12 luglio 2013

LA BUONA NOTIZIA DEL VENERDÌ: NIENTE PIÙ FIGLI DI SERIE B

Posted in attualità, famiglia, figli, La buona notizia del venerdì, Legge, politica tagged , , , , , , a 9:29 pm di marisamoles

figliForse non lo sarà per tutti ma questa per me è una buona notizia: scompare dal codice civile la distinzione tra figli di serie A e B. I figli so’ piezz ‘e core, come dicono a Napoli, sono figli e basta, siano essi nati all’interno del matrimonio o siano illegittimi, come fino ad oggi si è detto.

E’ stato approvato oggi dal Consiglio dei Ministri il decreto legge sulla filiazione. Il decreto legislativo andrà ora all’esame delle competenti commissioni di Camera e Senato prima di tornare in Consiglio dei Ministri per il via libera definitivo.

La delega definisce la parentela come il vincolo tra le persone che discendono da uno stesso stipite, sia nel caso in cui la filiazione è avvenuta all’interno del matrimonio, sia nel caso in cui è avvenuta al di fuori di esso, sia nel caso in cui il figlio è adottivo.

La società moderna è cambiata e tutto ciò che muta con il passare del tempo deve imporre una seria riflessione, a maggior ragione se si tratta di persone con una propria dignità che, a volte, viene negata proprio dalla legge. Non dobbiamo fare distinzioni tra bene e male, tra ordine e disordine. Ogni cambiamento è tale perché stravolge ciò che prima era considerato inoppugnabile ma non è detto che fosse anche giusto.

[fonte: Il Corriere; immagine da questo sito]

LE ALTRE BUONE NOTIZIE:

Il gesto coraggioso di Amina: si scopre il capo davanti al giudice di laurin42

Prova costume 2 di unpodichimica

La voce tenera e forte di Malala di Pino Scaccia

LE MIE ALTRE BUONE NOTIZIE

Annunci

12 commenti »

  1. […] Niente più figli di serie B […]

    Mi piace

  2. […] Niente più figli di serie B […]

    Mi piace

  3. Diemme said,

    Oops, mi deve essere sfuggito qualcosa: io ho sempre ritenuto che fosse così anche prima, che i figli nati fuori dal matrimonio, come la mia, fossero totalmente equiparati.

    Mi piace

  4. frz40 said,

    Sì, è una buona notizia, ma ti faccio un caso:
    – A e B hanno, per un po’ di tempo una loro relazione, dalla quale nasce a1, poi si separano e non si vedono più.
    – A incontra poi e sposa B, dalla loro relazione nasce a2. Passano tutta la vita insieme e B sacrifica la propria vita a favore di A che, poniamo, ha dei problemi di salute. Nello stesso modo si prodiga a2, diventata adulta, quando B premuore, mentre a1 vive lontano, in un’altra città.
    – Quando A morirà sarà giusto che a1 e a2 abbiano gli stessi diritti?

    Mi piace

  5. frz40 said,

    ooops: “una loro relazione”, scusa. Correggi pls.

    Mi piace

  6. marisamoles said,

    @ Diemme

    In realtà già in passato erano state apportate modifiche nell’ambito del diritto di famiglia. A livello di diritti e doveri, non cambia nulla. Quel che cambia, da quanto ho capito io, è lo stato di parentela (con tutti gli annessi e connessi, eredità in primis) che prima era negato ai figli “naturali”.

    Se mi è permesso fare un appunto, il tuo caso, comunque, è diverso: tu dai matrimoni contratti non hai avuto figli né il padre di tua figlia ha un’altra famiglia e altri figli “legittimi”. I problemi maggiori in passato si verificavano, a livello di eredità (perché alla fine è questa la cosa più importante), tra figli “legittimi” e “naturali” che non godevano degli stessi diritti. Questo decreto, in sostanza, avrebbe annullato ogni differenza tra figli nati all’interno del matrimonio e figli nati da relazioni extraconiugali, sempre parlando di figli che hanno in comune un genitore con altri fratelli che una volta venivano chiamati “fratellastri”.

    Tutto questo SE ho capito bene, s’intende. Ci vorrebbe un esperto di diritto … Cle dove sei? 🙂

    Mi piace

  7. Trutzy said,

    Ciao, questa è una bella notizia!

    Mi piace

  8. marisamoles said,

    @ frz

    I tuoi dubbi sono legittimi ma che fra fratelli ci sia qualcuno più vicino che si occupa maggiormente dei genitori, e qualcuno più lontano che non può farlo, oppure qualche fratello che, per un motivo o per l’altro, ha rotto i ponti con la famiglia … insomma, casi come questi sono comunissimi anche nelle famiglie regolari, fra fratelli nati all’interno dello stesso matrimonio. La legge, d’altronde, non si occupa di affetti …

    Hai letto il post “La frangite”? Aspetto il commento … non al post ma all’immagine che ho scelto, già molto gradita da quarc. 😉

    P.S. Ho tolto la moderazione quindi i commenti vengono pubblicati subito. Ho corretto comunque la svista.
    Bacioni e buon we.

    Mi piace

  9. tachimio said,

    Penso che ci sia verità nelle tue parole finali, laddove si fa riferimento al fatto che qualunque cambiamento,in virtù dello stesso significato della parola,porti ad alterare quello che esisteva prima. Pur tuttavia mi sento di dire che punti fermi su ciò che sia bene o male ad esempio,debbano esserci per forza in una società, per poter distinguere tra comportamenti sani o malati. Non possiamo fare di tutta l’erba un fascio.
    O sbaglio?

    Mi piace

  10. frz40 said,

    Il problema che volevo evidenziare non è quello del diverso comportamento dei figli (cosa che avviene anche tra fratelli) ma del diverso comportamento e sacrificio di B1 e B2 che, mi pare, possano dare origine a diversi diritti per i loro figli a1 e a2

    Mi piace

  11. marisamoles said,

    @ tachimio

    Una società ha bisogno di regole e questi sono, secondo il mio parere, i punti fermi. Ma la distinzione tra bene e male rimane soggettiva. Quindi, non tutto ciò che è legale è anche giusto per tutti.
    Ti faccio un esempio. L’aborto è legale mai io personalmente non lo approvo. Tuttavia ritengo sia giusto che ci sia una legge a regolamentarlo, anche se preferirei che le donne ci pensassero prima e non scambiassero l’aborto per un contraccettivo in quanto quest’ultimo “previene” mentre l’interruzione di gravidanza “viene dopo”.
    Detto ciò, non condanno chi ricorre all’aborto, dico solo che io non avrei mai abortito, per nessun motivo, perché l’avrei considerato sbagliato.

    @ frz

    Hai ragione ma, come ho detto, la legge non si preoccupa dei legami affettivi, non può dare più diritti a seconda dei meriti.
    Mettiamo il caso di un uomo che, per motivi suoi, non divorzia dalla moglie ma mette su famiglia con un’altra donna da cui ha dei figli. Alla sua morte la moglie sarà sua erede e chi ha passato vent’anni o più della sua vita al fianco di un uomo che non era suo marito rimarrà a bocca asciutta. Almeno in questo caso i figli avuti con la moglie e quelli avuti dall’altra donna avranno uguali diritti. (è un caso che conosco bene, non è solo un’ipotesi).

    Mi piace

  12. frz40 said,

    E’ il caso opposto e la legge funziona. Ma quel che mi pare di concludere è che in caso o nell’altro dovrebbe essere data al de cuis la possibilità di far prevalere la propria volontà rispetto ad una legge che una volta funziona e un’altra no.

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like@Rolling Stone

Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: