7 ottobre 2013

9 OTTOBRE 1963-2013: IL VAJONT

Posted in storia tagged , , , , , , a 2:01 pm di marisamoles

vajont

Il ricordo più nitido è l’enorme boato che precedette e accompagnò l’onda assassina. Basti pensare al frastuono infernale che fa un camion di ghiaia quando ribalta il cassone in un cantiere. Nel nostro caso, si rovesciarono 300 milioni di metri cubi di montagna nel lago sottostante. Ancora oggi, quando sento rumori violenti, mi scuoto e la mente torna inevitabilmente a quella notte.
In realtà, non ci accorgemmo subito del dramma, perché un costone del monte Borgà salvò la vita di tutta la famiglia, deviando la traiettoria dell’onda, che ci scavalcò miracolosamente. E nemmeno capimmo la portata della tragedia. I vecchi ci dissero di salire verso la vetta della montagna, fino a che, raggiunto un rifugio, mi misero a dormire sopra un tavolo. Nel frattempo, un compaesano scese a controllare cosa fosse successo. Tornò ore dopo, affranto: “Non vedo le case di San Martino” annunciò, in lacrime, dopo aver ispezionato l’area con la sola fioca luce di una pila tascabile, “ma soprattutto – disse – non riesco più a scorgere le luci di Longarone”. (Mauro Corona, scrittore che a 13 anni visse di persona il disastro del Vajont LINK)

Cosa posso dire del Vajont che non si sappia già?

Ne ho sempre sentito parlare, più volte sono passata in quei luoghi – Erto, Casso, Longarone – ho visto la diga, alta imponente, apparentemente innocua. Nulla che possa far pensare al disastro che, cinquant’anni fa, annientò l’intera zona, causando la morte di quasi duemila persone.

Erano le 22.39 del 9 ottobre 1963. Una massa incredibile, circa 260 milioni di m³, di roccia alla velocità di 30 m/s (108 km/h), si riversò nel bacino artificiale sottostante, contenente circa 115 milioni di m³ d’acqua, creato dalla diga del Vajont. L’onda di piena creata superò di 200 m in altezza il coronamento della diga e in parte risalì il versante opposto distruggendo tutti gli abitati lungo le sponde del lago nel comune di Erto e Casso. Scavalcò in parte lo stesso manufatto (che rimase sostanzialmente intatto seppur privato della parte sommitale) e si riversò nella valle del Piave, distruggendo quasi completamente il paese di Longarone e le vicine frazioni. Le vittime furono 1910, di cui 1450 a Longarone, 109 a Codissago e Castellavazzo, 158 a Erto e Casso e 200 originarie di altri comuni. (fonte: Wikipedia)

Da vent’anni almeno si parla di un disastro evitabile. Una tragedia annunciata, un pericolo trascurato da chi avrebbe dovuto tutelare la gente del luogo, garantire la sicurezza di quelle persone.
Altro non dico, è una storia dolorosa che non ho mai approfondito.

Lascio la parola a Marco Paolini che nel 1997, a trentaquattro anni dal disastro, ha raccontato la storia del Vajont, l’ha fatto in diretta tv, davanti alla diga dall’aspetto spettrale ma apparentemente innocua.

Segnalo anche il film Vajont del 2001 che ricostruisce l’indagine condotta dalla giornalista dell’Unità Tina Merlin che per anni, sulle pagine locali, aveva denunciato i pericoli, le omissioni e i silenzi di chi sapeva ma ha messo l’interesse economico davanti alla vita umana.

Infine segnalo anche un’iniziativa del Corriere delle Alpi: uno speciale multimediale con video-testimonianze, foto, articoli d’epoca, articoli appena usciti, animazioni, documenti, dati scaricabili. Soprattutto, c’è un memoriale delle vittime: un database di 1.910 schede dove ricostruire la vita di ognuna di loro, grazie al contributo dei lettori. La testata giornalistica fa un appello: «Se avete ricordi, notizie o documenti legati ai morti del Vajont, entrate nel memoriale e lasciate il vostro contributo. Aiutateci a creare un monumento in continua evoluzione fatto insieme da tutti noi.»

Annunci

12 commenti »

  1. mujer feliz said,

    Mi pare una bella iniziativa quella del Corriere delle Alpi. Qualcos che rimanga anche alle nuove e future generazioni per evitare che ne svanisca il ricordo. Si la chiesa monumentale come pure il cimitero delle vittime, ma il ricordo di chi l’ha vissuto secondo me ha più valore, soprattutto considerando che i “veci” non sono eterni.
    ho visto sia il film che lo spettacolo di Paolini. Alla fine del film, il viso era rigato di lacrime… il mio viso, 50 anni dopo, a casa mia, al caldo e al sicuro…

    Mi piace

  2. Ho visto il monologo di Paolini. Nel 1997 avevo otto anni, ricordo quanto mi aveva sconvolto quel racconto!
    Grazie per questo articolo, mi ha riportato alla mente questo fatto… mi documenterò meglio. Guarderò il film. OLtrettutto, LIna Merlin è stata una grande donna e una grande giornalista!

    Mi piace

  3. maryonn said,

    Me lo ricordo molto bene il Vajont. Avevo 8 anni all’epoca, e sentivo parlare gli adulti e vedevo le immagini dei telegiornali che parlavano di quella tragedia. Ricordo mia madre sconvolta perché il marito di una sua collega era su quella diga, quella notte, e venne spazzato via.
    Mi è sempre rimasto nel cuore, ogni volta che mi recavo e mi reco nel Cadore, quando passo per Longarone il mio pensiero va alle vittime.

    Mi piace

  4. tachimio said,

    Vidi a suo tempo Marco Paolini in quel monologo che credo abbia fatto storia ed anche il film. Fu una tragedia immane che non deve essere dimenticata. Grazie per averla ricordata. Un bacio .Isabella

    Mi piace

  5. masticone said,

    emozionante
    grazie

    Mi piace

  6. lilipi said,

    Avevo 15 anni e ricordo molto bene quella tragedia! E penso che fatti così dolorosi non vadano dimenticati, perché non bisogna rifare gli stessi errori

    Mi piace

  7. aninstellina said,

    Ricordare, sempre ricordare…

    Mi piace

  8. Diemme said,

    “un disastro evitabile. Una tragedia annunciata, un pericolo trascurato da chi avrebbe dovuto tutelare la gente del luogo, garantire la sicurezza di quelle persone”: troppe volte ho sentito queste parole che, purtroppo, non sono solo parole, ma denunce di fatti che si ripetono, e ripetono, e ripetono… 😥

    Avevo tre anni, e non ricordo nulla.

    Mi piace

  9. espress451 said,

    Le ultime rivelazioni, una frana programmata e sfuggita di “mano”, sono davvero inquietanti.
    A presto, Es.

    Mi piace

  10. marisamoles said,

    @ mujer feliz

    Trovo anch’io che l’iniziativa sia degna di nota.
    Anch’io mi sono emozionata moltissimo nel vedere i due spettacoli ma ancora di più ogni volta che passo in quei luoghi. Impossibile dimenticare.

    @ tachimio

    A me Paolini piace moltissimo. Ricordo che mi colpì molto anche lo spettacolo su Marco Polo, “Il Milione”.
    Dimenticare non si può e non si deve.
    Grazie a te, cara Isabella.
    Un abbraccio.

    @ masticone

    Grazie a te e benvenuto!

    @ lilipi

    Purtroppo gli errori continueranno a commetterli in nome del dio Profitto.

    @ aninstellina

    Certo.

    @ Diemme

    Noi qui in Friuli ci sentiamo un po’ parenti stretti di quella gente, molto più vicina a noi che ai veneti. Senza nulla togliere ai veneti che sono persone squisite. Ma so che Belluno ha più volte richiesto di passare alla regione Friuli – Venezia Giulia.
    Al di là di questo, troppe volte fatti come questo si ripetono e la vera responsabile non è mai la natura.

    @ Ester

    Inquietanti, a dir poco.
    Grazie. Un abbraccio

    Mi piace

  11. bellissimo questo ricordo, triste, devastante, ma è bene ricordare…

    Mi piace

  12. marisamoles said,

    Sì, è vero che per quanto tristi, certi ricordi fanno parte della memoria storica del nostro popolo ed è bene non dimenticare.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: