5 giugno 2014

NON ABBIAMO MAI TEMPO PER LEGGERE? TUTTE SCUSE

Posted in affari miei, cultura, donne, famiglia, libri, società, televisione, web tagged , , , , , , , a 8:40 pm di marisamoles

1856 - Alfred Stevens (jeune femme lisant)

La lettura, in quanto occupazione inesorabilmente solitaria, implica una sensazione di egoismo che è difficile da sostenere con serenità. Una madre che esasperata dal caos domestico si chiude in cucina a stirare prenderà questo piccola azione di barricamento come legittima e giustificata; la stessa madre che si chiude marito e figli fuori dalla camera da letto per leggere mezzora in santa pace lo percepirà come un lusso che è ingiusto concedersi.

Da lettrice che ha sempre mille cose da fare e crede di non avere mai il tempo per leggere, concordo pienamente con questa riflessione di Matteo B. Bianchi (QUI potete leggere l’intero articolo, molto interessante).

Quant’è vero che consideriamo, a volte, la lettura un lusso che non possiamo permetterci, qualcosa che ci svia dai doveri. Un piacere che, immancabilmente, viene dopo ciò che ci sentiamo obbligati a fare. Tuttavia, non pensiamo quasi mai al tempo che sprechiamo durante la giornata, quando accendiamo pigramente la tv anche se non c’è proprio nulla di interessante da vedere, oppure quando stiamo incollati davanti al monitor del pc in attesa di qualcosa di interessante da scoprire.

Concedersi il lusso della lettura, sottraendo il tempo ai doveri, non è cosa da biasimare, né dobbiamo pensare che la lettura ci impegni maggiormente, specie a livello mentale, dello stare in ozio sul divano con il televisore acceso o alla scrivania davanti al computer.

Forse dovremmo volerci un po’ più bene e regalarci qualche ora piacevole in compagnia di un buon libro. E pazienza se non riusciamo a leggere più di 10 o 20 pagine alla volta. C’è sempre il tempo per recuperare.

P.S. detto da una che trova sempre qualsiasi scusa per non leggere durante il periodo scolastico … però è anche vero che con gli occhiali da presbite mi stanco molto, dovendo già leggere o i testi scolastici o i compiti degli studenti. Aggiungo, anche se sono consapevole che possa sembrare una scusa, che faccio molta fatica a concentrarmi e quindi trovo meno impegnativo accendere la tv o stare al pc. 😦

[nell’immagine: Jeune Fille Lisant – 1856 Alfred Stevens (1823-1906) da questo sito]

Advertisements

13 commenti »

  1. Marco said,

    Cara Marisa, purtroppo anch’io ho lo stesso problema a concentrarmi 😦 e, di conseguenza, la stessa tentazione di accendere il pc piuttosto che leggere. Spero di riuscire a finire Jonathan Strange & Mr Norrell prima di Natale 😀

    Liked by 1 persona

  2. maryonn said,

    Per me la lettura non è mai stata un lusso ma una necessità, per vari motivi. Devo dire che essendo miope la presbiopia non mi da fastidio. Addirittura non ho occhiali da presbite (a quasi 60 anni) basta che mi tolga quelli da miope e se le parole non sono piccolissime le leggo agevolmente.
    Ma a parte questo, leggere è come bere acqua, senza morirei di sete. Non sarei la stessa, pensa che anche quando allattavo (molti anni fa) leggevo, senza perdere di vista la bambina e il suo bisogno di attenzione. Adesso non riuscirei a farlo, ma allora ero giovane.
    Leggo un po’ di tutto, anche di matematica o di letteratura. Adesso sto leggendo libri di tecniche psicologiche, tipo PNL o simili. Ma ho appena letto i libri di Ken Follett, gli ultimi. Rigorosamente in inglese.

    Mi piace

  3. Valentina said,

    Io la lettura non la vedo come un lusso, piuttosto come un bisogno. Ne ho bisogno per stare bene e perché le mie giornate siano migliori. A volte, per motivi più seri, non riesco ad aprire un libro e mi sembra di aver sprecato del tempo.

    Mi piace

  4. marisamoles said,

    @ Marco

    Una cosa che odio è leggere un libro a puntate … alla fine chi si ricorda più quello che viene prima? Oltre alla difficoltà nel concentrarmi devio ammettere che ho anche poca memoria. 😦

    @ maryonn

    Ti ammiro molto, sei bravissima! Non so come tu riesca a leggere tanto e libri impegnativi, pure in inglese! Una volta avrei detto “aspetterò la pensione” ma ora mi rendo conto che a 67 anni sarò completamente rinco.

    @ Valentina

    Forse perché sei giovane e non hai dei doveri familiari. Al limite ti potresti sentire in colpa se sottraessi il tempo allo studio ma leggere è comunque un’attività culturale, niente a che vedere con lo stiro e le pulizie. 😉

    Mi piace

  5. maryonn said,

    Marisa, 12 anni fa ho deciso di rimanere a casa a seguire la famiglia quindi ho tempo libero e non voglio annoiarmi. Non credo sia questione di bravura ma di voglia di imparare. A 58 anni e mezzo sono ancora nell’età dei perché, che spero non passi mai!

    Mi piace

  6. frz40 said,

    Non ho mai creduto a chi dice “non trovo il tempo” per fare una certa cosa. Se si vuole veramente il tempo lo si trova sempre.
    Con questo non sempre si ha la predisposizione di spirito necessaria per dedicarsi alla lettura, ma bisognerebbe farsi un violenza. Te lo dice uno che ha letto pochissimo per tanti anni e adesso un po’ lo rimpiange.

    Mi piace

  7. Alberto said,

    Io leggo di solito tra le 3 et le 5 del mattino (mi aiuta a riaddormentarmi) Provate, specie durante il periodo estivo è piacevole: fresco, silenzio, nessuno vi disturba.
    In questo momento poi sto leggendo « Il tribunale delle anime » di Donato Carrisi (best-seller all’estero, non so in Italia) che, per trama e atmosfera, si presta molto a questi orari… Ma non esagerate : un’ora max. poi tornate a dormire, senno’ la mattina per alzarsi è dura!
    Per l’inglese suggerisco John Grisham (« The Street Layer », l’ultimo che ho letto) livello non impegnativo, inglese
    quasi scolastico. (e, in edizione originale economica, costano veramente poco) .

    Mi piace

  8. Alberto said,

    “The Street Lawyer”… very sorry…Marisa

    Mi piace

  9. laurin42 said,

    Concordo che è una scusa…che viene dalle credenze imposte dalla nostra generazione.
    Soprattutto noi donne siamo condizionate dal ” prima faccio questo, questo, poi quello, poi quell’altro, così poi sono libera di leggere in pace”
    ERRORE! E come quando diciamo” quando andrò in pensione…”
    Facciamo oggi, qui ed ora quello che ci piacerebbe fare domani.
    E come dici tu non sentiamoci egoiste, deleghiamo un pò… Ti è mai capitato di sentirti dire ” ma se me lo chiedevi…”
    Cmq se un libro ci attrae è una questione di volontà!
    Love
    L

    Mi piace

  10. Monique said,

    Percepire la lettura come un di più da collocare nei ritagli di tempo rimasti liberi è indicativo del fatto che siamo poco educati alla lettura, vista solo come un obbligo (legandola ai libri di testo e quindi alla scuola), o come qualcosa di superfluo. Non a caso, l’Italia si colloca agli ultimi posti riguardo la lettura.

    Mi piace

  11. Valentina said,

    No, Marisa, non sono d’accordo. A casa faccio tante cose, perché non sono mai stata abituata ad avere la pappa pronta o a essere servita e riverita, nonostante mia madre per molto tempo abbia tentato di non farmi fare nulla perché “poi lo farai per molto tempo, finché puoi rilassati”. Credo che il “non ho tempo” sia una scusa, se vuoi puoi, anche due pagine al giorno prima di dormire. Secondo me è un’auto-presa in giro, vuoi leggere? Fallo. Bastano dieci minuti.

    Mi piace

  12. No no, fermi. Io il tempo non ce l’ho nemmeno per spaparanzarmi sul divano davanti alla tv. Allora sì che mi metterei a leggere! Essendo un piacere e non un dovere, purtroppo è relegato al secondo posto rispetto alle cose che si hanno – per forza, vuoi o non vuoi – da fare. Poi tra i piaceri anche esiste una scala: ad esempio sacrifico la lettura per stare con il mio ragazzo o prendermi il gelato con delle amiche. Così come se un pomeriggio mi invitano al cinema non rifiuto perché “devo leggere”. Ad ogni modo, sono convinta che questo piacere riacquisterà spazio ed importanza nelle mie giornate appena potrò dedicarmici a mente libera. Per ora è davvero un lusso che non riesco a concedermi. Ahimè 😦

    Mi piace

  13. aninstellina said,

    L’ha ribloggato su Le Journal de Nina.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like@Rolling Stone

Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: