NUOVI NATI A PADOVA: SUL BRACCIALETTO AL SECONDO GENITORE LA SCRITTA “PARTNER” AL POSTO DI PAPA’

cullaDa anni nella clinica ostetrica dell’ospedale di Padova viene assegnato un braccialetto identificativo a mammma e neonato. E fin qui nulla di strano. La cosa bizzarra è che, su richiesta, la clinica fornisce anche un braccialetto per il papà.

Due mesi fa, di fronte ad una coppia omosessuale, la compagna della puerpera, che come “padre” ha indicato nome e cognome dell’amica, ha rifiutato il braccialetto con la scritta “papà”. La direzione dell’ospedale, allora, ha pensato ad una soluzione che, in teoria, non dovrebbe scontentare nessuno: la scritta “papà” sul braccialetto è stata sostituita con quella di “partner”.

«Ormai non si può più ragionare in modo tradizionale – ha spiegato il primario Giovanni Battista Nardelli -, abbiamo preso questa decisione per non offendere la sensibilità di nessuno».

Ma io chiedo: vi pare che con tutti i problemi che ci sono, uno (anzi, una) si impunti per la scritta su un braccialetto?
Oltre tutto, visto che l’assegnazione al “papà” non è obbligatoria e non ha nemmeno senso (in fondo il braccialetto viene assegnato alla puerpera per evitare “scambi” di neonati in culla), non mi pare proprio il caso che i veri papà si trovino sul braccialetto la scritta neutra e per di più straniera (anche se comunemente utilizzata al posto di “compagno/a”) di “partner”. Mi pare, inoltre, incoerente con l’obiettivo prefissato di non offendere la sensibilità di nessuno. E quella dei padri veri? Mi sembra non sia tenuta in grande considerazione.

[fonte: Corrieredelveneto]

20 pensieri riguardo “NUOVI NATI A PADOVA: SUL BRACCIALETTO AL SECONDO GENITORE LA SCRITTA “PARTNER” AL POSTO DI PAPA’

  1. La penso esattamente come te. Io non ho nulla contro le coppie gay, ma che non rompano l’anima agli altri, il mondo li deve accettare e rispettare, ma non per questo adeguarsi a loro! Un po’ come quelli che sono spuntati a pretendere che venisse tolto il crocifisso dalle aule perché offendeva la loro “sensiblità” religiosa: ma non potrebbero credere – o non credere – in tutto ciò che vogliono senza stravolgere le abitudini del prossimo?

    "Mi piace"

  2. Questa storia di non offendere la sensibilità di qualcuno sta diventando una scusa per qualsiasi stupidaggine!
    Rispetto le coppie gay,ma potrebbero anche evitare di impuntarsi solo per puro dispetto,perchè come tu hai ben detto il braccialetto al papà oltre a non essere obbligatorio non ha alcun senso:
    Per cui mi disturberebbe ulteriormente che se mio figlio avesse un figlio gli dessero un braccialetto con la scritta partner invece di quella ,come sarebbe giusto “PAPA’ !!
    Allora la sensibilità dei veri papà si può offendere impunemente ?
    Un abbraccio

    "Mi piace"

  3. Infatti il problema secondo me è proprio questo, per via d’un buonismo d’accatto per cui non si può offendere il “diverso”, si è autorizzati a buttare pale di letame sull’ “uguale”: per dimostrarci tanto aperti e democratici abbiamo reso una colpa l’essere normali!

    "Mi piace"

  4. @ Diemme

    Sì, siamo alle solite. naturalmente chi, come il nostro ex amico Darling ( 😉 ), legge e non approva, penserà che siamo discriminanti, che ragioniamo così perché non equipariamo le coppie omosex a quelle etero. Tu hai capito perfettamente quello che invece voglio dire.

    Quanto al secondo commento, io concordo ma attenzione: “normale” è un aggettivo discriminante. 😯

    @ liù

    Anch’io le rispetto (ho avuto modo di parlarne ma, naturalmente, sono stata accusata di essere omofoba) e condivido le tue osservazioni. In certi casi, sarebbe tanto meglio tacere (mi riferisco alla partner che ha rifiutato il braccialetto con la scritta “papà”). Non si rendono conto che nel momento in cui invocano rispetto (specie se in contesti come questo, dove il rispetto c’entra come i cavoli a merenda) si autodiscriminano.

    Un abbraccio anche a te.

    "Mi piace"

  5. @Marisa: sì, ci pensavo mentre lo scrivevo, ma poi ho riflettuto sul fatto che “normale” significa “nella norma” e non “giusto”, in opposizione a “sbagliato”: la discriminazione semmai sarà in chi, leggendo, solleverà questa obiezione (e poi lo sai come la penso, cercare i termini “politically correct” secondo me è la vera discriminazione).

    "Mi piace"

  6. Perché offendere oggi una coppia eterosessuale (che sono ancora maggioritari) non è cosi grave come offendere una coppia gay. Che sono infinitesimamente minoritari (per fortuna 🙄 )
    Io uno, non accetterei affatto che sia nominato “partner” sul braccialetto di mio figlio. E nemmeno “compagno” o chissà che altra denominazione. Non si tratta del inglese o italiano. Ma per il fatto che partner (o compagno), non è necessariamente anche “papa”. E se una coppia è gay…. se hanno scelto di vivere insieme…. si devono loro adeguarsi alle regole di un mondo principalmente di “mamma e papa”. E non di “partners”. E non questo mondo, alle loro regole (non ancora definite).
    Se un bambino ha bisogno – per essere procreato – di una mamma, allora e indispensabile avere anche un “papa”. Che lo vogliano ammettere o no. Altrimenti, quando andranno a visitare i loro genitori, essi incontrano i “partners” che li ha creati. E non i loro “mamma e papà”.
    Mi dispiace. Non simpatizzo tanto per le coppie gay. Ma non sono nemmeno contrario. Che vivano (ma soprattutto) che lasciano vivere. E se loro non vogliano essere “offesi”…. allora che non offendano nemmeno quelli come me.
    I PAPA.

    "Mi piace"

  7. @ Valentino

    «Se un bambino ha bisogno – per essere procreato – di una mamma, allora e indispensabile avere anche un “papa”. Che lo vogliano ammettere o no. »

    Questo è il punto: non l’ammetteranno mai.

    "Mi piace"

  8. Sono d’accordo con voi: le minoranze vanno rispettate ma non possono condizionare la maggioranza. Tuttavia, per amore di pace, penso si potrebbe adottare per entrambi i braccialetti di padre e madre il termine “genitore”(singolare di genitori), considerando che si può pure essere genitori naturali,adottivi o putativi. E si eviterebbe anche un termine straniero.

    "Mi piace"

  9. @ lilipi

    Sarebbe un’idea anche se continuo a pensare che il braccialetto per il padre non ha senso.

    @ Valentino

    Ma sai che pensavo anch’io alla coincidenza? Insomma, a Padova sono proprio strani! 😉

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...