22 settembre 2014

L’UOMO IN CASA: LE PULIZIE

Posted in donne, famiglia, Uomini e donne tagged , , , , , , , a 5:56 pm di marisamoles

lavori domestici Mi ero ripromessa, ai primi di giugno, di ripubblicare a puntate un post che era piaciuto molto e che aveva come argomento “gli uomini in casa”. Naturalmente me ne sono dimenticata, almeno fino ad oggi. Perché? Perché oggi ho iniziato a pulire la casa alle 7 e ho terminato alle 14, essendomi messa in testa di lavare le tende della camera da letto. Il problema non è lavare le tende. Mio marito, contrariato per aver dovuto preparare il pranzo e mettersi a tavola senza di me, come tutti gli uomini crede che lavare le tende significhi: tirarle giù, metterle in lavatrice e rimetterle su. Il procedimento in effetti è corretto. Le tende a pacchetto hanno il vantaggio di non dover essere stirate perché, se messe su bagnate, con il peso metallico alla base si stirano da sole. Le donne, però, sanno bene che non si lavano le tende senza pulire gli infissi (non solo i vetri!). Dato che tirandole giù si alza un bel polverone (almeno qui di polvere ce n’è a chili, pare impossibile ma appena finito di spolverare, è già di nuovo depositata sui mobili), si deve spolverare tutto e visto che ci siamo, spostiamo comò e comodini, diamo una bella pulita dietro … e come si fa a passare uno straccio e basta? Almeno una volta all’anno (le tende le lavo solo a fine estate, tranne le tendine dei bagni e della cucina che lavo ogni sei mesi) si dovrà pure lavare con acqua e detergente. E il lampadario? Visto che ci siamo e abbiamo la scala bell’e pronta, puliamo pure quello. E la porta? Massì, l’acqua (al terzo cambio!) è ancora pulita, laviamo per bene anche la porta. Insomma, quando mio marito è rientrato e mi ha trovata ancora in alto mare (più che altro in alto … sulla scala), mi ha guardata con l’aria di chi si sta chiedendo come mai per lavare le tende (che poi è la lavatrice a farlo!) si deve impiegare così tanto tempo. Che volete che vi dica? Uomini. Buona lettura! L’uomo e le pulizie.

Diciamolo subito: per l’uomo la casa è sempre pulita. La polvere non la vede o, se la vede, è convinto che, come per il fornello che non necessita di pulizia dato che si deve cucinare ogni giorno e lo si sporca di nuovo😦 , anche togliendola si depositerà subito quindi è inutile spolverare. Il pavimento è sempre pulito anche se in controluce si vede benissimo che c’è un dito di polvere, specie sotto il tavolo del soggiorno dove non si passa mai, e i “gatti” si rincorrono allegramente per tutta la casa, in particolar modo d’inverno quando si usano piumini e coperte. Se sfortunatamente i pavimenti sono coperti da tappeti, non solo l’uomo non nota i pelucchi che si sono formati sul tessuto, come fosse una specie di autoproduzione, tipo le foglie che crescono dalle piante, ma ritiene che sotto il tappeto non ci sia proprio nulla da pulire perché è il tappeto stesso che protegge il pavimento dal sozzume prodotto in superficie. Un luogo in cui nessun uomo entra per pulire, nemmeno mio padre che pure è diligente e segue le istruzioni di mia mamma, è il bagno. Avete presente quella vecchia pubblicità della colf che arriva in casa dei nuovi datori di lavoro armata di tavoletta profumata per il water dicendo: “Io arrivo presto, vado via presto e il water non lo lavo mai?”. Ecco: gli uomini devono aver ispirato gli autori di quello spot. E che dire del lavandino? Specie quando qualcuno sbadato preme malamente il tubetto del dentifricio, che va dappertutto meno che sullo spazzolino, o quando qualcuno si fa la barba e pulisce la testina del rasoio elettrico sbattocchiandola sul bordo o, cosa ancor peggiore, usa il rasoio tradizionale e sbattocchia il pennello con il sapone, sempre sul bordo, per eliminare quello in eccesso? Il lavandino tristemente deturpato da avanzi di ogni genere non necessita di essere lavato. Il discorso è sempre quello del fornello, purtroppo. E il pavimento del bagno? Chissà perché quando è un uomo a lavarsi le mani, lo si capisce subito dalla scia di gocce che lascia nel breve, brevissimo spazio che intercorre tra il lavandino e l’asciugamano. Non parliamo poi del bidet … E quando un uomo fa pipì, non ho mai capito il motivo per cui debba appoggiare una mano sulle piastrelle di fronte a lui, lasciando le impronte che solo noi donne vediamo. Ciò vale pure per le manate che lasciano sui vetri delle porte e delle finestre, essendo agli uomini sconosciuto l’uso delle maniglie. Insomma, tutto quello che un uomo sporca secondo lui non è necessario pulire. Quando un uomo vede una donna con lo straccio in mano, non sa dir altro che: “Ma sei proprio maniaca!”. Certo, se loro non sporcassero, noi non saremmo così maniache.

23 commenti »

  1. Rebecca Antolini said,

    Allora mi sono fortunata.. quando Gianni e in ferie o a casa mi da sempre una mano a pulire… lo fa anche con piacere… mi sembra questo dono e nella sua DNA anche suo papà era così😀

    Mi piace

  2. marisamoles said,

    Direi proprio di sì, sei fortunata!
    Mio marito, se gli chiedo una mano, me la dà pure ma non senza brontolare e poi continua a ripetere che sono esagerata. In realtà gli anni passano e mi rendo conto di non avere più i ritmi e le energie di un tempo.😦
    Hai detto bene: è questione di DNA … mio suocero non ha mai fatto nulla in casa.

    Liked by 1 persona

  3. Valentina said,

    Ci vuole fortuna a beccarne uno che capisce o che addirittura ti aiuta!

    Mi piace

  4. Monique said,

    Mi sembra di ricordare che hai ben 3 uomini in casa, ergo…ti consiglio di rilassarti😉

    Mi piace

  5. Come hai ragione! E non hai toccato il tasto dolente: l’uomo in cucina! Un disastro… Prende, tagliuzza, fa, cuoce, salta, condisce, usa tremila ciotole ed attrezzi e poi lascia tutto in pessime condizioni, offrendosi di ripulire solo quando lo sporco è ormai incrostato! E se noi puliamo prima… “Ah ma vedi che voi donne volete fare sempre tutto da sole senza farvi aiutare!”
    Un incubo -.-

    Liked by 1 persona

  6. Rebecca Antolini said,

    hahahahahahaha ecco centra la DNA … mi hai fatto ridere di cuore… dovresti ralentare e fare di meno magari lui si rende conto… e si sforza di aiutarti di più.. la DNA e modificabile😀

    Mi piace

  7. liù said,

    Pure io inizio solo per lavare le tende e poi faccio esattamente come te!
    Aiuto a mio marito non ne chiedo perchè si innervosisce facilmente e fa innervosire pure me ,per cui meglio sola a faticare che male accompagnata😉
    Buona serata Marisa
    liù

    Mi piace

  8. Alberto said,

    giusto un punto: le mani sulle piastrelle di fronte al water sono assolutamente necessarie e, del resto, segno di estrema sollecitudine, altrimenti impossibile “fare centro” (ok, sono necessarie ma non sempre sufficienti…)

    Liked by 1 persona

  9. Elena said,

    Qui il DNA non mente: mia suocera non fa nulla, esattamente come il figlio!!!!

    Liked by 1 persona

  10. 3theperfectnumber said,

    Poco divertente….sulla soglia di 70 anni gradirei una mano, almeno per i vetri della terrazza …che fatica, odio lavare i vetri, odio anche vederli sporchi, il commento è sempre, “si, dopo”. tutto vero quello che dici, ormai ho rinunciato, faccio da sola come ho sempre fatto.Troppo tardi per educarlo, credo che le giovani donne sìano più furbe/brave/ intelligente, NON MOLLATE, EDUCATE I VS UOMINI a dare una mano, la casa sì vive in due.Educate anche figli e figlie.Non avranno sempre la mamma su cui contare.

    Liked by 1 persona

  11. marisamoles said,

    @ Scrutatrice

    Come non ho toccato il tasto cucina? Era una parte dell’articolo originale ed è stata la prima puntata della pubblicazione “a spezzoni”. Hai pure commentato.😉

    Liked by 1 persona

  12. Erik said,

    ma lo sai chi è la colpevole di tutto ciò???

    una donna!!!

    la mamma!!!!

    specie quelle derise e fuori moda di un tempo, che faceva tutto senza lamentarsi e senza chiedere aiuto all’uomo di turno che per altro avrebbe trovato una scusa per non darlo…o qualsiasi altra ragione di sorte..

    tranne rari casi tutto torna all’origine…

    cioè che nonostante quello che hai scritto corrisponda al 90% a verità, la colpa è in ogni caso di una donna….

    noi poveri piccoli maschietti unicellulari siamo cresciuti con wonder woman in casa e non ce ne siamo mai accorti, ecco che da adulti non riusciamo a capire…
    🙂 con il sorriso e un pò di ironia🙂 ho scoperto che esistono delle cose che non vivono di auto-manutenzione che si chiamano “infissi”….🙂 esseri inferiori!!! (gli infissi eh)

    Liked by 1 persona

  13. marisamoles said,

    @ Valentina

    Io non ne ho avuta, speriamo bene per te.😉

    @ Monique

    Sì, 3 e viziatissimi. Come ben dice Eric, è sempre e comunque colpa di una donna.😦

    @ Rebecca Antolini

    Io ho rallentato molto, in effetti. Un tempo ero molto più maniaca. La cosa che però mi dà più fastidio è che, per mettere in ordine il loro (di mio marito e i 2 figli) casino, sto il doppio di tempo e mi stanco ancora prima di iniziare a pulire.😦

    @ liù

    A me innervosisce il fatto che, se mio marito mi aiuta, critica sempre. Dovrebbe vivere con mia mamma che, mentre mio papà lavora (specie in cucina), fa il supervisore e dice come avrebbe fatto lei. Ma non fa.🙂

    Buona serata a te.

    @ Alberto

    … necessarie ma non sempre sufficienti … effettivamente.😀

    Però i miei figli li ho educati bene: fanno pipì seduti. Infatti il loro bagno è sempre più pulito del nostro, mio e di mio marito, eppure uno solo fa pipì in piedi.😆

    @ Elena

    Penso che bisognerebbe frequentare di più le suocere prima di sposarsi.🙂

    @ 3theperfectnumber

    Cara Rita,
    è proprio vero che bisognerebbe educarli. Anche se mio fratello, che pure ha visto mio papà fare di tutto in casa, non fa quasi nulla, specialmente in cucina. Sa fare impianti elettrici (sempre stata la sua passione anche se di lavoro fa tutt’altro), si diletta nella falegnameria, s’improvvisa idraulico ma di fare le pulizie non ci pensa nemmeno. E ha una figlia 30enne che in casa non muove un dito. Si vede che il DNA funziona quando gli pare.🙂

    @ Erik

    Hai perfettamente ragione! Però un po’ è anche questione di indole. Il mio secondogenito che convive con la morosa nei we (stanno a 100 km di distanza), è bravissimo a fare tutto in casa, pulizie comprese. Ma non è in grado di tenere in ordine la sua camera in casa nostra … Il primogenito non fa nulla, è servito e riverito ed io onestamente non so che cosa dirà mia nuora, quando e se si sposerà.😦

    Più che infissi, forse era meglio dire “serramenti”, ma penso che il concetto fosse chiaro. Io non lo so perché quando avevo una signora che mi aiutava a fare i lavori di casa, se le dicevo di pulire i vetri, puliva solo quelli. Gli infissi/serramenti li lavo solo io! A me pare logico che, a meno che non si puliscano ogni settimana (non è il mio caso, te l’assicuro), si dice “vetri” e s’intende “finestre” nella loro completezza (cassone dell’avvolgibile compreso, possibilmente).

    Liked by 1 persona

  14. Valentina said,

    Guarda, mi sa che ci casca bene, perché io purtroppo sono maniaca dell’ordine e della pulizia e non voglio che altri facciano le cose al posto mio, dato che preferisco farle io col mio metodo senza essere intralciata. Ne parlavamo giusto oggi pomeriggio: io adoro cucinare, mi piace lavare i piatti e tutto quel che riguarda lavare, stendere e piegare la biancheria. Ecco, le pulizie dei pavimenti o dei bagni no, quelle proprio no, quindi si deve adattare. Ma non è tipo da rifiutarsi categoricamente o fare il finto tonto se gli dico che non voglio fare una cosa😆

    Mi piace

  15. Erik said,

    sugli infissi voleva solo essere una “battuta” per dire… si puliscono anche quelli?? ma solo per rafforzare la tua tesi… non volevo di certo esser puntiglioso sul nome….🙂

    sull’indole credo tu abbia ragione… per assurdo, io cerco di aiutare mia moglie e le chiedo se posso darle una mano perchè sono entrambe cose che non ho mai visto e sentito fare a mio padre, e giudicandola come una cosa ingiusta cerco di essere una persona migliore.. e lo stesso concetto intendo provare a tramandarlo ai miei figli…

    quando abbiamo iniziato a convivere ho scoperto di quanto sia faticoso pulire tutti i vetri di casa, e da li ho rivisto un sacco di posizioni che fino a quel momento non avevo preso in considerazione e mi sono imposto la strada da seguire… pensando fosse più corretta… in effetti i lavori da fare in casa sono moltissimi e molti sono anche piuttosto faticosi, in due si fa la metà della fatica e si risparmia anche un pò di tempo… anche se a volte credo che essendo io lento per natura, il tempo risparmiato è forse irrisorio🙂

    Mi piace

  16. Diemme said,

    Quello che mi scora degli uomini (ma non solo loro…) è che non vedono. Non fanno, è vero, ma il fatto di non fare non è dovuto solo a pigrizia, indolenza, parassitismo nei confronti della donna… è che proprio non vedono, non lo sanno quello che c’è da fare!

    Se hanno fatto un qualsiasi lavoro sul tavolo di cucina, magari di falegnamenri e hanno lasciato tutto sporco di colla, segatura, etc, etc, (te lo sogni che mettano un foglio di giornale od altro sul tavolo per proteggerlo!) e tu chiedi loro di apparecchiare, mettono semplicemente i piatti sul tavolo, punto. Se gli dici che devono prima pulire, magari lo fanno pure, MA GLIELO DEVI DIRE, e a me questa cosa manda ai matti!

    Mi piace

  17. lilipi said,

    Dato che anche la donna lavora fuori casa, collaborare nelle faccende domestiche dovrebbe essere scontato. Ma forse, grazie alle mamme(e alle mogli!) vecchio stampo, è impensabile per gli uomini che hanno passato una certa età. Speriamo bene per le nuove generazioni! Ma mi pare che con queste il problema sia diverso:neanche le ragazze sono disponibili a fare le faccende di casa. Ci sono solo due possibilità: o colf efficienti, o sporcizia massima, col ritorno di malattie che si credevano sconfitte.Comunque, al momento, si dovrebbe almeno esigere che ogni componente della famiglia tenga almeno in ordine le proprie cose e non lasci caos negli ambienti dove passa , in particolare il bagno.

    Mi piace

  18. ili6 said,

    Solidale al 100% !
    Oggi, un sabato di sole e di vacanza lavorativa, sono più stanca di ieri e anche non soddisfatta perchè ho concluso poco, partendo appunto dalla camera da letto alle ore 9.00. Risultato: una camera pulizia profonda, un bagno e un’altra camera pulizia ordinaria. il resto mi sta aspettando (Domani??). Il marito? Mi annuncia che abbiamo un ospite a pranzo, arriva, completa di apparecchiare e mangia tutto ciò che è già pronto in attesa del primo piatto.
    Bel post. Siamo tuttE sulla stessa barca…
    Marirò

    Mi piace

  19. marisamoles said,

    @ Valentina

    Anch’io la pensavo come te e vedi cos’ho ottenuto? Un marito che non mi dà una mano, se non in casi eccezionali e se il suo aiuto è debitamente richiesto preferibilmente con preavviso di qualche giorno, perché pensa che preferisca fare da sola con il mio metodo e senza nessuno che mi intralci.😦

    Pensaci perché prima o poi su queste cose si cambia idea, specialmente quando la famiglia si allarga.

    @ Erik

    Da come parli, mi sembri proprio un uomo da sposare … se non lo fossi già.🙂

    @ Diemme

    Guarda, mio marito avrà mille difetti ma quando lavora cerca di non sporcare. Mette fogli di giornale anche sul pavimento del terrazzo quando traffica con le piante, cambia i vasi … quello è un suo compito esclusivo, io proprio non ci ho mai provato. E poi pulisce, magari non alla perfezione però lo fa.
    Insomma, devo pure riabilitarlo, visto che, quando parlo di lui, critico sempre.🙂

    @ lilipi

    Sulle ragazze che non danno una mano, ti devo dare ragione. Spesso, avendo due maschi, mi confronto con colleghe ed amiche che hanno figlie femmine. Ce n’è una che mi ha detto che il maschio è più disponibile delle femmine.😦
    E’ vero comunque, e lo ribadisco, che siamo noi mamme a sbagliare. Personalmente credo sia questione di tempo: ce n’è poco e cerchiamo di utilizzarlo al meglio. Se devo insegnare a pulire, ce ne vuole il doppio e poi dovrei comunque rimanere là a vedere cosa fanno e come lo fanno. Anche per la cura delle proprie cose, ad esempio, io sbraito perché non voglio vedere maglie e pantaloni ammucchiati ovunque in camera e lavo esclusivamente quello che trovo nel cesto della roba sporca. Ma arriva sempre il giorno (una volta al mese, più o meno) in cui esasperata dal caos, metto io in ordine e poi devo pure fare tre o quattro lavatrici in un giorno.😦

    ili6

    Cara Marirò, come ti capisco! Io normalmente faccio le pulizie il lunedì che è il mio giorno libero, ma visto che durante l’estate non avevo voglia di nulla e non ho fatto quelle che una volta si chiamavano “pulizie di Pasqua” (a volte io le faccio a Natale …) e che immancabilmente slittano alle vacanze estive, ora mi trovo a lavorare 7 ore il lunedì e, per avvantaggiarmi, pulisco anche la domenica mattina (oggi 5 ore, compreso lo stiro). Domani pomeriggio sarò ko e avrò comunque quell’orribile sensazione di non aver concluso nulla.😦

    Buona domenica .. per quel che resta.🙂

    Mi piace

  20. nonseinegato said,

    Ma non siamo tutti così🙂 Io sono un maniaco della pulizia e in cucina me la cavo bene, mentre quando si tratta di mettere le mani sul motore della macchina o su qualche elettrodomestico lascio sempre fare a mia moglie, che se la cava assai meglio di me. I miei genitori lavoravano entrambi e tornavano a casa a pomeriggio inoltrato, per cui noi figli siamo diventati autonomi, anche in cucina, per necessità.
    Purtroppo molti uomini, miei coetanei e non, sono stati abituati ad essere serviti e riveriti dalla mamma, che puliva quando sporcavano, riordinava le loro cose, rifaceva il loro letto eccetera; una volta lo si faceva solo con i figli maschi mentre oggi molti genitori lo fanno con i figli di entrambi i sessi, per par condicio…
    Buona serata!

    Mi piace

  21. marisamoles said,

    @ nonseinegato

    Che dire? Sei un uomo fortunato ad avere una moglie che sa mettere le mani sul motore della macchina (io non so nemmeno cambiare una gomma😦 )e su qualche elettrodomestico. Ed è fortunata lei ad avere un marito maniaco della pulizia e che se la cava in cucina.
    Hai ragione sui figli: è colpa nostra, delle mamme dico. Io non ho quasi mai fatto nulla in casa ma è anche vero che mi sono sposata molto giovane. Oggi le ragazze stanno a casa dei genitori molto più a lungo e poi, come ben dici, se si lavora in due bisogna collaborare. Forse le prossime generazioni saranno migliori da questo punto di vista.

    Buona serata a te.

    Mi piace

  22. nonseinegato said,

    Cara Marisa, neppure io so cambiare una gomma😀
    Anche se le mamme hanno una maggiore tendenza a a fare da cameriere ai figli, anche i padri hanno le loro colpe, sia perchè non danno il buon esempio sia perchè non esigono che i figli facciano la loro parte in casa.
    Speriamo bene per il futuro!
    Buona serata

    Mi piace

  23. marisamoles said,

    @ nonseinegato

    Vabbè, dai, nessuno è perfetto.😉

    Liked by 1 persona


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like@Rolling Stone

Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - Ogni cosa è illuminata

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

The Bright Side

Solo buone notizie e buone pratiche, da cui ripartire!

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

cucinaincontroluce

Le idee migliori sono proprietà di tutti (Seneca)

I media-mondo

La mutazione che vedo attorno a me. Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: