12 dicembre 2012

LISTE DI PROSCRIZIONE DELL’ETÀ MODERNA

Posted in affari miei, scuola tagged , , , , , , , a 6:13 pm di marisamoles

PunizioneNormalmente cerco di non parlare del mio lavoro, o meglio, di ciò che accade nella scuola dove insegno. Ma questa cosa mi ha davvero spinto a riflettere sui modi in cui a volte si comunicano delle cose … in barba alla privacy.

Dunque, il fatto è questo. Oggi, entrando in sala insegnanti, vedo un foglio appeso sulla porta (dalla parte interna, ma siccome la porta della sala sta quasi sempre aperta, visibile a chiunque passi nel corridoio).
Da lontano la comunicazione ha tutto l’aspetto di un elenco. Mentre mi avvicino, sorrido perché penso alle liste di proscrizione, quelle che nell’antica Roma servivano per eliminare i nemici pubblici, gente che chiunque poteva liberamente uccidere, anzi, faceva pure un favore allo Stato.

Arrivo davanti alla porta e leggo un avviso che pressapoco faceva così: “Non hanno ancora consegnato il programma preventivo”, seguito da una lista, pardon, elenco di nomi.
Dunque, chi non è del mestiere sappia che i programmi preventivi si depositano in segreteria entro i termini stabiliti dal Collegio dei Docenti. Mi par di ricordare che detto termine fosse metà novembre. Ne consegue che alcuni docenti (ad occhio e croce una dozzina), a un mese dalla scadenza, non hanno ancora ottemperato a tale obbligo.

Un obbligo, detto fra noi, che fa parte di quella burocrazia “mangiacarte” che serve poco a noi docenti e pochissimo ad allievi e genitori. Specie per chi ha alle spalle anni di esperienza, è inutile in quanto i programmi si conoscono e stabilire dei tempi entro i quali svolgere le diverse parti è un’attività aleatoria, visto che difficilmente si riesce a fare davvero tutto ciò che si scrive sui programmi entro i termini previsti. Tante e tali sono le variabili che fra lo scrivere e il fare c’è di mezzo … una marea di imprevisti. Ma non è di questo che vorrei parlare.

Voglio parlare, invece, dell’indelicata mossa (fatta presumibilmente dalla segreteria) di pubblicare questa specie di lista di proscrizione dell’età moderna. Immagino che prima di arrivare a tanto la segreteria abbia quantomeno cercato di ricordare agli smemorati che dovevano consegnare i programmi preventivi. L’avrà fatto, immagino, contattandoli separatamente. E posso supporre che ogni tentativo sia stato inutile. Forse ci voleva una bella confezione di Acutil Fosforo … se è ancora in commercio.

Ma io mi chiedo: a quale scopo affiggere alla porta un avviso rivolto ad alcune persone, esponendole al pubblico se non ludibrio, commento? Io personalmente, appena compreso il senso di quello scritto, ho evitato di leggerlo. Non solo per delicatezza ma anche, e soprattutto, per rispetto nei confronti di quei colleghi che forse avranno poca memoria ma sapranno fare al meglio il proprio lavoro. Perché poi, alla fine, quel che conta è ciò che si fa realmente. Le carte si lasciano scrivere e il copia-incolla sui documenti Word agevola molto quest’obbligo burocratico.

Annunci

MARIO MONTI E IL NIPOTINO SOPRANNOMINATO “SPREAD”

Posted in bambini, politica, scuola, televisione tagged , , , , , , , , a 5:35 pm di marisamoles

montiIeri il Presidente del Consiglio prof. Mario Monti ci ha deliziato, si fa per dire, con un’intervista nello studio di Uno Mattina. Purtroppo, sempre si fa per dire, me la sono persa visto che al mattino sono a scuola, ma ho potuto vederne una parte trasmessa e ritrasmessa dal Tg1 a tutte le ore.

Non entro nel merito “tecnico” dell’intervista (lui è un tecnico, io no) ma vorrei soffermarmi a riflettere sulla parte in cui ha reso edotti i telespettatori su un fatto privato. Dice, nonno Monti, che il suo nipotino, sentendo parlare di “spread” in tv, ha esclamato, rivolto alla mamma: “Ma “spread” sono io!”. Vale a dire che il grazioso nipotino, per merito del famoso nonno, si è guadagnato, all’asilo, il soprannome di “spread”.

La cosa che più mi ha fatto orrore è che nonno Monti ha raccontato il familiare aneddoto ridendo. Si divertiva come un matto, pensate un po’. Cioè, lui ha un nipotino che frequenta l’asilo (vale a dire la scuola dell’infanzia), presumibilmente il bimbo ha un’età compresa tra i tre e i cinque anni, viene preso in giro con un soprannome che richiama la parola che più di ogni altra sta sulla bocca del nonno ad ogni ora del giorno e della notte … e in nonno che fa? Ride.

Ora, io non vorrei sembrare esagerata, ma questo fatto mi porta a pensare che:

1. il povero piccolo sia vittima di un vero e proprio bullismo infantile (cominciano da piccoli, a quanto pare)

2. in giro ci siano dei genitori veramente deficienti (visto che pare alquanto improbabile che i compagni d’asilo del piccolo Monti abbiano inventato il soprannome da soli perché neanche la fantasia più sfrenata li avrebbe portati a tanto).

Scusate ma a me ‘sta cosa non fa ridere neanche un po’.

Scelti per voi

Selezione di post che hanno attirato la mia attenzione scelti per voi dalla blogsfera

wwayne

Just another WordPress.com site

Diario di Madre

Con note a margine di Figlia

Scrutatrice di Universi

Happiness is real only when shared.

Like @ Rolling Stone

Immagini, parole e pietre lanciate da Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo-Psicoterapeuta. Battipaglia (SA)

Psicologo Clinico, Terapeuta EMDR di livello II, Psicoterapeuta Cognitivo Comportamentale, Terapia Metacognitiva Interpersonale.

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

oןısɐ,ןןɐ ɐɯ ɐןonɔs ɐ opɐʌ uou

pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di critica, di autocritica, di insulti, di ritrattazioni, di sciocchezze e sciocchezzai, di scuola e scuole, buone e cattive, di temi originali e copiati, di studenti curiosi e indifferenti, autodidatti e eterodidatti, di nonni geniali e zie ancora giovani (e vogliose), di bandiere al vento e mutande stese, di cani morti e gatti affamati (e assetati)

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

CORSI DI SCRITTURA CREATIVA, ATTUALITA' EDITORIALE, DIDATTICA E STRUMENTI PER LA SCRITTURA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Studio di Psicoterapia Dr.ssa Chiara Patruno

Psicologa - Psicoterapeuta - Criminologa - Dottore di Ricerca Università Sapienza

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il mondo di Ifigenia

Svegliati ogni mattina con un sogno da realizzare!

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Le Ricette di Cle

Ricette collaudate per ogni occasione

Messaggi in Bottiglia

Il diario di Cle

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: