L’UOMO IN CASA: LA SPESA AL SUPERMERCATO

Questa è la quarta puntata de “L’uomo in casa”, tratta da un post vecchio che però rimane sempre attuale. Se la vostra dolce metà ama venire al supermercato con voi, spero sia un po’ meglio dell’esemplare preso in considerazione: mio marito.

Buona lettura!

L’uomo al supermercato.
A parte mio suocero, che non ha mai fatto la spesa né accompagnato sua moglie al supermercato, credo che oggigiorno quasi tutti gli uomini ogni tanto facciano la spesa o diano una mano alla propria compagna. In genere, l’uomo da supermercato è quello che spinge il carrello. Probabilmente le donne sono convinte che lo faccia per galanteria. In realtà il suo intento è un altro: dimostrare di essere lui padrone della situazione. Se solo provi, approfittando di un attimo di distrazione, a portarglielo via, t’insegue urlando e rivendicando il proprio diritto alla conduzione dello stesso. Talvolta l’operazione non riesce e l’uomo lo strappa letteralmente dalle mani alla sua compagna. Così succede che poi lui se ne vada per conto suo a girare fra gli scaffali mentre lei si carica di merce finché può e, arrancando, raggiunge il suo uomo – conduttore, scaraventando il carico nel carrello. Qualche volta capita che, essendo sparito il marito, si depositi la merce nel carrello altrui e te ne accorgi solo se lì ci trovi il cibo per gatti e tu il gatto non ce l’hai oppure una confezione di tampax di cui tu non hai più assolutamente bisogno.

Quando un uomo va a fare la spesa da solo è la fine: il 90% della merce acquistata è del tutto inutile e… fa ingrassare! Quando accompagna la moglie, scarica nel carrello quanto più dolci può: biscotti di ogni tipo, tavolette di cioccolata, merendine, barattoli di marmellata e di nutella … Con aria di trionfo poi ti guarda ed esclama: “sono per me, non per te; tu devi stare a dieta”.
Insomma, quando l’uomo accompagna la donna al supermercato sembra che sia in procinto di scoppiare la terza guerra mondiale. Peccato, però, che poi alla cassa, mentre lui è impegnato a stivare alla perfezione la merce nel carrello in previsione di riporla nei sacchetti che, regolarmente, dimentica in macchina, sia la donna a tirar fuori la carta di credito.

Annunci

14 thoughts on “L’UOMO IN CASA: LA SPESA AL SUPERMERCATO

  1. SONO La tua dolce metà (come ama descriversi il mio lui), da quando è pensionato lo lascio andare al supermercato DA SOLO…..si, anche lui, biscotti, noccioline, pistacchi,M&MS. cioccolattini.Non gradisco andare con lui, si ferma ad ogni scaffale, io so esattamente ciò che mi serve,perciò preparo una lista e parte fischiettando, al rientro fatica a camminare dal peso delle sporte, un sorriso che gli riempie il viso, così FELICE….posa la spesa sulla tavola della cucina e tira fuori soddisfatto i suoi aquisti, ovviamente il triplo di quello che avevo messo nella lista, si diverte a comprare gadgets tipo….taglierino per le uova sode, pela agrumi, colino per il thè, piccola friggitrice che non ho dove collocarla, macchina per caffè della Mokador, non ho dove metterla, uso la tradizionale MOKA. sbuccia ananas, (mai usato) spremi aglio.questo solo un piccolo elenco. Cosa posso dire? quando sì e vecchi sì diventa bambini, così si dice no? lui mi fa tanta tenerezza che non oso dire niente, sorrido perchè è felice così.Intanto cerco il posto per tutta la roba inutile che compra. Vorrei buttare invece lui aggiunge-

    Liked by 1 persona

  2. Non saprei, io e mia moglie siamo complementari, nel senso che lasciamo il carrello in un angolo e poi procediamo in opposte direzioni. Com’è come non è, dopo una mezz’oretta la spesa è quasi completa e non ci sono doppioni nel carrello. Mi pare ovvio che all’uscita il carrello lo porto io, dato che, oltre a essere più pesante, ha sicuramente una ruota bloccata o sghemba, e bisogna essere “uomini di polso” per riuscire a procedere senza zigzagare troppo verso la direzione desiderata. 😀
    Se ti va puoi leggere un breve divertissement intitolato “Le mani in tasca” che scrissi qualche anno fa su My3place, e che tratta proprio della spesa al supermercato.

    Ahoj
    Stelio 🙂

    Mi piace

  3. @ Raffaele

    Caro Raffaele, mi fa piacere sentirti in occasione di questi reblog! Quando pubblicai il primo post, scoprimmo che tu e mio marito siete “gemelli”, quindi non mi meraviglia il fatto che ti rispecchi in lui. Mi spiace un po’ per tua moglie… 🙂

    Buona estate. Un abbraccio.

    @ 3theperfectnumber

    My dear, mio marito ancora non è pensionato ma si comporta esattamente come il tuo. Sono seriamente preoccupata per il futuro.
    Il fatto, poi, di trovare il posto per tutte le cose inutili che acquista è un vero problema. A volte penso che noi in una casa non possiamo starci per più di 15 anni. 30 anni di matrimonio passati esattamente per la metà nella prima e per metà nell’attuale che ha una camera in più. A questo punto due possono essere le soluzioni: traslocare in una quadricamere oppure … cambiare marito. 😦

    @ Stelio

    Post gradevolissimo, letto tutto in un fiato.
    Provo un po’ d’invidia per l’organizzazione familiare. Al supermercato mio marito mi confonde così tanto – dato che soffro nel vedere il carrello pieno di cose inutili (dolci) e doppioni (ancora dolci … be’, qualcuno lo mangio anch’io!) – che alla fine dimentico sempre qualcosa. Senza contare che quando facciamo la spesa assieme (una volta alla settimana) giriamo ben tre supermercati. 😦

    Mi piace

  4. Mai mandare gli uomini da soli al supermercato! A casa mia é assolutamente da evitare perché altrimenti comprano di tutto e di più, nonostante abbiano magari una lista di prodotti da rispettare. C’è inoltre da dire che non fanno minimamente caso alle offerte e comprano l’articolo più caro del suo genere. Non conoscono la situazione delle scorte in frigorifero ed acquistano cose già presenti in casa. Un disastro insomma, concordo pienamente con te Marisa!

    Mi piace

  5. Mi pare di aver capito che sono tutti uguali… Io ne ho avuti tre, diversissimi l’uno dall’altro, ma al supermercato, questo vizio di andare avanti col carrello mentre io vago con le braccia cariche di roba ce l’avevano tutti.

    L’acquisto di roba inutile è un’attitudine invece solo di Attila, che non è mio marito, che non vive con me, ma compra tutti i gingilli che gli capitano sotto gli occhi, e li scarica regolarmente a casa mia: e perché non la sua?

    Mi piace

  6. Mah …. in cotanto pavoneggiarsi di femmine in fregola di mostrarsi ‘spesaiole modello’, non vorrei apparire il ‘Lorenzo de’ Medici’ dei supermercati e/o ipermercati !
    Purtuttavia, onestà m’ impone di dichiarare qui che, allorquando vado a fare la spesa da solo, osservo le seguenti regole :
    1) valutare i prezzi sulla merce che debbo comperare ;
    2) leggere attentamente a) la scadenza – b) la composizione del prodotto – c) la sua provenienza ;
    3) riflettere se, il prodotto stesso reputato necessario, sia effettivamente finito in casa, e, conseguentemente, se non sia il caso di rimandarne l’ acquisto in un altro giorno ;
    4) portarmi dietro “buste termiche” e/o “normali borse” ove mettere la merce acquistata, in modo da riportarla a casa in modo sicuro e ordinato, specialmente quella che necessita di basse temperature ;
    5) frequentare i mercati ortofrutticoli cittadini, scegliendo quelli di cui si abbia la certezza che le verdure e la frutta siano state coltivate proprio dal contadino ( o dalla contadina ) che cura la vendita al banco .
    Ora, pur ammettendo il fatto che alcuni uomini del tipo “farfallone goloso&pigliatutto” hanno il comportamento descritto nel post, posso anche dire che la maggior parte dei miei amici “maschi” che va al supermercato per dare una mano in casa, si comporta esattamente come me … e come me è adusa a confrontare i prezzi esposti dai vari supermercati, in modo da orientarsi verso il più economico, senza rinunciare alla “qualità/prezzo” ( oltre all’ effettiva necessità ) della merce da comprare e portare a casa, e meno che mai alle “cosiddette offerte del giorno” ! 🙂

    Liked by 2 people

  7. @ cavaliererrante

    Caro @Bruno, sei l’uomo perfetto! Ironia a parte, sono certa che molti uomini attualmente siano come te ma credo che ancora rappresentino l’eccezione alla regola.
    Io, invece, alle offerte non resisto, specie se si tratta di detersivi. Sono la mia passione! Ne faccio sempre scorta e spesso dimentico di averne da parte. 😦

    Mi piace

  8. @ Scrutatrice

    Come vedi (leggi commento di @cavaliere) ci sono le eccezioni. 🙂

    @ Diemme

    Non saperei dire perché Attila riempia la tua casa e non la sua. Azzardo: che voglia farti un dispetto? Ma se casa sua è più grande, perché non fate cambio? Almeno se decide di riempire la tua casa, c’è più spazio. 😉

    Mi piace

  9. Ironia ???
    Nel definirmi “l’ uomo perfetto” … temi che io colga unosea tua ironia ???
    Noooo … @Marisa mia, so che sei sincera, e che sinceramente senti nel cuore quel che scrivi, anche perchè sai benissimo che io :
    1) alla perfezione tendo con tutto me stesso, sia che stia insegnando a ragazzi svegli della Facoltà di Ingegneria l’ Analisi Matematica o, a giovani liceali, l’ amatissimo Greco Antico ( o il Latino …. o la Fisica Sperimentale ), sia che stia scegliendo la carota ( o l’ indivia ) più fresca sul banchetto ortofrutticolo, sia che stia lavando i piatti o ripiegando una camicia o rifacendo il letto, sia che stia restaurando un vecchio libro comperato al mercatino dell’ usato in condizioni pietose e volendo io riportarlo in vita . Nè mi frena la consapevolezza, “antica e salda”, che, la perfezione ( ammesso che esista nella realtà … ) IO NON LA RAGGIUNGERO’ MAI ;
    2) L’ essermi fatto @Cavaliereerrante “per vocazione & passione”, mi impone un romanticismo NON d’ accatto o di maniera, e verso le Donne un rispetto che data dal primo momento che cominciai ad usare la ragione …. e insieme ad essa il sentimento ;
    3) ed in sintesi, mi sforzo d’ essere “l’ uomo migliore per il migliore dei mondi possibili” …. trascinandomi dietro tutta la mia malinconia !
    Un abbraccio …
    @Bruno

    Mi piace

  10. @ Cavaliereerrante

    Il tono era ironico, appunto, perché la perfezione non esiste, come tu stesso ammetti. Ciò non toglie che tu sia una persona eccezionale che gode della mia ammirazione incondizionata. 🙂

    @ frz

    Sempre bistrattati … ma senza di noi come fareste? 😆

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...