LE ACROBAZIE LINGUISTICHE DELL’ONOREVOLE ISIDORI

Eraldo Isidori, elettrauto in pensione, è un deputato del nostro Parlamento dove siede dal 2010, dopo che un altro rappresentante del suo schieramento, la Lega, aveva dato forfait. Originario della provincia di Macerata, ha espresso in aula il suo parere sul principio della certezza della pena, per far sì che chi viene condannato sconti effettivamente il periodo di detenzione previsto dal codice per quel reato, utilizzando delle acrobazie linguistiche notevoli. Ecco il testo del discorso:

«Il carcere è un brentinsario … non è un villaggio di vacanza. Si deve scondare la sua pena perscritta che gli aspetta. Lo sapeva prima fare irreato! Io ritengo come Lega di non uscire prima della sua pena erogata. Grazie.»

Che dire? A me Isidori fa tenerezza. Ha fatto l’elettrauto per tutta la vita? Avrà senz’altro delle conoscenze che noi non abbiamo. Per il suo lavoro non era di certo necessario essere oratori. Ma nel momento in cui uno viene eletto al Parlamento (con uno stipendio – e futura pensione – di tutto rispetto), dovrebbe quantomeno esprimersi in un linguaggio comprensibile.

La lingua italiana dovrebbe essere uno strumento di coesione ma, si sa, quelli della Lega l’Italia non la vogliono unita. Le acrobazie linguistiche dell’on. Isidori potrebbero essere l’inizio del federalismo.

Annunci

20 thoughts on “LE ACROBAZIE LINGUISTICHE DELL’ONOREVOLE ISIDORI

  1. Grazie, Marisa, per questa segnalazione!
    Ha regalato una nota allegra e ridanciana a questo ultimo giorno di
    novembre che, almeno qui da noi al centro-sud, è grigio, freddo e triste.
    Se permetti lo inserirò in una discussione nel forum della Scuola che Funziona di cui anche tu ora sei membro.
    Titolo della discussione??? “Italiano, questo sconosciuto”

    A presto

    Mi piace

  2. @ M. Antonella

    Grazie a te. Mi fa piacere aver suscitato il sorriso in questa grigia giornata di novembre (qui fa freddissimo, mannaggia!).

    Un abbraccio.

    @Maria Rita

    Grazie, cara. Non resta che … ridere. 🙂

    Un abbraccio

    @ 3theperfectnumber

    I thought you’d be sympathetic with Mr. Isidori. 😉

    @ ombreflessuose

    Hai ragione. Che tristezza. 😦

    Un bacione.

    @ Diemme

    Effettivamente … 👿

    Mi piace

  3. Ciao, non so se ti è capitato di andare sul sito del MIUR e vedere la batteria di test per il concorso rivolto agli aspiranti docenti a tempo indeterminato. Si presuppone che gli aspiranti docenti siano tuttologi, ma soprattutto esperti di matematica, visto il considerevole numero di quesiti di questa area. Domanda: perché per andare a fare l’insegnante e prendere circa 1450 euro netti al mese bisogna essere geni e per fare i ministi della Repubblica italiana è sufficiente essere delle capre?

    Mi piace

  4. @ Trutzy

    No, non ho visto i test ma se ci sono molti quesiti di matematica, temo che non riuscirei mai a passare la prova pre-selettiva. Meno male che ai miei tempi si doveva dimostrare di essere esperti nelle proprie discipline e non tuttologi … che poi, a saper tutto, si finisce col non saper nulla bene.

    Quanto all’ultima domanda, me la pone spesso mio figlio. La mia risposta è … un’altra domanda: “Perché non ti dai tu alla politica?”

    Largo ai giovani, dunque. Non necessariamente laureati, visto che la proprietà del linguaggio non è prerogativa di chi ha studiato per molti anni ma di chi ha studiato con impegno. Io i test utilizzati per i concorsi a cattedra li farei fare agli aspiranti parlamentari. Chissà che ne esce? 🙄

    Ciao, cara. Buon week-end.

    Mi piace

  5. Ciao da adolescente ho provato a darmi alla politica ma la segretaria della sezione dove militavo ha fatto di tutto per cacciarmi perché facevo ombra alla figlia ed al fidanzato della figlia che ha ereditato la carica di segretario. Non voglio di certo ripetere questa esperienza!!!!!! Ciao e buon week-end anche a te!!!

    Mi piace

  6. La maestra del mio nipotino Sebastiano, 3a elementare, prima della fine dell’anno scolastico, mi chiese se potevo fare un paio di ore d’inglese con la classe, per l’anno 2012 /2013, i bambini gia mi conoscevano per una partecipazione in prima.
    La maestra, persona stupenda, bravissima, 22 anni di insegnamento., prepara il calendario, “AFTERNOON WITH GRANDMA!” Due ore al mese. Settembre una nuova dirigente, che chiamerò Maria Pia “ROTTEMMEIR” chiede il mio curriculum, 30 anni scuola professionale, MADRELINGUA INGLESE, la suddetta ROTTEMMEIR decide che non ho una B1…Perciò non valida…aggiungo che le lezione erano a cost ZERO…Ho saputo che la dirigente è laureata in lingue…viene dalla scuola superiore. Non voglio aggiungere altro …..lascio a te un commento. La B1, come saprai e LOWER INTERMEDIATE.

    Mi piace

  7. @ LaGattaGennara

    Meglio ridere, dai! 🙂

    @ Trutzy

    Ecco, vedi. In politica non ci sarà mai spazio per i giovani … almeno quelli senza raccomandazioni di ferro. 😦

    @ Diemme

    Ah, di certo c’è chi ha più visibilità degli altri ma di trote ce ne sono, eccome!

    @ frz

    Io ho una mia teoria: quando faceva l’elettrauto aveva un tariffario particolarmente conveniente. 😉

    @ 3theperfectnumber

    Figurati, io ho la B2 (9° livello). Certo che la burocrazia uccide la cultura, a costo 0 per giunta. 😦

    Mi piace

  8. Il bello è che, mentre un parlamentare si esprime così,si vuol sottoporre ad una prova di conoscenza della lingua italiana gli immigrati che richiedano la cittadinanza

    Mi piace

  9. Su certi personaggi qualsiasi parola sarebbe uno sparo sulla Croce Rossa… Peccato però che guadagnino i nostri soldi dicendo cose di cui non resta che vergognarsi. Perché, sia quel che sia, sono i nostri rappresentanti.
    A presto, Es.

    Mi piace

  10. Ma scherziamo? Uno spettacolo vergognoso! Neanche capace di leggere un appunto che probabilmente gli hanno preconfezionato… Questo è ciò che ha portato il nostro paese nel baratro….. Questo è il risultato della nostra legge elettorale che nessuno ovviamente vuole cambiare. Quanto ancora siamo disposti ad accettare tutto ciò? Non è un problema di politica. Non è questione di destra o sinistra. C’è solo da capire quanto ancora vogliamo sopportare l’occupazione del nostro parlamento. Quando vogliamo tornare ad essere un paese democratico. Scusa se mi sono lasciata andare, di solito non discuto mai di politica sul web, ma queste immagini fanno salire il sangue agli occhi.

    Mi piace

  11. @ elinepal

    Figurati, il tuo sfogo è più che giustificato e condivisibile. Anch’io evito di discutere di politica ma credo che al punto in cui siamo, anche i buoni propositi vadano, come si suol dire, a farsi friggere! 🙂

    E che mi dici di questi qua?

    Grazie anche a te di essere passata a trovarmi. E buona domenica.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...