12 agosto 2012

NINNA NANNA, NINNA OH, QUESTA BIMBA A CHI LA DO …

Posted in bambini, cronaca, donne tagged , , , , , a 11:02 am di marisamoles

Incredibile: una giovane donna partorisce e tre giovani uomini, ben tre dico, si presentano in ospedale rivendicando la paternità e si azzuffano. I sanitari hanno dovuto chiamare i Carabinieri.

Il singolare episodio, degno di una trama da film, è accaduto all’ospedale Civico di Palermo. I tre sono stati zittiti solo quando la puerpera ha indicato il vero padre. Gli altri due “pretendenti”, dopo una fugace occhiata, hanno girato i tacchi.
Che dite, chiederanno il test del DNA? Per me sì.

[fonte: Il Corriere; immagine da questo sito]

Annunci

16 commenti »

  1. Diemme said,

    Un tempo era il contrario, tutti si tiravano indietro dicendo “I non c’entro niente!”: questa di Palermo è un’eccezione o sono cambiati i tempi?

    Mi piace

  2. marisamoles said,

    Forse a Palermo ne fanno una questione d’onore. 😉

    Mi piace

  3. Raffaele said,

    Hanno girato i tacchi ma poi sono andati a festeggiare. Invece il padre del bambino ” cornuto e mazziato”, avrà tempo per meditare sulla sua fidanzata…. 🙂
    Ciao

    Mi piace

  4. lilipi said,

    Una mia zia usava dire,come insulto scherzoso:”Figlio di questo e quello”.Parlando seriamente:ci si deve fidare della “memoria” della madre o in questi casi è giusto fare il test del DNA? O è diritto della madre decidere quale padre sia preferibile per la propria figlia?

    Mi piace

  5. marisamoles said,

    @ Raffaele

    Come minimo pretenderà il test del DNA e poi non so come andrà a finire.
    Certo, siamo lontani dall’epoca in cui un parente di mia madre, siciliano, rimasto vedovo trovò facilmente una quarantenne illibata … altri tempi, anche la Sicilia non è più quella di una volta. 🙂

    Ciao.

    @ lilipi

    Secondo me, una madre ha diritto di decidere ma poteva anche pensarci prima. Insomma, addirittura tre potenziali padri, non mi pare una persona tanto responsabile.

    Mi piace

  6. Luisa G. said,

    La signora deve aver visto “Buonasera signora Campbell” e ha voluto provare personalmente il brivido di tre padri per suo figlio. Concordo col commento di Raffaele. chiunque sia il vero padre, si goda il bambino e rifletta bene sulla serietà della signora.
    Io sapevo di una che aveva il dubbio su 4 padri per la sua bimba e aveva attribuito la paternità ad uno “ad occhio”. Nessuno dei 4 voleva saperne di lei e della bambina. Povera piccola.

    Mi piace

  7. Diemme said,

    Meno male che ora c’è il test del DNA, così uno può tenersi il figlio e mandare al diavoo la madre, sperando che il padre sia più affidabile di lei.

    Mi piace

  8. Valentino said,

    Eh, eh, eh.
    Cercate a immaginare il stupore dei genitori della madre. Di tutti quei parenti stretti della giovane madre Che stanno aspettando a vedere la loro bimba. La gioia.
    Ed entra un giovane. Chi è? Il padre. Ach… ok.
    Scambi di sorrisi. Stringere di mano. Baci. Etc, etc.
    Non passa un minuto, ed entra ancora un giovane. Lei sarebbe?
    – IL PADRE.
    – Ma come il padre? Che minc.. di padre? C’è n’è abbiamo già il padre qua. Guarda che te ne sei sbagliato forse. Ach no?
    Il nuovo nonno che guarda stupito la nuova nonna.
    – Tu ne sapevi qualcosa? Oh Dio, il mio onore….Io ti ammazzo. Tu e quella scimunita di tua figlia. Pottan…..
    La gente che s’intromette tra i due genitori. Altrimenti, il pugno alzato del nonno non prometteva molto. Si fa riferimento alla calma e allo chiarimento della situazione. Infine, piano piano…. sembra che le cose tendono a calmarsi.
    – Buongiorno.
    Al instante tutti si fermano. Si girano verso la persona che ha appena salutato.
    – Tu chi minc… sei?
    – Oi, bada come parli. Mica vuoi avere cattivi rapporti con il futuro genere ed il papa del tuo nipote, eh?
    …………………………………………………………………………………..
    Il megafono del ospedale si sente con una voce femminile e metallica.
    “Si richiede subito l’intervento di un infermiere alla sala di attesa del reparto travaglio. Ci sono due persone che sono svenute per un malore. Grazie”

    P.S. Chiedo scusa per le parolacce. Volevo soltanto dare una nota di originalità ai personaggi palermitani.

    Mi piace

  9. Diemme said,

    Valentino, sei troppo forte!

    Mi piace

  10. marisamoles said,

    @ Luisa

    Non credo di aver mai visto il film “Buonasera signora Campbell” ma ho letto la trama ed effettivamente questa vicenda è molto simile.
    Ecco, certe volte i figli sono le vittime innocenti di questi “casini”.

    @Valentino

    Complimenti per la fantasia! Davvero divertente. 🙂

    Mi piace

  11. marisamoles said,

    @ Diemme

    Non so quanto possa essere affidabile un padre così tonto da non sospettare che la dolce compagna se la faceva con altri due (se basta!). 😦

    Mi piace

  12. Trutzy said,

    Ciao, siamo in presenza di 3 bravi ragazzi che non vogliono sottrarsi alle loro responsabilità, io guardo sempre il bicchiere mezzo pieno!!! 😀

    Mi piace

  13. Diemme said,

    Non mettere limiti alla capacità di certe donne d’ingannare e dissimulare! E, ovviamente, viceversa 🙄

    Mi piace

  14. marisamoles said,

    @ Trutzy

    Non avevo dubbi, da una che sprizza ottimismo da tutti i pori. 😉

    Beata te!

    @ Diemme

    Sì, ma secondo me i più tonti rimangono sempre gli uomini. 🙂

    Mi piace

  15. Valentino said,

    Già. Se come i uomini sarebbero più affidabili. O forse pensavi che la giovane madre sarebbe stata l’unica donna dei tre?

    Mi piace

  16. marisamoles said,

    @ Valentino

    Sarò all’antica ma preferisco le coppie stabili dove il sospetto di tradimento si può solo insinuare ma dura quanto un battito d’ali. Io, comunque, preferirei non sapere e … non far sapere. 🙂

    Mi piace


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Like @ Rolling Stone

parole, pensieri e pietre di Mauro Presini

Dottor Lupo Psicologo, Battipaglia Salerno

Consulenza Sostegno Diagnosi

Scaffali da leggere

Consigli di letture, recensioni e frasi tratte dai libri.

Willyco

in alto, senza parere

Macaronea

Considerazioni sparse di una prof (precaria) di lettere.

Diemme - La strada è lunga, ma la sto percorrendo

Non è vero che sono invincibile, mi rompo in mille pezzi anche io...è solo che ho imparato a non fare rumore. *** Amami quando meno lo merito, che è quando ne ho più bisogno (Catullo) - Non sprecate tempo a cercare gli ostacoli: potrebbero non essercene. Franz Kafka —- Non è ciò che tu sei che ti frena, ma ciò che tu pensi di non essere. Denis Waitley -- Non c'è schiaffo più violento di una carezza negata

viaggioperviandantipazienti

My life in books. The books of my life

Nonseinegato

Scuola, matematica... e altro

Non vado a scuola ma all'asilo

Pagina a traffico illimitato, con facoltà di polemica, di insulti...

Marirò

"L'esistenza è uno spazio che ci hanno regalato e che dobbiamo riempire di senso, sempre e comunque"

PindaricaMente

C'è una misura in ogni cosa, tutto sta nel capirlo (Pindaro)

Il mestiere di scrivere

LA SCUOLA DI SCRITTURA CREATIVA ONLINE - LABORATORI DIDATTICI E SEMINARI IN TUTTA ITALIA

dodicirighe

...di più equivale a straparlare.

marialetiziablog

salviamolascuolaprimadisubito.com site

Chiara Patruno - Psicologa

Psicologa Dinamica e Clinica presso l’ Universita’ La Sapienza di Roma, Facolta’ Medicina e Psicologia

Le Parole Segrete dei Libri

Una stanza senza libri è come un corpo senz'anima.

onesiphoros

[...] ἀλλ᾽ ὥσπερ ἄνθρωπος, φαμέν, ἐλεύθερος ὁ αὑτοῦ ἕνεκα καὶ μὴ ἄλλου ὤν, οὕτω καὶ αὐτὴν ὡς μόνην οὖσαν ἐλευθέραν τῶν ἐπιστημῶν: μόνη γὰρ αὕτη αὑτῆς ἕνεκέν ἐστιν. Aristot. Met. 1.982b, 25

Il ragazzo del '46

Settanta: mancano solo 984 anni al 3000.

Insegnanti 2.0

Insegnare nell'era digitale

i media-mondo: la mutazione nella connessione

Prove di pensiero di GIOVANNI BOCCIA ARTIERI

Psicologia per Famiglia

Miglioriamo le relazioni in famiglia, nella coppia, con i figli.

Studia Humanitatis - παιδεία

«Oὕτως ἀταλαίπωρος τοῖς πολλοῖς ἡ ζήτησις τῆς ἀληθείας, καὶ ἐπὶ τὰ ἑτοῖμα μᾶλλον τρέπονται.» «Così poco faticosa è per i più la ricerca della verità, e a tal punto i più si volgono di preferenza verso ciò che è più a portata di mano». (Tucidide, Storie, I 20, 3)

unpodichimica

Non tutto ciò che luccica è oro, ma almeno contiene elettroni liberi G.D. Bernal

scuolafinita

Un insegnante decente (CON IL DOTTOR DI MATTEO)

occhioallapenna

Buongiorno e leggerezza!

penna bianca

appunti di viaggio & scritti di fortuna

Pollicino Era un Grande

Psicologia e dintorni a cura della Dr.ssa Marzia Cikada (Torino e Torre Pellice)

la fine soltanto

un blog e un libro di emiliano dominici (per ingrandire la pagina premi ctrl +)

ACCENDI LA VITA

Pensieri, parole and every day life

CRITICA IMPURA

LETTERATURA, FILOSOFIA, ARTE E CRITICA GLOBALE

Laurin42

puoi tutto quello che vuoi ( whatever you want you can)

LE LUNE DI SIBILLA

"Due strade trovai nel bosco, io scelsi la meno battuta, per questo sono diverso"(R.Frost)

Il Blog di Raffaele Cozzolino

Pensieri, riflessioni, tecnologia, informatica

Ombreflessuose

L'innocenza non ha ombre

Into The Wild

Happiness is real only when shared

roceresale

faccio buchi nel ghiaccio

Alius et Idem

No sabía qué ponerme y me puse feliz.

A dieta...

...ma con una forte passione per il cibo e le rotondità!

Quarchedundepegi's Blog

Just another WordPress.com weblog

Ma che Bontà

Le ricette di Cle

Ecce Clelia

Storie e pensieri di una mente non proprio sana, messi in una bottiglia e lasciati andare verso ignoti ed ignari lettori, naufragati su questo sito.

OHMYBLOG | PAOLOSTELLA

just an other actor's blog

espress451

"In ogni cosa c'è un'incrinatura. Lì entra la luce" - Leonard Cohen

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: