23 aprile 2016

IL PRINCIPINO GEORGE E OBAMA

Posted in affari miei, bambini, famiglia, figli, web tagged , , , , , , , , , , , , a 12:13 pm di marisamoles

epa05273056 A handout picture made available by Kensington Palace on shows US President Barack Obama (C) and US First Lady Michelle Obama (back-C) meeting Price George (R) while his father Prince William the Duke of Cambridge (L) looks on at Kensington Palace, London, Britain, 22 April 2016. Obama is currently on a four-day state visit to Britain.  EPA/PETE SOUZA / PRESS ASSOCIATION / KENSINGTON PALACE / HANDOUT UK AND IRELAND OUT HANDOUT EDITORIAL USE ONLY/NO SALES

Chi mi segue sa che sono una fan di William, Kate e famiglia. Da quando sono nati i due eredi, George e Charlotte, la coppia reale pubblica regolarmente le fotografie della felice famiglia, esattamente come qualsiasi mamma e papà, orgogliosi dei figlioletti che crescono e si fanno sempre più belli.

La fotografia che ritrae il principino George che allunga la mano, in segno di saluto, al presidente USA Barack Obama, in visita a Kensington Palace (residenza ufficiale di William e Kate), è davvero speciale. Non opera dei soddisfatti genitori ma dei fotografi presenti nel salone del palazzo, autorizzati ad immortalare lo storico evento. La cosa che salta subito all’occhio è la mise di George: vestaglia da camera e pigiamino color pastello, abbigliamento tipico di chi sta per andare a nanna. Non senza aver salutato, da perfetto padrone di casa, l’illustre ospite.

Ora ci sarà sicuramente chi obietterà che i bambini “normali” di certo non indossano una vestaglia. Forse non tutti, ma i miei figli sì. Quand’erano piccoli, più o meno dell’età di George, avevo acquistato due splendide vestaglie scozzesi – una blu e una rossa – per evitare che prendessero freddo, d’inverno, in quel lasso di tempo che inevitabilmente passava dacché erano pronti per la nanna e il momento preciso in cui si decidevano davvero ad andare a letto.

La vestaglia rossa del più piccolo tornò utile anche quando, all’età di tre anni e mezzo, fu ricoverato in ospedale per l’intervento di asportazione di un’ernia inguinale congenita.
Ricordo ancora quando, al momento del pranzo, il giorno stesso del ricovero, il mio piccolo indossò la vestaglia per sedersi a tavola. Il tutto senza che io gli dicessi nulla. Quando arrivò l’inserviente con il pasto, lanciò un’occhiata esterrefatta e, commentando l’abbigliamento del bimbo, esclamò: “E chi è questo, un lord inglese?”.

Come si dice? La classe non è acqua. E anch’io, umile plebea, ho avuto i miei piccoli principi… in vestaglia e pigiamino.

[immagine da questo sito]

7 commenti »

  1. Alberto said,

    Per i piu’ “in là con l’ étà” tra noi, c’era anche il fatto che il riscaldamento – poco importa il ceto sociale – era quasi sempre insufficiente per assicurare una temperatura adatta ad andare in giro col semplice pigiamino , e quindi la vestaglia era una necessità. Al giorno d’oggi ( con buona pace dei “Verdi” ) i termosifoni dei condominii sono spesso “roventi” l’inverno. E se c’è una caldaia a condensazione, ecologica, o altro, ragione di più per tenere alto il termometro…

    Liked by 1 persona

  2. Un bambino delizioso

    Liked by 1 persona

  3. marisamoles said,

    @ Alberto

    Quando i miei figli erano piccoli (anni ’90) il riscaldamento c’era e faceva anche troppo caldo (l’inconveniente di quello condominiale). La vestaglia da camera aveva uno scopo, almeno secondo il mio punto di vista: se a letto ci vai in pigiama e poi stai al calduccio sotto la trapunta, girare per casa senza coprirti può essere poco conveniente, sempre che tu voglia evitare il raffreddore.🙂 Poi c’è un’altra mia mania: l’igiene. Il pigiama per me deve essere usato solo per andare sotto le coperte, ma se giri per casa e, nel caso dei bambini, ti rotoli per terra poi vai a letto “sporco” ed è poco igienico. Sono fissata, lo so. Pensa che ancora adesso urlo se sulla trapunta trovo portachiavi e portafoglio, senza contare il cellulare che, a detta degli esperti, contiene più batteri della tavoletta del wc.😯

    @ lilipi

    Decisamente incantevole. Si vede che è un bambino felice. Molte fotografie del papà William da piccolo lo ritraggono serio o addirittura imbronciato. Credo che in casa si respirasse parecchia tensione e certamente la principessa Diana ne ha fatto le spese.

    Mi piace

  4. cavaliereerrante said,

    Ciaaaaooooo bella @Marisa de’ Moles y Aragonas y Catija !!! 😀
    Posso dire la mia sul bel principino @George, a cui si inchina deferente perfino il Presidente USA @Obama ( eh … fra 100 anni, alla morte della bisnonna … @Lui sarà King of England ) ???
    Posso ???
    Alla mia maniera mucho spassyonata y mucho sincera ???
    Bene …
    Questo vispo principino, così come a suo tempo la Nonna materna, la triste, e un poco mignotta, @Lady Jane, ed ora i suoi principeschi, augusti @Genitori tutti insieme in un sol palpito …. come dire ???
    Ah … ecco :
    CI HA ROTTO LE PALLE !!!! 👿

    Mi piace

  5. marisamoles said,

    @ cavaliereerrante

    Libero di esprimere la tua opinione (poco elegantemente, a mio parere). Trovo comunque poco delicato e di cattivo gusto l’appellativo affibbiato a Lady Diana (Jane è un lapsus, spero). Avrà certamente avuto le sue colpe ma considera che il marito, principe Carlo, l’ha cornificata prima e durante le nozze, e una volta vedovo, ha pure sposato l’amante storica, nonché bruttona, Camilla. Che dire di lui?

    Mi piace

  6. espress451 said,

    Cara Marisa, non potevo che immaginare così i tuoi figlioli. Buon sangue, da vera lady quale tu naturalmente sei, non mente.
    Un abbraccio, Es.
    Ps: chi mi sembra davvero poco “cavaliere” e molto “errante” è quel tuo lettore che epiteta allegramente chi a tiro gli capita. Qualche freudiana proiezione?

    Liked by 1 persona

  7. marisamoles said,

    @ espress451

    Cara Ester,
    grazie per gli apprezzamenti su di me, che non lesini mai. Dei miei figli, almeno uno non sembra proprio aver preso lo stile della madre ma si sa, i giovani d’oggi sono molto indipendenti e a volte trasgressivi.

    Un abbraccio anche a te e buon pomeriggio.

    P.S. Il mio lettore ha scritto anche di peggio… un suo commento è ancora da moderare ma non credo che lo pubblicherò. Io cerco di essere democratica, di permettere libera espressione a tutti ma effettivamente certe persone danno il peggio di sé. Tra l’altro, almeno in questo caso, in modo del tutto insospettabile.

    Liked by 1 persona


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like@Rolling Stone

Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - Ogni cosa è illuminata

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

The Bright Side

Solo buone notizie e buone pratiche, da cui ripartire!

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

cucinaincontroluce

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

I media-mondo

La mutazione che vedo attorno a me. Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: