persone.
Non voleva conoscere quelli con i quali faceva affari, non si interessava delle loro storie e dei loro problemi, per questo nessuno gli voleva bene.
Una notte di dicembre, quando ormai Natale era vicino, il vecchio mercante, non riuscendo a dormire, decise di uscire a fare una passeggiata.
Nelle strade sentì un allegro vociare, risate, urla gioiose di bambini e canti.
La cosa non era affatto usuale nel suo paese e ancor di più si incuriosì non avendo ancora incontrato nessuno, nonostante voci e rumori sembrassero molto vicini.
A un certo punto udì qualcuno che pronunciava il suo nome, chiedeva aiuto e lo chiamava fratello. Ma quell’uomo non aveva fratelli o sorelle e si stupì.
Per tutta la notte ascoltò le voci che raccontavano storie tristi e allegre, vicende familiari e d’amore. Venne a sapere che alcuni vicini erano molto poveri e che sfamavano a fatica i figli, che altre persone soffrivano la solitudine oppure che non avevano mai dimenticato un amore di gioventù.
Pentito per non aver mai capito che cosa si nascondesse dietro alle persone che vedeva tutti i giorni, l’uomo cominciò a piangere.
Pianse così tanto che le sue lacrime si sparsero sul cespuglio al quale si era appoggiato.
Al mattino le lacrime non sparirono ma continuarono a splendere come perle.
Era nato il vischio.

Molto più romantica, anche se dolorosa allo stesso tempo, è la leggenda che ha dato origine alla credenza che porti bene baciarsi sotto il vischio.

Essa fa parte della mitologia nordica. I druidi celti onoravano il vischio come pianta sacra, ritenendo che avesse origine celeste e che crescesse nei luoghi colpiti dai fulmini. Un altro motivo per cui la pianta è circondata da una specie di alone mistico rimanda al numero 3, considerato sacro in molte culture (ad esempio, per i Cristiani è legato alla SS. Trinità); infatti, le bacche del vischio si sviluppano in 9 mesi e si raggruppano a tre a tre.

FreyaIl vischio è anche la pianta sacra di Frigg (o Freya), dea dell’amore presso gli dei Asi.
Frigg aveva due figli, Balder, buono e generoso, e Loki, cattivo e invidioso, che voleva uccidere il fratello (come si fa a non pensare ai “nostri” Caino e Abele?). Venuta a conoscenza del piano malvagio del figlio, Frigg chiese a tutte le creature animali e vegetali di proteggere Balder, ma si dimenticò di rivolgere la preghiera proprio alla pianta del vischio. Loki ne approfittò per portare a termine il suo piano, utilizzando proprio questa pianta per fabbricare la freccia che uccise Balder.

La dea Frigg, vedendo il cadavere del figlio prediletto, iniziò a piangere disperatamente e le sua lacrime, come per magia, si trasformarono in bacche bianche. Quando queste toccarono il corpo di Balder, lui tornò in vita.

Per la grande felicità, la dea Frigg cominciò a baciare chiunque passasse sotto l’albero sul quale cresce il vischio (di solito pioppi, olmi e tigli).
Il suo bacio costituì un portafortuna e una protezione per tutti coloro che furono baciati dalla dea: ad essi infatti, non poteva capitare nulla di male.

Non mi resta che AUGURARE A TUTTI UN FELICE

2015

[fonti: leitv.it; pinu.it (da cui è tratta anche l’immagine del “vecchio del vischio”) e tradizionipopolari.blogspot.it. Immagine di Freya da questo sito; immagine sotto il titolo da questo sito; scritta 2015 da questo sito]

P.S. Avevo in bozza questo post da molto tempo – una parte addirittura dall’anno scorso! – e solo in questi ultimissimi giorni sono riuscita a rimetterci mano. Dico questo perché non vorrei che l’amica Laura (laurin42) pensasse che copio le sue idee ( 😉 ) visto che lei ha pubblicato di recente un bellissimo post, che invito tutti a leggere, sullo stesso argomento.

Annunci

15 dicembre 2014

IL NATALE DEGLI ALTRI: IL RITO GRECO ORTODOSSO

Posted in Capodanno, crocifisso, cultura, dolci natalizi, Natale, religione, tradizioni popolari, Trieste tagged , , , , , , , , , , , , a 12:00 pm di marisamoles

natale atene
La Grecia, come si sa, è stata la patria della religione politeista che ha visto nel sommo Zeus il padre di tutte le divinità e nel monte Olimpo la sede del cosiddetto pantheon.
Con la diffusione del Cristianesimo anche la terra di Socrate, Platone e Aristotele ha abbandonato l’antica fede e abbracciato la religione diffusa dalla Chiesa di Roma.

La rottura vera e propria tra la Chiesa occidentale, quella di Roma, e la Chiesa Orientale avvenne nel 1054. Da questo Grande Scisma nacque la religione ortodossa che ben presto da Gerusalemme e Costantinopoli si diffuse in Bulgaria, Romania, Grecia e Russia.
Nonostante nell’ambito delle diverse Fedi si possano riscontrare delle diversità, anche per quanto riguarda la celebrazione delle feste principali, come Natale e Pasqua, tutte le Chiese ortodosse hanno identica struttura, sono autonome e indipendenti, non avendo un’organizzazione accentrata, e ciascuna di esse è retta da un patriarca. I patriarcati più importanti sono quelli di Mosca, di Costantinopoli e di Gerusalemme. In Grecia la Chiesa ortodossa è Chiesa di Stato.

natale-barra-stelline

Per i Greci il Natale è una festività molto importante e sentita. A differenza di altre Chiese ortodosse – ad esempio, slave e copte che adottano il calendario giuliano e celebrano la nascita del Signore il 7 gennaio – la Chiesa greca condivide con quella cattolica il calendario gregoriano e quindi festeggia il Natale il 25 dicembre, anche se i riti si protraggono per tutto il periodo natalizio, ovvero fino al 6 gennaio, giorno in cui i Greci ricordano il battesimo di Cristo da parte di San Giovanni Battista sulle rive del fiume Giordano.

In Grecia non c’è l’usanza di addobbare l’albero né di allestire il presepe (introdotto in occidente da San Francesco), sostituito da dei splendidi modellini di barche a vela in legno, decorati in modo speciale con tondini scintillanti e che evocano il mare, elemento con cui i Greci hanno un legame particolare. L’unica icona di Natale è rappresentata da una candela accesa che simboleggia la Stella Cometa e che viene portata in chiesa la notte del 24 dicembre, in attesa delle celebrazioni di rito.

kourabiedes
I bambini non attendono Babbo Natale né, ovviamente, trovano i regali sotto l’albero, visto che non rientra nelle usanze greche. Ma non rimangono a bocca asciutta: infatti il 24 dicembre ai più piccoli viene regalata una sacca e un bastone con cui si recano di casa in casa cantando le calanda, tipiche canzoni natalizie, accompagnati dal suono di piccoli strumenti musicali come il trigono (un triangolo in acciaio suonato da una bacchetta metallica). In cambio della loro performance canora ricevono in dono frutta secca e biscottini, soprattutto i tradizionali kourabiedes, piccoli biscotti ricoperti di zucchero candito. (QUI potete trovare la ricetta)
Una specie di Babbo Natale, tuttavia, è San Basilio che porta i doni ai bambini il 1° gennaio. Si tratta, quindi, di pazientare un po’ …

vasilopitaNella notte di Capodanno c’è anche l’usanza di preparare la vasilopita, ovvero la “torta di San Basilio”, che consiste in un dolce a base di latte, uova, burro e zucchero, nel cui interno è stata inserita una moneta di buon auspicio. La torta viene tagliata dal capofamiglia seguendo un preciso ordine gerarchico: la prima fetta è di Gesù, la seconda è della casa, la terza del capofamiglia, la quarta del coniuge, poi dei figli, nipoti, sempre in ordine di età. Perciò la vasilopita viene tagliata in tante fette quanti sono i componenti della famiglia, più due. La monetina diventerà il portafortuna di tutto l’anno per colui che la troverà nella propria fetta. E’ ovvio che se la monetina capiterà nella fetta di Gesù o della casa tutta la famiglia sarà benedetta. (QUI trovate la ricetta per preparare la vasilopita)

Ma torniamo al Natale. La sera del 24 dicembre le famiglie si riuniscono per la tradizionale cena in cui non mancano i piatti tipici. E’ usanza che le donne di casa portino in tavola il Christopsomo, che letteralmente significa “pane di Cristo”. Si tratta di una pagnotta dolce di varie forme con decorazioni sulla crosta che rappresentano vari aspetti della vita familiare. Questo pane speciale verrà mangiato il giorno di Natale e sarà spezzato dal capofamiglia che poi lo distribuirà ai commensali. Un rito che, in un certo senso, ricorda la Comunione.

icona santa-famigliaLa mattina del 25 dicembre i Greci vanno a messa. Le loro chiese hanno una particolare struttura architettonica che ricorda il Tempio di Salomone a Gerusalemme. Si entra prima in un vestibolo, dove si trova il fonte battesimale, poi c’è la navata della chiesa vera e propria, luogo in cui la comunità si raccoglie durante la funzione religiosa. L’altare è separato dalla navata e sottratto alla vista dei fedeli dall’iconòstasi, una specie di parete ricoperta dai tipici quadri religiosi ortodossi, le icone, con le immagini di Cristo, di Maria, degli Apostoli e dei Santi, e si trova nel punto più sacro del tempio al quale può accedere solo il sacerdote.
La messa ortodossa trasmette un grande senso di armonia e di bellezza. E’ caratterizzata da processioni con incenso e torce, candele che vengono accese e spente, l’atto di inginocchiarsi e baciare le icone, i canti eseguiti dal coro senza accompagnamento di strumenti musicali.

Melomakaronagreek
Dopo la messa, le famiglie si riuniscono per il pranzo natalizio in cui vengono servite delle pietanze particolari come la tiropitakia, dei fagottini di pasta a filo ripieni di formaggio serviti come antipasto, la galopoula, tacchino farcito con castagne, uvetta di Corinzio e noci o mandorle, accompagnata da patate al forno, e il gourounopoulo psito, un porcellino arrosto in olio d’oliva e fatto cuocere a forno lento per circa 3 ore, e bagnato regolarmente col suo succo, acqua calda e succo di limone. Non può mancare il dolce tipico che è il melomacarona, a base di noci e sciroppo di miele. (QUI potete trovare la ricetta)

Passando alle tradizioni popolari diffuse in Grecia in occasione del Natale, è nota la leggenda dei Kallikantzaroi, delle creature mostruose che vivono gran parte dell’anno negli inferi e divorano l’albero che regge il centro della Terra. A Natale, però, la nascita di Gesù fa sì che quest’albero si rigeneri completamente. Per questo motivo si crede che il 25 dicembre i Kallikantzaroi escano dalle viscere della Terra per vendicarsi degli uomini, rimanendo sulla Terra fino al 6 gennaio, quando, grazie alla Benedizione delle Acque, vengono rispediti negli inferi.

natale greco benedizione acquaLa benedizione dell’acqua, che conclude le festività il 6 gennaio in occasione dell’Epifania (in greco ta fota), avviene gettandovi dentro una croce: in chiesa il sacerdote compie quest’atto nell’acquasantiera, ma è usanza farlo anche nei fiumi, lungo le coste e nei porti. Quando la croce cade in acqua, nei porti suonano le sirene delle navi e le chiese celebrano l’evento con continui rintocchi di campane mentre gruppi di ragazzi, a volte sfidando l’acqua gelida, fanno a gara per recuperare il crocifisso perché si crede che chi lo tocca per primo avrà una vita prosperosa durante l’anno. (nella foto a lato, il rito che si svolge nel porto di Trieste dove la comunità greco-ortodossa è assai numerosa e ha una propria chiesa, intitolata a San Nicolò, dove celebrare le funzioni)

[fonti: guidagrecia.net, www.storico.org, angiecafiero.it, www.grecia.cc e lastampa.it; immagini tratte dal web da siti vari, qualora coperte da copyright, si prega di contattarmi]

1 gennaio 2014

CAPODANNO 2014 NEL MONDO: LE FOTO PIÙ BELLE

Posted in buon anno, Capodanno tagged , , , , a 9:49 pm di marisamoles

foto capodanno indonesia
Vedendo le foto che immortalano l’arrivo del nuovo anno nel mondo, sembrerebbe quasi che la crisi sia di colpo finita. Ovunque fuochi d’artificio, bellissimi, colorati, magici.
Personalmente lo scatto che mi è piaciuto di più, nella gallery di Vanity Fair, è quello che ho postato sotto il titolo: si tratta di una foto scattata in Indonesia, a Surabaya (© Getty Images – cliccate sull’immagine per ingrandirla). Nessun effetto speciale, niente giochi pirotecnici. Solamente tre bimbi che sembrano guardare al nuovo anno con sorpresa, forse un po’ di perplessità ma anche con tanta fiducia.

Se volete vedere le altre fotografie, tutte belle e suggestive ma molto più “normali”, potete CLICCARE QUI.

Ancora un Felice 2014 a tutti.

30 dicembre 2013

LE TRADIZIONI DI CAPODANNO E BUON 2014 A TUTTI

Posted in auguri, buon anno, Capodanno tagged , , , a 2:39 pm di marisamoles

intimo rosso a capodanno

Perché ci si bacia sotto il vischio? Perché porta bene mangiare le lenticchie o 12 chicchi d’uva allo scoccare della mezzanotte? Perché è importante chi s’incontra uscendo di casa il primo dell’anno?

Capodanno è ricco di storia e tradizione. Fu Giulio Cesare a stabilire che l’anno iniziasse con il primo di gennaio. Prima gli antichi Romani seguivano il calendario di Numa Pompilio, secondo re di Roma, che prevedeva l’inizio dell’anno con il mese di marzo.
Il calendario giuliano fu istituito da Cesare nel 45 a.C. e riformato da Papa Gregorio XIII che lo adattò alla liturgia cattolica nel 1582. Non tutti gli Stati tuttavia si uniformarono al nuovo calendario. L’Italia fu, assieme alla Spagna e al Portogallo, fra i primi Paesi ad adottare il nuovo calendario gregoriano.

Il mese di gennaio deve il suo nome al dio Giano, detto bifronte. Infatti, era credenza comune che il dio potesse guardare il futuro e il passato. Lo stesso nome latino, Ianus, è messo in relazione con ianua, la porta. La città di Genova, secondo alcuni, trarrebbe il suo nome dal nome ianua: difatti i Romani la consideravano la porta dell’impero, trovandosi al confine con la provincia della Gallia.

Gli antichi Romani il primo di gennaio erano soliti invitare a pranzo gli amici e scambiarsi il dono di un vaso bianco con miele, datteri e fichi. Questi doni erano accompagnati da ramoscelli d’alloro chiamati strenne come augurio di fortuna e felicità. Il nome strenna deriva da un boschetto che si trovava sulla Via Sacra e dal quale venivano raccolti i rami di alloro. Questo luogo era consacrato alla dea Strenia, portatrice di fortuna e felicità.

Venendo alle tradizioni di Capodanno, la più conosciuta è senz’altro quella che vuole che due innamorati si bacino sotto un ramo di vischio.
Il vischio era una pianta sacra all’epoca dei Druidi che la usavano per i riti di purificazione. Poi i Celti attribuirono ad una bevanda particolare estratta da questa pianta la proprietà di combattere la sterilità. Per questo la tradizione vuole che baciare sotto un ramo di vischio la persona amata allo scoccare della mezzanotte, nel passaggio da un anno ad un altro, porti bene. Ovviamente dalla prolificità vera e propria si è passati a un augurio di prosperità generale.

Mangiare le lenticchie a mezzanotte si dice porti guadagno. Infatti, il legume con la sua forma rotonda e appiattita ricorda le monete, quindi ricchezza.
Una tradizione importata dalla Spagna prevede, invece, di mangiare dodici chicchi d’uva, uno per ciascun rintocco dell’orologio. A Madrid quello principale si trova a Puerta del Sol. In questo modo si inaugura il nuovo anno con la speranza di andare incontro a felicità e ricchezza.
Un’altra usanza ancora consiglia di mangiare dell’uva passa nel corso della notte di Capodanno per ottenere soldi in abbondanza nel nuovo anno.

Ma che notte di Capodanno sarebbe senza biancheria intima rossa? Questa sembra un’usanza moderna e invece anch’essa affonda le sue radici nel mondo antico. I Romani, infatti, indossavano abiti rossi come simbolo di sangue e guerra per allontanare la paura. Noi oggi usiamo gli slip rossi per affrontare con fiducia il nuovo anno.

E che dire degli incontri che si fanno uscendo di casa il primo dell’anno? La tradizione vuole che, come buon auspicio, una donna incontri per primo un uomo e viceversa. Lo stesso discorso vale per gli auguri che si scambiano allo scoccare della mezzanotte: prima si bacia un appartenete al sesso opposto.
Secondo la vox populi il massimo sarebbe incontrare un gobbo o un vecchio mentre di cattivo auspicio sarebbero un bambino e un prete.

Queste sono solo alcune delle tradizioni legate a Capodanno. Per altre curiosità CLICCATE QUA.

Ovviamente se conoscete altre usanze, tipiche della vostra regione, potete arricchire il post lasciando un commento.

Ed ora non mi resta che AUGURARE A TUTTI UNO SPLENDIDO ANNO

buon anno 2014

[immagine sotto il titolo da questo sito; scritta buon anno da questo sito]

28 ottobre 2010

LA FESTA DI HALLOWEEN È NATA IN EUROPA

Posted in auguri, Capodanno, tradizioni popolari tagged , , , , , , , , , a 10:28 am di marisamoles


La prima volta che ho sentito parlare di Halloween, lo confesso, è stato in occasione della visione del film “ET, l’extraterrestre”. Correva l’anno 1982 e il film di Spielberg fu un successo planetario. Chi non ha mai visto, almeno una volta, il simpatico, ma un po’ inquietante, omino alieno che con il suo dito storto indicava il cielo esclamando “telefono casa”? Piaceva ai grandi e ai più piccoli e credo abbia determinato il successo europeo della festa di Halloween.

Ora, i più tradizionalisti sono portati a pensare che sia una festa staccata dalle nostre tradizioni europee, in particolare da quelle latine. Una sorta di carnevalata fuori stagione, un’altra occasione, l’ennesima, per dare una mano al commercio. Quello che turba i più è il fatto che sia legata alla nostra religiosissima tradizione di Ognissanti: che c’azzecca, direbbe qualcuno, una festa in cui si celebrano tutti i Santi del Paradiso, con una mascherata, con i dolcetti e scherzetti e con le zucche simpaticamente intagliate e illuminate? Un’americanata, niente di più.

E invece la festa di Halloween ha origini antichissime ed è tutta europea. Risale addirittura ai Celti che la notte tra il 31 ottobre e il 1 novembre festeggiavano il …. Capodanno. Eh già, perché a fine ottobre, concluso il lavoro nei campi, i contadini si preparavano a passare l’inverno chiusi nelle loro capanne. Qual era il modo migliore per prepararsi ad un lungo periodo di clausura e di inattività? Quello di fare un po’ di bisboccia. Ma anche gli antichi Celti avevano i loro dei e qualsiasi festa doveva essere dedicata a qualcuno di loro. In questa occasione i riti erano tutti in onore di Samhain, il Signore della Morte e il Principe delle Tenebre. I Celti credevano che alla vigilia di ogni nuovo anno, cioè il 31 Ottobre, Samhain chiamasse a sé tutti gli spiriti dei morti, che vivevano in una landa di eterna giovinezza e felicità chiamata Tir nan Oge. In un certo senso, dunque, festeggiare questa divinità aveva lo scopo di scacciare la paura della morte e degli spiriti.

I Celti si riunivano nei boschi e sulle colline per la cerimonia dell’accensione del Fuoco Sacro e, vestiti con maschere grottesche, sacrificavano gli animali al dio Samhain. Per ritornare al villaggio nel buio della notte si facevano luce con delle lanterne costituite da cipolle intagliate al cui interno erano poste le braci del Fuoco Sacro.
In Irlanda si diffuse la tradizione di lasciare qualcosa da mangiare e del latte da bere fuori dalla porta, in modo che gli spiriti passando potessero rifocillarsi e decidessero di non fare degli scherzi agli abitanti della casa.

Detto questo, la domanda è: qual è il nesso tra questa festa in onore di un dio pagano e quella religiosa di Ognissanti? Il nome stesso può suggerire la risposta: in inglese Ognissanti si dice All Hallows’ Day; la vigilia del giorno di Ognissanti, cioè il 31 ottobre, si chiama All Hallow’ Eve. Queste parole si sono trasformate prima in Hallows’ Even, e da lì ad Halloween il passo è stato breve.
Va da sé, dunque, che la Chiesa ci abbia messo lo zampino, come ha fatto con altri riti pagani nati prima della diffusione del Cristianesimo. Non potendo combatterli, essendo ben radicati nelle popolazioni anglosassoni, li trasforma in feste religiose.

Ma un’altra domanda può sorgere spontanea: come mai allora la festa di Halloween è tradizionalmente legata alle usanze americane? Perché tra il 1845 e il 1850, a causa di una malattia che devastò le coltivazioni di patate, circa 700mila Irlandesi emigrarono in America, portando con sé le loro usanze, tra cui anche quella di festeggiare Halloween. L’abitudine di mascherarsi deriva probabilmente dall’usanza celtica di indossare pelli di animali e maschere mostruose durante i riti di Samhain e dell’accensione del Fuoco Sacro, per spaventare gli spiriti e tenerli lontani dai villaggi.
Anche la tradizione che vede i bambini americani – ma ormai anche quelli europei – andare casa per casa e bussare chiedendo “dolcetto o scherzetto?” (“Trick or treat? In Inglese), può essere spiegata con l’antica usanza celtica di lasciare cibo e latte fuori dalla porta, nella speranza di ingraziarsi gli spiriti ed evitare le loro malefatte.


E le zucche? Be’, gli Irlandesi emigrati in America scoprirono che si prestavano ottimamente per la costruzione delle tradizionali lanterne e sostituirono con le zucche le cipolle usate dai Celti. Quest’ultimi, d’altra parte, non potevano conoscere le zucche, essendo un ortaggio originario dell’America Centrale, in particolare del Messico. Quindi, la tradizionale Jack o’lantern, simbolo incontrastato di questa festa, è ricavata da una zucca solo da circa un secolo.

Dopo aver esposto brevemente la storia di questa festa, non mi resta che augurare A TUTTI

[LINK della fonte della notizia; fonte per le immagini]

1 gennaio 2009

A PROPOSITO DI SMS DI CAPODANNO

Posted in auguri, Capodanno, sms tagged , , , , a 10:49 pm di marisamoles

Ricordo i bei tempi in cui la mattina di Capodanno potevo dormire quanto volevo. Non mi alzavo mai prima di mezzogiorno e, del resto, nemmeno i miei visto che hanno sempre avuto la mania di fare tardi. Vigeva, allora, una regola ferrea: non telefonare per gli auguri prima di mezzogiorno.
Allora non c’erano i cellulari. Lo dico soprattutto per i più giovani che, essendo praticamente nati con il telefonino, forse pensano che sia sempre esistito. No, cari miei, e la vita era senz’altro migliore. In primo luogo gli auguri a Capodanno non te li facevano in tempo reale, rompendoti l’anima mentre stavi brindando, mangiando il panettone o guardando lo spettacolo pirotecnico in piazza. Non solo, ora se si vogliono mandare dei messaggi augurali, pochi minuti dopo mezzanotte le linee sono intasate e il disservizio inevitabilmente costringe la gente a perdere un bel po’ di tempo a tentare e ritentare, rinunciando a un altro bel pezzo di festa. E poi, visto che di solito le feste sono super rumorose, va a finire che uno, per telefonare o per rispondere alla chiamata, si allontana dal locale, magari se ne va fuori e, sperando di sbrigarsi in fretta, non si porta nemmeno dietro il cappotto, rischiando un bell’accidente, così, tanto per cominciare bene l’anno.

Quando non avevano ancora inventato il telefonino, non potendo raggiungere parenti e amici sul luogo dei festeggiamenti, allora si aspettava la mattina successiva per chiamare a casa. Ma, come dicevo all’inizio, si sperava che la zia ottantenne, che di sicuro non aveva festeggiato Capodanno fuori casa rientrando alle cinque di mattina, attendesse un’ora decente per telefonare.
Ora, in aggiunta alle tempestive chiamate sul cellulare allo scoccare della mezzanotte, ci sono gli SMS. È un bel sistema per comunicare e non si è nemmeno obbligati a rispondere subito: tanto chi scrive non può sapere se al momento dell’invio il cellulare è acceso o meno. Altro vantaggio dell’SMS è la discrezione: di solito il bip che annuncia l’arrivo del messaggio non è sonoramente insistente quanto lo squillo del telefono e, ciò vale almeno per me, non lo si sente se si ci si trova nel bel mezzo di una festa con tutto il frastuono che c’è. Inoltre, se si lascia il cellulare spento di notte, l’SMS sarà leggibile solo al mattino successivo, anche se inviato all’alba.

Ma veniamo al testo degli SMS. Normalmente ci si lancia in amenità del tipo “Auguri di un florido e sereno anno nuovo” oppure “Che l’anno nuovo ti porti felicità e denaro” ecc. ecc. Insomma, se la telefonata può essere informale e ridursi ad un semplice auguri, tanto più frettoloso quanto meno convenienti sono le tariffe del gestore scelto, un SMS, essendo scritto, deve essere un po’ più curato e un po’ meno prosaico. Può ovviamente essere spiritoso, anche se normalmente il massimo dell’ironia si raggiunge all’Epifania, sempre che il destinatario del messaggio sia una donna che viene carinamente definita “befana”.

Tornando al tema iniziale, cioè le dormite fino a mezzogiorno la mattina di Capodanno, devo ammettere che non riesco proprio a poltrire fino a quell’ora, anche perché non faccio tardissimo e finisce che anche a San Silvestro vado a letto alla stessa ora in cui sono solita infilarmi sotto il piumone. Così al mattino mi sveglio più o meno all’ora di sempre – verso le 6! – anche se mi impongo di rimanere a letto almeno un’oretta di più. Stamattina ho acceso il cellulare verso le 8 e 30 e, manco a dirlo, ho trovato un bel po’ di messaggi, tanto che l’icona con la bustina lampeggiava, segnalando l’intasamento della memoria del telefono. Ho letto gli SMS e quando sono arrivata all’ultimo, mi è sembrato subito un po’ strano. Iniziava così:

In questo momento 1456789 persone vorrebbero trombare, 450215 lo hanno appena finito, 354015 stanno ancora trombando … solo uno sta *mancano parti di testo*

L’ho riletto un paio di volte, anche perché senza occhiali non vedo un accidente e mi seccava alzarmi per andare a prenderli nello studio. In più devo dire che ero ancora un po’ addormentata: oltre a chiedermi cosa c’entrasse il riferimento all’atto definito con il verbo toscaneggiante, mi interrogavo, con una discreta curiosità, su cosa mai potesse fare una sola persona … mah! Ho, quindi, cominciato a cancellare un po’ di messaggi – la scelta, in questi casi, è molto difficile perché io agli SMS mi ci affeziono e ci sono quelli che non cancello mai, tipo il messaggino che mio marito mi ha inviato per l’anniversario quand’ero in Inghilterra un anno e mezzo fa – sperando di ricevere la parte mancante dell’SMS in questione. Ho atteso fino alle sette di sera! Ormai non ci pensavo proprio più a quell’uno che invece di trombare stava facendo qualche altra cosa. La scoperta, però, non mi è piaciuta molto. La parte omessa infatti recitava:guardando il suo cellulare … Buon anno

Ma perché, mi chiedo, non ho quel minimo di intuito che mi farebbe sembrare meno scema in situazioni come queste?

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, di temi originali e copiati, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: