22 agosto 2012

PER AMORE DI UNA EX

Posted in amore, donne, figli, Uomini e donne tagged , , , , , , a 11:33 am di marisamoles

Non è la prima volta che accade né sarà l’ultima. Comperare un’intera pagina del quotidiano locale per gridare il proprio amore o, come in questo caso, cercare di riconquistare la ex, è un gesto plateale che, seppur compiuto con le migliori intenzioni, rimane un clamoroso esempio di quanto difficili siano le relazioni oggigiorno, di quanto gravi sui rapporti la difficoltà di comunicazione.

Sia ben inteso: non giudico nulla e nessuno. Il fatto che conosca personalmente i due protagonisti non significa che sappia tutti i risvolti della loro storia e, soprattutto, i motivi della rottura. Questa notizia, non recentissima ma giunta alle mie orecchie solo qualche giorno fa, mi fa riflettere e, com’è mio costume, lo faccio ad alta voce.

Dunque, lui è Mauro, ha quarant’anni, una relazione con Sara, sedici anni più giovane, che dura da parecchi anni (agli inizi la ragazza era minorenne). I due quasi tre anni fa hanno avuto una bambina che, in questa spiacevole situazione, è come sempre la vittima innocente. Ma, come dichiara Mauro al giornalista del quotidiano Il Piccolo, in questa vicenda non ci deve entrare. Se ha comprato un’intera pagina del quotidiano per cercare di convincere la sua amata Sara a fare un passo indietro, pur consapevole che c’è una possibilità su un milione che le cose vadano per il verso giusto, non l’ha fatto perché vuole riavvicinarsi alla figlia, visto che nessuno gli impedisce di vederla.

Dicevo, non mi sono noti i risvolti ma dal testo che Mauro ha fatto pubblicare il problema è lui: le pubbliche scuse ed una promessa: «Non posso cambiare il passato, ma posso dare il meglio di me stesso per darti il presente e soprattutto il futuro che meriti».

Dopo più di un mese, come pare, la situazione non è cambiata. Certo, come poteva pensare lui di riconquistare lei acquistando una pagina di giornale? Insomma, la vita è qualcosa di diverso rispetto ad un romanzetto di Federico Moccia. I tre metri sopra il cielo sono un luogo dove si può anche stare per i primi tempi, poi bisogna mettere i piedi per terra e guardare in faccia la realtà.

In questa vicenda ci sono più cose su cui riflettere:
la differenza d’età. Perché mai una ragazzina di sedici-diciassette anni va alla ricerca di un uomo più grande? Forse quello che vuole è un surrogato del padre? Oppure si sente troppo matura per i suoi coetanei? O forse cerca un uomo adulto con la speranza di andarsene da casa presto, progetto assai difficile da concretizzare con un ragazzo della sua età?
la decisione di mettere al mondo un figlio in età (quella della donna, intendo) piuttosto giovane. Avere un figlio a vent’anni o poco più al giorno d’oggi non capita di frequente. Anzi, meglio non usare il verbo “capitare” perché, almeno in questo caso, la bambina è stata voluta. Forse solo il desiderio di maternità ha spinto la giovane Sara a portare avanti la relazione?
la decisione di andarsene. Indubbiamente, con il tempo i nodi vengono al pettine. Anche l’idillio più magnifico a lungo andare diventa routine. La nascita della bimba, poi, forse ha portato a dei problemi di assunzione di ruoli e responsabilità cui i due non erano pronti. Lui ha quarant’anni, è vero. ma non è detto che si sia pronti a fare il padre solo perché l’età anagrafica è quella in cui normalmente si è padri, in certi casi anche da molto tempo. E i vent’anni di lei? Troppo pochi? Sarebbe stato diverso se avessero atteso un po’ di più per diventare genitori? Forse Sara si è resa conto che la gioventù è un periodo bellissimo che non torna più e magari la sua le sta sembrando un po’ “sprecata”?
la difficoltà di tornare indietro. Lei non ci pensa proprio. D’altra parte, com’è possibile che si possa sperare di ottenere qualcosa attraverso un gesto così plateale, quando i problemi sono rimasti irrisolti parlandosi a quattr’occhi?
E il prossimo passo di Mauro quale sarà? Forse quello di rivolgersi a Maria De Filippi e trascinare Sara a C’è posta per te?

Advertisements

6 commenti »

  1. Diemme said,

    L’hai detto, “com’è possibile che si possa sperare di ottenere qualcosa attraverso un gesto così plateale, quando i problemi sono rimasti irrisolti parlandosi a quattr’occhi?”.

    Con me gli uomini di gesti plateali ne hanno fatti tanti, concreti pochi, per non dire nessuno.

    Comunque una volta fui io a pensare di fare un gesto plateale, di tappezzare il tragitto tra casa sua e il lavoro con manifesti con su scritto quanto l’amavo. Poi pensai che sarebbe stato più saggio investire quei soldi in abiti, parrucchiere ed estetista e trovarmene un altro ( 😆 ).

    “Lui” è quello a cui scrivo qua, tanto per chiarire quanto male m’ha fatto.

    Mi piace

  2. Monique said,

    La solita surreale mania di spettacolarizzare tutto, per poi sgretolarsi all’impatto con il quotidiano…
    Certo, Moccia e la De Filippi hanno fatto tanto per alimentare questo assurdo circo, fosse per me li farei frustare fino alla consumazione delle carni!

    Mi piace

  3. frz40 said,

    Tutto comprensibile nella sostanza: una storia come tante. Quel che è agli antipodi del mio modo di pensare è la forma. Ma possibile che l’orgoglio della riservatezza non esista più?

    Mi piace

  4. Hai dato possibili risposte razionali a un comportamento che razionale non lo è stato.
    P.S.: una volta c’era “Stranamore”… 😐

    Mi piace

  5. lilipi said,

    Ogni coppia è un UNICUM ed ha dinamiche che è difficile decifrare dal di fuori.Personalmente non mi sono mai piaciuti i gesti plateali,ma la ragazza in questione ha 24 anni e forse è un’ammiratrice di Moccia e compagni, e magari rimprovera al suo “Lui” di non esprimerle abbastanza il proprio amore…Insomma sto cercando di capire questo gesto plateale e mi auguro che abbia successo,se questo è bene per entrambi e per la piccola. .

    Mi piace

  6. marisamoles said,

    @ Diemme

    Onestamente non ho mai cercato di riconquistare un mio ex perché sono sempre stata convinta che, come si dice, la minestra riscaldata non sia più buona (a questo punto Cle potrebbe obiettare …). Non che non abbia sofferto …

    Ma hai idea di quanto costi una pagina intera di un quotidiano? Più o meno tre stipendi mensili medi. A quel punto, ci sta pure una settimana in una beauty farm a 5 stelle. 🙂

    @ Monique

    Ma che cattiva! Sei proprio insensibile … 😉

    @ frz

    Eh, non consideri l’esempio che ci danno quotidianamente i vip, nostrani o importati che siano!

    @ aquilanonvedente

    Innanzitutto, benvenuto. 🙂

    Già, Stranamore. E chi se lo ricordava più! Credo di non averne mai vista una puntata.
    Triste affidare i propri sentimenti e le proprie speranze ad una telecamera. 😦

    @ lilipi

    Io non so se con il tempo le cose potranno cambiare. Lo spero. Ma, conoscendo Sara, non ho pensato nemmeno per un secondo che possa essere colpita da un gesto così. Ma al cuor non si comanda …

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like@Rolling Stone

Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: