PETIZIONE ON LINE: CHIEDIAMO IL DIMEZZAMENTO DEI COMPENSI DEI PARLAMENTARI

tagli compensi parlamentariGrazie all’iniziativa dell’amica e assidua lettrice lilipi, ora è possibile firmare la petizione on line: “Dimezzamento compensi dei parlamentari”.

Questa la sua motivazione come promotrice dell’iniziativa:

In campagna elettorale i partiti hanno promesso il dimezzamento del numero dei parlamentari, ma tale provvedimento richiede una modifica costituzionale e in ogni caso non può entrare in vigore nella presente legislatura. Invece è immediatamente attuabile,con legge ordinaria, il dimezzamento dei compensi dei parlamentari e l’abolizione dei loro privilegi.Devono essere ammessi solo i rimborsi spese(documentate) per viaggi per l’espletamento del mandato e soggiorno a Roma.
Chiediamo pertanto che tutti i partiti dimostrino con i fatti di voler realmente abbattere i costi della politica.I parlamentari che non sono d’accordo sono invitati a dimettersi e a lasciare il posto ai primi tra i non eletti
.

Questo il commento da me lasciato su firmiamo.it all’atto della sottoscrizione:

Sono d’accordo sul fatto che i costi della politica (e non la pubblica amministrazione, sempre al cento delle polemiche per i costi eccessivi) abbia svenato l’Italia. Ricordo che più volte è stato proposto dai governi il dimezzamento del numero dei parlamentari ma le camere si sono sempre opposte. Questo perché chi ha ottenuto un comodo scranno in parlamento, fa i propri interessi e difficilmente rinuncia ai privilegi e ai lauti stipendi. La Sicilia forse ha aperto la strada giusta. Speriamo che il suo esempio smuova un po’ le coscienze.

Invito TUTTI I LETTORI a seguire il nostro esempio sottoscrivendo la petizione a QUESTO LINK.

GRAZIE A TUTTI E BUONA DOMENICA.