CINGUETTII DIETETICI

dietaUn gruppo di ricercatori dell’Università della Carolina del Nord ha condotto uno studio su due gruppi di persone obese sottoposte a un regime alimentare sano, dotandole di uno smartphone, dotato di una app per monitorare i progressi attraverso Twitter. Ai due gruppi sono stati poi mandati ogni tre giorni dei podcast con le indicazioni su come ottimizzare la propria dieta e con alcuni obiettivi da centrare.

Brie Turner-McGrevy, la capo-ricerca, ha osservato che chi ha pubblicato più tweet ha perso più peso, fino ad arrivare alla diminuzione dello 0,5 per cento del peso corporeo ogni 10 tweet. Ovviamente il risultato dipende non, come avevo pensato leggendo l’occhiello di questo articolo pubblicato sul Corriere, dalle calorie che si disperdono cinguettando, bensì dalla motivazione che deriva dalla condivisione.

Un esperimento del genere si può fare con il blog? Pare di sì, almeno stando al tentativo fatto qualche tempo fa dall’amica Diemme. E non solo di condivisione si tratta: come lei stessa ammette, la motivazione che deriva dal condividere con delle persone che hanno il nostro stesso problema porta inevitabilmente all’assunzione della responsabilità. In altre parole, si prende un impegno, ci si impone di registrare tutti i progressi (ma anche le fasi di stallo e i regressi, perché no?) in tutta sincerità. Quindi allo stesso tempo si può pensare a un atto di fiducia.

E’ evidente, infatti, che non abbiamo dei video-blog quindi nessuno, o quasi sa, come siamo fatti. Io potrei mentire dicendo che indosso la 38 (ahahah!) ma alla fine a quale pro? La mia taglia rimane la stessa (che poi non è proprio malaccio … attualmente la 44 mi sta un po’ larga) e mentire agli altri non gioverebbe di certo alla mia linea né alla mia dieta.

Insomma, avrei preferito che l’occhiello dell’articolo non fosse ingannevole e di certo sarebbe bello poter dimagrire stando al pc. Purtroppo la vita sedentaria è nemica della dieta, quindi credo che questi cinguettii dietetici siano una specie di specchio per le allodole.

Prima di tutto bisogna credere in quello che si fa, al di là dell’impegno che si prende con altre persone, magari dei perfetti sconosciuti che si sentono in sintonia solo perché hanno un problema comune. Poi, al di là di quelli che possono essere i consigli dietetici e lo scambio di impressioni riguardo alle diverse esperienze (cosa, tra l’altro, che mi fa pensare ai corsi pre-parto in cui non ha un’importanza relativa la condivisione), sarebbe tanto meglio spegnere il pc (o lo smartphone) e andarsi a fare una bella camminata veloce per un’oretta al giorno. Meglio ancora sarebbe la palestra ma, almeno per me, diventa una tortura se la si considera un obbligo e non un piacere. Una bella passeggiata, invece, fa bene alla salute in generale, non solo alla dieta. Ancora meglio se si possiede un cane … sarà lui, in questo caso, a decidere il passo e di solito gli amici quadrupedi vanno belli spediti, anche se fanno le soste di tanto in tanto.

9 pensieri riguardo “CINGUETTII DIETETICI

  1. Beh, quella sul mio blog fu una bella avventura, e persi 12 kg! Ne avrei persi di più, se non ci fosse stata poi una defezione dietro l’altra (per un commentatore è più facile sparire rispetto a chi ha promosso l’iniziativa 😉 ).

    Complimenti per la tua 44 scarsa: io, come dire, ho più fisico, nessuno lo può negare! 😆

    "Mi piace"

  2. La camminata da sola non fa perdere ne etti ne chili, se non abbinata ad un regime alimentare, certo fa bene alla salute. Gennaio 2012 H0 seguito una dieta al pc…ogni giorno scambiando consigli, rigorosamente scritto un diario, tutto quel che mangiavo è non. Si, anche palestra, da 30 anni vado regolarmente in palestra senza perdere peso, ma sono in forma,.forma sovrapeso. Comunque, da Gennaio fino maggio ho perso 9 chili! senza fatica. Aiuta tantissimo scambiare, o twittare, sempre se fatto con serietà, e intenzione di perdere peso, non dico dimagrire perchè sono ancora in FORMA come quello di PARMA.!!!! calata di 2 taglie.eh mica roba da ridere! da un 50 ad un 46. Passeggiata con un cane no, ho 2 gatti,però giro sempre in bicicletta.

    "Mi piace"

  3. Si si, confermo. Dimagrire in compagnia si può ed è pure bello. Ognuno porta la sua esperienza e le sue piccole o grandi scoperte mettendole a disposizione degli altri. Il peso che io dovevo perdere era poco,ma erano chili messi su con le schifezze, con gli attacchi d’ansia che venivano placati coi dolci. Capito il meccanismo, ho potuto interrompere il circuito. Da sola sarei riuscita a perdere peso ma non a focalizzare il vero problema 🙂

    "Mi piace"

  4. @ Diemme

    Rispondere ora a questo a questo commento mi fa, per rimanere in tema dell’ultimo post rebloggato ( 😉 ), sentire in colpa. Vengo da un wc culinario: sabato matrimonio di un nipote, domenica compleanno di papà. Nonostante mi sia trattenuta, ho mangiato decisamente troppo. L’importante è rimettersi subito in carreggiata, non mollare e, da soli o in compagnia, arrivare alla meta.
    Dal canto mio, la mia 44 larga (oggi non più tanto 😦 ) mi ha messo di buon umore e mi ha dato modo di pensare meno alle cose che non vanno nella mia vita. Sabato al matrimonio avevo un abito attillato, maculato, che mi stava di un bene che persino mio figlio primogenito, che di solito non fa caso a ciò che indosso, mi ha detto : “Mamma, questo vestito ti fa perfino magra!”. (da notare il corsivo, please!)
    Questi figli! Se non li avessimo non sapremmo proprio inventarli … sono al di là di qualsiasi immaginazione. 😦

    @ 3theperfectnumber

    Be’, insomma, una 46 non è male. Io ho notato, comunque, che al di là del peso, sulle taglie non c’è da fare molto affidamento. Dipende molto dalle aziende: io recentemente ho acquistato un piumino corto (un giubbotto) e ho dovuto prendere la XL, pur avendo in casa un altro piumino XL che non posso mettere perché mi sta decisamente largo.
    Complimenti per la palestra: a me l’hanno consigliata anche per il colesterolo alto ma io, onestamente, ogni volta che entro in una palestra anche solo per chiedere informazioni, ho l’istinto della fuga. Non ce la faccio proprio. Eppure so che fa bene. Mi riprometto di fare ginnastica a casa, visto che ho tutti gli attrezzi che servono, ma trovo sempre qualche scusa: a parte il tempo che non ho, d’inverno fa troppo freddo, d’estate fa troppo caldo, in autunno inizia la scuola e non ho tempo, in primavera siamo alla fine delle lezioni e sono troppo indaffarata … insomma, proprio non ce la faccio.

    @ Luisa

    Sono convinta che la dieta in compagnia dia risultati migliori. Io, purtroppo, mi sono aggregata al gruppo di Diemme quando ormai la maggior parte dei “papponi anonimi” se n’era andata. Ma ho sempre seguito i vostri commenti e mi è piaciuto molto questo scambio.
    Però, ritornando all’occhiello dell’articolo in questione, leggendo che ogni tot tweet si cala di peso, mi ero davvero illusa che bastasse connettersi. 😦

    "Mi piace"

  5. Marisa, permettimi di farti una domanda. Ma non è che sbagli qualcosa? ti connetti come si deve? guarda che il modo giusto è prima e dopo i pasti principali. Se non fai così non funziona. Guarda, solo per te mangio un pacco di biscotti, uno di cioccolatini, e del torrone e poi mi connetto. Sono sicurissima che non metterò su un grammo 😯

    "Mi piace"

  6. 20 anni fa ero venti chili in più di oggi, mangiavo molto e stavo male. Un iridologo mi ha cambiato la vita, cambiando la mia alimentazione. Questa è stata la molla, la salute, adesso anch’io ho una 44 larga (avevo una 48 stretta, all’epoca). Da qualche mese sono diventata vegana e mi sono spariti dolori e altre scocciature. Mi sento meglio oggi che a 14 anni (ho iniziato in prima o seconda superiore con un’ artrosi all’anca, incoraggiante vero?) Ecco, per me quello che non aveva mai fatto il senso dell’estetica ha fatto il dolore e la sensazione di non essere sana come le altre persone. Complice anche la diagnosi (non fausta) di morbo di behcet. Ora sono grata alle mie rogne, secondo me l’alimentazione a base di cibi animali ci sta portando, ognuno con la sua predisposizione, ad ammalarci e a vivere male.Poco importa la durata della vita, se la qualità non è buona.
    Per dimagrire questa deve essere la motivazione: la salute. L’estetica è importante, soprattutto se si è giovani, ma la salute è il valore più importante che ci sia.

    "Mi piace"

  7. @ maryonn

    Io ho modificato la mia dieta per l’ipercolesterolemia anche se, in effetti, nemmeno prima mangiavo molta carne, specie se rossa. Io non rinnego l’alimentazione di prima (in fondo ho praticamente eliminato solo i dolci … e mi è costato parecchio, specie in termini di buon umore!) però concordo con te nell’affermare che ora sto molto meglio, non mi sento quasi maiappesantita né ho particolari difficoltà di digestione. E’ anche vero, però, che non ho delle patologie particolari, è bello comunque sentirsi meglio, in tutti i sensi.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...