15 luglio 2013

J. K. ROWLING PUBBLICA UN GIALLO SOTTO PSEUDONIMO E … FA FIASCO

Posted in attualità, libri, stampa estera tagged , , , , , , , , , , a 5:18 pm di marisamoles

J.K.-RowlingJ. K. Rowling (nome completo Joanne Kathleen) può essere considerata il fenomeno editoriale di tutti i tempi ed è la donna più ricca del Regno Unito (più ricca persino della regina Elisabetta), oltre a far parte dei 100 paperoni nel mondo.
Nella sua carriera di scrittrice, grazie al successo planetario ottenuto con la pubblicazione della saga di Harry Potter, ha venduto oltre 400 milioni di copie, tradotte in quasi tutte le lingue; solo con l’ultimo libro di Harry Potter (il settimo) ha venduto 72 milioni di copie in 48 ore.

Nel 2007, in concomitanza con l’uscita di Harry Potter e i doni della morte, la Rowling ha comunicato la sua intenzione di abbandonare il personaggio che le ha dato la fama, rendendola ricchissima. Ma la sua attività di scrittrice non finì: nel 2012 pubblica un nuovo romanzo per adulti, The Casual Vacancy, che ovviamente diventa ben presto un best seller, pur senza raggiungere i livelli di vendita ottenuti con Harry Potter.

CuckoosCallingCover

Nell’aprile di quest’anno, con uno pseudonimo maschile, Robert Galbraith, e fingendo di essere uno scrittore debuttante pubblica un giallo, The Cuckoo’s Calling. Il libro, non ancora tradotto in Italiano, ha incontrato il favore della critica inglese. Smascherata di recente, grazie ad uno scoop del Sunday Times, la Rowling ha spiegato di essersi inventata questa identità maschile per «una vera e propria liberazione» che le ha consentito di scrivere «tranquillamente e senza aspettative» da parte del pubblico.

Infatti, fino a ieri, il nuovo romanzo aveva venduto solo 1500 copie. Ma in seguito alla diffusione della notizia da parte del Sunday Times, le vendite su Amazon sono aumentate di circa cinquemila volte.

In un’intervista al Telegraph la Rowling ha dichiarato: «Avevo sperato di potermi tenere questo segreto un po’ più a lungo, perché quella di essere Robert Galbraith è stata un’esperienza liberatoria. E’ stato stupendo poter pubblicare senza alcuna pressione o aspettativa, ed è stato un puro piacere il riscontro ricevuto pur sotto un altro nome».

Be’ per una che, con l’ultimo romanzo di Harry Potter, ha venduto ben 11 milioni di copie in 24 ore (in Gran Bretagna e Stati Uniti), ritenersi soddisfatta del riscontro ottenuto con lo pseudonimo di Robert Galbraith – 1500 copie, come già detto – è un gesto di grande umiltà. Chissà come sarà felice ora, vedendo l’impennata delle vendite di The Cuckoo’s Calling, solo perché è stata smascherata la vera identità del misterioso giallista!

Io non ho mai letto Harry Potter e non posso esprimere giudizi. Ma, secondo me, questa è la dimostrazione che certi libri si vendono solo per la fama acquisita dall’autore, a prescindere dalla qualità degli stessi.
Un caso italiano è quello di Susanna Tamaro. Ottenuto il successo con Va’ dove ti porta il cuore (romanzo bellissimo, secondo il mio parere), ha iniziato a vendere moltissimo anche i suoi romanzi precedenti e ottenuto un buon successo con quelli successivi, anche se di ben altra qualità e bellezza. E poi non dimentichiamo che le vendite non attestano né che il libro sia stato letto (in tutte le biblioteche private c’è sempre qualche tomo che rimane intonso per anni …) né da quante persone sia stata letta una sola copia (se in famiglia si è in quattro, ad esempio, certamente non verrà acquistata una copia a testa!) né che la lettura sia stata gradita da tutti gli acquirenti allo stesso modo.

Insomma, la Rowling si è messa di fronte ad una bella sfida, tuttavia non credo ne sia uscita vincitrice. Ma se aveva bisogno di un atto liberatorio … d’altronde i ricchi di tempo da perdere ne hanno parecchio.

[fonti: Wikipedia; direttanews.it e ilpost.it]

Advertisements

4 commenti »

  1. luna said,

    Interessante questa cosa… a me lei piace tanto…
    Luna

    Mi piace

  2. Smiltzer said,

    La critica l’ha apprezzato (quando non sapeva chi fosse ancora l’autore). Forse voleva solo valutare se la critica era coerente o seguiva il nome, dopo le recensioni de “Il seggio vacante”.

    Mi piace

  3. Diemme said,

    Non conosco la Rowling, ma amo Harry Potter. Mia figlia invece, oltre ad essere una fan sfegatata di Harry Potter, lo è anche della sua autrice, ergo, passo il turno 😉

    Mi piace

  4. Cle said,

    della serie ho “letto” solo i film, perché mio marito è fan.
    Cmq concordo con la “tristezza” del quadro che ne esce: la gente compra il libro perché il titolo o l’autore è di moda!
    Personalmente non compro mai dei libri nei periodi in cui se ne straparla, se, passata la tempesta editoriale ho ancora curiosità compro (in edizione economica).
    Forse per liberarsi davvero del suo retaggio la signora avrebbe dovuto aspettare ancora per rivelarsi… ma si sa, non è facile abituarsi a dover fare la “gavetta” di nuovo da perfetta sconosciuta, meglio continuare a vivere di rendita! Ormai il tenore di vita che si è guadagnata potrebbe non sostenere un “flop” editoriale!

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like@Rolling Stone

Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: