30 agosto 2013

LA BUONA NOTIZIA DEL VENERDÌ: SCOPERTA IN AUSTRALIA UNA NUOVA LINGUA

Posted in adolescenti, La buona notizia del venerdì, lingua, stampa estera tagged , , , , , , , , , , , a 12:46 am di marisamoles

lajamanu
Questo venerdì mi dedico ad una notizia alquanto strana che riguarda la scoperta di una nuova lingua parlata in un piccolo villaggio dell’Australia.

Lajamanu, villaggio del Nord dell’Australia abitato da più o meno 700 anime, non è nuovo ai fatti di cronaca rimbalzati sui quotidiani di tutto il mondo. In qualche occasione è stata segnalata una strana pioggia di … pesci. Il singolare fenomeno si è verificato nel 1974, nel 2004 e nel 2010. Secondo i meteorologi, i pesci, piccoli pesci persici bianchi e a strisce, erano stati risucchiati verso l’alto nel corso di un temporale da mulinelli d’aria, per poi essere rigettati a terra più tardi.
Mark Kersemakers, dell’Agenzia australiana di Meteorologia, afferma: “(La tempesta) potrebbe aver trascinato in alto i pesci per più di 15 chilometri. Una volta in alto, si sono praticamente congelati. E dopo un po’ di tempo, sono stati rilasciati”. [LINK]

lajamanu people
Ma la pioggia di pesci non è l’unica curiosità che interessa questa località sperduta e sconosciuta ai più. Recentemente, infatti, un linguista americano, Carmelo O’Shannessy (dell’Università del Michigan), ha scoperto che gli abitanti più giovani di Lajamanu, che hanno un’età al di sotto dei 35 anni, hanno dato vita ad una nuova lingua. Si tratta di un idioma che nasce dalla contaminazione tra australiano, inglese e creolo, esattamente come la lingua locale, il Warlpiri.
Alla nuova lingua è stato dato il nome di Warlpiri rampaku (ovvero “veloce”) e secondo O’Shannessy può essere accostato a quegli idiomi usati dagli adolescenti in qualsiasi parte del mondo, perlopiù incomprensibili agli adulti. Con una differenza.

Si tratta, infatti, di un nuovo sistema linguistico, perché qui si incontrano gli elementi linguistici provenienti dalle lingue preesistenti ma in modo sistematico e molto tradizionale. Inoltre, i ragazzi crescendo non abbandonano l’utilizzo del Warlpiri rampaku, trasmettendolo alle generazioni future. Il fenomeno viene spiegato da O’Shannessy in questo modo: negli anni ’70 o ’80 i genitori hanno iniziato a parlare con i loro figli mescolando lingue e utilizzando questo standard per comunicare con loro in modo coerente. Per le persone bilingui è molto comune questo passaggio da una lingua all’altra nel mezzo di una conversazione. Ma quando i bambini cominciarono a parlare, l’hanno fatto seguendo lo stesso schema, e questo è diventato il modo di esprimersi dei più giovani.

Sebbene secondo lo studioso questo fenomeno non sia così raro (anche se non sempre si viene a conoscenza della nascita di nuove lingue), la curiosità della lingua nata a Lajamanu sta nel suo essere decisamente controcorrente. Prima dell’inizio della colonizzazione britannica dell’Australia nel 1788, vi erano nel paese circa 250 lingue aborigene parlate da quasi un milione di persone. Di queste sono sopravvissute solo poche decine.

Ma questo nuovo idioma sarà in grado di sopravvivere? Per Peter Bakker, professore associato di linguistica presso l’Università della Danimarca, specializzato nello sviluppo delle lingue, il futuro del Warlpiri veloce è più promettente di quello del tradizionale Warlpiri. “Quando una nuova lingua si sviluppa, di solito rimane molto stabile, per esempio, come accadde con i creoli di Papiamento nelle Antille,” ha spiegato.
Da parte sua Carmelo O’Shannessy è dell’avviso che solo il tempo dirà se il Warlpiri rampaku sopravviverà, in primo luogo perché i residenti di Lajamanu vengono spinti a smettere di usare entrambe le lingue, privilegiando la nuova varietà.

[fonti: Affaritaliani; bbc.co.uk e nytimes.com]

ALTRE BUONE NOTIZIE

Il parco delle meraviglie multietniche di laurin42

LE MIE ALTRE BUONE NOTIZIE

Annunci

14 commenti »

  1. laurazaccaro2013 said,

    Notizia curiosa ed interessante.. sarà difficile da imparare questa nuova lingua? 😀

    Mi piace

  2. tachimio said,

    Le notizie del venerdì sono una bella trovata. Mi fanno finire la settimana sperando in un mondo diverso,lontano dalle solite e ripetitive notizie di tutti i giorni, (politica,omicidi, violenze). perchè le notizie interessanti quelle sì arricchiscono e ci parlano di un mondo vario dove comunque tutto succede lo stesso, ma non per questo si deve dimenticare che la vita è soprattutto conoscenza. Un caro saluto da una tua fan.Isabella

    Mi piace

  3. L’importante non pretendere di parlare tutti l’inglese. Ci si è messo anche il buon Alfano col suo paradossale FREE TAX.
    Buon venerdì e… grazie per le tue buone notizie.
    Quarc

    Mi piace

  4. Questa sì che è un’ottima notizia per il mondo della linguistica ma anche per il mondo in cui viviamo. In un’era in cui i sistemi linguistici non fanno altro che scomparire, portando con sè nell’oblio anche cultura, costumi e tradizioni, sapere dell’esistenza di un idioma nascente è di grande, grandissima importanza. Ne sono veramente felice 🙂

    Mi piace

  5. marisamoles said,

    @ Laura Zaccaro

    Non credo sia difficile per i giovani abitanti di Lajamanu, per noi forse impossibile. 🙂

    @ tachimio

    Confesso che questa settimana è stata alquanto travagliata per me e non avevo nemmeno pensato alla buona notizia. Poi, complice l’insonnia tra giovedì e venerdì, mi sono ricordata di aver salvato questa notizia curiosa ed eccola qua!
    Grazie per la tua fedeltà, cara Isabella.

    Un abbraccio.

    @ Quarc

    Lo so, l’inglese ormai è diventato una seconda lingua (a livello lessicale perché in quanto a grammatica, lasciamo perdere. Gli italiani la conoscono poco e male. 😦 ). Per i politici forse è un modo per dimostrarsi istruiti e far colpo sulla gente.
    Grazie a te e buona fine settimana. (stavo per scrivere buon week-end, solo perché tutti dicono, sbagliando, “buon fine settimana” ma io non ci riesco e quando dico “buona fine …” suscito molta perplessità.

    @ Scrutatrice

    E io sono felice che ti sia piaciuta la notizia. 🙂

    Mi piace

  6. Da persona che fa l’insegnante di lingue e il traduttore, non posso fare a meno di apprezzare questa notizia. Io, con le lingue, ci campo.

    Mi piace

  7. marisamoles said,

    @ michelechefailprof

    Magari il Warlpiri rampaku non ti fa campare comunque mi fa piacere che apprezzi la notizia.

    Mi piace

  8. Le lingue sono, prima di tutto, una grandissima passione.

    Mi piace

  9. marisamoles said,

    @ michelechefailprof

    Sono d’accordo. Se poi le lingue ti danno da vivere, è una bella cosa perché unisci la passione al lavoro. Ti avevo detto che volevo laurearmi in Lingue? Per me il massimo sarebbe stato fare l’insegnante di Inglese (il tedesco non l’ho mai sopportato, ma ho studiato anche il francese e lo spagnolo). Ora mi consolo con il latino, lingua che mi ha conquistata fin dalla seconda media. Allora era obbligatorio in seconda e facoltativo in terza, però se volevi iscriverti al liceo o alle magistrali dovevi per forza studiare il latino in terza e superare l’esame.

    Mi piace

  10. ho studiato il latino fino alla quarta liceo, debbo dire,che,non mi e’ affatto dispiaciuto. Penso che non sia abbastanza apprezzato. Credo che contribuisca a fornire consapevolezza sulla lingua. Per me la lingua ha sempre avuto grandi legami con il,resto,della,vita:-) ho iniziato a studiare il, francese a a,11 anni, a 13 lo usai per corteggiare,due,belle,francesine al mare. Ho impRato ad unire l’utile al dilettevole. Come mai non ti piace il tedesco?

    Mi piace

  11. laurin42 said,

    Eppur si muove! A chi profetizza che l’umanità è ormai in un vicolo cieco di barbarie ed ha esaurito la creatività!
    Complimenti, cara Marisa!
    Love
    L

    Mi piace

  12. marisamoles said,

    @ michelechefailprof

    Il latino è importante per sviluppare la logica ed è molto formativo, come tutte le lingue e le altre discipline scolastiche solo che non tutti lo capiscono. Non è raro che chi va male in matematica vada male anche in Latino. Però io ho in una classe (futura quinta) degli allievi che sono dei geni della matematica eppure non studiano volentieri il latino. Ecco, credo che bisognerebbe superare i molti pregiudizi che ancora, e sempre più, ci sono sullo studio delle lingue classiche e, soprattutto, sullo studio del latino allo scientifico.
    Non amo il tedesco – io che sono nata in una città austroungarica e che adoro l’Austria! – per la sua durezza. E poi al mare, quand’ero ragazzina, mi ero presa una cotta per un ragazzo che, però, corteggiava un’austriaca. Non sapendo cosa fare per “attaccarla”, le ho detto che non mi piaceva il tedesco perché quando uno dice “ti amo” sembra che ti dica “vaffa…”. Vuoi mettere, le dissi, la lingua melodiosa dei francesi, “Je t’aime”, come suona bene al posto di “Ich liebe dich”. Lei, serafica, mi rispose: “Sì, ma i francesi sembra che ti dicano “ti amo” quando in realtà di mandano … ”
    Ecco, da allora il tedesco proprio non lo reggo. 😦

    @ Laura

    Grazie a te, cara Laura, che hai lanciato questa iniziativa. Non sempre è facile trovare qualcosa di bello e di originale, ma è un modo, come ha osservato anche Isabella, per affrontare il week-end con un po’ di buon umore, dimenticando il tran tran di tutti i giorni.

    Un abbraccio.

    Mi piace

  13. spanni said,

    Mi ero persa questa notizia! Interessantissima: siamo ancora in grado di dar vita a nuove lingue e non solo di massacrare quelle già esistenti! C’è quindi speranza per il futuro.
    un abbraccio
    Margherita

    Mi piace

  14. marisamoles said,

    @ unpodichimica

    Cara Margherita,

    a me lo dici? Io vedo tutti i giorni, a scuola, il massacro del nostro bell’idioma. 😦

    Un abbraccio e a presto.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

parole, pensieri e pietre di Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: