9 giugno 2014

L’UOMO IN CUCINA: SI SALVI CHI PUÒ

Posted in affari miei, matrimonio, Uomini e donne tagged , , , , , , a 6:07 pm di marisamoles


Cari amici (e lettori occasionali), in questo periodo sto trascurando il blog (dovrei dire i blog, compreso quello di cui pochi sanno che è in attesa dell’estate 😉 ). Non sono a corto di idee, anzi. Nella mia testa ne frullano molte. Il tempo è poco, considerato che alla fine delle lezioni ci sono un sacco di cose burocratiche da sbrigare e le 24 ore della giornata mi stanno decisamente strette.

Pensa che ti ripensa, ho ricordato l’invito rivoltomi tempo fa dall’amica Diemme: quello di ripubblicare a puntate un vecchio post sugli uomini in casa. Probabilmente la maggior parte di voi lettori abituali lo conosce già, ma ci sono sempre i recenti “acquisti” che ne ignorano l’esistenza.

Ecco quindi la prima puntata: L’UOMO IN CUCINA.

Premetto che si tratta di un post ironico, basato esclusivamente sulla mia esperienza, che non ha alcuna presunzione di essere un trattato scientifico né di dire cose universalmente valide. Lo sottolineo perché allora qualcuno si è offeso …

L’intento è, dunque, quello di farsi due risate (sempre che ci riesca a suscitarle ma i riscontri allora sono stati più che buoni) in questa tarda primavera che sembra più estate avanzata, con i 33 gradi che il termometro esterno segna, e i 29 e mezzo interni … non vi dico che allegria lavorare davanti al pc!

Non mi resta che augurarvi una buona lettura … o rilettura, naturalmente.
Per chi proprio non ce la fa ad attendere le altre puntate – ovviamente chi non ha letto il post intero pubblicato qualche anno fa), può continuare a leggere QUI.

statuine-sposi
PREMESSA

Gli uomini in casa? Che palle! Certi uomini, non tutti, a vederli girar per casa, ti fanno venire due palle così anche se non le hai, altri, invece, sanno essere disponibili a darti una mano cosicché li perdoni quando, per caso, le palle te le fanno girare lo stesso.

Detto questo, si sarà capito che ho esperienza di entrambi i generi. Esperienza diretta, intendo. E posso fare dei confronti molto esemplificativi prendendo in esame il comportamento degli uomini che fanno parte della mia famiglia, parenti diretti e acquisiti, giovani e vecchi.
Prima di tutto bisogna dire che c’è sempre un uomo che si propone come esempio, giusto o sbagliato che sia, e qualche altro che lo emula, nel bene e nel male. Poi ci sono le donne: quelle sanno esattamente come raddrizzare gli uomini nel caso in cui non si comportino a dovere. Ma è anche vero che c’è qualche uomo che se ne frega del buon intento della donna in questione, anche se i modi magari possono apparire un po’ bruschi ma lo scopo è quasi umanitario. Quello è il genere uomo-che-non-si-piega-fossi-matto-manco-per-sogno-che-hai-ragione-tu. E questa è la specie peggiore perché difficilmente addomesticabile. Che si fa allora? Quello che non si dovrebbe fare con gli amici animali d’estate: li si abbandona. Sempre che, presa da un rimorso improvviso o dominata, a sua volta, da un opportunismo incontrollabile del tipo me-lo-tengo-così-com’è-tanto-c’è-di-peggio, la donna in questione non rinunci ad addomesticare il suo uomo. Probabilmente se ne pentirà per tutto il resto della vita.

Prima di elencare i pregi e difetti degli uomini in casa, mi faccio una domanda: perché una donna in casa trova sempre qualcosa da fare e l’uomo no? Perché una donna gira come una trottola cercando di sbrigare le faccende domestiche o anche di portarsi un po’ avanti con il lavoro, mentre l’uomo vive in simbiosi con il telecomando della TV, stravaccato sul divano, oppure si fionda davanti al pc a cazzeggiare? La risposta è: non l’ho mai capito. Però bisogna dire che certi uomini, anche se hanno la tendenza a non fare nulla, se correttamente sollecitati, rinunciano a cazzeggiare e danno una mano. In questo caso, la differenza fra un uomo e una donna è che il primo ha bisogno di istruzioni, la seconda no. E non si tratta per nulla di un particolare insignificante.

L’UOMO IN CUCINA.
Se per caso qualcuna ha la fortuna di avere un marito disponibile a preparare qualche manicaretto, o semplicemente a cucinare il rancio quotidiano, allora sa perfettamente che l’uomo-cuoco non sa fare nulla autonomamente: lui ha sempre bisogno di un aiuto cuoco e di una sguattera che gli corre dietro con lo straccio per evitare che la cucina diventi una sorta di palude o un campo di battaglia con tanto di cadaveri abbandonati sul terreno. La donna-cuoca, invece, fa tutto da sola: prepara gli ingredienti che le servono, tagliando, sminuzzando, sbucciando, battendo, aprendo e più verbi si elencano più si rende l’idea, cucina, senza aver bisogno che nessuno le passi la padella o il sale o le spezie o l’olio e via dicendo. Poi, dopo aver cucinato e servito a tavola –quindi fa anche la cameriera-, pulisce la cucina e carica la lavastoviglie, se ce l’ha, altrimenti lava i piatti a mano.
L’uomo, invece, che fa? Se cucina ha bisogno sempre di una mano, non serve a tavola, tantomeno pulisce. Ricordo che tanti anni fa, quando ero in attesa del secondogenito e dovevo stare a riposo, mio marito lavava i piatti ma mai il fornello. Avendoglielo fatto notare, mi fu riposto: “se domani si deve cucinare di nuovo a che serve pulire oggi?” Poi non stupiamoci che qualche fornello che viene esibito negli spot che pubblicizzano gli spray supersgrassanti sia in condizioni pietose: vi avrà di certo cucinato un uomo per settimane senza mai pulire.

Mio marito cucina solo quando non ci sono oppure ho 38 di febbre … se ho 37 e mezzo e mi vede girar per casa pensa che io stia bene (in realtà sto già malissimo visto che la mia temperatura normale si aggira sui 35 e 8). Quando cucina, sporca dappertutto e se a casa ci sono i figli, li arruola subito. Loro sbuffano ma gli danno una mano, ovvero lo aiuta perlopiù il secondogenito perché il primo figlio deve aver preso tutto da suo nonno paterno.

Mio suocero era un buon uomo, molto generoso, mi voleva bene come ad una figlia, spesso mi invitava al ristorante ma in casa non sapeva fare assolutamente nulla. Lui si vantava di non saper mettere sul fuoco nemmeno la caffettiera –preventivamente preparata da qualcun altro-, non sapeva nemmeno dove si trovassero i piatti e i bicchieri. Lui in casa non ha mai fatto nulla e quando gli facevamo notare che avrebbe potuto imparare a far qualcosa, per non dipendere dalle sue “donne” (leggi badanti), rispondeva che i soldi per andare al bar a bere il caffè e al ristorante per cenare non gli mancavano.
La colpa non era tutta sua, naturalmente.
Mia suocera era una santa donna, ma ha sbagliato a viziare a questo modo suo marito. Era, però, una donna d’altri tempi: lasciò il lavoro non appena messa al mondo la prima figlia e dedicarsi alla famiglia fu l’unica occupazione che svolse finché ne ebbe le forze.
Ma le donne ora lavorano quasi tutte –al sud un po’ meno perché gli uomini evidentemente sono come mio suocero- e hanno bisogno di aiuto, così gli uomini s’ingegnano anche se, come dicevo, devono essere debitamente istruiti. Io mio marito l’ho istruito benino, ma mai come mia mamma ha fatto con mio papà.

Mio papà, per iniziare, è un bravo cuoco. Rimasto orfano di padre da bambino, stava sempre attaccato alla gonna di mia nonna e guardandola ha imparato a cucinare. Lui, nonostante mia mamma brontoli lo stesso, non ha bisogno di aiuto cuochi né di sguattere: la cucina è il suo regno, quindi sa esattamente dove trovare le stoviglie che gli servono, e, una volta cucinato, mette tutto a posto e pulisce. Sa caricare la lavastoviglie, anche se non c’è nessuno che lo fa meglio di mia madre, e, se necessario, lava tutte le pentole a mano.

Mio figlio minore ha ereditato da mio padre la passione per la cucina: s’inventa pietanze strane, guarda, quando può, “La prova del cuoco” e prende degli spunti, ha estro e non si perde mai d’animo, nemmeno quando il frigorifero è semivuoto. Lui in cucina mi sostituisce a meraviglia e, se me ne devo andar via per qualche giorno, posso stare tranquilla. Dipendesse da suo fratello, si mangerebbero solo kebab e BigMc. Il mio “piccolo”, però, una cosa da suo padre l’ha presa: non lava il fornello. Anche lui è convinto che sia fatica sprecata.

[to be continued; immagine sposi da questo sito]

Annunci

12 commenti »

  1. Ma che grandiosa idea hai avuto a rispolverare questo post! Ricordo che mia mamma me ne aveva parlato a suo tempo, prima che io ti leggessi come blogger. Lei infatti ti seguiva già da un po’ 🙂 E ricordo che mi disse quanto si ritrovasse in quello che avevi scritto, visto che anche l’uomo di casa si attiva solo se “sollecitato” ed in cucina, sì, è il maestro, ma fosse per lui l’ordine non esisterebbe!

    P. S. Anche qui il caldo è arrivato a livelli allucinanti. Oggi 33 gradi esterni e 28.6 in casa. Intollerabile!

    Mi piace

  2. vagoneidiota said,

    Come pensare di perdere questa scrittura?

    Mi piace

  3. Diemme said,

    La cucina è l’unica grande dote di Attila. E’ un cuoco fantasioso, portentoso, abile. Peccato che dopo che in cucina ci è passato lui tocchi bonificarla, rimbiancarla, ristrutturarla, etc. etc. etc.

    Devo dire che mentre cucina è totalmente isterico, urla, impreca, pure se cucina un uovo al tegamino (sempre disastrando la nostra cucina e credo pure quelle in colonna sopra e sotto) ha sempra l’aria dell’artista folle cui non bisogna turbare l’ispirazione.

    Comunque, diciamo che la cucina è il suo -unico- lato buono. 🙂

    Mi piace

  4. Valentina said,

    Ahahahahah mio padre a casa ogni tanto cucina, ma lascia la cucina peggio di un campo di battaglia, così gli andiamo dietro cercando di pulire il possibile. Il mio ragazzo invece è bravo e non sporca, e di recente abbiamo scoperto che gli piace pure cucinare per me *-*

    Liked by 1 persona

  5. Rileggo tanto tanto volentieri questo post….è rassicurante, non sono sola con un marito, divano, TV, telecomando alla mano. Me -lo-tengo- così com’è ecc—–dopo 49 anni insieme, dove lo mando? Uomo che non si piega a compromessi domestici, aggiungo una nota positiva, ama cucinare il pesce, da quando è in pensione passa dalla pescheria a comprare “due pesciolini”, così li chiama lui, per almeno 10 persone, mi metto al telefono per trovare amici volontari per la consumazione di spaghetti allo scoglio, fritture, spiedini, …..pulire la cucina? scherziamo vero!! io il pesce non lo mangio, però è tanto bello sedersi a tavola con i nostri amici.

    Mi piace

  6. maryonn said,

    Non ho nessun problema, nel senso che mio marito è negato per la cucina e mi sta bene così. Sono vegana ormai da più di due anni e mi piace cucinare, mio marito è diventato vegano con me tutto contento al pensiero che non avrei cucinato più il pollo che lui odiava. Mangia soddisfatto tutto quello che faccio e poi mette in lavastoviglie e sparecchia, ci dividiamo i compiti così. In questo modo andiamo d’amore e d’accordo da 31 anni. Meglio di così!

    Mi piace

  7. Cle said,

    Ah ecco… ricordavo di averlo già letto!
    Anche tu hai ceduto quiondi al “The Best of”!
    Al di la dello stratagemma slavatempo è bello rispolverare vecchi post, specie se ben riusciti come questo, a giovamento dei nuovi lettori!
    Proprio ieri pensavo che è tempo di far uscire anche sul mio blog un altro greatest hit!
    😀
    Buon aserata cara Marisa.
    BAci

    Mi piace

  8. frz40 said,

    Letto a suo tempo. Sempre simpatico.

    Mi piace

  9. tachimio said,

    Troppo forte ma soprattutto quanto vero. Mio padre amava molto cucinare e ricordo che sceglieva anche le pentole. In compenso mio marito non sa cucinare ma sa lavare ,se serve, e mettere a posto la cucina anche se un piccolo difetto nel pulire ce l’ha: quando risciacqua l’acqua schizza un pò dovunque. Mio figlio non cucina ma adora mangiare. Da piccolo seguiva il nonno ma poi ha perso un’abitudine che anche mio suocero aveva, e ti dirò vedere in cucina questi nonni all’opera non era niente male. Un abbraccio cara Marisa. Isabella

    Mi piace

  10. laurin42 said,

    Posso essere un pò cattivella?
    I maschietti in cucina e non solo sono il risultato delle credenze comuni che si tramandano da madre in figlia…ruoli consolidati e ben distinti per i maschietti e le femminucce danno l’esempio per le future famiglie…
    Con due fratelli maschi ho sempre preteso una rotazione paritaria in ogni aiuto in famiglia. Le mie cognate ringraziano.
    ( ho due figlie femmine e mio marito è un grande cuoco e riordina tutto perfettamente)
    Brillante come al solito, cara Marisa!
    Love
    L

    Mi piace

  11. Stelio said,

    In un testo di Guy de Maupassant dedicato ai domestici, ovvero come evitare di ammazzarsi di lavoro, egli consigliava loro di non stare troppo a pulire i coltelli, tanto si sarebbero puliti automaticamente tagliando del pane. 😉

    Mi piace

  12. marisamoles said,

    @ Scrutatrice

    Ecco qui l’inizio di una bella amicizia. 😉

    @ vagoneidiota

    In che senso? 🙄

    @ Diemme

    Vedi che in fondo in fondo qualcosa di buono lo si trova in tutti? Molto in fondo …

    @ Valentina

    Che ragazza fortunata! 😉

    @ 3theperfectnumber

    Diciamo che cucinare il pesce è una dote prevalentemente maschile (almeno nella mia cerchia di amicizie e parentela). Se poi pretendiamo anche che puliscano, è pretendere troppo davvero. 🙂

    @ Cle

    Ci sono dei post cui ci affeziona e rispolverarli fa piacere anche a chi li ha già letti. Questo poi era decisamente lungo e l’idea di ripubblicarlo a puntate effettivamente non è male. Presto arriva la seconda …

    @ frz

    Come dimenticare il tuo ruolo fondamentale di “musa” ispiratrice … 😆

    @ tachimio

    Forse le nuove generazioni – dato che si sposano o vanno a convivere tardi e molte volte ritornano single- riprenderanno le antiche usanze dei nonni. Per pura sopravvivenza, a meno che non vogliano stare a casa di mamma e papà fino a 40 anni o ritornarvi anche più tardi. 😦

    @ laurin42

    Tu non sei mai cattivella, le tue osservazioni sono sempre vere e condivisibili. Ahimè, credo di non essere una buona madre in questo senso, piuttosto che facciano casino in cucina, preferisco fare io. Poi, come ho detto, il secondogenito si diletta un po’ ma non tanto per dare una mano a me quanto perché ha già sperimentato una semiconvivenza – nei we più che altro – e le ragazze d’oggi non sono tutte portate per la cucina. Colpa delle madri, sicuramente. 😦

    @ Stelio

    Toh, non sapevo che il mio primogenito avesse letto Guy de Maupassant … 🙂

    @ TUTTI

    Scusate il ritardo con cui ho replicato. Un caro saluto e un abbraccio.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like@Rolling Stone

Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: