1 settembre 2013

PRIMI VAGITI ON LINE

Posted in bambini, donne, figli, vip, web tagged , , , , , , , , , , a 2:56 pm di marisamoles

nascitaLa gioia dei neogenitori alla vista del loro bambino è indescrivibile. La voglia di comunicare il lieto evento a parenti e amici, per condividere questa gioa, c’è sempre stata anche se i mezzi di comunicazione nel corso della storia sono cambiati.

Mi immagino, ad esempio, un parto avvenuto nel vecchio West, in una delle tante fattorie sperdute con il nulla attorno. Immagino qualcuno – di certo né la puerpera né il papà – prendere il cavallo e sfidare pure le intemperie per portare la notizia alle persone care, almeno quelle raggiungibili.

Il servizio postale, poi, semplificò le cose e il telegrafo dovette sembrare una sorta di miracolo. E pensare che fino a poco tempo prima c’era chi mandava messaggi con i segnali di fumo.

E poi arrivò lui, il telefono. Certo, finché esisteva solo quello fisso bisognava andare nella cabina telefonica più vicina, se proprio la voglia di dare tempestivamente la notizia era incontenibile e il percorso per arrivare a casa troppo lungo.
La telefonia mobile ha certamente segnato un svolta nelle comunicazioni post partum: la telefonata o il messaggino arrivavano in tempo reale, magari non dalla sala parto perché suppongo che lì l’uso del cellulare sia vietato. In più, con i telefonini si può inviare anche la foto del/della fortunato/a bimbo/a. L’unico neo: i costi, non proprio bassi all’inizio, che scoraggiavano i neogenitori, con il pensiero fisso sui prezzi di pannolini e abbigliamento da neonato, a farne largo uso. Giusto il minimo indispensabile.

Ma con Internet, cari miei, tutto è cambiato. Ora, attraverso i social network la foto del bebè è postata in tempi brevissimi e condivisa da decine, centinaia o migliaia di “amici”.

E sapete entro quanto tempo dal parto, in media, tutto ciò accade? Entro 57,9 minuti. (LINK)

E nei mesi e anni seguenti, tutti pronti a sciropparsi le foto della prima poppata, del primo bagnetto, del primo sorriso, della prima pappetta, del primo dentino, dei primi passi, della prima caduta con relativo ginocchio sbucciato, della prima cacca nel vasino … e così via. Sai che felicità!

E non parliamo delle mamme. Se la fortunata in questione si chiama Belen Rodriguez e a cinque giorni dal parto sfoggia una pancia ultrapiatta, potrebbe causare guai seri alle comuni mortali. Quelle che a cinque giorni dal parto sembrano tenere ancora in pancia il gemello del primo nato che non si decide ad uscire. Altro che felicità! Potrebbe essere l’inizio della depressione post partum.

[immagine da wikipedia]

Advertisements

10 commenti »

  1. Chissà se anche il seno, oltre al ventre, di Belen resisterà all’allattamento del bebè. Farebbe invidia a qualsiasi mamma e pure papà!

    Mi piace

  2. marisamoles said,

    @ Scrutatrice

    Non credo allatti ancora, mi pare avesse avuto dei problemi fin dall’inizio. D’altronde, le donne che hanno fatto la plastica al seno (credo che lei l’abbia fatta) hanno delle difficoltà nell’allattamento. Una mia amica non ha proprio potuto allattare, ma lei aveva fatto la mastoplastica riduttiva (in controtendenza, apparentemente, ma parliamo di circa 30 anni fa) e le avevano tagliato i dotti lattiferi. Credo che per l’additiva sia diverso.

    Comunque sia, l’invidia c’è, sicuramente.

    Mi piace

  3. frz40 said,

    Come sempre è una questione di misura e di buongusto, ma in principio non bollerei come “esibizionista” quel genitore che, postando la foto di un neonato, ha voluto semplicemente condividere con gli amici ed i propri cari un proprio momento di gioia, utilizzando un moderno strumento di comunicazione.
    Che male c’è a dire al mondo “ecco, è nato, e in questo momento sono felice”?.
    Estremizzando dovrei sentirmi in colpa per aver pubblicato le immagini della mia Kyra?
    PS. Capisco l’invidia, ma il pancino di Belen, mi sembra tutto un altro discorso.

    Mi piace

  4. marisamoles said,

    @ frz

    Ma io ci ho scherzato su! No, non bollo come esibizionisti quelli che lo fanno (neanche te che hai postato sul blog le foto della tua bellissima Kyra 😉 ), solo mi suscita perplessità il fatto che, se il tempo medio è di poco meno di un’ora, ci sarà chi non si precipita a postare le foto del neonato, ma anche chi lo fa a pochi minuti dal parto. Insomma, il papà e la mamma dovrebbero essere impegnati in qualcos’altro …
    E poi, non dimentichiamo che, se anche utilizziamo il web con l’idea di comunicare con gli amici e le persone care, rimane sempre un luogo pubblico, con tutti i rischi che ne conseguono. Di fatto su Internet il copyright non esiste (nel senso che è molto difficile controllare se qualcuno utilizza il materiale che scarichiamo) e chiunque potrebbe usare le fotografie. La questione è delicata se si tratta di bambini. Ricordo la minaccia di denuncia che mi è giunta, qualche anno fa, per e-mail da parte di due genitori perché avevo usato, a corredo di un post, la foto della loro bimba che, però, risultava essere presente in un sito commerciale e credevo fosse una foto pubblicitaria come tante (in ogni caso io avevo messo il link del sito, come faccio la maggior parte delle volte, almeno quando l’immagine non è utilizzata da più siti).

    Nessuna invidia per Belen, almeno da parte mia. Il discorso in qualche modo si collega alla mania di rendere pubbliche le foto personali, specie da parte dei vip.

    Insomma, la Lucarelli, che segui volentieri, può scherzare e io no? 😆

    Mi piace

  5. frz40 said,

    Ma certo che ci puoi scherzare su, ma l’articolo del Corriere che richiami non è scherzoso.
    Buona serata e buon inizio di questo mese di Settembre.

    Mi piace

  6. marisamoles said,

    @ frz

    Il link l’ho messo solo come fonte del dato, l’articolo non l’ho nemmeno letto tutto.

    Grazie, anche a te auguro un buon inizio di settembre. Per me suona la campana già domani.

    Mi piace

  7. Diemme said,

    Temo proprio che adeguarsi ai nuovi tempi non sia un optional… 🙄

    Mi piace

  8. marisamoles said,

    @ Diemme

    Pare che per qualcuno lo sia. Non credo vivano peggio, basta farci l’abitudine. E poi, non puoi sentire la mancanza di ciò che non conosci né hai mai sperimentato.

    Mi piace

  9. ha ragione Diemme bisogna adeguarsi ai nuovi tempi……un bacio cara Marisa

    Mi piace

  10. marisamoles said,

    @ melodiestonate

    Pare proprio di sì.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like@Rolling Stone

Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: