28 gennaio 2013

L’Abbecedario dello Terapeuta – C come Colpa –

Posted in psicologia tagged , , , a 4:12 pm di marisamoles

Ho scelto di rebloggare questo bel post di Marzia Cikada perché penso piacerà a molti – a me piace tantissimo -, soprattutto all’amica Diemme che ogni tanto parla del senso di colpa sul suo blog. Quanto a me, la lettura mi ha fatto ritornare in mente quello che disse, molti anni fa, una psicologa ad un corso che si teneva nel mio liceo: “Ognuno di noi si porta appresso un intero tribunale in cui siamo tutto: giudice, giuria, difesa, pubblica accusa e imputato”. Ovviamente con l’intenzione di convincerci che nessuno è perfetto, che sbagliare è umano e che lasciarsi sopraffare dai sensi di colpa è del tutto inutile, visto che cerchiamo in ogni caso di difenderci dalle accuse anche se non siamo quasi mai in grado di arrivare ad un’assoluzione con formula piena.

Annunci

7 commenti »

  1. Diemme said,

    L’amica Diemme promette solennemente di tornare con più calma (già mi sento in colpa per non riuscire a commentare adesso 😉 ).

    A dopo!

    Mi piace

  2. marisamoles said,

    Tranquilla! Non sia mai che io contribuisca ad un incremento di sensi di colpa. 😉

    Sapessi i miei …. considerato anche che sono terribilmente indietro con le repliche ai commenti di qualche post. 😦

    Mi piace

  3. Diemme said,

    Rieccomi.
    Direi che non soffro di particolari sensi di colpa, nel senso che sicuramente mi piacerebbe fare più cose, ma non posso per limiti umani, perché mi devo guadagnare da vivere, e allora davvero, se la colpa è essere umani, con solo due braccia e due gambe e giornate di 24 ore non c’è scampo per nessuno!

    Diciamo che, più che sentirmi in colpa, ci sono cose che mi dispiacciono, per esempio che Sissi abbia avuto, nei primissimi anni della sua vita, una madre sfiancata e nervosa, mi spiace che abbia passato troppo tempo da sola, ma d’altra parte, l’alternativa qual era?

    Ho un forte rammarico per non aver aiutato una mia amica in un momento di difficoltà economiche, ma io stavo peggio di lei, col mutuo alle stelle, e comunque ci siamo sempre, reciprocamente, aiutate come abbiamo potuto, lei col suo tempo e io con qualche soldo.

    Altro ora non mi viene in mente, avrei dovuto capire la disperazione di mio padre e avere più pazienza, ma è una colpa non avere a 10 anni la visione che si ha a 50?

    Ecco, tornando indietro, col senno del poi, forse qualcosa la farei diversamente, ma senza quel senno… difficile.

    Mi piace

  4. maryonn said,

    Ho appena letto un libro sul senso di colpa, che mi è piaciuto molto. Questo
    Il senso di colpa ci pervade quando dentro di noi abbiamo un super io troppo forte, che pretende troppo da noi. Berne lo chiama “Genitore normativo”, e si forma dentro di noi in un modo molto complesso. Purtroppo i genitori, in buona fede, tendono a colpevolizzare i figli per poterli manipolare, e il libro che ho linkato lo spiega molto bene. I risultati di questi atteggiamenti sono spesso deludenti, lo posso dire per esperienza. I miei genitori, se non rendevo a scuola, mi facevano sentire in colpa, scatenando in me solo blocchi psicologici. Ho cominciato a rendere quando ho capito che dovevo studiare per me, penso che molti studenti si trovano anche oggi in situazioni simili. Con le mie figlie ho usato il metodo inverso, non le ho mai e poi mai fatte sentire in colpa per un cattivo voto e i risultati si sono visti, sono sempre state bravissime a scuola.

    Mi piace

  5. maryonn said,

    Ho finito di leggere in questo momento l’articolo linkato da te, e mi era sfuggito il fatto che suggerisce lo stesso libro che ho appena finito di leggere. Fatalità!

    Mi piace

  6. sì anche io sono presa spesso da tanti sensi di colpa, però mi chiedo chi ho vicino se ha sensi di colpa nei miei confronti……..un bacio Marisa sempre belli i tuoi post

    Mi piace

  7. marisamoles said,

    @ Diemme

    Errare è umano, dicono. Quanti sbagli si vorrebbe correggere con il senno di poi? Sicuramente tanti ma l’importante è riuscire a separare l’incompiuto (per motivi più o meno gravi) dall’errore grave, limitando i sensi di colpa.

    Sembra strano ma io non ho quasi mai sensi di colpa proiettati nel passato, quanto quelli che vivo nel presente, quasi quotidianamente. E spesso l’errore non insegna nulla. 😦

    @ maryonn

    Grazie per aver segnalato anche tu quel libro (repetita iuvant! 🙂 ) . Credo sia interessante anche per noi insegnanti.

    @ melodiestonate

    Secondo me il senso di colpa non è mai percepito allo stesso modo dalle persone. Fa parte della personalità di ognuno, c’è chi ne è oppresso, altri ne sono indifferenti. Penso ad un’amicizia finita e mi rendo conto che da parte mia non riesco a sentirmi in colpa per ciò che ho detto o fatto, ma dall’altra parte non è mai stato manifesto un qualche senso di colpa (e di ragioni ce ne sarebbero a bizzeffe!) probabilmente perché non c’è una grande sensibilità né c’era stata forse una grande amicizia. Allora mi chiedo: se io non ho nulla o quasi da rimproverarmi, perché dovrei sentirmi responsabile per la fine di un’amicizia che non è dipesa da me?

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

parole, pensieri e pietre di Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: